Stampa questa pagina
Mag 29, 2019 Ufficio Stampa Evento 465volte

Imperia - 15° Giro d'Imperia a tappe

Il gruppo dei parrtecipanti, Il gruppo dei parrtecipanti, Foto Sito Manifestazione

26 maggio - Conclusa la 15^ edizione del Giro d’Imperia a tappe ideato e organizzato dal Marathon Club Imperia. Sono stati tanti gli affezionati  runner che, prima di darsi battaglia in gara, hanno avuto la possibilità di coltivare quello spirito dello stare insieme, accomunati dalla sana passione per la corsa, soprattutto nei momenti conviviali della cena di venerdì con gli amici di Civezza e della grigliata presso il laghetto di Lucinasco. 

Il giro si è sviluppato attraverso tre tappe il 24, 25, 26 maggio, ed ha permesso di visitare luoghi e paesaggi suggestivi. La prima tappa di 8 km, si è svolta lungo l’antico borgo di Civezza, con partenza alle ore 18:00 e a seguire la cena in mezzo agli ulivi, innaffiata da vino e birra. Sabato,  sveglia di primo mattino e partenza alle ore 8:15 in pullman alla volta del Santuario di Pantasina. Da questo straordinario luogo alle ore 10:00 è partita la seconda tappa di 12,5 km  che, lungo un tracciato panoramico, ha condotto i podisti fino al laghetto di Lucinasco, antico borgo risalente al 400 a. C. E’ stata una gara nella gara, perché nel tratto dal paese di Vasia fino alla cappelletta del monte Acquarone, è stata “cronoscalata”, con una classifica a parte.

Domenica, la chiusura del giro,  con la terza ed ultima tappa di 10 km, interamente sul lungomare, tra i due moli di Porto Maurizio.

Sul piano agonistico, al femminile, dominio dell’azzurra Emma Quaglia, che vince per la prima volta il giro in 2h11’03’’. Buona la sua prova in vista dei prossimi Campionati Mondiali di corsa in montagna. Seconda classifica Viviana Rudasso (2h16’43’’), che  precede Elisa Almondo (2h19’18’’).

Nella prova maschile trionfo per  Ghebrehanna Savio che si  aggiudica il giro in 1h53’54’’. Alle sue spalle il veterano Khalid Ghallab (1h55’06’’) e Corrado Taliano (1h59’00’’). Una menzione particolare merita Massimiliano Di Gioia che, pur avendo vinto la terza tappa ed essendosi piazzato al secondo posto nella seconda tappa, non è stato inserito in classifica, per non esser arrivato in tempo a prendere parte alla prima tappa. 

“Sono soddisfatto di come sia andata la 15^ edizione. Devo ringraziare tutti, ma proprio tutti per il supporto che ci hanno dato. Un grazie agli atleti, giunti da diverse parti d'Italia e che, fino al momento della ripartenza verso il luoghi di origine, mi hanno veramente commosso,  facendomi i complimenti per come sono stati bene in questi tre giorni; per noi è il miglior riconoscimento che potessimo avere, perché ci incoraggia e ci sprona a fare sempre meglio. Questa era un’edizione particolare, perché abbiamo voluto dedicarla al nostro caro amico Billy, tifoso della fiorentina. Ed anche io, dopo 15 anni, ho corso tutte e tre le tappe, proprio per onorare la sua memoria". 

Queste le parole – a tratti commosse -  di William Stua, general manager del Giro a tappe e di tutti gli altri eventi running della città di Imperia.