Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Fabio Marri

Fabio Marri

Probabilmente uno dei podisti più anziani d'Italia, avendo partecipato alle prime corse su strada nel 1972 (a ventun anni). Dal 1990 ha scoperto le maratone, ultimandone circa 280; dal 1999 le ultramaratone e i trail; dal 2006 gli Ultratrail. Pur col massimo rispetto per (quasi) tutte le maratone e ultra del Bel Paese, e pur tenendo conto dell'inclinazione italica per New York (dove è stato cinque volte), continua a pensare che il meglio delle maratone al mondo stia tra Svizzera (Davos e Interlaken; Biel/Bienne quanto alle 100 km) e Germania (Berlino, Amburgo). Nella vita pubblica insegna italiano all'università, nella vita privata ha moglie, due figli e tre nipoti (cifra che potrebbe ancora crescere). Ha scritto una decina di libri (generalmente noiosi) e qualche centinaio di saggi scientifici; tesserato per l'Ordine giornalisti dal 1980. Nel 1999 fondò Podisti.net con due amici podisti (presto divenuti tre); dopo un decennio da 'migrante' è tornato a vedere come i suoi tre amici, rimasti imperterriti sulla tolda, hanno saputo ingrandire una creatura che è più loro, quanto a meriti, che sua. 

15 giugno -  Nell’età – suppongo - estrema della pratica podistica, tendo a non ripetere gare già fatte, rivolgendomi piuttosto a competizioni nuove in posti per me sconosciuti. Ero già stato l’anno scorso a Castelbolognese, quasi come recupero la settimana dopo un ultratrail piuttosto duro; dunque, basta. Tanto più che in questo 2019 sono iscritto a una maratona fra una settimana. E invece… comincia la happy family Allesimo a dire che ci sarà e pregusta già il divertimento; poi, la famiglia Paolino, ma, chissà, andiamo alla Pistoia- Abetone però… perché no? Si preannuncia anche il rendez vous Liccardi-Di Vittorio sul tema “dopato o no?”, e la presenza di Eleonora Corradini… (avevo scritto l’anno scorso: quanto a belle donne, questa trasferta di Castelbolognese non lascia delusi. Chi scrive, quando va a correre, va a correre e basta (a differenza di molti colleghi delusi dalla vita, che sperano in un ribaltone solo per aver porto il bicchiere del tè alla fighetta affiancata); ma certo, arrivare in zona ritrovo e trovarsi di fronte all’opulenza di Luisa Betti o a quella vivente statua di Canova che è Eleonora Corradini (e non solo lei), sa renderti gradevole persino una corsa all’inferno).

Peccato, perché il paragone con la  statua di Canova mi era venuto adesso, e sembrava originale; invece… già sfruttato. Ma insomma, un sacco di ragioni per ripetere l’azzardo, e in extremis, due scarsi giorni prima, mi iscrivo.

La pensano come me quasi tutti i partecipanti del 2018, e molti altri: se l’anno scorso ci furono 83 classificati, quest’anno ce ne sono113: 88 dei quali raggiungono nelle 6 ore la canonica distanza della maratona corrispondente a 16 giri da 2640 metri (tutti sterrati). L’estate finalmente è esplosa, al via delle ore 14 stiamo sui 32 gradi, sebbene ogni tanto un centinaio di metri all’ombra mitighino l’arsura. Ma rimane provvidenziale, e quasi forzato, il ricorso ad ogni passaggio presso il traguardo (che duro però risalire sull’argine del Senio, dopo!) al bicchiere di birra freschissima alla spina, che ti vale anche come testimone del giro compiuto.

Per chi si collegasse solo oggi, rispiego la questione: alla gara ufficiale, dove vince chi dopo 6 ore ha fatto più giri, si aggiunge quella ‘goliardica’: ogni birra bevuta al passaggio dà un bonus di 1 km; sono invece abolite, rispetto al 2018, le penalità per gli astemi, che semplicemente depositano un bicchiere rosso vuoto al posto di quello bianco dei ‘bevitori’.

In zona è esposta la classifica delle precedenti 4 edizioni, sulla base delle sole birre bevute (prescindendo dai km): la capeggia Claudio Romani con 86 birre (record di 30 nel 2016), con vantaggio abissale su Domenico Pino (solo 73 birre); ma al terzo posto sta Elena Di Vittorio la quale, seppure con sole 3 partecipazioni, si è dissetata in questo modo 71 volte, per giunta vincendo pure quanto a percorrenza!

Guardando poi le classifiche ‘speciali’ del 2019, vedo che il primato è andato a Stefano Farina, tesserato 100 km del Passatore, che in ognuno dei 25 giri percorsi (66 km) si è dissetato con una bionda; come lui ha fatto il compagno di squadra Simone Assirelli, terzo l’anno scorso, ora con 24 giri (63,3 km) e 24 birre. Ma li ha battuti tutti, quanto a chilometri (71,2) Luigi Pecora, sebbene i suoi 27 giri siano stati costellati da “sole” 22 birre.

Dunque, la classifica che andrà nelle statistiche ‘serie’ dice: 1° Pecora (assente nel 2018), con 71,2 km; 2° Farina (come l’anno scorso, ma con un giro in meno), a due giri; 3° Alessandro Coianiz (altro ‘nuovo), a tre giri, stesso chilometraggio di Assirelli ma con un tempo minore. Nella classifica ‘con birra’ Coianiz, che ha bevuto ‘solo’ 17 volte, scivola al 6° posto, vedendosi superato da Roberto Rubino e Andrea Pagani, con un giro in meno di lui (dunque 60,7 km), ma svariate birre in più.

Tra le donne, la vincitrice dell’anno scorso, Elena Di Vittorio (60,7 km nel 2018) corre con prudenza per un infortunio da cui sta uscendo, e si accontenta di 45 km che le valgono l’ottavo posto. La classifica ‘astemia’ vede vittoriosa la bellissima Eleonora Rachele Corradini (seconda alla 9 Colli del 2018), con 60,7, cioè 24 giri (8 più dell’anno scorso) e ‘soltanto’ 16 birre (tuttavia, 10 più che nel 2018), che però non le fanno perdere il primato nemmeno nella graduatoria ‘alcoolica’; 2^ Sabrina Gargani, a 2 giri (55,4 km; resta seconda anche nell’altra classifica, perché le sue 21 birre le fanno guadagnare 5 km su Eleonora che conserva 376 metri di vantaggio!); 3^ Marta isabella Doko, stessi giri della seconda ma un tempo peggiore (e poi, essendo totalmente astemia, nella classifica generale scivola al 50° posto assoluto: quasi un titolo di merito).

Già, gli astemi: in questa pazza corsa, vale la pena citare quelli i cui zero bicchieri bianchi depositati li hanno penalizzati nella seconda classifica: la Doko è la più veloce, dietro lei vedo principalmente donne: Azzurra Agosti, che comunque percorre 47,5 km, Angela Maruccia, Tea Lombardi e qualche altra. L’astinenza maschile è celebrata da Luca Aiudi, dal supermaratoneta modenese Mauro Gambaiani, da Filippo Nordio e da Maurito Malavasi (figlio di Paolino), tutti e quattro con 17 giri (44,850) e zero birre. Quanto ad altri supermaratoneti, segnalo l’arrivo quasi in gruppo compatto del trio Bigi-Bacchi-Mascia, 17 giri e 5 birre ciascuno, sportivamente davanti a me di 2,640 km, ma puniti dalla poca birra che li lascia alle soglie dei 50 km virtuali (virtuali, o viziosi?) mentre il sottoscritto si issa a quota 58.

Naturalmente restavano a disposizione anche i beveraggi normali, le bevande e frutta solite, fresche e secche, più qualche verdura un po’ meno usuale (pomodori, carote, cetrioli), sotto la supervisione di altre gloriose ultramaratonete romagnole, come le sorelle Costetti e Anna Zacchi habituées del Passatore.

Il sole tramonta e sorge una luna pienissima, la temperatura si abbassa intorno ai 22/23 gradi. Dopo un sommario lavaggio con l’acqua fresca che sgorga da una gomma, ci attardiamo a parlare di diete e malanni e medicine con Elena Di Vittorio, senza accorgerci che nel frattempo la grigliata garantita ai partecipanti sta finendo (sembra che la cucina abbia dovuto interrompere le operazioni, dopo aver beneficiato delle sue grazie un po’ tutti i presenti non podisti); e quando mi presento al bancone, resta qualche stuzzichino, acqua minerale, la solita birra e un bicchiere di spumante per non so qual compleanno (ma l’anno scorso il vino rosso era ai tavoli).

A proposito: Elena replica ‘scientificamente’ alla mia battuta, se cospargersi di idrocortisone come antizanzare fosse doping: “Ogni molecola di farmaco definita cortisonico in realtà ha una farmacocinetica (assorbimento, metabolismo, escrezione, legame alle proteine plasmatiche) diversa, per cui alcuni sono vietati solo per uso sistemico (a seconda della via di somministrazione orale, intramuscolo, endovena, rettale), altri per tutte le vie (anche topica). Se uno si spalma Locoidon per una puntura di zanzara non è dopato, però se se lo iniettasse o lo ingerisse lo sarebbe. Idem con altri cortisonici”.

L’elaborazione delle classifiche seguirà a giorni; dei 113 in graduatoria (un aumento del 36% rispetto al 2018), c’è chi si è accontentato di quattro giri (10,5 km), con o senza aggiunta di birre; chi ne ha fatti addirittura 19 più 9 birre (eppure l’ho doppiato almeno quattro volte…); chi, arrivato quasi allo scoccare delle 6 ore in zona traguardo, ha ottenuto di proseguire per l’ultimo giro utile a fargli scattare il fatidico “punto” dei 42,208 cioè della maratona valida per le classifiche nazionali e mondiali. Così non fa Gregorio Zucchinali, presidente IUTA, che finisce con me (facciamo insieme quasi tutto l'ultimo giro, parlando di politica, di doping, di ricordi, di vecchi amici che non ci sono più); lui è un giro dietro, dunque a quota 39,6, ma si dichiara contento del risultato, visti gli acciacchi da cui sta quasi uscendo, ed esce dall'agone bevendo la quindicesima birra.

Insomma, qualche buon motivo per essere a Castelbolognese anche quest’anno l’abbiamo trovato tutti.

Lunedì, 17 Giugno 2019 12:42

Per amore, si ingolla anche l’Ortica

Una frase fatta recita che dietro a un grande uomo c’è sempre una grande donna. Beh certo, dietro all’editore Angelo Rizzoli c’è stata Eleonora Giorgi, dietro Onassis c’era Jacqueline ex-Kennedy, dietro Sollecito c’era Amanda, dietro Icardi c’è Wanda Nara ecc.

A volte può essere vero il contrario, o meglio, il reciproco. Ce ne siamo resi conto scorrendo le foto di Roberto Mandelli al recente Palio dell’Ortica, gara non competitiva ma dove gli atleti avevano il pettorale numerato e i primi arrivati sono stati comunque premiati:

 https://foto.podisti.net/p276415172/hce88e696#hce88e696

In questa prima foto della nostra scelta vediamo, al via in prima fila, secondo da sinistra con pettorale 145, un podista ampiamente tatuato sul suo lato destro, e dall’aspetto sicuramente molto atletico. Del tutto normale che, chi ritiene di avere chances per fare una buona gara, parta davanti onde non essere rallentato dai vari Fabio Maderna (o peggio ancora, se ci fosse stato, Fabio Marri). In una foto poco successiva, sempre prima della partenza, scopriamo un’altra tenuta nera, indossata da un gentile personaggio femminile che porta il pettorale 144

https://foto.podisti.net/p276415172/hce88e696#hce88e6c3

La gara comincia, e la gentildonna numero 144 balza in testa alla gara femminile. Eccola al primo passaggio:

https://foto.podisti.net/p411520951/hce88eac3#hce88eac3

To’ chi si rivede: a romperle l’aria, per renderglierla meno urticante c’è il nostro uomo tatuato, pettorale seminascosto, ma divisa del tutto identica. Vana appare la resistenza della seconda donna, la 556, che sembra potersi raccomandare solo al cielo.

Eccoci infine al traguardo: Mandelli sta per fissare il meritato arrivo, chissà, mano nella mano, della coppia, ma ecco il supremo atto d’amore (uso il termine in senso lato):

https://foto.podisti.net/p21857661/hce890495#hce890495

La vittoria femminile è tutta e solo di Lorenza Bianchetti (questo il nome della premiata); non sia mai che qualcuno del pubblico la voglia sminuire, o che il pacemaker pretenda una parte del premio come usa nelle grandi gare! Dunque, l’estremo sacrificio che arriva fino all’annullamento di sé: il pettorale 145 esce letteralmente di scena, forse non taglia nemmeno il traguardo (vedete la sua progressiva sparizione nelle foto 131-136).

A godere di quanto ‘seminato’ sembra essere invece un altro, stessa divisa ma numero 138, che nelle foto 143-146 schiocca un bel bacio (non ricambiato) alla vincitrice, poi esulta con lei. Siccome mi dicono che si chiami Gianluca Rundiciotto e sia persona squisitissima oltre che coordinatore del gruppo Urban Milano, non mi permetto di insinuare che faccia come il cuculo che sfrutta il nido costruito da altri uccelli: anzi, anche lui acconsentirà che si elogi il vero meritevole del tiraggio, colui che ha ingollato l’aria pungente delle Ortiche pur di garantire il successo di Lorenza.

Diamo tutti i meriti dunque ad Andrea Gornati, immediatamente riconosciuto dai presenti e da chi ha visto le foto: personaggio molto noto come preparatore atletico e allenatore, già collaboratore di Orlando Pizzolato, e adesso in proprio (omissis). Qualcuno in rete ha anche aggiunto motivazioni ‘speciali’ per giustificare il ‘tiraggio’ o, reciprocamente, il ‘succhiaggio’: ma qui si entra nella sfera personale e noi non lo seguiremo.

Ci basta aver segnalato questo supremo gesto di altruismo: almeno stavolta, dietro (o davanti) a una grande donna c’è stato un grande uomo.

Milano (Centro Sportivo Saini) 9° Palio dell'Ortica

Castelbolognese, 15 giugno – In attesa di riferirvi della quinta “6 ore della birra” (attendo le classifiche, per ora contentatevi delle foto http://podisti.net/index.php/foto.html ), vorrei dirvi di come l’antefatto e il “terzo tempo” di questa corsa siano stati conditi da franchi colloqui tra i due protagonisti della vicenda doping (prima ironicamente proclamata, poi un po’ sminuita, e nel frattempo stigmatizzata soprattutto via social). Intendo tra Mario Liccardi, che prima si è autodenunciato e ora continua a difendersi e precisarsi nei commenti al suo articolo online da alcuni giorni (http://www.podisti.net/index.php/in-evidenza/item/4206-un-tapascione-dopato-a-sua-insaputa.html), ed Elena Di Vittorio, la quale oltre a essere una ultramaratoneta di assoluto rilievo (l’anno scorso aveva vinto la 6 ore della birra, quest’anno è volutamente andata più piano perché reduce da un infortunio), ha due lauree nell’ambiente chimico-farmaceutico-biologico, ed è apprezzata biologa nutrizionista a Parma, dove vive (le ho anche gettato l’amo: perché non ci scrivi qualcosa di scientifico per Podnet?).

Ebbene, i due ‘contendenti’ si sono civilmente confrontati nell’imminenza della gara; dopo la corsa, essendosi Liccardi già avviato verso casa, sono stato io ad approfittare della squisita disponibilità della dottoressa-campionessa per fare un po’ il punto (senza pretendere di esaurire il discorso, tanto più che il mio tipo di laurea non consente di spingersi troppo in là su certi argomenti), anche con l’aiuto di qualche email, sulla questione che a quanto pare sta suscitando molto interesse.

Elena lamenta, come aveva scritto in un commento sul nostro sito:

 

Prima di citare un mio post a supporto di una tesi sarebbe bene leggere ATTENTAMENTE il testo: in questa citazione [quella fatta da Mario] viene "ribaltato" il significato dell'affermazione (che non è altro che un'evidenza scientifica assolutamente assodata ormai da decenni). Nel passaggio citato infatti si metteva in evidenza che con un utilizzo "occasionale" del cortisonico si ha la prevalenza degli effetti "positivi dopanti", che poi con l'uso prolungato vengono meno e risultano ampiamente sovrastati dagli effetti negativi. Non voglio far polemica, sono intervenuta soltanto perché tirata in ballo personalmente, ma solo puntualizzare. Non mi piace quando vengo citata riportando in modo travisato le mie parole.

 

A beneficio dei lettori che non sono su Fb (come il sottoscritto) ci siamo fatti mandare il “post verboso”, come l’ha definito la stessa Elena, messo in rete il 6 giugno. Per agevolare la lettura mi permetto di ridurlo un po’ e togliere le note bibliografiche:

 

LE AZIONI FARMCOLOGICHE DEL CORTISONE, QUESTE SCONOSCIUTE?

Il più gettonato tra gli sportivi è il cortisone, o meglio la classe dei cortisonici di sintesi ovvero molecole che mimano l'effetto del 11β,17α,21-triidrossipregn-4-en-3,20-dione volgarmente detto cortisolo endogeno.

Ebbene si, produciamo normalmente il cortisolo, o meglio lo producono quotidianamente in modo fisiologico le nostre ghiandole surrenali con un ritmo ben preciso (circadiano): tutte le mattine verso le 8:00 abbiamo il nostro picco ematico del cortisolo.

Come le gazzelle che ogni mattina quando si svegliano devono essere pronte a scappare dai leoni, anche noi dobbiamo essere rapidamente efficienti ed operativi, ed il cortisolo ce lo consente.

E' un ormone steroideo infatti che regola numerose funzioni fisiologiche, tanto che la sua mancata produzione è condizione patologica (MORBO DI ADDISON) che può rivelarsi anche pericolosa per la vita e che necessita di trattamento farmacologico con gli analoghi di sintesi.

Essendo il cortisolo fondamentale per il mantenimento dell'omeostasi idro-salina e per l'adattamento del corpo a qualsiasi situazione di stress la sua mancanza provoca, solo per citare alcuni sintomi:

astenia, ipoglicemia, affaticabilità, ipotensione ortostatica, anoressia, perdita di peso, intolleranza al freddo, vertigini, acantosi nigricans (macchie cutanee), depressione, ansia, irritabilità, difficoltà di concentrazione, amenorrea.

La produzione di cortisolo aumenta in condizioni di stress, quindi anche nel caso di attività fisica prolungata (un esempio a caso: nella corsa di resistenza). Questa iperproduzione è il principale spauracchio dei personal trainer che sconsigliano l'attività aerobica come se fosse il male assoluto e la principale causa dei loro "fallimenti" (quando, avendo visto innumerevoli diete dei PT, io qualche sospetto sulla vera causa di insuccesso dell'allenamento nella ricomposizione corporea ce l'avrei, ma questo è un discorso a parte).

Tralasciando il fatto che se i PT studiassero un po' saprebbero che anche esercizi ad alta intensità provocano un picco nella secrezione di cortisolo e che l'aumento di cortisolo circolante dipende dall'intensità e dal volume d'allenamento nel caso di attività di resistenza e provocano un aumento superiore soprattutto quelle che comportano una maggiore produzione di lattato, l'azione in acuto del cortisolo è la risposta fisiologica allo stress volta al mantenimento dell'omeostasi, e non provoca i danni che invece sono conseguenti ad una iperproduzione cronica (o ad un'assunzione prolungata di cortisonici esogeni, ovvero farmaci).

I danni si manifestano in seguito ad un'iperproduzione cronicizzata di cortisolo, da stress prolungato mal gestito nel tempo: il famigerato OVERTRAINING.

Il CORTISOLO modula un gran numero di funzioni fisiologiche:

- METABOLISMO: stimola lipolisi e gluconeogenesi, utilizzo delle proteine per produrre glucosio con conseguente aumento della glicemia.

- BILANCIO IDRICO E SALINO: favorisce il riassorbimento di SODIO e l'escrezione di POTASSIO e CALCIO a livello renale.

- SISTEMA IMMUNITARIO: esercita azione antiinfiammatoria e di immunosoppressione.

- APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO: mantenimento della gittata cardiaca, aumento del tono arteriolare, riduzione della permeabilità endoteliale.

- stimola il riassorbimento osseo e la perdita di massa muscolare.

- facilita l'azione di glucagone e catecolamine in risposta a stimoli stressanti.

 In pratica a livello fisiologico la funzione principale e' quella ergogenica (che è l'effetto "collaterale" dei farmaci corticosteroidei che li rende DOPING) , mentre a livello farmacologico le azioni ricercate sono quelle che si definirebbero per l'ormone endogeno EFFETTI COLLATERALI (soppressione della reazione infiammatoria e delle reazioni allergiche).

Quindi affermare che un cortisonico è un banale farmaco utilizzato per curare un'allergia è evidentemente una sciocchezza. Non è un farmaco "banale" ed ha indicazioni terapeutiche ben precise, per cui vanno preferite opzioni terapeutiche alternative quando non strettamente necessario sulla base di un discorso di rapporto rischi-benefici (anche se l'eccesso prescrittivo di corticosteroidi in Italia è estremamente diffuso. Questa è una mia personalissima considerazione).

I corticosteroidi assunti per non oltre una settimana continuativa producono innegabili vantaggi in termini di miglioramento di performance, riducendo la fatica ed il dolore, ottimizzando il metabolismo sotto sforzo e agendo in cooperazione con le catecolamine migliorano anche la performance cardiaca e provocano euforia.

Chiaramente con l'uso prolungato (per moltissime patologie purtoppo è necessario) prevalgono gli effetti collaterali negativi anche gravi (depressione,ipertensione, diabete, osteoporosi, riduzione della massa muscolare, accumulo di grasso addominale, ecc...).

 

Ho messo in neretto quest’ultima frase perché era quella che Mario citava e in un certo senso faceva propria, sia pur mettendo in dubbio l’azione dopante per una sola assunzione a due giorni dalla gara.

Mario ha ribadito la sua convinzione nell’ultimo (per ora) commento aggiunto al suo pezzo ‘storico’, commento che riporto qua perché non è facilissimo leggerlo ‘in chiaro’ sul sito (il trucco è cliccare su “Rapporto”).

In occasione della sei ore della birra a Castelbolognese (mi sono ritirato al 23^ km per troppo caldo), ieri ho avuto una franca discussione con Elena di Vittorio. Relativamente alla prima parte del confronto, circa il dotto post sulle azioni farmacologiche del cortisone, Elena ha sostenuto che le sue affermazioni sono state mal interpretate o travisate: non avendo io tenuto conto di una negazione, ho distorto il senso della frase.

Cosa ha scritto Elena? [segue la prima frase riportata sopra in neretto]

Cosa ho capito, magari in maniera non corretta?

Che il cortisone assunto fino a non oltre una settimana continuativa, quindi fino sette giorni di seguito, produce benefici che aumentano progressivamente giorno dopo giorno.

Tempo fa ad esempio, dietro prescrizione medica mia moglie ha assunto Bentelan per 4 giorni consecutivi: il dolore reumatico o artrosico che, specialmente durante la notte, si irradiava dalla schiena fino al piede della gamba destra impedendole di dormire, solo al quarto giorno è miracolosamente sparito.

Cosa ho scritto? “Segnalo di non aver mai assunto il Bentelan per non oltre una settimana continuativa. Lo prendo solo alla bisogna, poche volte nell’arco di maggio e giugno. Quest’anno, una volta sola. Non so quindi fino a che punto abbia mai influito nelle mie prestazioni sportive”.

Ho distorto il senso dell’affermazione di Elena? Non mi pare.

 

Bè (commenta Elena), è quasi come citare Burioni in un testo contro l'uso dei vaccini… Da parte mia, direi che Mario, sebbene abbia letto e trascritto da Elena che il cortisone nella prima settimana di uso aumenta le prestazioni sportive, continua a dubitare che ciò sia accaduto nel suo caso, dato che ne ha presa solo una fiala (e aggiunge l’esempio di sua moglie, dove gli effetti si sono visti solo al quarto giorno d’uso).

Per curiosità, sono andato a leggere il foglietto illustrativo del Bentelan  (su internet, sperando che non l’abbia scritto il dr. Google). Trascrivo con tagli:

 

Bentelan fa parte della categoria dei Corticosteroidi sistemici - glicocorticoidi.

La terapia corticosteroidea può trovare indicazione in una vasta gamma di malattie. Tra le principali vanno ricordate:

asma bronchiale [che, chissà perché, affligge molti sportivi di alto livello, NdR]

allergopatie gravi [è il caso di Mario];

artrite reumatoide

collagenopatie;

dermatosi infiammatorie;

Precauzioni per l'uso

Durante la terapia possono manifestarsi alterazioni psichiche di vario genere: euforia, insonnia, mutamenti dell'umore o della personalità, depressione grave o sintomi di vere e proprie psicosi. Una preesistente instabilità emotiva o tendenze psicotiche possono essere aggravate dal glicocorticoide.

Con l'uso inalatorio: raramente si possono verificare una serie di effetti psicologici e comportamentali che includono iperattività psicomotoria, disturbi del sonno, ansietà, depressione, aggressività, disturbi del comportamento (prevalentemente nei bambini).

Nei pazienti anziani la terapia, in particolare se prolungata, deve essere pianificata in considerazione della maggiore incidenza degli effetti collaterali quali osteoporosi, peggioramento del diabete, dell'ipertensione, maggiore suscettibilità alle infezioni, assottigliamento cutaneo.

La posologia di mantenimento deve essere sempre la minima in grado di controllare la sintomatologia; una riduzione posologica va fatta sempre gradualmente durante un periodo di alcune settimane o mesi in rapporto alla dose precedentemente assunta ed alla durata della terapia.

PER CHI SVOLGE ATTIVITÀ SPORTIVA

L'uso del farmaco senza necessità terapeutica costituisce doping e può determinare comunque positività ai test anti-doping.

 

Ecco, forse queste ultime righe erano state ‘saltate’ da Mario. È però vero che qui si parla di “uso senza necessità terapeutica”, che invece in Mario c’era. A questo punto, come sollecitano le vestali dell’antidoping, Mario deve starsene sul divano fino alla cessazione degli effetti del Bentelan, oppure può continuare a svolgere attività sportiva senza lucrarne prosciutti ed eurini? (era il senso anche dei quesiti di altri due lettori).

Elena privatamente mi ha risposto: Ogni cortisonico ha un'emivita differente, il calcolo esatto però è molto complicato perché i cortisonici si accumulano nel grasso corporeo, quindi i livelli circolanti variano in base a quanto ne è stato assunto ma anche in base alle caratteristiche fisiche del soggetto.  In seguito a singola somministrazione è più prevedibile e si desume dal foglietto illustrativo (alla voce proprietà farmacocinetiche).

Purtroppo non ho trovato questa voce nel foglietto online (che parla solo di “escrezione quasi completata nelle 24 ore”: significa che dopo 24 ore il farmaco circola perfettamente, o viceversa che non ce n’è più traccia, o non ha più efficacia? Opterei per la prima risposta). E ribadisco il mio parere: chi come Mario a Monselice si classifica 13° su 35, con 48,414 km percorsi in 6 ore (cioè andando ai 7:30 /km), non credo che prenda farmaci per doparsi. Se li prende, dietro prescrizione medica, per star bene (o addirittura come salvavita), perché vietargli di gareggiare senza fini di lucro?
Faccio un paragone personale ma estremo e semi-immaginario, nel senso che l'ipotesi prospettata non si è poi realizzata: nel marzo 2003 ebbi un forte attacco di ulcera, il mio ematocrito andò a 30 e l’emoglobina a 10. Se mi avessero curato con l’epo e due mesi dopo avessi corso il Passatore (cui ero già iscritto), sarei stato un drogato passibile di squalifica? Cioè la mia assunzione di epo sarebbe stata vista come un tentativo di andare più forte al Passatore?

Ma in realtà: non mi prescrissero l’epo, per riportare il sangue a livelli più decenti mangiai chili di milza, di fegato e di fiocchi d’avena, l’unica medicina prescritta fu l’ acido folico – oltre ovviamente all’omeoprazolo -, e due mesi dopo corsi il Passatore in meno di 13 ore. Magari con l’epo facevo 12:30 e arrivavo 150° anziché 178°… E chissà se l’omeoprazolo, che prendo ancor oggi come ‘richiamo’ una volta l’anno, sta pure esso nella lista nera …

Tornando all’oggi: la sera prima della 6 ore, un medico intervistato da un Tg nazionale ha sostenuto che il rimedio più efficace contro le zanzare è l’idrocortisone. La cosa è confermata da vari siti internet: per esempio il “Corriere salute”:

Applicare idrocortisone in crema

Come viene spiegato sul National Library of Medicine, questo preparato antiinfiammatorio ad uso topico è efficace per ridurre il calore provocato dalla puntura di zanzare e il successivo gonfiore, dando anche sollievo al prurito.

Il consiglio: una crema a base di idrocortisone allo 0,5% o all'1% applicata un paio di volte al giorno dovrebbe riuscire ad alleviare il prurito.

(Altrove)

 L'idrocortisone contiene una piccola quantità di steroidi (1% della soluzione) che aiuta a prevenire il prurito.

Magari, tra i partecipanti alla 6 ore qualcuno si era preventivamente spalmato di questa crema: dopato?? Wada, accorri!!

La presenza su Podisti.net del padre Pasquale Castrilli, missionario Oblato di Maria Immacolata, e corridore anche di lunga lena (13 maratone, una ventina di mezze e tante gare più corte, quando lo permettono i tanti viaggi intercontinentali per missioni), data dal gennaio 2018. La sua rubrica “Correre con lo spirito” (italianizzazione di “Running & Spirit” che era tra le proposte iniziali, insieme a “Il cavallo di S. Francesco”) è diventata un appuntamento, seppure a liberi intervalli imposti dagli eventi.

In attesa che padre Pasquale ci mandi un’altra puntata, abusiamo del suo tag per dire del libretto Evangelii Gaudium. La staffetta dei sacerdoti runners sulle pendici dell’Etna (Roma, Editrice Missionari OMI, maggio 2019, 58 pagine, € 6.50): l’occasione scaturisce dalla vittoria dei  parrini, dei tre sacerdoti assemblati e ‘allenati’ da padre Pasquale, alla 12^ edizione della Supermaratona dell’Etna del 9 giugno 2018, col record del percorso (di cui voi lettori sapeste in anteprima). Record che rischia di resistere all’infinito, non solo per il suo valore assoluto ma soprattutto perché, lo scorso sabato 8 giugno, la Supermaratona si è svolta solo come gara individuale e non più a staffetta (153 partecipanti, dominati da Francesco Mangano in 4:19, con 19 minuti di vantaggio su Francesco Cesare; prima donna, l’ungherese Agnes Korodi in 5:22): la presenza dei religiosi era comunque assicurata da una copia del libretto nel pacco-gara dei concorrenti…

La prima parte del testo rievoca, con ricchezza di dettagli, le tre frazioni corse della scalata etnea: a prendere il via per primo (dopo la benedizione a tutti gli atleti, impartita con acqua marina dal terzo staffettista) è don Vincenzo Puccio (cui padre Pasquale, che era stato primo frazionista nell’edizione dell’anno precedente, cede il ruolo), seppur reduce da una pubalgia che l’ha tenuto fermo un anno: soffre, ma conclude i 14,5 km in 1.07, terzo a cinque minuti dalla prima squadra. Dà il cambio a don Gianni Buontempo, molisano, che supera tutti chiudendo i suoi 19 km in 1.35, primo! Ed ecco la novità della staffetta 2019, il prete trentino don Franco Torresani, che copre i quasi 10 km del suo tratto, con pendenze proibitive fin sotto la vetta dell’Etna, col nuovo record parziale di 59:01, ciò che produce un tempo complessivo di 3.41:54, 23 minuti davanti ai secondi!

La vittoria non è però tutto: il libretto prosegue raccontando della messa, celebrata dai tre e da altri confratelli, nella chiesa madre di Linguaglossa, prima delle premiazioni; e di un nuovo incontro, l’indomani, con un gruppo di corridori messinesi cui don Gianni illustra il concetto del “dare il meglio di sé”; come padre Pasquale ha fatto per i frequentatori di Podisti.net il 4 luglio 2018: http://podisti.net/index.php/commenti/item/1919-dare-il-meglio-di-se-lo-sport-e-la-fede.html

 

Molto interessanti poi, dal lato umano,  i ritratti dei tre protagonisti della staffetta: don Puccio, oggi parroco a Barcellona Pozzo di Gotto, ma atleta… fin dalla nascita, che però fu temporaneamente strappato allo sport dal rettore del suo seminario; solo nel 2010 tornò alle corse, con una Roma-Ostia terminata in 1.15. Il 2015 sarebbe stato l’anno dell’esordio in maratona, ma quella maledetta gara di Messina venne sospesa pochi istanti prima del via (c’ero anch’io, che da allora non ho più messo piede a Messina: don Vincenzo invece c’è tornato nel 2019 arrivando secondo alla maratona, e vincendo poi la vicina maratonina dei Nebrodi). Esordio però rinviato di poche settimane, a Treviso nel marzo 2015, dove chiuse in 2.29. Un po’ peggio invece a Milano quest’anno, dove alla partenza l’azzurro Stefano La Rosa gli chiese la benedizione, mentre don Puccio ebbe bisogno di molte preghiere alla Madonna per arrivare in fondo!

Ha sempre fatto sport, invece, don Franco Torresani, il trentino che veleggia verso i 60 anni, attualmente parroco ad Arco (dopo esserlo stato in val di Non), addirittura quattro volte nazionale azzurro di corsa in montagna (dove ha ottenuto 5 titoli mondiali e 4 europei). Corre anche quando visita a casa i suoi parrocchiani, che ovviamente tifano per lui nelle corse ufficiali (chi scrive lo incrociò al giro della Val di Fassa nel 2001): 31:16 nei diecimila, 1.19 nella maratonina (campione italiano M 40 nel 2002); 2.33 in maratona a Reggio, con un’occasione perduta a Firenze nel 1999 quando crollò nel finale; e sembra che questo sia stato il suo addio ai 42 km.

Don Gianni Buontempo invece viene dal mondo delle campestri e delle non competitive, e per scoprire le maratone aspettò l’epoca in cui si trovava a Washington come docente di seminario, nel 2007: lì gli venne chiesto di correre la Marine Corps Marathon, per raccogliere fondi a vantaggio dei seminaristi più poveri. L’entusiasmo degli americani lo contagiò, e don Gianni ha finito per correre cinque volte quella 42, con un miglior tempo di 2.32, a 40 anni. Degli americani gli piace lo spirito pienamente dilettantistico, a volte folcloristico con punte di sconsideratezza (come la ricerca delle corse estreme, le 100 miglia, le 50 maratone nei 50 stati…), certo meno competitivo ed esasperato degli italiani, dove ha l’impressione che chi non è “performante” sia tenuto ai margini della considerazione sportiva. Per don Gianni la corsa deve essere una “dipendenza lieve”, non fine a se stessa, ma capace di insegnarti il sacrificio, le levatacce, la dieta, insomma quello che una volta si chiamava la vita monastica.

Tutto questo, possiamo ben dirlo, è “correre con lo Spirito”, ma senza dimenticare le esigenze materiali di chi ha meno di noi: così la neonata Athletica Vaticana raccoglie scarpe da corsa da inviare in Africa; e il nostro padre Pasquale cerca fondi per le missioni, anche attraverso il suo sito www.pasquale castrilli.it.

In gara, ogni passo ci porta verso il traguardo; nella vita, ogni obolo, anche modesto, può servire a portare qualche altro verso i suoi legittimi traguardi.

Giovedì, 13 Giugno 2019 00:22

Modena, 1° Rugby Run

12 giugno - In un panorama del podismo emiliano orientato più sul levare che sull’aggiungere (è di oggi la notizia dell’ennesima soppressione di gara “per motivi di organizzazione”, all’interno del circuito dei festival dell’Unità modenesi; mentre le statistiche della pur celebrata corsa di Castellarano danno un impietoso -20% dei competitivi), fa piacere segnalare la nascita di una nuova gara, non legata né a fini partitici né alla necessità di mettere a tavola qualche centinaio di persone, ma originata da una società sportiva, a soli fini sportivi: la Modena Rugby 1965, la squadra che ebbe Luciano Gigliotti tra i suoi fondatori e tecnici, e che ha invitato i podisti presso la sua sede, relativamente nuova, in una frazione di Modena (Collegarola) finora trascurata dalle corse, forse a causa dell’essere stretta fra due statali molto trafficate (eppure chi scrive la usa spesso per i propri allenamenti, trovandosi tra immense distese di grano e qualche vigneto, quasi in assenza di traffico ora che l’unica attività commerciale in loco ha chiuso).

Gara non competitiva, prezzo canonico di due euro che ha dato diritto alla confezione di tre piade - ultimamente divenuta il premio tipico del podismo (come sono lontani i tempi della bottiglia di lambrusco o di bianco frizzante!) -, tre percorsi di 1,5 (concepito espressamente per i figli dei podisti, che venivano accompagnati dagli organizzatori in un circuito dedicato), 5 e 10,7 (che poi al Gps risulteranno 11,1).

Malgrado la piaga dei partenti anticipati, già un’oretta prima delle 19,30 indicate (mi sta venendo un’idea, alternativa a quella di instradare i partenti anticipati su strade sbagliate e percorse dai Tir: perché non fare come nelle 6 ore, cioè all’interno di un certo orario ciascuno parte, arriva, si ferma, va al cesso ecc., quando gli pare, ovviamente sotto la sua responsabilità?), al via ufficiale saremo stati almeno 400, che in confronto a recenti esibizioni (a Modena in giugno si corre tutte le sere) era tanta gente.

Dopo un km e mezzo in comune, nell’abitato di Vaciglio (prima mitica stazioncina della defunta ferrovia Modena-Vignola) i percorsi si dividevano: i 5 km restavano più o meno nella periferia di Modena città, mentre gli 11 erano instradati verso sud, lungo la ciclabile dell’ex ferrovia, anch’essa piuttosto trascurata dal podismo, fino a oltrepassare quella che per i vecchi modenesi è la Ciam e per gli altri è Casa Modena (già sede di due simpatiche corse, estinte già a principio del millennio), poi affrontare la nuova ciclabile sterrata del Lungo Tiepido, sottopassare l’autostrada nei pressi del casello di Modena sud, e procedere poi in parallelo all’autostrada, lungo una stradetta mai calpestata dal podismo ufficiale (c’ero passato io una volta, in un vagabondaggio podistico, e siccome non trovavo un ponte sul fiume per tornare verso casa, ero salito sulla corsia d’emergenza dell’autostrada per usare il suo ponte...).

Proprio qui mi dicono della morte, ieri, del vecchio amico podista Paolo Fantoni, che non aveva smesso di correre (persino le maratone) nemmeno quando un tremendo incidente stradale, che l’aveva tenuto in coma per mesi, l’aveva privato di una gamba. Sicuramente Paolo, nei nostri anni giovani, avrà cantato la canzone dei nostri compaesani Nomadi: “Per fare un uomo ci voglion vent'anni - per fare un bimbo un'ora d'amore - per una vita migliaia di ore - per il dolore è abbastanza un minuto”.
Come Ulisse alla morte del suo fido Argo, ci asciughiamo una lacrima ritrovando il cavalca-autostrada nei pressi della Ciam-Casa Modena.
Da qui, ultimi 3 km di nuovo verso il traguardo, allestito in modo suggestivo tra le due porte ad H del campo principale da rugby, erbosissimo e popolato da bambini piccolissimi che si avviano allo sport. Nel sole che tramonta, chiudono gli arrivi le sorelle Gandolfi col loro ‘custode’ Lolo Tiozzo di Ovunque viaggi; a Margherita mettono in mano una palla da rugby, e solo allora suo cognato Italo (fotografo in crisi di identità) estrae il telefonino e riprende la scena.

Ristoro di acqua, tè e agrumi, premiazioni di società con gran dispiego di vini; 'terzo tempo' alimentare, mi dicono, un po' lungagnone. Un bell’esordio, speriamo non finisca qui.

9 giugno - Una delle gare più amate dai reggiani e dai modenesi, che la vedono inserita nei rispettivi calendari provinciali di podismo, da 25 anni affianca, alla rituale corsa collinare non competitiva di 12/13 km (nata come “corsa di Tressano”, ai tempi che la società era gestita dal vecchio Bertucci, sempre molto galante con le signore), una competitiva a circuito, quest’anno compresa anche nel campionato regionale Corriemilia Uisp come settima di 15 prove.

Tre giri da 3200 metri, con leggeri saliscendi (per un dislivello totale di 70 metri) e arrivo con giro quasi completo della brutta e inutile pista di bitume dello stadio di Castellarano; cronologia sfalsata di tre quarti d’ora dalla non competitiva (cui sono dedicate le foto 5-86 del servizio di Nerino), ad evitare commistioni e intrufolamenti di podisti risparmiosi, cui secca di pagare i 10 euro dell’iscrizione e pretenderebbero di cavarsela coi 2 euro del calmiere. Nell’intervallo si svolgono, in pista, le gare dei giovanissimi, su distanze differenziate secondo età (foto 87-157).

Ottimamente distribuiti e gestiti i parcheggi in un raggio di 300 metri dal raduno; percorso totalmente chiuso al traffico, con due punti di ristoro e uno spugnaggio ogni giro.

L’ordine d’arrivo subisce un deciso ribaltone, rispetto all’albo d’oro della gara, che negli ultimi 6 anni per gli uomini e gli ultimi dieci per le donne presentava presso che gli stessi nomi ai primi tre posti, magari con oscillazioni tra la vittoria e le piazze d’onore. In questo 2019 invece hanno prevalso due ventiseienni, e davvero ci vuole uno slancio di giovinezza in un mondo podistico che tende a propinare immagini fotocopia degli stessi collezionisti di premi in natura ed eurini.

Abissale il distacco che Francesca Cocchi, gioiello della Corradini Excelsior Rubiera (17:12 sui 5000 e 35:39 sui 10000 in pista, 35:10 sui 10mila in strada, 1.18:22 in maratonina a 21 anni, ma che si è cimentata anche nel salto in lungo e nella corsa a ostacoli) ha inflitto alla sua compagna di società (sebbene oggi presentatasi con tesseramento Uisp) Laura Ricci, vincitrice a Castellarano delle ultime tre edizioni e di un’altra nel 2012:  Francesca, undicesima assoluta, ha finito in 36:49 (foto 320 di Domenico Petti, 525 di Nerino Carri), contro i 39:25 della Ricci (foto 543 Carri) che a sua volta ha preceduto di 26” la solita Rosa Alfieri (foto 548: vincitrice nel 2015, terza nel 2009, 2010, 2013, 2017 a confermare quella ripetitività di cui dicevo).

Più ristretto il margine del modenese Tamassia (del tutto nuovo al podio in questa gara, ma che nel Corriemilia 2019 aveva già vinto la tappa di Ferrara il 1° maggio): 34:05 per lui (vedi foto 285 di Petti prima del via, poi in azione foto 513, 515 di Nerino), 16 secondi meglio di Salvatore Franzese (secondo anche l’anno scorso, terzo nel 2014 e 2017), il quale a sua volta ha avuto la meglio per 3 scarsi secondi su Andrea Bergianti, terzo pure l’anno scorso.

I classificati sono 229 di cui 54 donne: tra queste, scopriamo quasi appaiate, in discreta posizione intorno ai 47 minuti, due (si può dire?) cinquantenni, la dietologa modenese Chiara Mezzetti e la reggiolese Antonella Benatti, che ai tempi del primo Podisti.net ci istruì su come lei corse fino all’estremo termine della gravidanza. Poco dietro, ai 48 minuti, altre due coetanee, la modenese Roberta Mantovi (che prima di correre fa sempre un giro fotografico dei partenti) e la ‘nostra’ Valentina Gualandi. Personalmente, taglio il traguardo insieme alla meno giovane del lotto, la prof novellarese Maria Pia Verzellesi (foto di Petti 693), ricordando quando 18 anni fa lei presentò un mio libro (18 anni fa, ripeto!). Mentre ce lo diciamo sul rettilineo finale, un giovanotto correggese quarantenne e poco ‘cavaliere’ ci supera allo sprint; pazienza, perlomeno lasciamo indietro Roberto Manini della Biasola, che insiste a chiamarmi prof sebbene io protesti che in corsa sono ormai peggio di un … ripetente.

Naturalmente, i maschi buoni sono già arrivati da un pezzo, e i Modena Runners hanno consolidato il primato nella classifica di squadra del Corriemilia piazzando sesto Luca Gallinari (davanti al mirandolese Roberto Bianchi, l’ultimo a doppiarmi mentre stavo finendo il secondo giro…), 10° Fabrizio Manni, 16° il ‘sindaco’ Luca Gozzoli che batte allo sprint il più anziano dell’élite, il reggiano Claudio Gelosini, alle soglie dei sessanta; mentre l’altra vecchia gloria Stefano Baraldini, classe 1962, finisce 36°, appena dietro Rosa Alfieri.

Un altro ‘62 di cui sono piene le cronache sportive è Antonio Lo Conte, altro Modena Runner, che con 41:38 precede a spalla il coetaneo e compagno di squadra Giordano Castelli. Appena prima è arrivato il poco più giovane (del ’66) Guido Menozzi da Correggio, che saluto ogni volta come secondo assoluto in una maratona di Tromso in cui gli fecero sbagliare percorso, e qui è 52° in 41:21.

“E via via tutti gli altri” (come dicevano i cronisti di ciclismo delle volate in gruppo), salutati per nome all’arrivo da Roberto Brighenti, filmati e fotografati contemporaneamente da Nerino nel suo personalissimo stile ‘inclinato’, mentre Domenico Petti, dopo aver fornito un’ampia panoramica del ritrovo nelle sue prime cento foto, e ancora dalla 200 alla 260, attende poco prima dell’ingresso nello stadio, dove poi entra per gli arrivi (guardate la foto 707, col giudice Giaroli che quasi frena il rush di Maurizia Gambarelli!).

Di lusso il pacco gara anche per chi non vince niente (i premiati per meriti sportivi saranno una quarantina): salamino, trancio di mortadella, aceto balsamico (la cinquantesima bottiglia da podismo che finisce in un armadio della cantina), asciugamano.

Per i non competitivi, biscotti, che si trovano in abbondanza anche al ristoro finale (foto Petti 222-224), privo però di frutta (ma Petti dimostra che all’inizio gli spicchi di limone c’erano). Beh, anche in queste gare top, qualcosa da ridire c’è sempre…

Per chi ha passato gli anta, il nome di Eleonora Giorgi richiama l’attrice sex symbol classe 1953, protagonista (immaginate in quali, ehm, vesti) di film come Storia di una monaca di clausura o Appassionata o  Conviene far bene l'amore, e senza veli pure sulle pagine di Playboy, poi sposata a un partito decisamente ‘buono’ come Angelo Rizzoli che alla separazione (voluta dalla Giorgi Prima quando Rizzoli cadde dal piedistallo) dovette lasciarle cinque miliarduzzi degli anni Ottanta.

E lasciamo perdere il resto, fino all’annuncio di voler finire i suoi giorni in convento (non è però chiaro se per ‘rifare’ la monaca del suo primo film), spostandoci nel più spirabil aere dello sport all’aria aperta, con la Seconda e più vera Eleonora Anna Giorgi, milanese purosangue, trent’anni non ancora compiuti (li farà il 14 settembre). A quindici anni cominciò col mezzofondo, poi un infortunio la costrinse a optare per la marcia, dove trovò un maestro come Giovanni Perricelli da Quarto Oggiaro (medaglia d’argento nella 50 km ai mondiali del 1995), che l’ha portata al record italiano dei 20 km, fatto scendere da Eleonora tra il 2014 e il ’15 fino a 1h26:17; e al record mondiale dei 5000 in pista (20:01, cioè in pratica quei 4’ a km che costituiscono il sogno di molti podisti). Ultima impresa: il 19 maggio a Alytus in Lituania ha vinto l’oro in Coppa Europa nei 50 chilometri col nuovo record continentale di 4 h 04: 50.

Ma  siccome di sola marcia non si vive (tanto più che nella marcia puoi sempre incontrare dei giudici severi, che ti squalificano se non ti vedono affondare il tacco nell’asfalto o nella pista), Eleonora si è laureata a pieni voti in Economia alla Bocconi di Milano, dunque va un po’ sulle orme di Mario Monti (sperando che la sua pensione non sia quella voluta dall’altra prof, Elsa Fornero).

Nel frattempo, sulle sue orme si trova spesso il nostro Roberto Mandelli, ad esempio lo scorso 26 aprile al Walk & Middle Distance night di Milano

https://foto.podisti.net/f741785130

o al Centro federale di Cascina S. Fedele, dove è di casa anche il suo tecnico Perricelli

https://foto.podisti.net/p114753245/h7783e67f#h7783e67f

 

La marcia non è uno sport tanto lontano dal podismo, capita anzi spesso di incontrare, nelle gare più lunghe, dei tapascio-maratoneti che avanzino di marcia, sia secondo i dettami canonici, sia comunque tenendo sempre almeno un piede al suolo. Dunque salutiamo anche da queste colonne la ‘cugina’ Eleonora Anna, sicuri che se si presentasse a una delle nostre maratone ruspanti ci darebbe la polvere.

E vedremo se tra tanti nani e ballerine che occupano le ribalte (vedi all’inizio), per lei, oltre alle medaglie conseguite sul campo, ci sarà anche quell’Ambrogino d’oro che molti le auspicano.

Eleonora Giorgi (II), nostra ‘cugina’ maratoneta del tacco-punta

Ci è pervenuta per conoscenza questa lettera inviata all’Uisp Pistoia il 3 giugno scorso:

La seguente per comunicarvi che:
vista la totale assenza di sponsor, le elezioni avvenute il 26 Maggio nel comune di Lizzano in Belvedere (ove ci è stato un alto rischio di commissariamento) il quale non può purtroppo venirci in aiuto e le difficoltà  di permessi per chiusura e/o deviazioni di traffico sulle strade interessate da nostra manifestazione, vi annunciamo che, a malincuore, la manifestazione podistica Porretta Terme- Corno alle Scale in programma il 28 Luglio è annullata. Noi come organizzatori siamo comunque disponibili a cederla se qualcuno volesse farla al posto nostro.
Restando a disposizione per eventuali chiarimenti porgiamo
Distinti saluti

Matteo Giovannelli, Laura Ori 

Per chiarire: alle elezioni comunali di Lizzano si è presentato un unico candidato, Sergio Polmonari, sotto il nome di una lista civica, che ha ottenuto il 100% dei 1033 voti validi, senza considerare 250 tra schede bianche o nulle. Ha votato il 66% degli aventi diritto, dunque è stato scongiurato il pericolo della nomina di un commissario prefettizio, che sarebbe scattata se i votanti non avessero raggiunto il 50%.

La gara annullata avrebbe avuto sviluppi di 29,6 e di 15,5 (per il percorso ridotto), ed era organizzata dalla Silvano Fedi di Pistoia. Clamoroso era stato l’episodio dell’edizione 2017, con la “vittoria” dello squalificato Roberto Barbi, cui era stato consentito di correre e che addirittura era stato scortato in gara (fu detto, per errore) da un mezzo dell’organizzazione.

https://www.podisti.net/index.php/commenti/item/1807-a-volte-ritornano-barbi-braccato-da-stefano-la-sorda.html

Dopo di che, la gara era stata riproposta per il 2018, ma fu annullata quasi in extremis con un’altra lettera degli stessi due di cui sopra: 

I sottoscritti organizzatori Matteo Giovannelli e Laura Ori comunicano quanto segue.

Vista la mancanza di fondi, la manifestazione podistica Porretta Terme-Corno alle Scale del 29 Luglio 2018 per il corrente anno è annullata.

Ci scusiamo per la comunicazione un po' tardiva, ma abbiamo voluto provare ogni strada possibile prima di rinunciare.

Cogliamo l'occasione per porgere distinti saluti.

(Il dopo-Barbi non è ancora cominciato…).

 

Rieti, geograficamente situata a metà dell’Italia sia come longitudine sia come latitudine, si appresta a ridiventare il centro delle maratone di inizio estate.

Il 9 giugno, alle 9 di mattina, prenderà il via dalla zona Vazia (Via F. M. Malfatti, a 455 metri di altitudine) la 4^ Maratona e Mezza maratona del Terminillo Plus, aperta agli iscritti Fidal ed Eps, che dopo 4 km di tracciato ondulato affronteranno 14 km di salita (parzialmente sterrata) fino ai 1620 del Terminillo; seguiranno 6 km ondulati e poi la discesa in senso inverso. La mezza maratona invertirà la direzione a Pian de Rosce, dopo 7 km di salita.

La quota iscrizione è fissata in 35 e 25 euro, rispettivamente; ci si potrà iscrivere anche la mattina della gara con un supplemento di 5 €. Il pacco gara è garantito ai primi 200 iscritti.

Siti utili: www.runnersrieti.it  www.dreamrunners.it   www.icron.it

Recapito telefonico dell’organizzatore Felice Petroni: 3280825088.

 

Appena il tempo di riposarsi, e dopo due settimane scattano, dal 21 Giugno al 2 Luglio, le 12 MARATONE in 12 GIORNI, su 12 percorsi diversi (disponibili anche su chilometraggi minori, detti Lunghissimi, Medi e Family Run).

Nel capoluogo si svolgeranno 6 gare, ma si inizierà con le prime 3 tappe (21-22-23 Giugno) a Piedicolle, frazione di Rivodutri, celebre per le Sorgenti di S. Susanna. Le tre tappe restanti saranno in comune di Contigliano (dove si trova il Santuario di Greccio)

Le iscrizioni alle gare si chiuderanno il 20 giugno: l’iscrizione a tutte le 12 maratone costa 300 euro (mentre le gare singole costeranno fra i 30 e i 35 euro); per le gare più brevi oscilla tra i 120 / 150 e i 250 euro.

Per entrare in classifica occorrerà aver completato almeno 6 gare del circuito scelto. Saranno premiati i primi 3 di ciascuna delle 10 categorie maschili e 8 femminili previste.

L’organizzazione offre anche pacchetti  “Sport-vacanza in provincia di Rieti”, da prenotare entro il 10 Giugno, con prezzi che per il pernottamento e prima colazione si aggirano sui 25/35 euro a notte.

25 maggio - 3410 iscritti, 2668 arrivati: tornavo al Passatore dopo 14 anni (dichiaratamente per l’ultima volta come atleta: è bene chiudere da sé certi files prima che provveda madre Natura, e finché i nipotini guarderanno al nonno come a una persona da amare, non un fanatico da baraccone). Nel 2005 eravamo partiti in 1300 e arrivammo in 808: dunque il Passatore è triplicato, quasi esclusivamente per il tributo che gli concedono gli italiani (oltre il 95% degli iscritti), da tutto lo Stivale (frequentissimi in corsa gli accenti romaneschi, napoletani e veneti, oltre ai due ‘di casa’ tosco-romagnoli).

Arrivando in stazione di Firenze verso le 11,30, e poco dopo salendo sul bellissimo nuovo tram per le Cascine, la gente in tuta e scarpette era se non la maggioranza, quasi. I primi che incontro (vedere le foto 1 e 2 del servizio che l’insostituibile Mandelli ha assemblato e continuamente ritoccato) sono Marina  Mocellin, una ultramaratoneta bolognese adottiva che invecchiando va sempre più forte e ha da poco finito i 125 km della Via degli Dei; e Armando Rigolli, motore della Abbotts Way, e che pubblicizza la sua maratona-trail di Ferragosto (“ma guarda che non è mica uno scherzo, sono 2000 D+”).

Poi, nell’ottima sistemazione logistica delle Cascine, dove la fila di 200 metri per il ritiro pettorale (foto 3-4) è sbrigata in una ventina di minuti, appaiono uno dopo l’altro i supermaratoneti, dal presidente Paolo Gino alla first lady Laura Failli (che sportivamente ce le suonerà a tutti, per un 14.23 finale: la vedete in azione alla foto 22, quando eravamo ancora insieme, e le proiezioni davano un finale di 13 ore cui ovviamente non credevamo); e ancora (foto 6-10) dal primatista assoluto Piero Ancora al bombardiere Gemma (“chi mi arriva davanti non tr**”), da Fernando Gambelli (26° Passatore) a Roberto Trinelli, a Leo Manfrini (nei cui paraggi mi ritrovai  al Passatore 2002, e adesso ha giurato alla moglie che questo sarà il suo ultimo); c’è perfino Carla Gavazzeni appena guarita dalla frattura para-maratonica di Malta, nonché l’indiano Pandian, che sfoggia la maglietta delle 10 in 10 di Orta (foto 8), e solo dal mio stentato inglese apprende che può lasciare un cambio al passo della Colla.
E aveva spergiurato che non sarebbe più venuta, la siora Nadaìna Masiero, invece eccola qua: la sento dire al microfono che quando compirà 70 anni sarà più o meno il suo trentesimo (o quarantesimo?) Passatore; in gara correremo insieme qualche tratto (foto 15-18), ma da Borgo i suoi 40 chili (scarsi) avranno la prevalenza sui miei 76 abbondanti, e alla fine l’ordine d’arrivo la gratifica di un’ampia mezz’ora sul sottoscritto.

Intorno alle 14 ci mettiamo pian piano in movimento verso la partenza di piazza del Duomo, a piedi o col tram gratuito per gli iscritti (foto 11-12: ci sale anche uno dei 27 “Passo Capponi” tutti partiti e tutti arrivati, Andrea Apicella, che alla fine quasi mi raggiungerà); in pratica, occupiamo tutto la parte destra della piazza fino all’abside della chiesa, dove sono opportunamente collocate (già dentro il recinto) toilettes chimiche. Non ci hanno più voluto dalle parti di piazza della Repubblica, peccato per le Giubbe Rosse e ristoranti vicini, che non intascano i nostri eurini (ma se non volete che noi podisti lasciamo i rifiuti in giro, mettete dei cestini per i rifiuti: in piazza Duomo faccio fatica a trovarne uno!).

Temperatura tutto sommato gradevole, specie stando all’ombra; sappiamo che pioverà e molti partono già con l’impermeabile addosso. Partenza puntuale, sebbene chi sta in mezzo al gruppone come me aspetti 2 minuti e mezzo prima di passare sul rilevatore del chip (quando si introdurrà il real time come misura ufficiale?); e anche nel primo km dovremo spesso camminare o addirittura fermarci per la calca.

Il giro urbano è più bello di una volta: mi sembra di riconoscere piazza dell’Annunziata e piazza Savonarola, poi si sale a Fiesole; forse il chilometraggio è diminuito un poco, sebbene l’unico miracolo che non riuscirà agli organizzatori sarà quello di avvicinare Firenze a Faenza fino alla cifra tonda di 100 km. È vero che Google Maps indica un percorso pedonale di 99,9 km, ma si avrebbero se da Fiesole (oltretutto raggiunta senza giri viziosi) si prendesse la strada della Futa fino a San Piero a Sieve, donde poi a Borgo San Lorenzo e poi sempre sulla ex statale Faentina (magari, senza salire in cima a Ronta come invece ci tocca, vedi foto 48). Diversamente, col nostro percorso, i km sono 102; non cito il Gps che è approssimato e supera i 103, ma noto che i cartelli chilometrici della SP 302 sono sfalsati di 2 km fino alla Colla (cioè, per esempio, alla pietra miliare del km 38 corrisponde il km 40 ufficiale del Passatore), poi lo sfalsamento si riduce a un km (cioè il km 69 dell’Anas diventa “solo” 70 per i podisti), e negli ultimi dieci km, ogni nuova tabella è spostata qualche decina di metri in avanti, cioè ogni km diventa di 1050 o più, così da non superare in piazza del Popolo la cosiddetta “soglia psicologica” dei 100.

Miracoli impossibili a parte, l’organizzazione mi sembra migliorata: è vero che il divieto di accompagnamento in auto e di rifornimenti fuori settore è ampiamente trasgredito, e dal km 20 in poi respireremo sempre gas di scarico, col parossismo della Colla (si intravede dalla foto 49) dove sembra di essere sul Pordoi al passaggio del Giro d’Italia, o nei dintorni di viale Ceccarini la notte di Ferragosto; ma noto con piacere che si sta instaurando l’abitudine dell’accompagnamento in bici, non casual come una volta, ma con registrazione, numero di pettorale, ritratto dell’ “accompagnato”: foto 31-32). Le bici non fanno rumore e quando in discesa ti sfrecciano alle spalle ti danno qualche brivido, ma se non altro non inquinano e le loro lucine attenuano il buio della notte senza stelle (qualche volta ho l’impressione che molti ciclisti siano lì non tanto per seguire qualcuno, ma per farsi una biciclettata di 100 km in compagnia: capita di incontrare dieci ciclisti attorno a due podisti).

Mia moglie Daniela, che col Passatore ‘praticato’ ha smesso dopo raggiunta quota 10, vorrebbe tuffarsi nell’atmosfera rifacendo la strada in auto: le do appuntamento non prima del km 65 di Marradi, e solo in prossimità dei ristori (vedi foto da 55 a 59; mentre la foto 54 è della simpatica Ilaria Pozzi, che una settimana dopo la Nove Colli qui si limita a farci il tifo, spostandosi sulla sua auto dove fa bella mostra il regolamentare seggiolino per neonati, foto 36).

Altro mezzo di trasporto è quello che un figlioletto, forse di 4-5 anni, ha ‘scelto’ in compagnia del papà maratoneta: un comodo (per lui) baby-jogger, spinto con allegria nel piano (foto 25-27), con un po’ di fatica tra Borgo e la Colla, ma che poi, debitamente coperto per la pioggia che ha cominciato a cadere, mi sfreccia via dopo Casaglia, spinto da papà Marco Barbieri che lo condurrà a terminare sotto le 14 ore. Ancor più nature è la coppia che corre a piedi nudi (foto 19-24): di lui non leggo il pettorale, ma lei è una appariscente svedese, Sora Enge, che finirà in 16.45. Io che corro ‘ammortizzato’ (plantari sulle stesse scarpette che hanno assaporato l’acqua alta di Venezia), dalla seconda metà avrò una bella sfioppla sotto il piede destro (e l’unghione del sinistro che se ne va), più i quadricipiti delle cosce dalla consistenza del marmo. Che la via ‘giusta’ del podismo sia la loro?

Intanto, ai 920 metri della Colla di Casaglia (qualche km dopo un platonico e inutile, perché non controllato, cartello dei 42,195 m, che non dà ‘punti’ nemmeno al Club Supermarathon), un tendone iperaffollato (fonte delle poche proteste che sentirò durante l’intera giornata dagli atleti) conserva all’asciutto i nostri ricambi: il mio è proprio in fondo, prendo fiato una ventina di minuti sedendomi su un cartone di bottiglie. Quando esco, vi entra Sabrina Tricarico, decisamente infreddolita e un po’ meno pimpante del solito (finirà in 16 ore e mezzo, non lontano dalla Casalinga Disperata che corre in camuffa).

I ristori però sono un km sotto (direi che il primo sia ‘privato’, tant’è vero che ci trovo della birra e poco altro), poi in centro di Casaglia, dopo 5 km: dove finalmente appare il desideratissimo brodo, che da lì in avanti sarà il mio nutrimento principale. Ma per chi ha stomaco più tollerante, c’è di tutto come nella miglior tradizione, grosso modo ogni 4 km dalla partenza all’arrivo: panini e affettato, torte, uova sode (già tagliate a fettine: tenerle in mano è quasi impossibile!), limoni mele e banane, uvetta, acqua liscia e gassata, sali, tè, caffè, coca ecc.). Non trovo più quell’enorme ristoro allestito, un tempo, in un’area di servizio, già nella discesa; né per l’aria aleggia quell’odore di salsiccia grigliata di un tempo; in compenso direi che i ristori siano più frequenti, e omogenei, e insomma, quando dopo dieci ore cominci ad avere nausee, ogni volta puoi variare l’approvvigionamento senza danni.

Da Casaglia in poi, per noi che scolliniamo intorno alle 7 ore (un’ora in più del solito, per il sottoscritto… lasciamo perdere!), comincia una pioggerella che ad intermittenza ci accompagnerà fino a Marradi e poi, quasi impercettibile, al traguardo. Più o meno siamo quei 100 o 200 che si ritrovano (molti amici di Podisti.net degli anni antichi, scusa onorevole Cova se la mia memoria si arrugginisce), fanno insieme qualche mezzo chilometro, poi si salutano, ognuno a rincorrere  i suoi guai; o i suoi cespugli per fare pipì.

Ecco il piccolo grande carpigiano Antonino Caponetto, il più anziano in gara coi suoi 88 anni, e un miglior tempo di 9.10: qui un dolore al polpaccio lo rallenta (finirà verso le 15.30), ma non gli toglie la lucidità, da cui proviene una parola di disapprovazione verso il collega podista il quale, inveendo contro un’auto che intralcia, prorompe in una bestemmia. Il vecchio prof di religione non può tollerarlo; e a me viene in mente quando mio figlio, giovanissimo calciatore di serie C, disse a un avversario che aveva sbagliato uno stop e bestemmiava: “che colpa ne ha Dio, se sei un giocatore di m*?”.

A Marradi sono in scia della più volte elogiata mamma Emilia Neviani, presidentessa della Guglia di Sassuolo e reduce dalla 50 di Romagna: inesorabilmente, se ne va via col compagno di squadra Marco Vitelli e alla fine (foto 62-63) infliggerà 18 minuti al mio orgoglioso solipsismo (mai fatta una ultra in compagnia se non nella prima parte dell’UTMB 2007, all’esordio; ricorso ai pacer solo una volta alla maratona di Lucca quando sballarono i tempi: peggio per me). A proposito di compagnia: il mio partner di tanti trail a coppie, quell’Ideo Fantini che mi aveva tallonato due giorni prima nella cronoscalata al Bianello, va via prudente e chiuderà in 16.42. Emilia invece ha fretta di tornare a Sassuolo per spodestare il sindaco-professionista ("nel segreto delle urne Dio ti vede, Stalin no"), ci riesce e così vince due volte.
A Brisighella, ultima crudele salitina ("In Italia ci sono più salite o discese?", mi chiedeva il babbo aspirante farmacista: "Più salite, perché c'è la Salitina MA"), di nuovo in compagnia con Caponetto (che a scortarlo ha la figlia, anche nel ruolo di massaggiatrice); rapido rencontre con Daniela, con l'arrivederci al traguardo. 
Il cielo si schiarisce, al gracidare delle rane nel corso alto del Lamone si sostituisce il cinguettare degli uccellini e il quaquà delle ochette. Le gambe, indipendentemente dal cervello, provano a spingere, e in quei rari momenti che tocchi gli 8:30 a km ti sembra di volare… Ai meno 3, dove una volta la signora Ariel (già ultraottantenne nei primi Duemila) offriva le sue ciliegie sotto spirito, ora c’è un altro tavolino privato (ma le ciliegie solo sotto… banco), cui ci si ferma per nostalgia.

Un collega che più tardi mi raggiunge (ormai so come è l’andazzo: supero  chi cammina, ma chiunque corra va più forte di me) dice che dovremmo già essere all’ultimo km: gli modero l’entusiasmo, indicando il profilo dello striscione del meno 1, ancora avanti qualche centinaio di metri. Poi è la Piazza, un ‘falso’ traguardo cinquanta metri prima di quello vero, e finalmente l’apoteosi. Ci hanno tolto l’obbligo di salire sul palco a ricevere la medaglia (quest'anno, vagamente leonardesca); adesso è tutto rasoterra, compresa la consegna dei diplomi, dei piatti in ceramica per i pluripresenti, delle tre bottiglie di vino, un primo ristoro non abbondantissimo, che sarà poi duplicato nella palestra delle docce. Spola continua di pullmini, sovraccarichi (ma i vigili a quest’ora sono buoni), per la stazione e per il locale docce, a circa un km, molto confortevole e con acqua bella calda.

La logistica funziona egregiamente, c’è anche la spola avant-indré dei pullman dei ritirati (ne conto almeno 5 o 6), i nostri bagagli sono arrivati regolarmente: insomma, all’immortale Passatore c’è molto, anzi troppo di più delle cose che i podisti normali trovano nelle corse normali. C’è, insomma, la ‘perfetta letizia’ di cui parlava frate Francesco.

Cfr. http://www.podisti.net/index.php/in-evidenza/item/4056-xlvii-100-km-del-passatore.html

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina