Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ott 02, 2019 6070volte

Spagna: una maratona di sola discesa, ma il muro delle 2h resiste

L'arrivo di Anthony Karinga Maina L'arrivo di Anthony Karinga Maina Foto Veranstalter

Pur di abbattere il muro delle 2 ore in maratona le si studiano tutte…

Così, in attesa del tentativo del primatista del mondo programmato il 12 ottobre a Vienna, in Spagna hanno inventato una maratona interamente in discesa.

L’evento si è disputato lo scorso 22 settembre, la 1^ edizione della World Fastest Marathon, con il tracciato che parte sopra la località sciistica di Pradollano, nelle montagne della Sierra Nevada, a 2.605 metri, e termina a 667 metri nella storica città di Granada su strade interamente asfaltate; un percorso in discesa al 100% (meno di 1 km è senza pendenza), un dislivello di 1.938 metri e una discesa media totale del 4,6%. Il keniano Anthony Karinga Maina (un atleta di seconda fascia con un PB certificato di 2h22:38 a Salisburgo a maggio 2019) ha vinto in 2h09:38, fallendo nettamente il tentativo: Karinga Maina ha rallentato decisamente nel finale per i dolori ai polpacci dovuto ai tanti chilometri in discesa;  infatti, al passaggio al 30° km in 1h25:40 è passato più veloce di quanto avesse fatto Kipchoge (1h06:45) a Berlino, un anno fa, nel giorno del record del mondo, e più veloce anche del record del mondo sulla distanza, quell’1h26:47 stabilito da Moses Mosop nel 2011 a Eugene.

Questi i parziali: 5km in 13:45, 10km in 27:56, 15km in 41:51, 20km in 56:16, 21,097km in 59:30, 25km in 1h10:21, 30km in 1h25:30, 40km in 2h01:14. 

In classifica, dietro Karinga Maina, è secondo lo spagnolo Juan Calderon Ramos in 2h37:38, terzo l’altro keniano Julius Ndiritu Karinga, in 2h43:34.

Tra le donne successo della spagnola Linda Ana Blanco in 3h31:53 sulla danese Asta Hubeck-Graudal, seconda in 3h37:49, e sulla neozelandese Diep Ngoc Lam, terza in 3h:43:27.

Chiaramente i tempi non sono omologabili; sorprende, però, che diano la possibilità di accreditarsi alla Maratona di Boston, storica maratona – a sua volta - dai record non omologabili. 

 

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina