Stampa questa pagina
Feb 16, 2020 884volte

Iliass Aouani corre sempre più forte: record sul miglio indoor

Oliass Aouani impegnato in una gara indoor sui 1000 metri, a Ithaca (Stato New York) il 28 gennaio 2020 Oliass Aouani impegnato in una gara indoor sui 1000 metri, a Ithaca (Stato New York) il 28 gennaio 2020

Continua la corsa del nostro atleta, di stanza da tempo negli Stati Uniti, verso un obiettivo che si chiama Olimpiade. Iliass, classe 1995, vive da tempo in America, più precisamente a Syracuse, stato di New York. Sono passati poco più di due mesi da quando aveva realizzato il secondo tempo italiano di sempre in un 5.000 metri, 13:35:87, secondo solo a Yeman Crippa (13:23:99): lo avevo raccontato (leggere qui). Ed ora è arrivata un’altra grande soddisfazione per l’italiano di origine marocchine.

E’ successo ieri 15 febbraio, alla Boston University Track & Field (Stati Uniti), nel contesto di un meeting (ad invito) indoor di alto livello, cui partecipavano sia atleti professionisti che universitari. Iliass nell’occasione correva il miglio; nella sua batteria, quella con i migliori tempi di accredito, ha chiuso col fantastico tempo di 4:00:07. Gara vinta da Kieran Tuntivate in 3:57:36.

Il tempo di Iliass potrebbe rappresentare la miglior prestazione italiana in una specialità, quella del miglio (1609,34 metri), poco diffusa dalle nostre parti sopratutto in versione indoor. Dico potrebbe, perché in realtà le statistiche riportano un 4:00:00 registrato manualmente nell’ormai lontano 1973, da Gianni Del Buono.

Raggiunto telefonicamente è Iliass stesso a raccontarci la sua prestazione: “ovviamente sono felice, anzi molto felice, eppure potevo davvero fare meglio. Prima c’è stata la caduta di un avversario, che ha provocato uno sbandamento; poi è stata la volta di un rallentamento tra il quinto ed il sesto. Probabilmente in queste due situazioni ho perso poco, tuttavia arrivare a 8 centesimi da un sub 4 minuti… beh, un po’ dispiace”.

Ed ora avanti tutta verso il sogno olimpico. Questo meeting era “di passaggio”, perché la sua gara obiettivo sono i 10.000 metri, per i quali dovrà ottenere il minimo (27:28), anche se i meccanismi di selezione Fidal non sono sempre così trasparenti. Tale tempo dovrà essere conseguito entro il 29 giugno (per altre specialità sono previste altre scadenze).

Qui ci sono tutti i risultati del meeting.

https://www.lancertiming.com/results/winter20/valentine/index.htm?fbclid=IwAR2cWNQas-9PMO7FTqrKGRemJYbnGABlEXOl7b7DRK9zGsUX_xc09mi4fk4