Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 14, 2019 479volte

L'Etiopia conquista Parigi: e la Calvin la fa franca?

I due vincitori Milaw e Burka I due vincitori Milaw e Burka Foto Organizzatori

14 Aprile -  Sono gli etiopi Abrha Milaw e Gelete Burka i vincitori della 43^ edizione della Paris Marathon, evento IAAF Gold Label road race.

Milaw si è imposto in 2:07:05 precedendo di 20 secondi il connazionale Asefa Mengistu; terzo il keniano Paul Lonyangata, che dopo due successi consecutivi, complice anche un piccolo infortunio a seguito di una caduta in allenamento nella scorsa settimana, si è dovuto accontentare del terzo posto in 2:07:29, mancando il record delle tre vittorie di seguito.  

Tra le donne vittoria di Burka in 2:22:47, a precedere di cinque secondi la connazionale Azmera Gebru; terza Abreha, per un podio tutto etiope. In gara, nonostante tutte le voci che la davano per sospesa in quanto sfuggita per l'ennesima volta a un controllo antidoping, la francese Clémence Calvin, quarta con il nuovo record nazionale (se resisterà...).

La gara maschile si è sviluppata con un gruppo di quattro atleti al comando passati al 5° km in 14:50, composto da tre pacer e da Milaw; a seguire un gruppone di dieci atleti, compreso Lonyangata.

Ben presto è avvenuto l’aggancio: il gruppo di testa, oramai di quattordici atleti, guidato dal keniano-pacer Cosmas Lagat, è passato al 10° km in 29:31 e al 15° in 44:23.

Alla mezza, con il gruppo di testa ridotto a dieci unità, il passaggio è avvenuto in 1:02:15, dando la speranza che il record della corsa - 2:05:03 stabilito da Kenenisa Bekele nel 2014 – potesse essere migliorato. Il breve tentativo di allungo di Lonyangata è stato subito annullato dal gruppo, tornato compatto.  

Al 30° km, superato in 1:29:34, fermatosi il pacer Lagat, sono rimasti Milaw, Lonyangata, Morris Gachaga, Yitayal Atnafu, Asefa Mengistu, Barselius Kipyego e Polat Arikan a contendersi il successo.

La gara è diventata molto tattica, con gli atleti a controllarsi, tanto che i 5 km tra il 30 e il 35° sono stati i più lenti, corsi in 15:45 (passaggio in 1:45:19).

Al 39° km circa, l’allungo di Milaw che ha guadagnato quattro secondi su Lonyangata e Mengistu e nove su Gachaga al passaggio al 40° km, avvenuto in 2:00:30.

Milaw si è così andato ad affermare in 2:07:05, migliorando il proprio record personale di 20 secondi e cogliendo il secondo successo in terra francese, dopo la vittoria alla Maratona Nizza-Cannes nel novembre 2018.

Mengistu, già vincitore delle maratone di Seoul, Città del Capo e Bloemfontein, è giunto secondo in 2:07:25, con Lonyangata, più lento di 1:19 rispetto a dodici mesi fa, a completare il podio in 2:07:29. Primo europeo il polacco Polat Arikan, sesto in 2:08:14; Morhad Amdouni, campione europeo sui 10.000 m, è stato il primo francese, ottavo in 2:09:14, al debutto sulla distanza.

Bella e incerta la gara femminile, con il gruppo di testa, composto da dodici atlete, che è passato al 5° km in 17:30, per poi aumentare il ritmo con un parziale di 16:43 e passaggio al 10° in 34:13.
Alla mezza, con il gruppo di testa già ridotto a sei unità, il passaggio in 1:11:08; ma al 30° km l’allungo poderoso della keniana Sally Chepyego ha visto la reazione delle sole tre etiopi Burka, Gebru e Azmera Abreha, con le altre già staccate.
Le quattro hanno superato il 35° km in 1:57:52, con 30 secondi di vantaggio sulla francese Clémence Calvin e 56 su Betty Lempus; ben presto Chepyego ha cominciato a mollare, mentre Burka, iridata nel 2008 sui 1500 indoor, nell’ultimo chilometro ha decisamente aumentato andandosi ad affermare in 2:22:47 con Gebru, l’ultima ad arrendersi, seconda in 2:22:52; terza Abreha in 2:23:35.
Quarta, come si è detto, la francese Calvin, che in tanti davano sospesa (come la logica pretenderebbe, se i fatti corrispondono a quanto divulgato dalla stampa) per il 'giallo' del controllo antidoping tentato ed eluso in Marocco, in 2:23:41, nuovo record nazionale francese.

60.000 i partecipanti, con circa 800 italiani al via.  

Risultati

Uomini

  1. Abrha Milaw (ETH) 2:07:05
  2. Asefa Mengistu (ETH) 2:07:25
  3. Paul Lonyangata (KEN) 2:07:29
  4. Morris Gachaga (ETH) 2:07:45
  5. Barselius Kipyego (KEN) 2:07:57

 

Donne

  1. Gelete Burka (ETH) 2:22:47
  2. Azmera Gebru (ETH) 2:22:52
  3. Azmera Abreha (ETH) 2:23:35
  4. Clémence Calvin (FRA) 2:23:41
  5. Sally Chepyego (KEN) 2:23:54

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina