Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

La 12^ edizione della Lake Garda Marathon è stata letteralmente rovinata dal maltempo: dopo il posticipo di una settimana per via delle elezioni provinciali di Trento, imposto dal Commissariato del Governo onde “garantire l'esercizio del voto (costituzionalmente sancito e di livello superiore ad ogni altro diritto” (che già aveva portato la Lake Garda a collidere nientemeno che con Venezia oltre ad altre maratone minori nel Nord Italia), le piogge e la  conseguente esondazione del Sarca che ha invaso il tratto di ciclabile tra Torbole e Arco, una porzione del percorso che i runner avrebbero dovuto percorrere, hanno  portato all’annullamento della Torbole Night Run del sabato sera e, su ordine della Protezione Civile, della Maratona ‘integrale’ di domenica mattina.
Si sono disputate soltanto la Garda Run di 30 km, di fatto ridotta a 27 km, e il Memorial Stefano Ballardini di 15 km, non competitivo.

La decisione è stata annunciata poco prima della partenza da Limone, suscitando la reazione di tanti podisti, soprattutto francesi, secondo i quali gli organizzatori sapevano che il maltempo avrebbe costretto alla riduzione del percorso ma non hanno detto nulla sino all’ultimo istante.

Stefano Chelodi, presidente di Garda Supersport Srl, organizzatore della gara, ha dichiarato: “E’ scoppiato un putiferio e sono volati anche insulti nei nostri confronti. Probabilmente è stato frainteso un post che abbiamo pubblicato sabato sui social chiedendo ai partecipanti se volevano posporre la partecipazione al 2019. Al di là di questo comunque è andato tutto bene e abbiamo liberato le strade anche prima del previsto”.

Già lo spostamento di data della settimana prima aveva ridotto di 468 unità gli iscritti, divenuti dunque 1100 (sommando le varie distanze): i partenti alla fine sono stati 950, provenienti da 27 nazioni, rispetto alle 31 iniziali. A chi non poteva presenziare il 28 era stato offerto il trasferimento dell’iscrizione alla 10 km di Bardolino (25 km da Malcesine).

Sempre Chelodi ha commentato che i fatti di quest’anno portano alla necessità di una “una riflessione profonda per capire se e cosa fare in futuro. La burocrazia non ci aiuta e anche le associazioni locali che abbiamo interpellato non ci hanno fornito alcun sostegno. Siamo tutti volontari anche noi, lo facciamo per il territorio».

Si salva il lato benefico della manifestazione, con l'associazione di Malcesine “Un Sorriso Solidale”, che ha potuto comunque ricavare dei fondi per la propria opera di volontariato. “Unica nota positiva, e comunque non è poco – aggiunge Chelodi - è che in ogni caso daremo una mano a Beatrice tramite "Un Sorriso Solidale", per cercare, come avevamo detto, di garantire le cure a questa bambina di 9 anni. Speriamo possa rendersi autonoma nel camminare a breve: il nostro contributo non è mai stato messo in discussione e di certo non si ferma a causa del meteo”.

Massimo Leonardi (X- Bionic Running Team) ha vinto la Garda Run in 1h38:42 su Juri Radoani (S.A. Valchiese), secondo in 1h1:07, ed Emiliano Mazzarini (Ssd Tremalzo), terzo in 1h41:10.

Tra le donne si è imposta Diana Dardha (Atletica Alto Garda e Ledro) in 1h54:55, su Monica Carlin (GS Valsugana Trentino), seconda in 1h54:56, e sulla francese Etienne Loisel (A Caen La Forme), terza in 1h55:13.

503 i finisher; 161 nella 15km.  Nel 2017 erano stati 328+312 nelle due gare maggiori, circa 440 nella non competitiva.

Pubblicato in Commenti e Opinioni
Giovedì, 25 Ottobre 2018 20:03

Ottobre, cadono le foglie e le corse

Sette mezze maratone e due maratone annullate nel mese di ottobre, si tratta di un’epidemia ?

Partiamo dalla Maratona di Lucca in programma il 21 ottobre.

Il 6 maggio la Mezza maratona aveva visto 1108 classificati con un saldo negativo di 267 partecipanti rispetto al 2017, la Maratona lo scorso anno aveva visto al traguardo 345 classificati; probabilmente le previsioni di quest’anno saranno state poco allegre e gli organizzatori hanno ripiegato su una gara di 10 km omologati.

Cambio di gara anche per la 22^ Mezza maratona dei 5 Castelli di Bedizzole del 14 ottobre, lo scorso anno 421 classificati: divenuta trail di 17,5 km.

Trasloco annunziato per la 5^ Maratona e Mezza maratona delle Cattedrali di Giovinazzo in programma il 28 ottobre, poi spostata a dicembre infine rinviata al 5 maggio 2019, almeno così è scritto sul sito. Per la cronaca lo scorso anno i partecipanti furono 512 alla Maratona e 318 alla Mezza maratona..

La Mezza maratona di Sciacca, alla terza edizione in programma il 7 ottobre, chiede alla FIDAL di spostarsi a Ribera il 23 dicembre con passaggio dell’organizzazione alla Athlon Ribera, 596 classificati nel 2017: si aspetta risposta.

Cancellato anche il sito della Mezza maratona di Gallarate del 14 ottobre, lo scorso anno furono 629 i classificati.

La Mezza maratona del Fucino, in programma il 28 ottobre, già quattro anni fa dette forfait e il GS Marsica si sciolse passando la palla l’anno dopo al GS Avezzano; ma dopo tre anni deludenti - lo scorso anno si videro al traguardo solo 209 arrivati – ha deciso di gettare la spugna.

Diversi i guai della Sardegna: l’11^ Mezza maratona di Assemini del 14 ottobre è stata rinviata per rischio idrogeologico a seguito del nubifragio che ha investito l’isola, 262 i classificati del 2017.

Sempre per il maltempo rinviata la Mezza maratona di Ozieri, con 198 concorrenti nel 2017.

 

Sembra un bollettino dei caduti in guerra, cosa sta succedendo ?

Abbiamo più volte denunciato l’esosità della FIDAL: la tassa minima da pagare nelle Mezze è 900 euro e nelle Maratone 1500, a cui bisogna aggiungere la tassa partecipazione gare, un euro per ogni classificato, con tutti i rischi imprenditoriali a carico dell’organizzatore, che ha pochissimo margine di movimento su un modulo standard da compilare e rispettare alla lettera, con la spada di Damocle di una partecipazione sotto le previsioni che porta al “profondo rosso”.

Dopo sei anni di assenza la Mezza maratona dell’Abate Guglielmo a Volpiano (TO) ha provato a rientrare il 21 ottobre e ha visto al traguardo 178 arrivati, non compensati economicamente dai 160 della 10 km. Ci riproverà nel 2019 ?

Pubblicato in Commenti e Opinioni

Oggi siamo in compagnia di Danilo Goffi, olimpionico azzurro che vanta nel suo palmares anche una medaglia di bronzo in maratona ai campionati europei, oltre a tanti altri successi individuali e di squadra.

Ciao Danilo, parlaci delle iniziative della Tua nuova società, la ASD Almostthere

La prima era “Track&Friends”, una riunione di atletica, domani al Campo sportivo milanese “XXV Aprile”, ma abbiamo deciso di sospenderla. Tuttavia non è una rinuncia. Anzi. È un rilancio. Ci si rivede ad Aprile 2019 nell'ambito della seconda edizione di "una settimana di corsa", che si arricchirà di numerosi appuntamenti in più in agenda, tra cui spicca e brilla, la Milano Marathon, che va di fatto a inserirsi con le due gare, individuale e staffetta, come degna chiusura di quella che di fatto diventerà la settimana più importante, coinvolgente e intensa mai vista nella corsa a Milano e probabilmente in Italia.

Qual è la caratteristica peculiare di “Track&Friends”?

La sfida di Track&Friends è di portare in pista gli amatori, i runner più o meno occasionali. La corsa deve ritrovare nella pista la sua cornice più aspirazionale e "ispirazionale". In pista non vogliamo vedere solo pro ed elite, ma anche chi non si è mai messo ai blocchi di partenza di un mille o in tremila. Non è facile, e c'è bisogno della volontà di tutti: Federazione, associazioni, allenatori. Noi di Almostthere ci mettiamo volentieri a disposizione per fare sistema. Appuntamento quindi ad Aprile 2019.

“ThirtyTraining” invece è confermata?

Confermatissima. ThirtyTraining, longrun di 33km, è un autentico caso studio. Quando tre eversivi del running 2.0 come me, Michele Ronzulli ed Ippolito Alfieri ci siamo riuniti, sognavano in grande ma non potevano immaginare che intorno a questa gara-allenamento si potesse accendere un tale entusiasmo.
Terza edizione, 6 ottobre, sempre da Pavia a Milano, partendo in treno da Milano, e tornando di corsa. Sei ristori, servizio scopa, servizio borse, ristoro finale. Ed ovviamente pacer, per sei diverse andature, coordinati dal sottoscritto.

Pubblicato in Notizie

«Ci sono responsabilità penali a cui vanno incontro gli organizzatori - dice Andrea Mazzola, a nome del gruppo fondatore dell’evento che comprende anche Roberto Conforti, Paolo Spagnoli e Giorgio Soggia - e proprio per questo non ce la siamo sentiti di proseguire con questa splendida avventura. Non si tratta di denaro, non sarebbe stato un problema  spendere circa mille euro per mettere a punto un piano sicurezza adeguato, ma c’è ben altro». Con queste parole, Ivreachecorre ha chiuso i battenti.

Sette anni fa un gruppo di amici aveva dato vita alla manifestazione non competitiva e ludico-motoria, che aveva incontrato l’apprezzamento degli eporediesi arrivando ad una partecipazione, nel 2017, di 1400 podisti di tutte le età sui 5 km, che partivano da Piazza Ottinetti per attraversare il centro della città dalle rosse torri.

Solo una decina di giorni fa avevo segnalato la sofferenza di molti organizzatori di fronte alla «Circolare  Gabrielli»;  un amico che organizza una non competitiva tra pochi giorni, mi ha detto che ha dovuto redigere un piano sicurezza di 12 pagine, e non basta, perché il piano deve essere sottoscritto da un professionista abilitato iscritto all’albo, mentre lui ha dovuto presentare una dichiarazione in cui garantisce che sono state attivate tutte le procedure inerenti la gestione della sicurezza.

Al di là del burocratese, è chiaro che se qualcosa va storto l’organizzatore finisce nei guai: dal punto di vista civile è coperto dall’assicurazione, ma dal punto di vista penale no, a meno che non dimostri che tutto quanto previsto dal piano di sicurezza è stato scrupolosamente attuato. E a parte il fatto che non tutti gli organizzatori hanno mille euro da aggiungere al conto, la possibilità di processi penali (e di sanzioni che poi possono essere anche civili) induce tanti a desistere.

È abbastanza diffusa la pratica di far firmare una dichiarazione di esonero di responsabilità da parte dei partecipanti, ma va detto a chiare lettere che non ha alcun valore legale, in quanto le norme di pubblica sicurezza non sono negoziabili tra le parti.

Eppure… le manifestazioni podistiche sono una grande base di aggregazione, spesso sostengono iniziative benefiche, sono un modello di sana attività non solo motoria: devono morire di burocrazia?

Pubblicato in Commenti e Opinioni
Venerdì, 15 Dicembre 2017 17:28

Torinesi, siete pochi: state a casa!

Tempi duri per il podismo torinese: la gara più importante di domenica 10 dicembre era senza dubbio la Royal Half Marathon di Enzo Caporaso, anche se nel 2016 aveva dovuto subire la concorrenza di Un Po di corsa, raggranellando solo 209 classificati contro i 2200 della concorrente. Quest’anno le due gare avevano trovato l’accordo, Un Po  il 3 e Royal il 10 dicembre, e  si contava su una partecipazione consistente.

A soli quattro giorni dallo svolgimento della gara il Comune di Torino ha revocato il permesso per motivi di ordine pubblico (?!). In realtà, l’assessore allo Sport Roberto Finardi ha chiarito meglio il problema: “La sicurezza non c’entra, ma con quei numeri non puoi mandare i vigili a bloccare il traffico, se no dovresti farlo fuori dalla chiesa a ogni battesimo !”

Il progetto del Comune è di disciplinare le manifestazioni podistiche suddividendole in tre fasce: solo le Elite potranno avere una origine o uno sviluppo nel centro cittadino, le altre possono benissimo svolgersi nei parchi (a Torino ne abbiamo almeno una dozzina) o in periferia.

Solo in città quest’anno si sono organizzate 25 manifestazioni tra competitive e non competitive: le più frequentate, 15000 alla Just the woman I am, e 8000 alla Stratorino. Delle competitive solo sette possono rientrare nell’Elite, assommando da 5000 a 700 partecipanti, più o meno.

A parte il comprensibile disappunto dei podisti, bisogna ammettere che forse c’è troppa abbondanza di manifestazioni, almeno a Torino: una ogni due domeniche,  con  gli automobilisti sempre più insofferenti e (bisogna dirlo) non con tutti i torti.

Pubblicato in Commenti e Opinioni

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina