Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Rodolfo Lollini

Rodolfo Lollini

Domenica, 28 Giugno 2020 18:40

FIP-FIPAV-FIGH, FIDAL e negazionisti

A causa di un blocco nella funzione dei commenti che m’impedisce di rispondere in calce all’articolo di Claudio Romiti, essendo stato espressamente chiamato in causa, vorrei precisare quanto segue. Prima di farlo, non posso peraltro nascondere la mia sorpresa. Non so perché l’autore si rivolga espressamente a me, in quanto fino ad oggi non l’avevo mai citato in nessun articolo e peraltro non credo nemmeno di conoscerlo. Dunque non capisco per quale motivo si senta tirato in causa, ma ovviamente sono sempre disponibile al confronto, quindi veniamo al dunque.

La definizione di negazionista nei confronti di Trump e Bolsonaro è stata praticamente unanime da parte di tutta la stampa mondiale. Basta cercare su un motore di ricerca “Trump”, “Bolsonaro”, “negazionista” e vedere i risultati… Tutti concordano. Se l’autore in questo mio pezzo si sente tirato per la giacca e/o la ritiene definizione “ben poco appropriata nell’ambito di un dibattito civile e moderno” è una sua lecita opinione da cui peraltro mi dissocio. Ritengo invece di poterla utilizzare in maniera appropriata come immagine che a mio avviso fotografa la realtà. E di essere in buona compagnia. Se lui non è un negazionista sono ben lieto per lui. Io non l'ho scritto da nessuna parte che lui lo fosse (?)

E’ offensiva, “infamante”? Nel mondo ci sono stati quasi mezzo milioni di morti, quasi dieci di contagiati e l’OMS ha dichiarato da tempo la pandemia mondiale. Ai lettori le conclusioni su come definire chi la voglia molto sottovalutare, declassandola a semplice e dozzinale influenza o addirittura negare. Per me o non capisce o fa finta di non capire.

In generale trovo inoltre non appropriato per un dibattito produttivo, e qui si, mi rivolgo a Romiti, equiparare la situazione e le posizioni attuali circa la gravità del Covid19 in Italia (tasso di crescita bassissimo, meno di 100 persone in terapia intensiva) con quelle quando la situazione era fuori controllo e non c’erano più posti in terapia intensiva. Banalizzandole in un solido, immutabile nel tempo “partito unico del virus”. Funzionale a successivi comodi accostamenti a Savonarola ed utili idioti. Al contrario credo che non considerare che le situazioni di marzo e fine giugno siano profondamente diverse ed incomparabili è certamente da idioti. Così come sarebbe avere la medesima posizione sullo stato dell’arte ed il da farsi oggi e tre mesi fa. Ma mi auguro di aver capito male io leggendo il pezzo.

Detto questo e non essendo un virologo posso avere delle opinioni, ma lascio agli esperti decidere sulla situazione attuale e non mi avventuro, ne mi sono mai avventurato nei miei scritti in previsioni ottimistiche o pessimistiche per future potenziali ondate. Al massimo degli auspici. Chi sostiene il contrario scrive il falso. Chiedo solo ai legislatori ed ai loro comitati di esperti uniformità di trattamento come descritto qui e mi fa piacere che almeno su questo punto io e Romiti siamo in accordo.

Nel frattempo vorrei tanto lo chiedesse anche la FIDAL. Purtroppo quasi risolta la questione gare in pista continua a latitare. Fa quindi più male vedere come altre federazioni si muovano diversamente. Ecco il comunicato congiunto del 25/6/2020: ”In merito alla notizia del Comitato tecnico scientifico (CTS) di rinviare ulteriormente la ripartenza degli sport di contatto, la Federazione Italiana Pallavolo, la Federazione Italiana Pallacanestro e la Federazione Italiana Giuoco Handball esprimono tutta la propria delusione per un veto che blocca ulteriormente, non solo l’attività sportiva delle proprie discipline, bensì la grande maggioranza dello sport italiano. Allo stesso tempo la FIPAV, la FIP e la FIGH hanno apprezzato il forte e deciso intervento del Ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora, favorevole alla ripartenza degli sport di contatto. Oltre al rinvio della ripresa dell’attività, la FIPAV, la FIP e la FIGH ci tengono a sottolineare come resti sempre attuale la grande problematica relativa alla riapertura delle palestre scolastiche, alla quale si lega il tema della responsabilità in capo ai dirigenti scolastici e ai presidenti di società. L’auspicio della Federazione Italiana Pallavolo, della Federazione Italiana Pallacanestro e della Federazione Italiana Giuoco Handball è che le autorità governative e scientifiche diano delle risposte rapide e concrete per consentire ai propri tesserati di riprendere l’attività sportiva, come più volte chiesto a gran voce anche dalle società e dagli appassionati delle diverse discipline”

Commento finale del 1/7/2020: nel mio confronto con Claudio Romiti che per primo mi ha espressamente citato nei suoi articoli, sono costretto a riscontrare come io discuta delle sue idee partendo da quanto effettivamente scritto nei pezzi di Podisti.net, mentre dall’altra parte riceva risposte basate sulla personale interpretazione del mio pensiero e non su “virgolettati”. Ciò premesso ed in considerazione che l’interlocutore in questione scrive testualmente: “Schierandomi sin dall’inizio di questa pandemia nel fronte minoritario di chi non la considerava così grave come veniva sbandierata da gran parte dell’informazione nostrana…” e che in fondo “la maggior parte dei poverini che sono deceduti con il Covid-19, e non – attenzione - per il Covid-19, avevano una aspettativa di vita anche di poche settimane.” Io preferisco, almeno al momento, dedicarmi ad altre attività e lo lascio disquisire sulle vite altrui.

Rodolfo Lollini - Redazione Podisti.net

Sabato, 27 Giugno 2020 20:20

Resilienti, ma non presi in giro

Leggo l’interessante articolo di Gerardo Settanni che ricorda come il virus sia ancora in agguato e potrebbe portare a “noi sportivi, sacrifici perché dovremmo ancora accettare limitazioni e rinunce. Questa epidemia sta mettendo a dura prova la nostra resilienza, ovvero la capacità di adattarci alle situazioni avverse, e noi sportivi dovremmo essere più preparati degli altri ad adattarci. Ma spesso purtroppo l’incapacità di accettare e trasformare le rinunce e le emozioni spiacevoli porta a negare o a deviare il problema”.

Io non sono uno psicologo e nemmeno un virologo, però capisco il problema, rispetto le regole anche se non mi piacciono. Però se voglio, ho tutto il diritto di contestarle. Le regole sono l’insieme di quanto viene stabilito dagli organi competenti, ma anche dalla loro applicazione e dal sanzionamento di chi non le rispetta.

Quindi se mi si dice che è proibito organizzare una corsa podistica di 10k da 300 persone che magari posso fare partire in gruppi ridotti e poi vedo continuamente:

1) politici amanti dei selfie guancia a guancia con sconosciuti

2) tifosi calciofili che si accalcano per una vittoria

3) spiagge piene

4) la movida in tutte le città

5) discoteche con gente che balla a mezzo metro

6) interviste televisive infarcite di luoghi comuni, peccato che le mascherine latitino

7) luoghi di lavoro non proprio in linea con le disposizioni sanitarie 

8) ragazzi che nei parchi giocano pomeriggi interi a calcio / basket

Senza che sostanzialmente nessuno intervenga, mai. Allora diventa difficile capire, non perdere la pazienza, essere resilienti. Io mi sento solo preso in giro. Molto.

 

Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.net

Venerdì, 26 Giugno 2020 00:33

Concorso Percorsi Nuovi

Nella continua ricerca di nuove formule per le gare virtuali, oggi Vi presentiamo l’iniziativa della società Atletica Novese, a cui è venuto in mente di studiare e di proporre a tutti i runners alcune sfide sui percorsi di sei tra le gare più belle nel novero di quelle del circondario di Novi Ligure (AL). 

I percorsi gara si potranno affrontare dal 01/07/2020 al 30/09/2020 in qualsiasi ora e in qualsiasi giorno, comunicando tempo (tramite foto del cronometro), nominativo, anno di nascita, società di appartenenza al 3486706551 tramite WhatsApp o tramite mail ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Atletica Novese si occuperà di dare nel proprio sito informazioni dettagliate sui percorsi, di segnare i percorsi nel limite di quanto consentito e anche di proporsi come accompagnatori fermo restando il rispetto delle attuali leggi e regolamenti riguardanti la materia di distanziamento preventivo.

I percorsi gara validi per il campionato saranno:

Attraverso i Colli Novesi (14,3 km collinare)

Trofeo Birra Pasturana (8,2 km pianeggiante)

Mezzo Giro dei Calanchi (6 km collinare)

Corsa del quartiere G3 (6 km pianeggiante)

I Brichi d’Seravale (11 km collinare)

Cronoscalata di Montespineto (3,4 km salita)

La classifica del concorso sarà determinata dalla somma dei punteggi relativi a tutte le sei gare e nei punteggi attribuiti i runner più anziani avranno dei punti di bonus supplementari. Per maggiori dettagli: www.atleticanovese.it

Rodolfo Lollini - Redazione Podisti.net

Sabato, 20 Giugno 2020 23:33

Riprendiamo, ma non dimentichiamo

Con il confortante progressivo calo di tutti gli indici relativi al CoronaVirus, aumenta tra i podisti la voglia di ritornare a gareggiare. Va bene uscire per correre liberamente ed anche le competizioni virtuali non sono male, ma si tratta pur sempre di palliativi, le gare vere sono un’altra cosa. 

Prima di venire al punto su come ricominciare, ci terrei molto ad esternare il mio fastidio nei confronti di chi sta banalizzando quanto è successo. Leggo articoli dove c’è chi rivendica (il merito?) di aver considerato fin dall’inizio la pandemia meno grave di quanto fosse presentata dai media. Eh si, in fondo ad oggi 20/6/2020, sono morte “solo” 34610 persone in Italia. Cosa volete che sia? Si vede che non erano parenti o amici di questi “minus habens”. Alle cifre vanno inoltre aggiunti i deceduti non ufficiali sfuggiti a questa drammatica conta. E meno male che nel nostro paese, seppur con tutti i limiti e gli errori commessi, non abbiamo tenuto un comportamento “negazionista”, come ad esempio in USA e Brasile. Lì infatti hanno considerato il Covid19 alla stregua di una leggenda metropolitana e si è visto come sono andate le cose… Purtroppo queste posizioni non fanno che dare ragione a coloro che catalogavano tutti i runner come dei “testicoli” che pensavano solo a correre, incuranti di cosa gli stava capitando attorno. Fortunatamente non siamo tutti così, anzi ho avuto tanti amici che addirittura si sono sentiti in colpa nell’uscire ad allenarsi, malgrado lo facessero nel totale rispetto delle innumerevoli regole emanate dalle autorità statali e locali. Senza recare danno alcuno o incrementare il contagio. 

E adesso? Come ricominciare? Al solito la FIDAL, sostanzialmente se ne frega. Messe quasi a posto le competizioni in pista, c’è solo da aggiustare l’aspetto della separazione in corsie, come sollecitava recentemente coach La Torre. Per il resto non da sostanziali segni di vita. Ennesima dimostrazione, anche se non ce n’era bisogno, di quanto gli stiano a cuore i master. Zero. E i poveretti che corrono su strada 10k, mezze o maratone? Che si attacchino al tram!

Banalizzando, il problema “sanitario” è sempre lo stesso, ovvero evitare di avere un gruppo di persone che corrano insieme. OK, perfetto. Peccato nel frattempo in tutta Italia siamo costretti ad assistere ad ogni genere di comportamenti che vanno esattamente nel senso opposto. Politici amanti dei selfie guancia a guancia con sconosciuti, tifosi calciofili che si accalcano per una vittoria, la movida in tutte le città. Vedo in TV discoteche riaperte con gente che balla a mezzo metro. Interviste infarcite di luoghi comuni, peccato che le mascherine latitino. E chissà cosa succede in tanti ambienti di lavoro. Ah, no, probabilmente le norme vengono rispettate ovunque. Per caso avete sentito di un solo caso di mancato rispetto? Lasciamo pure perdere il “dio calcio” che ha ripreso spinto dai soldoni dei diritti televisivi da incassare e per fornire al popolo, insieme al “panem” il “circensem”. Quello è un caso a parte, ma cosa vogliamo dire di quello che si vede in tutti i playground del paese? In queste giornate solatie ci sono ragazzi che giocano a basket o a calcio per pomeriggi interi, uno attaccato all’altro. Senza che nessuno batta ciglio. Allora, io non sono un virologo e non ho velleità di spacciarmi per un esperto, però o si mantiene una certa coerenza nelle regole e nell'applicazione delle stesse, oppure tra gente che corre per un’ora e i summenzionati esempi diventa difficile capire e non perdere la pazienza. 

Verrà il momento di ricominciare e tornando a dove abbiamo iniziato, di certo sarà più facile farlo nei paesi che non hanno sottovalutato il problema e non a casa dei vari Trump o Bolsonaro dove infatti non mi risulta che le varie maratone di NY o Boston abbiano luogo, malgrado la loro geniale impostazione per lottare contro il virus.

Rodolfo Lollini - Redazione Podisti.net

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

In queste ultime ore continuano a susseguirsi notizie circa le nuove aperture che andranno in vigore nella cosidetta fase 3, ovvero dal 15 giugno prossimo venturo. Limitandoci a allo sport, nella prima bozza del nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che stava circolando, era stato inserito il permesso di giocare a calcetto, basket e beach volley. Persino di disputare incontri di boxe. Adesso sembra che ci sia stata una nuova frenata. Probabile posticipo fino al 25/6 è la nuova versione. Noi runner restiamo alla finestra, ma sarebbe curioso che arrivasse il semaforo verde per gli sport di contatto (la boxe di… molto contatto) e non si potesse ripartire con le gare podistiche. E’ anche molto curioso registrare come dopo aver demonizzato la corsa, averla sottoposta ad inutili limitazioni se svolta in solitaria, adesso sembra che non ci si ricordi nemmeno che esista. Gli stessi amministratori, nazionali e locali che gli hanno dedicato tante attenzioni normative, ora sembra che non si ricordino nemmeno l’esistenza di questa disciplina. Almeno questo è quello che trapela dalle anticipazioni che vengono date in pasto ai media. Speriamo di sbagliarci.

11/6/2020 - Finalmente ritorna la grande atletica su pista, grazie a questi Impossible Games di Olso che Vi avevamo presentato in questo pezzo. Non sono ancora gare tradizionali, ma almeno si pone fine al totale digiuno. Distanze spurie, gare in solitaria, confronti a distanza, ma alla fine vengono stabiliti un “record” mondiale, due primati europei ed uno nazionale. Mica male, tanto per ricominciare.

Spalti forzatamente vuoti a Oslo, ma gli atleti norvegesi sono carichi a cominciare da Karsten Warholm che corre in solitaria i 300 metri ostacoli scegliendo la settima corsia. Il risultato è un 33”78 e la miglior prestazione mondiale è sua.

La gara clou è quella della staffetta 3x2000 metri con i fratelli Ingebrigtsen che sfidano a distanza i keniani. Qui l’equità competitiva va un po’ a farsi benedire in quanto a Nairobi piove a catinelle: Timothy Cheruiyot, Elijah Manangoi ed Edwin Meli ne fanno le spese. Vincono i norvegesi e record, stavolta continentale per Jakob Ingebrigtsen. Con i fratelli Henrik e Filip a spalleggiarlo, il ragazzo non ancora ventenne ferma il cronomentro sul tempo di 4’50”01. Henrik conclude in 4’53”72, e Filip in 4’56”91, malgrado poco prima abbia stampato un 1000 metri in 2’16”48 che gli vale il record norvegese.

Record europeo per Sondre Moen che si sciroppa tutto solo 25 chilometri in pista in 1h12’46”. Nell’asta altro confronto a distanza, lo svedese Armand Duplantis sulla pedana di Oslo arriva a 5,86 metri, battendo Renaud Lavillenie che gareggiava letteralmente in casa, ovvero sulla pedana situata nel giardino della sua abitazione a Clemont Ferrand. Il translapino si fermerà a 5,81 metri.

Mica male questi Impossible Games, adesso però, dateci pure dei tradizionalisti, ma non vediamo l’ora di ritornare all’atletica che conosciamo.

Riprende anche il Corrigiuriati, il circuito milanese che si svolge al Campo Giuriati. Chi non lo conoscesse può avere più informazioni leggendo questo articolo. Purtroppo l’emergenza Covid19 non si è ancora arrestata definitivamente e dunque il patron Gigi Baglioni opta per la forma “virtuale”. Gli cediamo la parola: “Grazie Rodolfo. Considerata la situazione, con l'intento di riprendere l'attività del Corrigiuriati in forma virtuale, soprattutto per non disperdere il senso di comunità che abbiamo stabilito in molti anni mediante la grande passione che condividiamo, proviamo a sentirci di nuovo "vicini" correndo per conto proprio. In attesa di riprendere realmente il nostro calendario al Campo, propongo tre prove libere da sostenere nelle prossime settimane, al fine di saggiare la condizione fisica, con le seguenti modalità: 

 - ampia libertà di scelta di data, luogo, tipo di tracciato ed orario di svolgimento;

- comunicare tutti questi dati per pura curiosità statistica assieme al tempo conseguito;

- i risultati pervenuti alla mia casella di posta - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - saranno organizzati senza classifiche di merito;

- il punteggio per ogni singola prova sarà uguale per tutti in funzione del numero dei partecipanti;

- bonus di 20 punti per chi sostiene queste tre prove, 10 punti per due prove: 1) test di Cooper (indicare distanza approssimativa percorsa in 12 minuti) 2) 5000 m 3) 3000 m

- termine ultimo per inviare i dati delle prove: lunedì 13 luglio 2020”.

Nel frattempo, lo stesso Baglioni e tutti i fruitori del campo Giuriati si augurano che i lavori all’interno del campo, interrotti per oltre 50 giorni, si concludano a settembre-ottobre. Altrimenti anche in caso di semaforo verde da parte delle istituzioni, resterebbe aperto il problema del campo in quanto la ristrutturazione prevede, oltre alla costruzione di una palazzina e di un campo polivalente coperto, la ristrutturazione degli spogliatoi ed il rifacimento della pista di atletica.

Il lockdown che sta bloccando tutte le manifestazioni podistiche non ha ovviamente risparmiato i master ed i loro campionati europei e mondiali, come ad esempio le rassegne continentali di corsa su strada, in montagna e di marcia, che erano previste a Madeira a cavallo degli scorsi mesi di marzo ed aprile.

Le gare in Portogallo sono state al momento rimandate al 6-8 novembre pv (qui il nostro annuncio), ma nel frattempo la competizione “virtuale”, l’unica attualmente possibile, è molto intensa. Anche l’EMA – European Master Athletics, ovvero l’ente internazionale che organizza questi eventi, non si è tirato indietro.  In maggio ha infatti avuto luogo l’European Virtual Masters 5k Challenge. Hanno accettato la sfida oltre 346 atleti, col risultato di raccogliere con le quote d’iscrizione 1254 Sterline che saranno destinate ai colleghi dell’African Master Athetics nella lotta contro il Covid19.

Come preannuciato nel titolo, non sono mancati dei buoni risultati tecnici. Il migliore di tutti sui 5000 metri, la distanza che è stata scelta per questa volta, è risultato il britannico James Reed, un SM40 che ha chiuso in 14’58” ovvero ad un ritmo inferiore ai 3 minuti al chilometro. Bene anche il connazionale SM50 John Richard Taylor, sesto assoluto in 15’48”, ma scorrendo le classifiche si capisce come tutti i risultati siano nel complesso di grande spessore. Solo a titolo d’esempio segnaliamo l’irlandese Tommy Hughes, SM60 da 16’09”, oppure come la britannica Elisabeth Rondeau (SF40) con 17’23” o Pauline Moran, sessantenne irlandese capace di viaggiare ancora sotto i 4 al km col suo 19’16”. Con questo, non vorremmo far credere che si sia trattato di un campionato solo dell'arcipelago inglese, in quanto erano rappresentate una trentina di nazioni tra cui l’Italia ed anche paesi extraeuropei in quanto la manifestazione era aperta a tutto il mondo master. Se volete dare un’occhiata a tutti i risultati, potete farlo qui. In attesa delle gare “vere”, a giugno si replica, stavolta con i 10k.

Mentre dalle parti di Roma si discute e “legifera” in merito agli eventi di Agosto e Settembre, in Scandinavia sono molto più pronti di noi ed approfittano di questa fase per dare risalto all’atletica. Anche noi auspicheremmo fosse fatto lo stesso nel nostro paese, come scrivevamo nella parte finale di questo articolo. Rimandati i Bislett Games, la tappa della Diamond League prevista per il prossimo 11 Giugno ad Oslo, da quelle parti non si sono persi d’animo e si sono inventati gli "Impossible Games". Di cosa si tratta? Un sfida a squadre in pista sui 2000 metri, con due team che si sfidano in remoto: ad Oslo la squadra di cui faranno parte anche i tre fratelli Ingebrigtsen, a Nairobi un gruppo che avrà in Timothy Cheruiyot, campione del mondo dei 1500 nel 2019, e Elijah Manangoi, iridato sempre nei 1500 nel 2017, i due elementi di punta.

Le due squadre partiranno con cinque atleti e come succede nella gare ciclistiche a squadre d’inseguimento su pista, chiuderanno la gara con soli tre elementi. Qui però non si terrà conto del crono del terzo di ogni squadra, ma vincerà il team che otterrà il tempo più basso calcolato sulla somma dei tempi d'arrivo dei tre atleti.

Ovviamente questa competizione potrebbe produrre anche record individuali. Ad esempio Henrik, Filip e Jakob Ingebrigtsen punteranno al primato continentale di Steve Cram che sarà tra i commentatori televisivi dell’evento. Il britannico corse in 4'51"39 (circa 2’26” al chilometro ;-) il 4 agosto del 1985 a Budapest. La serata sarà inoltre arricchita dalle prove di Duplantis e Lavillenie nell'asta, mentre il campione del mondo norvegese dei 400 ostacoli, Karsten Warholm, tenterà l'assalto al record dei 300 ostacoli. Queste gare saranno “tradizionali” ovvero disputate soltanto ad Oslo.

Tornando ai 2000 metri, la diretta televisiva, con lo schermo diviso in due parti, assicurerà uno spettacolo nuovo e molto godibile in diretta mondiale. Il meeting si chiamerà "Maurie Plant Memorial", in memoria di questo giornalista sportivo australiano, scomparso all’inizio di quest’anno.

Concludiamo ritornando al punto di partenza, ovvero rimarcando il fatto che qualche anno fa eventi del genere gli avremmo organizzati noi a Roma, mentre ad Oslo si sarebbero riuniti per siglare utili quanto “noiosi” protocolli. Ormai il mondo gira alla rovescia. Primo Nebiolo, mitico ex presidente FIDAL e anche dell’allora IAAF, quello che s’inventò la nona corsia pur di fare partecipare l’Italia ad un evento mondiale, si starà rivoltando nella tomba.

Dopo le prime due prove virtuali disputate in marzo ed aprile, anche in maggio si correrà una prova sulla distanza anglosassone del miglio. Mese che si presta anche alla celebrazione del primato italiano sulla distanza, ottenuto da Genny Di Napoli il 30 maggio 1992, con il tempo di 3'51"96. Nel prossimo weekend, anzi già da venerdì 29 maggio pv, il “Club del Miglio” propone una nuova tappa, questa volta promossa dall’ASD Don Kenya Run, reduce dalla positiva esperienza con la gara dei 3000 metri, a cui hanno partecipato molti top runner tra cui Yeman Crippa (qui la cronaca del collega Lorenzini).

La collaborazione punterebbe ad avere al #DonKenyaMile, insieme alla qualità degli atleti di punta di Don Kenya Run e dei loro amici, anche un aumento dei numeri in gioco, mobilitando i frequentatori del Club del Miglio. A tal proposito, oltre alle classifiche assolute al maschile ed al femminile, saranno stilate anche le classifiche per categoria maschile e femminile. Sempre per non dimenticare lo spirito di squadra, verranno redatte anche classifiche di gruppo, sia a livello del numero di iscritti che sulla somma dei tempi, ovvero per prestazioni (in questo caso i migliori tre tempi per ogni team). Va subito chiarito che trattandosi di una manifestazione non ufficiale, non sarà necessario nessun tesseramento, quindi si potrà correre per il proprio gruppo sportivo, così come creando nomi di fantasia per la squadra a cui si vorrà aderire per l’occasione. I vincitori saranno giustamente celebrati, ma non tutti effettivamente premiati, anche se di certo per le migliori prestazioni in assoluto ci sarà un riconoscimento offerto da Don Kenya Run.

La manifestazione non prevede iscrizione ma conferma con foto della traccia GPS della propria prestazione inviata a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Non dimenticate d’indicare nome, cognome, data di nascita e gruppo di appartenenza, altrimenti sarete assegnati alla generica categoria liberi. Potete correre dalle ore 00.00 del 29/5 fino alle 23.59 del 31/5/2020, ovviamente in sicurezza e nel rispetto del distanziamento sociale. Per chi non se lo ricordasse, il miglio equivale a 1609 metri, se poi fermerete il GPS a 1610, 11 o 12 metri, pazienza. Ultima regola, il differenziale massimo tra partenza ed arrivo potrà essere di -10 metri. Quindi è inutile correre partendo dalla cima di una montagna…

Per chi vorrà ricevere un diploma di partecipazione personalizzato, la richiesta dovrà essere avanzata direttamente a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina