Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Nov 05, 2019 377volte

Numeri costanti, ma prestazioni record alla Maratonina d’Autunno a Lecco

L'arrivo di Hosea Kimeli Kisorio L'arrivo di Hosea Kimeli Kisorio Foto: Comitato organizzativo

A Lecco si corrono due mezze, entrambe organizzate dalla Spartacus Event. Una a marzo, la più importante in termini di partecipanti e di prestazioni sportive, mentre quella di autunno è la sorella minore, ma pur sempre molto valida. In termini numerici anche l’edizione numero sei, disputata questa domenica 3 novembre, non ha visto variazioni nell’ordine di grandezza dei finisher. Stavolta sono stati 303, leggermente sotto la media, complice anche una giornata piovosa. Un peccato, in quanto la manifestazione offre tutto quanto serve agli atleti, a partire dal Palataurus che accoglie ogni fase logistica della competizione: parcheggio, segreteria, area borse, partenza, arrivo, premiazioni.

Mentre a primavera da Lecco si punta verso nord, costeggiando il lago di Como, in questo caso ci si dirige in direzione opposta, facendo il giro del lago di Garlate. Tracciato completamente pianeggiante ma nervoso e su fondo stradale asfaltato alternato da brevissimi tratti su sterrato. Oltre a godere del panorama lacustre è possibile ammirare monumenti e zone storiche come l’antico Ponte Azzone Visconti, Piazza Era e Pescarenico, tanto caro al Manzoni. E’ infatti sia il rione del convento di Fra Cristoforo sia il luogo da cui Lucia si allontana con la barca per fuggire da Don Rodrigo.

Venendo ai risultati tecnici, la mezza di autunno è invece cresciuta molto in questo 2019 grazie alla bella sfida fra Alfred Kimeli Ronoh e Hosea Kimeli Kisorio malgrado la pioggia ed un percorso sicuramente più difficile di quello di marzo. Kimeli Kisorio ha trionfato in 1h’07’50”, frantumando di oltre un minuto e mezzo il record della manifestazione. Kimeli Ronoh ha chiuso in 1h09’54”, mentre terzo è giunto Giuseppe Molteni in 1h13’32”.

Record anche fra le donne grazie a Lenah Jerotich, che a Lecco aveva già vinto la mezza di marzo. La runner dell’Atl. 2005 ha fatto fermare i cronometri sul tempo di 1h16’39”. La doppietta kenyana è stata completata da Vivian Jerop Kemboi, seconda in 1h21’22”, terza Laura Nardo in 1h23’40”.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina