Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mag 14, 2018 Alexio D'Alessio 225volte

Roma - 7^ Mami Run

Villa Pamphili Villa Pamphili Foto Web

Settima edizione di questa manifestazione a cui partecipo per la quarta volta, in questa domenica piena di eventi podistici, ben sette, a Roma e provincia.

E’ prevista una 10 km competitiva e non, ed una 3,5km non competitiva, aperta a tutti.

Arrivo sul luogo del ritrovo, più di un’ora prima rispetto all’orario di partenza, dato che debbo ritirare il pettorale ed il pacco gara, in cui tra le altre cose è prevista una t-shirt; decido di prenderla della taglia di mio figlio e di fargliela indossare per tutta la durata della manifestazione.

L’obiettivo personale in questa gara è migliorare il tempo di 43’17” del 2017 e onorare così il pettorale da “top runner” che mi è stato assegnato.

Lascio il piccolo ai gonfiabili dell’animazione e dopo circa 20 minuti vado a cambiarmi.

Nonostante entri nelle griglie dieci minuti prima del via, mi ritrovo molto indietro, non è previsto neanche un tappetino di rilevazione tempo, quindi ci sarà solo il gun time e tutto ciò lo scopro solo dopo la partenza.

Si parte puntuali alle 10 dall’interno dell’opera Don Guanella; il primo tratto di circa 250 metri di saliscendi è all’interno della struttura e faccio fatica a farmi largo: per cercare di correre al mio ritmo, debbo aspettare che si giri a sinistra e si prenda la via Aurelia Antica, una strada asfaltata, abbastanza larga di saliscendi che dopo 2,3 km ci porta all’interno di Villa Pamphili, il polmone verde più grande di Roma.

Il mio ritmo è leggermente al di sotto di quanto preventivato, nonostante fin dall’inizio senta un dolore all’inguine sinistro, che si affievolirà intorno al 4° km.

Lo sterrato della villa mi fa rallentare di circa 10 secondi al km; intanto, iniziano a diradarsi le nuvole, si alza la temperatura e cerco refrigerio nelle poche ombre degli alberi della villa.

Qui, data la bella giornata, si incontrano parecchie persone a passeggio, parecchi runners e parecchi ciclisti, che non sempre ci “rispettano”.

Il passaggio al 5° km avviene ad una media di 4’25”; accuso stanchezza alle gambe, che non passa neanche fermandomi al ristoro.

Dopo il ristoro si prende il ponte di legno che separa le due parti della villa e, con una discesa accidentata, proseguiamo per gli ultimi tre km in villa, in cui vi sono parecchie salitelle insidiose ed anche un tratto in single track; in questi tre km il mio ritmo è intorno ai 5’ e perdo parecchie posizioni.

Mi riprendo leggermente quando, ad un km e mezzo dalla fine, uscendo dalla Villa, si ritorna sull’asfalto, dove si incontrano centinaia di persone che stanno concludendo la non competitiva di 3,5 km, alla quale partecipano tanti bambini e numerosi ospiti della comunità che ci ospita; riesco a riabbassare il mio ritmo sui 4’40”, anche se non riesco a riprendere nessun atleta che mi precede.

La gioia più bella è vedere mio figlio che mi aspetta a venti metri dal traguardo, che supero prendendolo in braccio e facendogli mettere al collo la medaglia da finisher.

Concludo la gara nel real time (del mio gps) di 45’14”, ad una media di 4’32”.

I vincitori risultano essere Angelo Iannelli (GS Fiamme Azzurre) in 33’27” e, al femminile, Manuela Piccini (Planet Sport Running), 14^ assoluta, in 38’58”.

Una manifestazione organizzata benissimo, anche per le famiglie, con la presenza di animazione e gonfiabili per bambini, con ottimo pacco gara, lauto ristoro finale ed addirittura un pasta party!

L’unica cosa negativa da rilevare è stata la mancanza di un tappetino rilevazione tempo alla partenza, con conseguente classifica finale elaborata sul gun time, che ha penalizzato parecchie persone.

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina