Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Gen 05, 2019 Ufficio Stampa Evento 629volte

Presentato il 62° Campaccio Cross Country

Presentazione Top Runner Presentazione Top Runner Foto di Roberto Mandelli

San Giorgio Su Legnano – Domani è il grande giorno del 62° Campaccio Cross Country: gara che sarà trasmessa in diretta su Rai Sport dalle 13.50 alle 14.50 con telecronaca affidata a Stefano Rizzato e commento tecnico di Giorgio Rondelli.
La novità delle ultime ore riguarda in particolar modo il cast delle top runner della gara Seniores femminile in programma alle ore 13.40: la concomitanza con le festività ha fatto sì che non siano stati concessi dalle ambasciate alcuni visti d’ingresso, quindi sono tre le cancellazioni da fare. La più dolorosa è senz’altro quella di Norah Jeruto Tanui, poi seguono quelle di Winfred Mutile Yavi e Gloria Kite. In compenso ci sarà l’israeliana Lonah Chemtai Salpeter, attuale campionessa europea sui 10000 metri. La Salpeter ha vinto anche la Firenze Marathon lo scorso novembre con un ottimo 2h24’17”. Seguita anche da Renato Canova ha fatto, nell’ultimo anno, un salto di qualità andando a vincere l’oro europeo 2018 in pista e ha fissato in 31’33”03 il suo primato personale sui 10000m nel maggio 2018 a Londra. Di lei ha detto Canova: “Lonah è sempre vissuta a Eldoret, poi qualche anno fa si è trasferita in Israele per lavorare nell’ambasciata keniana. Lì ha conosciuto Dan Salpeter suo marito, che la allena e e ha anche preso la nazionalità. Fa atletica in maniera professionale da agosto 2017 quando ho iniziato a seguirla, è una ragazza dalle doti fisiche straordinarie. Nel suo futuro vedo molto bene la Maratona di Boston, ma si candida a una medaglia per le Olimpiadi di Tokyo dove ci sarà un clima a lei favorevole. In luglio si è allenata in altura al Sestriere”.
Altre tre atlete sono state inserite al posto delle escluse: la keniana Daisy Jepkemei campionessa mondiale junior nel 2012 sui 3000 siepi, la etiope Silenat Ysmaw e la ceca Eva Krchova. Non mancheranno le atlete italiane a cominciare dalla 18enne Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre) campionessa europea under 20 di corsa campestre, che tenterà di riscattare la mediocre prestazione del 31 dicembre alla BoClassic.
Nadia, sarà applauditissima ma anche un’osservata speciale, da lei ci si aspetta un gran risultato, cosa che non è avvenuto però per esempio il 31 dicembre scorso alla Boclassic di Bolzano: “Non è stata una gran gara – ammette – Ho vissuto qualche giorno di stress per cose familiari e la mattina della gara non ho fatto colazione. Ero disidratata, ho sentito fegato e reni induriti. Ora va meglio, sto facendo ottimi allenamenti e senza più problemi, quindi per domenica sono molto fiduciosa. Come sempre andrò in gara solo per divertirmi e dare il massimo”.
La trentina della Val di Non è stata la prima donna italiana a vincere e a salire sul podio nei campionati europei di cross: parte del merito è da condividere con il padre Giuliano, campione del mezzo fondo azzurro con un oro a squadre agli europei di cross del 1998, che la allena da sempre (“Papà mi insegna le traiettorie, le curve e a come si corre sul fango o in pista”). Nadia è una figlia d’arte a tutti gli effetti perché anche la madre Jawhara Saddougui ha un passato da ottima atleta sulle piste del Marocco. L’ultimo successo di Nadia agli europei di cross in Olanda a dicembre l’ha però definitivamente consacrata: “Prima delle competizioni ero sempre nervosa e preoccupata, questa volta ho avuto un approccio diverso, più grintoso e fiducioso e questo grazie anche a mio padre. Ora sento di essere cresciuta, e credo di più in me. Mi piace essere d’esempio e prendere le mie responsabilità. Anche se sta diventando un lavoro, visto che sono entrata nelle Fiamme Azzurre, cerco sempre e solo il divertimento in tutto quello che faccio”.
Nessuna grande novità per la gara maschile, che vivrà sul duello tra l’etiope Selemon Barega, quarto uomo più veloce della storia nei 5000 metri con 12:43.02, primatista mondiale under 20, e il connazionale Hagos Gebrhiwet, bronzo olimpico sulla stessa distanza dopo due medaglie ai campionati mondiali (argento 2013 e bronzo 2015), che con 12:45.82 è il quinto di sempre. Proveranno a recitare da protagonisti gli azzurri con Yeman Crippa e Daniele Meucci, e ancora, tra gli altri, Yohanes Chiappinelli, Simone Colombini, il 21enne Pietro Riva, Alessandro Giacobazzi. Confermati il neozelandese Zane Robertson, l’ugandese Albert Chemutai, finalista mondiale dei 3000 siepi, l’etiope Chala Regasa e il britannico Ross Millington.


Programma
Ore 09:15 partenza gara Master SM 35-40 + SM 23-34 anni
Ore 10:00 partenza gara Master SM 45-50 + RUNCARD di pari età (45-54)
Ore 10:45 partenza gara Master SF e Master SM 55 ed oltre + RUNCARD F e di pari età M (+55)
Ore 11.30 partenza gara Ragazze
A seguire partenza gara Ragazzi
A seguire partenza gara Cadette
A seguire partenza gara Cadetti
 
Cross Country Permit Meeting IAAF 2019
Ore 12:45 partenza gara Allieve
Ore 13:15 partenza gara Allievi (Memorial Sergio Meraviglia)
Ore 13:40 partenza gara Juniores, Promesse e Seniores Femminile
Ore 14:13 partenza gara Promesse e Seniores Maschile
Ore 15:10 partenza gara Juniores Maschile

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: Roberto Mandelli

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina