Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Giu 09, 2019 710volte

Castellarano (RE), 39^ Le colline del Secchia: ventiseienni fanno il vuoto

Viva la gioventù che vince! Viva la gioventù che vince! Nerino Carri

9 giugno - Una delle gare più amate dai reggiani e dai modenesi, che la vedono inserita nei rispettivi calendari provinciali di podismo, da 25 anni affianca, alla rituale corsa collinare non competitiva di 12/13 km (nata come “corsa di Tressano”, ai tempi che la società era gestita dal vecchio Bertucci, sempre molto galante con le signore), una competitiva a circuito, quest’anno compresa anche nel campionato regionale Corriemilia Uisp come settima di 15 prove.

Tre giri da 3200 metri, con leggeri saliscendi (per un dislivello totale di 70 metri) e arrivo con giro quasi completo della brutta e inutile pista di bitume dello stadio di Castellarano; cronologia sfalsata di tre quarti d’ora dalla non competitiva (cui sono dedicate le foto 5-86 del servizio di Nerino), ad evitare commistioni e intrufolamenti di podisti risparmiosi, cui secca di pagare i 10 euro dell’iscrizione e pretenderebbero di cavarsela coi 2 euro del calmiere. Nell’intervallo si svolgono, in pista, le gare dei giovanissimi, su distanze differenziate secondo età (foto 87-157).

Ottimamente distribuiti e gestiti i parcheggi in un raggio di 300 metri dal raduno; percorso totalmente chiuso al traffico, con due punti di ristoro e uno spugnaggio ogni giro.

L’ordine d’arrivo subisce un deciso ribaltone, rispetto all’albo d’oro della gara, che negli ultimi 6 anni per gli uomini e gli ultimi dieci per le donne presentava presso che gli stessi nomi ai primi tre posti, magari con oscillazioni tra la vittoria e le piazze d’onore. In questo 2019 invece hanno prevalso due ventiseienni, e davvero ci vuole uno slancio di giovinezza in un mondo podistico che tende a propinare immagini fotocopia degli stessi collezionisti di premi in natura ed eurini.

Abissale il distacco che Francesca Cocchi, gioiello della Corradini Excelsior Rubiera (17:12 sui 5000 e 35:39 sui 10000 in pista, 35:10 sui 10mila in strada, 1.18:22 in maratonina a 21 anni, ma che si è cimentata anche nel salto in lungo e nella corsa a ostacoli) ha inflitto alla sua compagna di società (sebbene oggi presentatasi con tesseramento Uisp) Laura Ricci, vincitrice a Castellarano delle ultime tre edizioni e di un’altra nel 2012:  Francesca, undicesima assoluta, ha finito in 36:49 (foto 320 di Domenico Petti, 525 di Nerino Carri), contro i 39:25 della Ricci (foto 543 Carri) che a sua volta ha preceduto di 26” la solita Rosa Alfieri (foto 548: vincitrice nel 2015, terza nel 2009, 2010, 2013, 2017 a confermare quella ripetitività di cui dicevo).

Più ristretto il margine del modenese Tamassia (del tutto nuovo al podio in questa gara, ma che nel Corriemilia 2019 aveva già vinto la tappa di Ferrara il 1° maggio): 34:05 per lui (vedi foto 285 di Petti prima del via, poi in azione foto 513, 515 di Nerino), 16 secondi meglio di Salvatore Franzese (secondo anche l’anno scorso, terzo nel 2014 e 2017), il quale a sua volta ha avuto la meglio per 3 scarsi secondi su Andrea Bergianti, terzo pure l’anno scorso.

I classificati sono 229 di cui 54 donne: tra queste, scopriamo quasi appaiate, in discreta posizione intorno ai 47 minuti, due (si può dire?) cinquantenni, la dietologa modenese Chiara Mezzetti e la reggiolese Antonella Benatti, che ai tempi del primo Podisti.net ci istruì su come lei corse fino all’estremo termine della gravidanza. Poco dietro, ai 48 minuti, altre due coetanee, la modenese Roberta Mantovi (che prima di correre fa sempre un giro fotografico dei partenti) e la ‘nostra’ Valentina Gualandi. Personalmente, taglio il traguardo insieme alla meno giovane del lotto, la prof novellarese Maria Pia Verzellesi (foto di Petti 693), ricordando quando 18 anni fa lei presentò un mio libro (18 anni fa, ripeto!). Mentre ce lo diciamo sul rettilineo finale, un giovanotto correggese quarantenne e poco ‘cavaliere’ ci supera allo sprint; pazienza, perlomeno lasciamo indietro Roberto Manini della Biasola, che insiste a chiamarmi prof sebbene io protesti che in corsa sono ormai peggio di un … ripetente.

Naturalmente, i maschi buoni sono già arrivati da un pezzo, e i Modena Runners hanno consolidato il primato nella classifica di squadra del Corriemilia piazzando sesto Luca Gallinari (davanti al mirandolese Roberto Bianchi, l’ultimo a doppiarmi mentre stavo finendo il secondo giro…), 10° Fabrizio Manni, 16° il ‘sindaco’ Luca Gozzoli che batte allo sprint il più anziano dell’élite, il reggiano Claudio Gelosini, alle soglie dei sessanta; mentre l’altra vecchia gloria Stefano Baraldini, classe 1962, finisce 36°, appena dietro Rosa Alfieri.

Un altro ‘62 di cui sono piene le cronache sportive è Antonio Lo Conte, altro Modena Runner, che con 41:38 precede a spalla il coetaneo e compagno di squadra Giordano Castelli. Appena prima è arrivato il poco più giovane (del ’66) Guido Menozzi da Correggio, che saluto ogni volta come secondo assoluto in una maratona di Tromso in cui gli fecero sbagliare percorso, e qui è 52° in 41:21.

“E via via tutti gli altri” (come dicevano i cronisti di ciclismo delle volate in gruppo), salutati per nome all’arrivo da Roberto Brighenti, filmati e fotografati contemporaneamente da Nerino nel suo personalissimo stile ‘inclinato’, mentre Domenico Petti, dopo aver fornito un’ampia panoramica del ritrovo nelle sue prime cento foto, e ancora dalla 200 alla 260, attende poco prima dell’ingresso nello stadio, dove poi entra per gli arrivi (guardate la foto 707, col giudice Giaroli che quasi frena il rush di Maurizia Gambarelli!).

Di lusso il pacco gara anche per chi non vince niente (i premiati per meriti sportivi saranno una quarantina): salamino, trancio di mortadella, aceto balsamico (la cinquantesima bottiglia da podismo che finisce in un armadio della cantina), asciugamano.

Per i non competitivi, biscotti, che si trovano in abbondanza anche al ristoro finale (foto Petti 222-224), privo però di frutta (ma Petti dimostra che all’inizio gli spicchi di limone c’erano). Beh, anche in queste gare top, qualcosa da ridire c’è sempre…

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: N. Carri - D. Petti
Fonte Classifica: Uisp RE

1 commento

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina