Stampa questa pagina
Apr 14, 2019 1030volte

L'Etiopia conquista Parigi: e la Calvin la fa franca?

I due vincitori Milaw e Burka I due vincitori Milaw e Burka Foto Organizzatori

14 Aprile -  Sono gli etiopi Abrha Milaw e Gelete Burka i vincitori della 43^ edizione della Paris Marathon, evento IAAF Gold Label road race.

Milaw si è imposto in 2:07:05 precedendo di 20 secondi il connazionale Asefa Mengistu; terzo il keniano Paul Lonyangata, che dopo due successi consecutivi, complice anche un piccolo infortunio a seguito di una caduta in allenamento nella scorsa settimana, si è dovuto accontentare del terzo posto in 2:07:29, mancando il record delle tre vittorie di seguito.  

Tra le donne vittoria di Burka in 2:22:47, a precedere di cinque secondi la connazionale Azmera Gebru; terza Abreha, per un podio tutto etiope. In gara, nonostante tutte le voci che la davano per sospesa in quanto sfuggita per l'ennesima volta a un controllo antidoping, la francese Clémence Calvin, quarta con il nuovo record nazionale (se resisterà...).

La gara maschile si è sviluppata con un gruppo di quattro atleti al comando passati al 5° km in 14:50, composto da tre pacer e da Milaw; a seguire un gruppone di dieci atleti, compreso Lonyangata.

Ben presto è avvenuto l’aggancio: il gruppo di testa, oramai di quattordici atleti, guidato dal keniano-pacer Cosmas Lagat, è passato al 10° km in 29:31 e al 15° in 44:23.

Alla mezza, con il gruppo di testa ridotto a dieci unità, il passaggio è avvenuto in 1:02:15, dando la speranza che il record della corsa - 2:05:03 stabilito da Kenenisa Bekele nel 2014 – potesse essere migliorato. Il breve tentativo di allungo di Lonyangata è stato subito annullato dal gruppo, tornato compatto.  

Al 30° km, superato in 1:29:34, fermatosi il pacer Lagat, sono rimasti Milaw, Lonyangata, Morris Gachaga, Yitayal Atnafu, Asefa Mengistu, Barselius Kipyego e Polat Arikan a contendersi il successo.

La gara è diventata molto tattica, con gli atleti a controllarsi, tanto che i 5 km tra il 30 e il 35° sono stati i più lenti, corsi in 15:45 (passaggio in 1:45:19).

Al 39° km circa, l’allungo di Milaw che ha guadagnato quattro secondi su Lonyangata e Mengistu e nove su Gachaga al passaggio al 40° km, avvenuto in 2:00:30.

Milaw si è così andato ad affermare in 2:07:05, migliorando il proprio record personale di 20 secondi e cogliendo il secondo successo in terra francese, dopo la vittoria alla Maratona Nizza-Cannes nel novembre 2018.

Mengistu, già vincitore delle maratone di Seoul, Città del Capo e Bloemfontein, è giunto secondo in 2:07:25, con Lonyangata, più lento di 1:19 rispetto a dodici mesi fa, a completare il podio in 2:07:29. Primo europeo il polacco Polat Arikan, sesto in 2:08:14; Morhad Amdouni, campione europeo sui 10.000 m, è stato il primo francese, ottavo in 2:09:14, al debutto sulla distanza.

Bella e incerta la gara femminile, con il gruppo di testa, composto da dodici atlete, che è passato al 5° km in 17:30, per poi aumentare il ritmo con un parziale di 16:43 e passaggio al 10° in 34:13.
Alla mezza, con il gruppo di testa già ridotto a sei unità, il passaggio in 1:11:08; ma al 30° km l’allungo poderoso della keniana Sally Chepyego ha visto la reazione delle sole tre etiopi Burka, Gebru e Azmera Abreha, con le altre già staccate.
Le quattro hanno superato il 35° km in 1:57:52, con 30 secondi di vantaggio sulla francese Clémence Calvin e 56 su Betty Lempus; ben presto Chepyego ha cominciato a mollare, mentre Burka, iridata nel 2008 sui 1500 indoor, nell’ultimo chilometro ha decisamente aumentato andandosi ad affermare in 2:22:47 con Gebru, l’ultima ad arrendersi, seconda in 2:22:52; terza Abreha in 2:23:35.
Quarta, come si è detto, la francese Calvin, che in tanti davano sospesa (come la logica pretenderebbe, se i fatti corrispondono a quanto divulgato dalla stampa) per il 'giallo' del controllo antidoping tentato ed eluso in Marocco, in 2:23:41, nuovo record nazionale francese.

60.000 i partecipanti, con circa 800 italiani al via.  

Risultati

Uomini

  1. Abrha Milaw (ETH) 2:07:05
  2. Asefa Mengistu (ETH) 2:07:25
  3. Paul Lonyangata (KEN) 2:07:29
  4. Morris Gachaga (ETH) 2:07:45
  5. Barselius Kipyego (KEN) 2:07:57

 

Donne

  1. Gelete Burka (ETH) 2:22:47
  2. Azmera Gebru (ETH) 2:22:52
  3. Azmera Abreha (ETH) 2:23:35
  4. Clémence Calvin (FRA) 2:23:41
  5. Sally Chepyego (KEN) 2:23:54