Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 27, 2019 Ufficio Stampa Evento 473volte

Veronica Inglese riparte dalla Roma Appia Run verso Doha

Veronica Inglese Veronica Inglese Foto Fidal

Domenica 28 aprile 2019 è il gran giorno della  Roma Appia Run , manifestazione di corsa su strada competitiva sulla distanza dei 13 km e non competitiva sulla distanza di 4 e 13 km, organizzata da ACSI con la collaborazione di ACSI Italia Atletica e di ACSI Campidoglio Palatino,  con il patrocinio di CONI, Fidal, Roma Capitale, Regione Lazio, Camera di Commercio di Roma, Parco Regionale dell’Appia Antica e Parco Archeologico dell’Appia Antica .

Giunta alla 21^ edizione, la Roma Appia Run si conferma una delle più prestigiose gare dell’intero panorama podistico capitolino, l’unica corsa al mondo a disputarsi su ben cinque pavimentazioni diverse: asfalto, sampietrino, basolato lavico, sterrato e per finire la pista dello Stadio Nando Martellini alle Terme di Caracalla. 

Ai nastri di partenza della gara competitiva l’intero podio maschile della passata edizione:  Aziz Laktri, Hicham Boufars e  Mohammed Hajji, tutti atleti marocchini. Oltre a loro anche   Tarik Marnhaoui, sempre dal Marocco.

In campo femminile c'’è grande attesa per il ritorno alla  Roma Appia Run  di Veronica Inglese, l’atleta dell’Esercito che ha già trionfato nella gara dalle cinque pavimentazioni ben tre volte, nel 2011, nel 2012 e nel 2016.  A contenderle il successo l’atleta ucraina  Sofia Yaremchuk,  la giovanissima atleta ugandese Esther Yeko Chekwemoi,  classe 2001, e per finire Sara Carnicelli dell’Atletica Vaticana. 

Le dichiarazioni di Veronica Inglese

«Adesso mi sento bene - le parole di  Veronica Inglese alla vigilia del suo esordio stagionale alla  Roma Appia Run -.  Vengo da un periodo piuttosto lungo, circa due anni e mezzo, caratterizzato da un infortunio dal quale non riuscivo a guarire. Ora va molto meglio. Sono a Roma da fine gennaio ad allenarmi sui campi del mio gruppo sportivo, l’Esercito, e le cose procedono per il verso giusto grazie al lavoro di tecnici, fisioterapisti e tutti quelli che mi stanno aiutando a tornare a livelli competitivi. Chiaramente non sono al massimo della forma, vista la mia lunga assenza dalle gare, ma sento di migliorare giorno dopo giorno e questo mi aiuta ad insistere e andare avanti». 

«Ho deciso di tornare in gara e correre l’Appia Run perché il il percorso di questa storica gara è tanto complicato quanto affascinante. Correre su cinque pavimentazioni diverse, peraltro attraverso luoghi meravigliosi e ricchi di storia, rende questa gara unica. Si tratta di un percorso estremamente difficoltoso, ma a me piace molto perchè è vario. Io non amo le gare completamente piatte non piacciono. Prefererisco i percorsi più complicati, tra l’altro è una 13 km, e le diverse pavimentazioni ti costringono ad adattare il ritmo gara al terreno. Inoltre qui ho già vinto 3 volte (2011, 2012 e 2016 ndr.), oltre al fatto che l’Acsi Italia che organizza l'evento è il mio precedente gruppo sportivo. Insomma qui mi sento a casa».

Provando ad allungare lo sguardo oltre l’appuntamento di domenica 28 con l’Appia Run, nell’orizzonte di Veronica Inglese ci sono sempre i Mondiali di Doha:  «È ovvio che dopo tutto quello è successo negli ultimi due anni e mezzo vado step by step, quindi non azzardo previsioni. La speranza c'è anche perchè quest’anno l’appuntamento in Qatar si svolge a ottobre e quindi ho più tempo a disposizione per recuperare. Tutto dipende dai miglioramenti registrati in allenamento e in gara da qui in avanti. Oggi l'obiettivo più importante è tornare ai miei livelli, se accadrà entro ottobre tanto da poter partecipare ai Mondiali di Doha, benissimo, altrimenti ci concentreremo sui prossimi Giochi Olimpici». 

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina