Stampa questa pagina
Mar 28, 2018 Ferdy Cesana 1577volte

Caldaro (BZ) – 13^ Mezza maratona del Lago di Caldaro

La partenza La partenza Foto Stol.it

Kalterer See halbmarathon: già la denominazione rende in un certo modo “internazionale” questa mezza che si corre attorno ad un lago nei pressi di Bolzano. Come accade sempre da queste parti l'organizzazione è teutonica, nulla è lasciato la caso ed è sempre una festa; la festa del paese e del running.

Su invito di amici che organizzano alcune gare in Alto Adige accetto volentieri di partecipare come pacer a questa mezza che non avevo mai corso: un po’ anche per finalità turistiche. La località dista una quindicina di chilometri da Bolzano e per raggiungerla si percorre la famosa strada del vino; Caldaro e Termeno sono rinomate per il vino DOC che si produce in questa zona il Gewurztraminer bianco e il Lagrein rosso, vigne e meleti a perdita d'occhio che si estendono dalla valle sino alle balze alte della montagna.

La manifestazione gravita tutta attorno al lago, la location per logistica, partenza e arrivo è il Lido con annesso campeggio, dotato di tutti i servizi necessari e ampi parcheggi: praticamente si ha tutto nel raggio di 500 metri. Il ritiro pettorali è disponibile solo la mattina della gara, ma i concorrenti, circa un migliaio, sono quasi tutti della regione, e quindi non ci sono particolari problematiche.

Già lo scorso anno partecipai a tre manifestazioni in Alto Adige e mi resi subito conto che il livello atletico, in termine di prestazione media, è più alto rispetto a corse che si svolgono ad esempio nelle mia zona: insomma qua filano tutti e si vedono anche parecchi giovani soprattutto ragazze.

Il via è dato alle 10, il percorso prevede doppio giro e si svolge su strade immerse nelle vigne che costeggiano il lago, oggi chiuse al traffico, con il passaggio all'interno di un meleto che sembra non finire mai.

Non è un tracciato facile perché è molto mosso con diversi strappi di salita e discesa ed un rettilineo di circa 2 km in falsopiano che tende a salire. Anche se personalmente non amo il “doppio giro”. Devo dire che in questo caso ti permette di gestire la gara e (nel mio caso) anche le persone che mi seguono, ma per un pacer è una delle situazioni più difficili da gestire perché non permette un passo regolare; per fortuna ho parecchia esperienza e quindi sono abbastanza tranquillo.

La giornata è stupenda, temperatura attorno ai 14 gradi e sole, le montagne con le cime innevate fanno da corona, il serpentone dei podisti è visibile per alcuni km e si allunga in mezzo alle viti: uno spettacolo, corriamo godendoci il panorama e scambiando continuamente due parole con chi è nel gruppo.

I partecipanti sono prettamente locali e quindi in gara si sente anche ladino; già al terzo chilometro veniamo passati dai primi concorrenti della 10k proposta in abbinata alla 21k e partita alcuni minuti dopo.

Segnalazioni ogni km e ristori ogni 5 organizzati perfettamente; ad assisterci molti volontari, tanti sono ragazzini/e; tutti gli incroci sono presidiati, a dimostrazione che qua la comunità partecipa attivamente.

Per la cronaca, la gara è vinta da Jbari Khalid dell'Athletic Club 96 Alperia in 1:08:11; secondo Rungger Hannes (Sportler Team) 1:09:56; terzo Bazzoni Gianmarco (Athletic Club 96 Alperia) 1:11:48.

Nella categoria femminile, prima al traguardo Bettin Loretta (Atl. Paratico) in 1:24:08, tallonata da Casaro Elena (Atl. Lumezzane) 1:24:51, terza Gatscher Eva Maria 1:25:44.

Totale 556 arrivati nella competitiva, 366 nella 10k.

Ma in queste zone la manifestazione non termina mai con gli arrivi: è d'obbligo “il terzo tempo”, in una zona ristoro con polenta, salsicce, wurstel, pasta, birra a volontà, e si fatica a trovare uno spazio per sedersi malgrado ci siano numerosissimi tavoli. Insomma sembra di essere alla festa del paese, dove i ragazzini che prima erano ai ristori ora servono ai banconi e puliscono i tavoli: ed è bello vedere che oltre la corsa c'è l'amicizia, la voglia di stare insieme di scambiare quattro parole e non scappar via subito come avviene da noi.

 

 

 

 

 

Informazioni aggiuntive

1 commento