Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 08, 2019 386volte

Carpi (MO) – 34° Trofeo Gorizia

Happy family fa rifinitura prima di Milano Happy family fa rifinitura prima di Milano Nerino Carri

6 aprile – Nulla a che vedere con la città friulana, ma solo con l’antica sede, a Carpi, del Comitato anziani, appunto di piazza Gorizia nella periferia sud di Carpi. Il comitato si è spostato e anche la gara, non competitiva, ha variato negli anni i luoghi di partenza, sia pure nello stesso quartiere, che si sta riempiendo di sempre nuove abitazioni al punto di lasciar presagire una prossima saldatura con l’antica frazione di Santa Croce, celebre per aver dato i natali alla varietà Salamino del Lambrusco.

Gara del tutto non competitiva: gli organizzatori dichiarano 860 pettorali venduti, che sono molti considerando anche la concomitanza di un’altra camminata a Sassuolo; ma all’orario di partenza delle 16 eravamo, a dir molto, in duecento, che poi abbiamo raggiunto via via sul percorso i camminatori o gli pseudo-podisti partiti quando garbava loro.

Tracciato tutto sommato piacevole, dopo una giravolta iniziale nell’area urbanizzata, cui è seguita una puntata verso sud, su stradette ombreggiate e quasi totalmente prive di traffico (un collega carpigiano mi ha indicato il punto in cui un anziano podista in allenamento, pochi anni fa, è stato investito e ucciso da un’auto in una curva cieca): ottima la protezione dei vigili. Si respirerebbe profumo di aceto balsamico, transitando vicino alla fabbrica che fu sponsor negli ultimi anni della maratona di Carpi: salvo che l’acetaia sta passando pure lei i suoi guai con la giustizia, perché sembra che le norme sulla DOP fossero bellamente aggirate. E tanto per restare in tema, continuano a circolare le lamentele di podisti iscritti all’ultima maratona carpigiana, annullata a poche settimane dal via, che come nella canzone di Marinella continuano a bussare invano alla porta degli organizzatori, sbarrata e probabilmente non più presidiata. Chissà se anche in dialetto carpigiano si dice “Chi ha dèe, l’ha dèe, e chi l’à iù, l’à iù, descurdèmes al passèe”.

Anche la squadra calcistica del Carpi, in serie A quattro anni fa, adesso è ultima in serie B: sta giocando mentre noi corriamo, e radiocorsa annuncia che sta perdendo proprio per un gol del suo ex Mbakogu, stolidamente venduto o quasi regalato; poi la situazione si raddrizza e alla fine il Carpi vincerà 2-1, ma contro la penultima, e per ora serve a pochino. Incombono anche le elezioni amministrative e circolano strane voci sul sindaco uscente, che accusa il suo ex vicesindaco di dossieraggio: ma le bocche dei carpigiani sono tappate e neanche sotto sforzo c’è verso di capire su che argomento verta la polemica. (Se dico niente, diceva don Abbondio, o è niente, o è cosa che non posso dire).

Nel frattempo noi raggiungiamo, dopo la cantina vinicola omonima, il centro di S. Croce, dove in sostanza si fa un giro di boa che, attraverso la signorile tenuta di non so quale conte Cioccapiatti, e altre ville messe su dai magliari ai tempi d’oro, ci riporta al luogo di partenza dopo 10 km esatti (naturalmente c’erano anche percorsi più corti).

Per quello che valgono, Nerino Carri e il sempiterno Peppino Valentini della podistica Cittanova (abbonata al primo premio di società, oggi con 92 cartellini venduti) rilevano i primi del giro lungo: per i maschi, il carpigiano d’adozione Alessio Basili (Atletica Cibeno), seguito da Marco Agazzani (RCM Casinalbo), e dal carpigiano Corrado Reggiani (La Patria Carpi). Sulle donne prevale la carpigiana, figlia d’arte di un podista e vinificatore, Silvia Torricelli (tesserata pure lei per la Cittanova, che come le navi delle Ong accoglie tutti), davanti alla novese Stefania Pantaleoni e alla scandianese Simona Garavaldi.

Mi ha incuriosito vedere alla partenza pure la happy family modenese Mascia-Bacchi, con la figlia Aurora ormai cresciutella che li precede in bici: sorpresa (ma non troppo) perché “AlleSimo” sono in partenza per la maratona di Milano dell’indomani. Direi presenti in massa i carpigiani; dei modenesi, quelli meno impegnati con le gare top dell’indomani, con qualche vecchia gloria che un tempo correva il Passatore o la 50 di Romagna; e una discreta presenza anche di reggiani, tra cui l’immancabile Gelo Giaroli che mi ‘costringe’ a tenere la media dei 6 a km.

Il tempo non tradisce, il ristoro finale è adeguato; il premio, per due euro di iscrizione, è un chilo di spaghetti, con l’opzione di un album di figurine per bambini (categoria peraltro pressoché assente). Nerino e Tetyana assicurano la copertura foto-cinematografica, e tutto finisce in gloria.

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: Nerino Carri

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina