Stampa questa pagina
Mar 17, 2019 Vittorio Camacci 718volte

Martinsicuro (TE) - 18° Trofeo Città di Martinsicuro

La partenza La partenza Foto Cianitto/Facebook

17 marzo - La Maratona dell'Adriatico non esiste più, il suo storico organizzatore, il mitico cavalier Mario Ricci, è ormai ultraottantenne e non è più in grado di sostenere un evento di carattere nazionale.

L'anziano patron comunque non demorde ed ha ridimensionato i suoi obiettivi trasformando, dallo scorso anno, la gara in una classica corsa su strada paesana di 11,3 chilometri, valevole per il Corrimaster FIDAL Abruzzo e per il Criterium Piceni e Pretuzi, strizzando sempre l' occhiolino verso il reclutamento giovanile.Infatti, il giorno del sabato, si sono svolte partecipatissime gare promozionali per i ragazzi under 16 su varie distanze a cui hanno aderito tutte le classi scolastiche del territorio.

L'ostinazione e la passione di questo gentiluomo d' altri tempi, hanno fatto maturare e consolidare molte amicizie tra lo stesso e tanti podisti del movimento abruzzese-marchigiano ed è sicuramente per questo, oltre alla bellissima mattinata di sole, che si sono radunati in Piazza Kolbe di Villa Rosa circa 500 podisti pronti a sfidarsi sul percorso totalmente pianeggiante che comprendeva anche gli affascinanti Lungomare Europa e Lungomare Italia.

La gara di vertice ha rispettato gli scontati pronostici della vigilia con la vittoria a braccia alzate del fortissimo marocchino Tarik Marhnaoui (33'48") davanti all'aquilano Biniyam Senibeta Adugna (35'35")  ed al professorino offidano Mauro Marselletti (36'09").

Tutto marchigiano il podio femminile con la "solita" Marcella Mancini (42’33") che ha preceduto la professoressa ascolana Simona Ruggieri (43'32”) e l'altidonese Katia De Angelis (44'07").