Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Feb 06, 2019 1108volte

Vittoria marocchina alla 68^ Beppu Oita Mainichi Marathon

Il vincitore Laqouahi Il vincitore Laqouahi Foto IAAF/Facebook

3 febbraio - La 68^ edizione della Beppu Oita Mainichi Marathon, corsa appunto tra le due città di Beppe e Oita, nell'isola di Kyushu in Giappone, registra il successo del marocchino Hicham Laqouahi e della giapponese Haruka Yamaguchi.

Laqouahi (del team Demadonna) si è imposto in 2h08:35 precedendo gli etiopi Abdela Godana, secondo in  2h09:04, e Yihunilign Adane, terzo in 2h09:11.

A seguire tre giapponesi, tutti sotto le due ore e dieci minuti: Kohei Futaoka, quarto in 2h09:15, Ryo Hashimoto, quinto in 2h09:29, e Yuji Iwata, sesto in 2h09:30.

Edizione eccezionalmente senza vento, con temperatura massima di 16 gradi e tasso di umidità del 55%.

Trainato dai tre pacemaker, il gruppo di testa (composto inizialmente da 40 atleti) è passato al 5° km in 15:00, al 10° in 30:20, al 15° in 45:15 e al 20° in 1h00:30. Alla mezza, con il gruppo oramai ridotto a 20 corridori, il passaggio è avvenuto in 1h03:50, facendo sperare di poter abbattere il record del percorso stabilito nel 2013 dal giapponese Yuko Kawauchi in 2h08:15.  

Passaggio al 25° km in 1h15:53 e, al 30° - con l’uscita di scena dell’ultimo pacer – il gruppo passa in 1:31:10, ancora in tempo utile per battere il record. Al 33° km l’etiope Godana prova l’allungo, ma provoca solo la decisiva reazione di Laqouahi che prende il comando della gara, inseguito dal trio formato dagli etiopi Godane e Adane e dal campione uscente, il sudafricano Desmond Magubo.

Passaggio al 35° in 1h46:29, ma al 40°, superato in 2h01:47, già si registra un rallentamento: l’arrivo sulla pista dello Stadio Comunale fa segnare 2h08:35, niente record del tracciato e neanche personale per Laqouahi (che vanta 2h08:27 alla Maratona di Lisbona nel 2018).  

Da segnalare che il campione uscente Mokgobu ha chiuso al 9° posto in 2h10:42 alle spalle di altri due giapponesi, Shogo Kanezane, settimo in 2h10:19, e Hayato Sonoda, ottavo in 2h10:40. 

In campo femminile, facile vittoria per Haruka Yamaguchi in 2h36:51, che infligge un forte distacco alle altre due componenti il podio, le connazionali Mai Fujisawa, seconda in  2h47:31, e Mika Nakamura, terza in 2h48:23. Resiste quindi il record del tracciato stabilito da Hiroko Yoshitomi in 2h33:00 nel 2018.

Classifiche:

Uomini
1- 2:08:35 Hicham Laqouahi (MAR)
2- 2:09:04 Abdela Godana (ETH)
3- 2:09:11 Yihunilign Adane (ETH)       
4- 2:09:15 Kohei Futaoka (JPN) 
5- 2:09:29 Ryo Hashimoto (JPN) 
6- 2:09:30 Yuji Iwata (JPN)
7- 2:10:19 Shogo Kanezane (JPN)
8- 2:10:39 Hayato Sonoda (JPN)
9- 2:10:42  Desmond Mokgobu (RSA)
10 2:10:48 Shoya Osaki (JPN)

Donne
1- (137) 2:36:51 Haruka Yamaguchi (JPN)  
2- (366) 2:47:31 Mai Fujisawa (JPN)
3- (390) 2:48:23 Mika Nakamura (JPN)
4- (578) 2:52:53 Yuko Kusunose (JPN)
5- (611) 2:53:23 Natsuko Ishikawa (JPN)
6- (687) 2:54:43 Sonoka Nakajama (JPN)
7- (749) 2:55:52 Eri Hayashi (JPN)
8- (979) 2:59:00 Junko Ishikawa (JPN) 
9- (980) 2:59:00 Asami Endo (JPN)
10 (1188) 3:04:10 Tomoko Oba (JPN)

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina