Stampa questa pagina
Nov 16, 2019 697volte

Villa La Angostura (ARG) - Puppi argento nella corsa in montagna su lunghe distanze

il podio maschile: da sinistra Francesco Puppi, Jim Walmsley, Oriol Cardona il podio maschile: da sinistra Francesco Puppi, Jim Walmsley, Oriol Cardona Gulberti

Seconda ed ultima giornata del campionato mondiale di corsa in montagna, stavolta sulle lunghe distanze; e, dopo Cesare Maestri ieri, c’è un altro argento grazie ad una grande prestazione di Francesco Puppi. Il comasco ha combattuto a lungo per l’oro, ma ha dovuto arrendersi sulla discesa finale che portava al traguardo. Il team Italia porta a casa il bronzo nel titolo a squadre anche grazie alle prestazioni di Gabriele Bacchion (8° posto), Luca Cagnati (17°), Alessandro Rambaldini (24°) e Fabio Ruga (25°).

Il titolo, dopo quello sulle distanze classiche, va ancora agli Stati Uniti con Jim Walmsley; terzo posto per lo spagnolo Oriol Cardona.

Gara femminile vinta dalla romena Cristina Simion, che chiude al primo posto in rimonta sulle francesi Adeline Roche e Blandine L’Hirondel, rispettivamente seconda e terza. Poco distante dal podio Silvia Rampazzo, che finisce al 4° posto.

Gare avvincenti sulla distanza di 41,5 chilometri e 2184 metri di dislivello; dopo la difficile giornata di ieri, quando nelle gare classiche pioggia e vento l’avevano fatta da padroni, oggi c’era il sole ma diversi tratti del percorso erano ancora innevati, verso il punto più alto (1784 metri).

Si conclude la rassegna iridata con un bilancio decisamente favorevole per i colori italiani, ecco il dettaglio delle medaglie:

2 oro: Angela Mattevi (individuale under 20); Angela Mattevi, Giovanna Selva, Anna Arnaudo, Elisa Pastorelli (Under 20 femminile)

2 argento: Cesare Maestri (individuale senior maschile); Francesco Puppi (individuale senior maschile lunghe distanze)

3 bronzo: Cesare Maestri, Xavier Chevrier, Alex Baldaccini, Nadir Cavagna (squadra senior maschile); Marco Zoldan, Luca Merli, Massimiliano Berti, Giacomo Bruno (squadra Under 20 maschile); Francesco Puppi, Gabriele Bacchion, Luca Cagnati, Alessandro Rambaldini, Fabio Ruga (squadra senior maschile lunghe distanze)

E’ stata un’edizione avvincente: di certo la mancanza degli atleti africani, in primis Uganda che dominava la scena ormai da diversi anni, ha reso le competizioni più aperte.

Ed ora arrivederci al 2021, quando per la prima volta la manifestazione avrà il supporto della IAAF; il mondiale sarà caratterizzato da 4 diverse gare, Classic 12 km (salita e discesa), Vertical ( 1000 metri di dislivello), long trail di 80 chilometri e short trail 40 chilometri.