Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mag 22, 2019 288volte

Auguri a Livio Berruti, campione e signore dentro e fuori la pista

Berruti sopravanza di un decimo lo statunitense Carney Lester Berruti sopravanza di un decimo lo statunitense Carney Lester Foto: www.sport660.wordpress.com

Con colpevole ritardo, ma anche con l’intenzione di dare più enfasi ai festeggiamenti, senza che l’articolo fosse cannibalizzato dalle cronache del weekend, facciamo oggi gli auguri a Livio Berruti che domenica 19 Maggio ha compiuto 80 anni.

Berruti è stato un campione vero, capace di battere le frecce statunitensi sui 200 metri. E non veniteci a dire che si trattava di un gruppo di atleti di levatura inferiore a quanto di solito proposto da quella nazionale, perché per qualificarsi all’ultimo atto delle Olimpiadi di Roma, fu “costretto” ad eguagliare il record del mondo già in semifinale. Per poi ripetersi nella finale col tempo di 20”5. E se qualcuno leggendo questo crono arricciasse il naso, vorrei far presente che parliamo di quasi 60 anni fa. Con piste in terra battuta che non restituivano con gli interessi la spinta, come le superfici odierne. Anzi, il contrario. E di certo non aiutavano in curva, un tratto dove il vercellese era un autentico maestro.

Un'impresa memorabile, nel contesto di giochi olimpici fiabeschi ed irripetibili, come testimoniato dal film documentario che li descrive, mostrando scenari eccezionali. Pensiamo alla lotta greco-romana nella basilica di Massenzio o al percorso notturno della maratona, conclusasi con l’arrivo solitario dello scalzo Abebe Bikila all’Arco di Costantino. Anche le immagini della vittoria di Berruti, in uno stadio Olimpico gremito, furono impreziosite da uno stormo di colombe, alzatesi in volo quasi in contemporanea allo sparo dello starter. Rendendo ancora più magico ed irripetibile il filmato, con l’italiano a volare sul filo di lana che ai tempi era utilizzato sul traguardo delle gare brevi.

E poi come dimenticare il suo fidanzamento platonico con Wilma Rudolph, velocista afro-americana statunitense che conquistò l’oro nei 100, 200 e 4x100? E pensare che la ragazza da piccola aveva sofferto di poliomielite. Girarono qualche giorno mano nella mano nel villaggio degli atleti, Livio e la "gazzella nera", come la Rudolph fu ribattezzata ai tempi. In un clima che, come ha recentemente dichiarato il nostro velocista, ricordava quello di Woodstock. Un’unione multietnica propiziata dal melting point olimpico.

Terminata la carriera agonistica, l’atleta si è ritirato, come si suol dire, a vita privata. Avrebbe potuto vendere il “Berruti campione” a qualcuno dei tanti partiti politici che glielo hanno chiesto, oppure reclamare una bella poltrona CONI o FIDAL, quelle che non si negano a nessuno, figurarsi a lui. Ma da piemontese un po’ schivo, si è fatto signorilmente da parte. Un peccato, se si pensa a qualche dirigente con cui abbiamo a che fare oggi. In quanto alla politica, ci salviamo dicendo che siamo a pochi giorni dal voto e quindi facciamo finta che sia già scattato il silenzio pre-elettorale.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina