Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Giu 18, 2019 484volte

Capurso (BA) - 6^ Capursoincorsa

La partenza La partenza Foto Antonia Annoscia

16 Giugno - La migliore edizione della Capursoincorsa, gara provinciale di 9900 metri, ma di livello nazionale per organizzazione e qualità dei partecipanti.

Il presidente Vito Cassano, con la collaborazione di tutti i soci della Bio Ambra New Age, ha davvero fatto le cose per bene, raccogliendo plausi e applausi in modalità generale, soddisfacendo le aspettative di tutti i partecipanti.

664 gli scritti, ottimi numeri per una gara di metà giugno, nell’estate rovente pugliese, valevole come terza tappa del Circuito Provinciale “Terra di Bari”: la rinuncia al mare, sacrifici a tavola, ma il dovere chiama e a Capurso si deve andare.  

Il ritrovo è fissato presso la Biblioteca Comunale in Piazza Giacomo Matteotti: alle spalle la sede del locale Comune, più in fondo il santuario della Madonna del Pozzo, nella speranza che porti salute e pace a tutti.

Rapide le operazioni di definizione delle iscrizioni, nel locale poco distante si ritirano i pacchi gara, 5 euro l’iscrizione base, basta aggiungerne altri 2 per ricevere anche la bella maglia tecnica, scelta da tutti operata.

A disposizione degli atleti la struttura dei bagni della biblioteca e quella pubblica poco distante; non manca la musica con i bravissimi componenti del “The Blue Fish” a suonare dal vivo e la tecno sparata dal giovanissimo dj Mauricio.

Voce della manifestazione è quella di Giovanni Locorotondo, fin troppo bravo per essere alla prima esperienza, pronto anche a recepire al volo eventuali suggerimenti tecnici.

Segreteria curata dai validi rappresentanti di Tempogara, di supporto ai Giudici della Sezione di Bari, nella redazione delle classifiche a fine arrivi.

Come accennato, picchia il sole, fa davvero caldo, la sottile brezza che spira è insufficiente: manca, per fortuna l’afa del giorno prima, occorrerà comunque gestire le forze onde evitare cali di pressione e crampi.

Area partenza creata ad arte con zona pole riservata ai migliori cinquanta e alle migliori dieci della tappa precedente del Circuito, con speciali wild card per pochi eletti: gli atleti si schierano con ordine e rispetto, tutto è pronto per la partenza.

Arrivato il permesso dei locali Vigili dopo il giro ispettivo sul tracciato, si può sparare il colpo di via; la pistola è nelle mani del Sindaco, Francesco Crudele, che dà il via alle ostilità.

Premi in danaro in palio e partecipazione di atleti di prima fascia come Selvarolo, Grieco, Auciello, Gaeta, Milella, Mastrodonato; in campo femminile, la previsione è tutta a favore di Daniela Tropiano.

Tracciato che prevede un iniziale giro di oltre due chilometri che riporta gli atleti sul punto di via, ma in senso contrario e contro sole, prima di intraprendere il giro più lungo che li riconduce qui solo all’arrivo.

Tracciato non del tutto facile, con alcune variazioni di pendenza e soprattutto un tratto di sterrato, non gradito da tutti; tracciato panoramico che attraversa città e periferia di tutta Capurso, ben sorvegliato, blindato al traffico veicolare e con due ristori di acqua.

La lotta per la vittoria si restringe sin dal primo passaggio al duo dell’Atletica Casone Noceto, Il palese Giovanni Auciello e l’andriese Pasquale Selvarolo, con il secondo ben più giovane del primo…

Al femminile procede spedita Tropiano, tanti spettatori non la notano nemmeno per via dei capelli corti e del passo rapido.  

Lo sviluppo della gara porta progressivamente Auciello a staccarsi, il divario si fa man mano sempre più netto, tanto che Auciello spunta sul viale di arrivo in totale solitudine, andando a tagliare il traguardo, tra gli applausi convinti della folla e gli incitamenti dello speaker, in 31:02, regalando 35 secondi al bravissimo Pasquale, che mi è apparso leggermente sofferente, che conclude secondo in 31:37. Terzo posto per il terlizzese Vincenzino Grieco (Atletica Castello Firenze) in 32:40.

Gran bella prestazione per Francesco Milella (Pedone Riccardi Bisceglie), quarto in 32:54, che precede Giuliano Gaeta (Montedoro Noci), reduce da una serie di successi, quinto in 33:49, e il combattivo Nicola Mastrodonato (Pedone Riccardi Bisceglie), sesto in 34:34. Settimo gradino della top ten per il triatleta Vito Perta, che conclude in 34:40, seguito dal grintoso Nuccio Busto (Dof Amatori Turi), ottavo in 34:44, e dal mai domo Pietro Antonio Tamborra (Free Runners Molfetta), nono in 35:00, e dal caro lucano Antonio Francolino (Fiamma Olimpia Palo), decimo in 35:12.

In campo femminile, non ce n’è per nessuna: Daniela Tropiano (Atletica Monopoli), tra un sorriso e uno sbuffo, domina e conclude in 39:03; brillante prestazione per Ornella Donghia (Nadir on the road Putignano), che chiude seconda in 40:37, con la generosa Damiana Monfreda (Amatori Atletica Acquaviva), terza in 41:07.

Sempre terribile, Milena Casaluce (Nuova Atletica Bitonto) è quarta in 41:14, a precedere la battagliera Maddalena Carella (La Fenice Casamassima), quinta in 42:38, con la “mister” Adriana Dammicco (Atletica Bitritto), sesta in 44:13. La bella gioventù di Annarita Cazzolla (Bitonto Runners) è settima in 44:27, a  precedere tutta la grinta di Angerla Tenerelli (Gioia Running), sentitasi poco bene dopo l’arrivo, ottava in 44:47, a precedere la mai doma Cassandra Barbieri (Manzari Casamassima) , nona in 45:03, e la distinta Silvia Acquaviva (Martina Franca Running), decima in 45:03.

532 gli arrivati, 107 le donne con graduatoria chiusa da Annamaria Narici (Rutigliano Runners) in 1:21:37 e 425 gli uomini con Vincenzo Mirizzi, 86 anni e tanta vitalità, a chiudere gli arrivi in 1:40:30.

Ristoro finale a ritmo di musica, con tanta birra fresca, focaccia (finita presto, però!) e tanta mortadella a pezzi, oltre chiaramente all’immancabile acqua.

Alla presenza del Sindaco, Crudele, e di alcuni assessori del locale Comune (da lodare senz’altro per la vicinanza e l’appoggio alla manifestazione) comincia la cerimonia di premiazione, in cui sono sorteggiati ben due pacchetti (viaggio , pettorale, albergo) per le maratone di Firenze e di Verona, a scelta, offerte dall’agenzia Vivi e Sorridi di Vito Viterbo, podista e organizzatore di viaggi.

Cerimonia partita chiaramente dai due vincitori, Auciello e Tropiano, premiati con trofeo, articolo tecnico e busta rimborso; a seguire Selvarolo e Grieco e Donghia e Monfreda, per completare i due podi e gli atleti aventi dirito al rimborso-premio.

A seguire la ribalta per i meritevoli delle varie categorie, tutti premiati con articolo tecnico fornito dallo sponsor; premi anche per gli atleti liberi e per il primo capursese, il brillante Giuseppe Midea.

Per finire, ecco la premiazione, con targa e rimborso delle prime cinque società per numero cumulativo di atleti giunti al traguardo: vince la Atletica Adelfia con 44 arrivati, su Dof Amatori Turi (39), Amici Strada del Tesoro Bari (29), Pedone Riccardi Bisceglie (24) e La Pietra Modugno (24).

La foto di gruppo degli Organizzatori e la manifestazione è definitivamente conclusa, la Madonna torna alla sua solita tranquillità, per Vito Cassano e l’intera Bio Ambra New Age la soddisfazione di aver dato vita ad una bella manifestazione che ha davvero appagato tutti i presenti.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina