Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Set 16, 2019 528volte

2^ Ecomaratona Pratese: qualcosa di buono a ovest di Paperino

Arrivare stancamente... e andare a premio! Arrivare stancamente... e andare a premio! R. Mandelli

15 settembre - Ci sono due sole cose che non quadrano in questa seconda ecomaratona di Prato: prima, ma non in ordine d’importanza, la mancanza di docce, che ha ridotto noi arrivati ad attingere all’unica fontanella in zona (nella foto 33 vedete l’avvocato Reali, nella 34 Gianfranco Toschi, il ‘supermaratoneta dell’alba’, che si rinfrescano dopo l’arrivo). C’erano, è vero, molti bagni chimici, ma ovviamente senza acqua; eppure, se non si voleva allestire docce da campo, ci si poteva indirizzare verso i vicini campi sportivi, o in qualche palestra scolastica: non eravamo legioni.
La seconda cosa, più grave, viene dai numeri: di fronte alla tenuta degli arrivati nella mezza (305, contro i 307 del 2018), la maratona vede entro le 7 ore del generoso tempo massimo solo  139 podisti (di cui 29 donne), col risultato che parecchi dei tantissimi premi di categoria (ben 120, oltre ai premi per gli assoluti: vedete il mio nella foto 43) sono rimasti senza aggiudicatario’.  Segnalo peraltro che era disponibile anche una maratona-walking non competitiva, partita un’ora prima (e io ci ho messo una trentina di km a raggiungere quel nugolo di simpatiche magliette gialle); e una camminata di 7 km, cui ha partecipato, col papà, Indro Neri, leggendario iniziatore della Dead Runners Society e rientrato da poco dagli Usa.
Peccato per il calo, dico (mi sussurrano che potrebbe dipendere dalle cattive impressioni sul tracciato del 2018, più bruttino di questo): perché a differenza di una disastrosa maratona stradale allestita a Prato per pochi anni al principio del secolo, questa Ecomaratona ha un percorso molto bello, cominciando dalla sede della partenza, dei primi e degli ultimi due km (foto 17-20, ecc.), il Parco delle Cascine di Tavola (a ovest di Paperino, per ricordare quel capolavoro di comicità toscana del 1981); proseguendo con la dolce salita al parco e alla villa medicea di Poggio a Caiano del km 11; poi il bellissimo bosco ovvero “Bargo” dei km 14-16, seguito dal lungo argine dell’Ombrone che, con qualche interruzione e trasbordo da una riva all’altra, da un canale all’altro, da un boschetto all’altro, anche attraverso la comoda ciclabile “Fausto Coppi”, porta a Quarrata e da lì al bel parco-museo Quinto Martini di Seano, con tante umanissime statue di bronzo (la ragazza che vuol prendere l’oca ci scorre proprio di fianco) dell’artista locale scomparso da pochi anni.
Ancora argini, riecco il km 39 che era già stato il nostro 18, ma questa volta non ci costringono a voltare a sinistra per l’Ombrone (“non siamo noi che ti costringiamo, sei tu che scegli di andare per di là”, mi aveva rimbeccato argutamente lo sbandieratore), instradandoci invece sul percorso che era stato della 21, col rientro nelle Cascine per arrivare anche noi, Deo gratias.
A occhio e croce, almeno i 3/4 del tracciato erano su sterrato, con tanta ombra nei boschi e un sole implacabile sugli argini: il gps parla di un dislivello di 225 metri. I pochi tratti su asfalto (il più monotono, quello iniziale nel centro di Tavola) erano presidiati in modo eccellente; abbondanti le segnalazioni (frecce, bandelle) lungo il percorso, con l’aggiunta di segnalatori ‘umani’, spesso in vista l’uno dell’altro. Ristori e spugnaggi (compresa acqua da bere) molto numerosi e forniti.
Quanto alla, diciamo così, ospitalità, i pratesi si sono collocati nella migliore usanza toscana (direi soprattutto senese): un pasta party del sabato sera che era un vero cenone (da due primi a due piatti di carne al dolce alla birra: foto 21-22), gratuito per gli iscritti alla maratona, a 6 euro per gli altri; una festa del Csi la sera prima e nell’imminenza del via, dove l’antica tradizione Csi di signore (anzi, ‘signorine’ nubili in età sinodale) non di fascino raggiante è smentita dalle giovani ballerine della foto 24. E di nuovo si ritrovano quasi le stesse vivande della cena (con aggiunta di vino rosso) nel ristoro finale,  da consumare comodamente seduti (foto 35-38), raccontandoci le nostre ‘imprese’, ironizzando sul  terzo posto nella categoria “oro” (over 70, vinta con un tempo strepitoso da Leandro Giorgio Pelagalli, foto 37) dell’ingegner Liccardi (foto 35), piazzamento che andrebbe verificato da chi starnazza su Fb e dall’agenzia DonnaNuda o come si chiama, visti i trascorsi cortisonici del suddetto (sui quali esprime un parere tecnico competente ‘Bubu’ Furlan), mentre l’architetta Noris si fa spiegare i dettagli di quel ponte crollato a Bologna perché l’ingegnere capo non aveva seguito le raccomandazioni dell’ing. Liccardi (che infatti fu l’unico assolto nel processo che ne seguì: ma era il 2001 e ben altri crolli interessarono l’opinione pubblica).
Insomma, non siamo venuti a Prato solo per aggiungere una tacca al curriculum di forzati delle 42 km: preliminarmente, il centro del capoluogo va visitato per il Duomo e la chiesa rinascimentale delle Carceri (foto 13, in allestimento matrimoniale), per il castello e i due musei, comunale e vescovile, ricchi di capolavori, da Donatello a Michelozzo, dai Della Robbia ai Pisano ail ‘locali’ Ardengo Soffici e Lorenzo Bartolini (foto 1-11), e con un eccellente panorama sulla città: ma anche il ‘maledetto toscano’ Malaparte era di queste zone ed è sepolto in posizione dominante. Per chi volesse rivedere il tutto in un allestimento podistico, si presenti o 6 ottobre secondo le indicazioni della foto 45.
Né può mancare un passaggio (foto 39-42) da Paperino, nome leggermente in contrasto con la solennità dei nomi di strade che ci portano (Viale Moro, Viale Berlinguer, e magari anche via Toscana dove le insegne sono però tutte in cinese, qualcuna pure in russo), ma irresistibilmente trascinato dal film che dicevo: d’altronde, se le orde vanno al lago di Braies per suggestione di Terence Hill e delle inverosimili storiacce di poliziotti barbuti e  innamorati, io posso ben permettermi Paperino pensando a Benvenuti che telefona fingendo di  avere una partita di droga dentro una scatola di Tampax (“T come Tossicodipendente, A come Ascisc, senza l’acca”).
Anche a Paperino, e soprattutto ad ovest, c’è qualcosa di buono.

 

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: F. Marri

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina