Stampa questa pagina
Giu 11, 2019 1060volte

Carosino (TA) - 7° Trofeo Carosino in corsa

La partenza La partenza Foto Roberto Annoscia

9 Giugno - Quella bella, solita, caldissima Carosino. La tradizione si conferma anche quest’anno: gara organizzata in maniera egregia e tanto, tanto sole a bruciare testa e pelle dei podisti, trentasei gradi a mettere in difficoltà gli atleti.

Settima edizione della Carosino in Corsa, valida come ottava prova del Campionato regionale “Corripuglia”, i soci della Podistica Carosino hanno fatto il miracolo anche quest’anno ottenendo la tappa del massimo circuito su strada pugliese, una piccola società con grandi risultati. Dispiace solo per la scarsa partecipazione, solo 747 iscritti, sembra quasi ci sia una maledizione per questa positiva manifestazione, davvero comprensibile il rammarico nel post gara del presidente Angelo Campo nel riscontrare la totale assenza di atleti di grandi società con tanti iscritti…

Il raduno è come sempre fissato presso lo stadio “Antonio Miglietta” dove davvero non ci sono problemi di parcheggio, con i soci organizzatori che comunque hanno creato apposite zone, dove sono collocati anche diversi bagni chimici che vanno a sommarsi alla struttura fissa dello stadio.

Definite in rapidità le operazioni burocratiche di iscrizione, presso un ampio furgone si ritira il premio di partecipazione, consistente in una bottiglia di buon vino. 7 euro la tassa d’iscrizione, come da tariffa Corripuglia.

Intelligentemente l’orario di partenza è stato anticipato alle ore 9.00, mezzora che si rivelerà decisiva nel risparmiare ulteriore caldo agli atleti e nel liberare prima le strade del paese.

Presenta la manifestazione Michele Cuoco, fa piacere ritrovarlo anche al Corripuglia ogni tanto, sempre preciso e sveglio, non mancano momenti in cui interagiamo per il bene della conduzione e dell’intera manifestazione. 

Ben definita la zona partenza con griglia iniziale riservata agli atleti dal passo più veloce – selezionati precedentemente dalla Commissione Master della Federazione regionale – e dotati di bollino distintivo per favorire un deflusso sicuro e spedito.

Gli atleti, progressivamente, vanno a schierarsi nella zona di competenza, già tutto sembra essere pronto, ma occorre ricordare un grande uomo, un grande atleta che ci ha lasciato qualche mese fa, il caro Ciro Oronzo Nilla, il presidente della Podistica Grottaglie: spunta uno striscione con la sua foto, mi commuovo, non è facile per chi come me ha condiviso momenti di corsa e soprattutto di vita insieme. Non possiamo non ricordarlo, Michele Gallo e il sottoscritto esprimono un breve ricordo del caro amico scomparso. Si commuove anche Giacomo Leone, indimenticato maratoneta di livello mondiale e attuale presidente della Fidal Puglia, sempre tanto sensibile.

Il minuto di raccoglimento,  spara la signora Nilla, il silenzio fa rumore, l’aria è ancor più pesante, non riesco a trattenere le lacrime e con me tanti altri; al nuovo sparo, si alza forte, fortissimo un lungo applauso.

L’inno di Mameli distoglie dalla commozione e ci fa esprimere l’orgoglio di essere italiani, gli atleti fremono, le note finiscono, il terzo sparo e i corridori invadono le strade della cittadina.

Dispiace riscontrare nelle prime file la presenza di qualche “atleta” che dura appena qualche metro, l’esibizionismo di taluni personaggi francamente ha stancato, essere sportivi significa aver rispetto degli altri e delle regole, per fortuna non siamo tutti uguali.

Il percorso di 9300 metri (anche meno secondo tanti gps) riporta subito gli atleti in zona partenza, più lunga l’attesa per il passaggio circa a metà distanza in zona stadio e poi l’attesa per l’arrivo.

Il tracciato è pianeggiante, ottimamente segnalato e presidiato, non vi sono auto, due i ristori d’acqua, ma – soprattutto nella zona di campagna – con tanto, tanto sole a picchiare sulla testa degli atleti.

E’ bianco, ma sembra un keniano per la resistenza al sole: Giuliano Gaeta, da subito in testa, si libera progressivamente della compagnia di Redi e conduce solitario in testa, andando a cogliere il quarto successo consecutivo, l’ennesimo stagionale di un ragazzo serio e semplice, che vive di pane, lavoro e corsa, un ragazzo che merita tanto.

Giuliano, tesserato per la Montedoro Noci, va a concludere in 30:34, seguito dal bravissimo Antonio Redi (Dynamyk Palo del Colle), alle prese con problemi di allergia, secondo in 31:12; terzo posto per l’inno alla gioia, il solare Michele Uva (Free Runners Molfetta), in 31:31.

Bello stile, gran passo, Mario Greco (Atletica San Giovanni Bosco Palagianello) è quarto in 31:53; segue Antonio Di Giulio (Atletica Pro Canosa), oramai fermamente nella top ten, quinto in 32:19, davanti alla costanza in persona, Giuseppe Mele (Dynamyk Palo del Colle), sesto in 32:36, e alla rivelazione del 2019, Francesco Minischetti (Running People Noicattaro), settimo in 33:01. Sempre deciso, Michele Tedone (Amici Strada del Tesoro Bari) è ottavo in 33:11, a precedere il potente Pietro Torroni (Futurathletic Team Apulia Barletta), nono in 33:17, stesso tempo del combattivo Antonio Di Nunno (Atletica Pro Canosa), decimo per una punta di scarpa.

Al femminile, la leadership stagionale di Daniela Tropiano sembra essere messa fortemente in discussione dalla presenza odierna dell’ottima Mariangela Ceglia: partite insieme, passate insieme nei primi chilometri, si separano successivamente con la taciturna Daniela, l’antipersonaggio per antonomasia, che stacca pian piano la rivale e va ad imporsi per l’ennesimo successo 2019.  

34:59 il crono della rappresentante dell’Atletica Monopoli: Daniela, sempre restia a rilasciare dichiarazioni, si dirà dispiaciuta di aver superare Mariangela, per la quale nutre rispetto ed amicizia.

Mariangela Ceglia (Futurathletic Team Apulia Barletta), allenata proprio dallo speaker, pardon da coach Cuoco, non al meglio della forma, è seconda in 35:51, precedendo un’altra grande, la sempre brava Ilenia Colucci (Alteratletica Locorotondo), terza in 37:59.

Il grande impegno di Ornella Donghia (Nadir on the road Putignano) al quarto posto in 38:07, a precedere la pistaiola Delia Mastrorosa (Atletica Monopoli), quinta in 39:09 e l’instancabile Luana Chiara Piscopo (Dream Team Bari), sesta in 39:30, reduce dalla 15km del giorno prima a Sammichele di Bari.  L’eterna qualità di Mara Lavarra (Amatori Putignano) in settima posizione in 39:33 a precedere la tenace Grazia Anastasia (Podistica Grottaglie), ottava in 40:40, e la forte Stella Giampaolo (Atletica Monopoli), nona in 40:51. Sempre raffinata, Nicoletta Ferrante (Atletica Tommaso Assi Trani) è decima in 41:03.

Un buon ristoro finale rinfranca gli stanchi atleti, con la piacevole leccornia della brioche-gelato ad accontentare anche i più esigenti. 

674 gli arrivati, numerosi i ritiri, al femminile chiude Annamaria Margherita Galiulo (Marathon Massafra) in 1:16:09, mentre al maschile è nonno Vincenzo Mirizzi (Atletica Bitritto), 86 anni, più forte anche del caldo, che conclude in 1:32:02, quando son già cominciate le premiazioni.      

Infatti, alla presenza del locale sindaco Onofrio Di Cillo e di numerosi assessori del locale Comune e del già citato presidente della Fidal Puglia, Giacomo Leone, si parte con la cerimonia di premiazione, cominciando naturalmente dai due vincitori, Gaeta e Tropiano, che ritirano il trofeo e vari premi in natura, con la soddisfazione di essere cinti la testa con la corona di alloro.

A seguire ecco salire sul palco/podio i protagonisti di tutte le categorie per fascia di età, tutti premiati con differenti premi in natura.

Ultimo atto, la premiazione delle prime cinque società per numero complessivo di arrivati: vince la Amatori Putignano con 40 finisher su Montedoro Noci (39), Nadir on the road Putignano (36), Atletica Monopoli (33) e Atletica San Giovanni Bosco Palagianello (33), premiate con confezione di sei bottiglie di vino.

Un premio anche ai migliori classificati della società organizzatrice e via, con la foto di gruppo finale, con tanto di spumante a festeggiare l’ennesimo successo organizzativo.

Felice di essere stato ancora una volta presente, non posso che complimentarmi con gli amici della Podistica Carosino, che hanno anche quest’anno onorato al meglio la tappa di Corripuglia.