Stampa questa pagina
Gen 01, 2020 1161volte

KiloMetrObliquO: chi corre a Capodanno…

Lo strappo finale prima dell'arrivo in "vetta" al Montestella Lo strappo finale prima dell'arrivo in "vetta" al Montestella Foto: R Lollini

Tutti bravi a correre il 31 Dicembre, per poi abbandonarsi ad abbondanti libagioni ed eccessi di varia natura. E’ la mattina del primo giorno dell’anno che si vedono in giro i runner più pervicaci. In questa categoria va di certo annoverato il raduno organizzato dai Road Runner Milano presso la montagnetta di San Siro, il Montestella.

Il KiloMetrObliquO, l’alternanza tra maiuscole e minuscole non è casuale, parte poco dopo i panettoni che bloccano il traffico vicino al parcheggio del Campo Sportivo XXV Aprile, e si conclude proprio in cima al Montestella. Una gara a cronometro individuale lunga circa un chilometro. Il tracciato, tutto in sterrato, prevede uno strappo iniziale, seguito da un falsopiano fino al primo tornante. In seguito le pendenze si fanno più dure, specialmente dopo il secondo tornante. Prima dell’ultima rampa che porta in vetta, una leggera discesa permette di fare velocità e prendere il fiato per la progressione finale. In totale sono solo una cinquantina di metri di dislivello, ma ne vale la pena e poi la veduta dall’alto è suggestiva, specialmente nelle giornate più limpide.

Anche oggi la gara, se così si può chiamarla, ha raccolto circa un centinaio di adesioni. Manifestazione all’insegna del fair play e nella massima semplicità, come simpaticamente descritto nel sito del club: “il KiloMetrObliquO è gratuito ed aperto a tutti, non necessita di iscrizioni, pettorali, chip e quant'altro; ognuno è responsabile di se stesso… i tempi verranno rilevati col consolidato PTS (Personal Timing System) ovvero ognuno si piglia il proprio tempo (dunque portatevi un cronometro) e all'arrivo lo comunica all'addetto (se ci sarà) o lo memorizza per consentire, comunque, di stilare una classifica ufficiale”. 

In realtà tutto è ben organizzato. Le partenze sono gestite e scaglionate ogni 15 secondi, il percorso è segnalato da freccie e “cinesini” e ritornati al campo base non manca un ristoro finale. Ringraziamo Riccardo Ghidotti, anima di questo evento, ed il “giudice” Ettore Comparelli che ci hanno fornito i nomi dei due piè veloci: Alice Fusco col tempo di 4’56” e Massimo Cenci in 4’11”.

KiloMetrObliquO: chi corre a Capodanno… corre tutto l’anno!