Stampa questa pagina
Mar 30, 2020 Ettore Comparelli 948volte

Road Runners Milano: 2800 euro per l'ospedale Sacco con la tapasciata virtuale

L'Orso Ettore (a sinistra...) con Ettore Comparelli L'Orso Ettore (a sinistra...) con Ettore Comparelli

Milano 29.03.2020

1° CrownChallenge “You’ll never Road alone” lo Smart Running benefico del Road Runners Club Milano

Bagài,
sa l’è dùra stà serà su in cà! (ragazzi quant’è dura stare rinchiusi in casa) Specialmente per noi runners. La quarantena magari favorirà un boom delle nascite; chissà quanti Natale e Natalina vedranno la luce fra nove mesi; ma i personal best, gli allenamenti, la preparazione, i lunghi, le ripetute, il fartless, lo scarico, il carico di carboidrati, i riscaldamenti, lo stretching e, soprattutto, LE GARE?

Come RRCM abbiamo chiuso la storica sede di Via Canonica dal 21.02, sospeso ogni attività dal 24 febbraio ed annullato i campionati sociali e lo stage di Triathlon in programma a marzo. Siamo stati forse il primo Club a comunicare a tutti i propri soci di seguire scrupolosamente le indicazioni del Ministero facendo nostro lo slogan #iorestoacasa. La nostra super-segretaria Elena “Zanzo” è stata anche intervistata da TV2000 per ribadire la ferma posizione del Road.

Quindi marzo=zero attività! E poi a Captain Ale si accende in testa la classica lampadina: c’è smart working, perché non smart running? Perché non organizziamo noi la tapasciata del mese e la facciamo a scopo benefico? E la mettiamo pure nel nostro calendario con punti Grand Prix e Super Grand Prix. Nasce così la 1° edizione del “CrownChallenge – You’ll never Road alone” con poche e semplici regole.

  • Ritrovo domenica mattina alle 8,30 ognuno a casa sua
  • Si ritira il pettorale “virtuale” al costo (minimo) di 5,00 da versare sul conto dell’Ospedale Sacco di Milano (uno di quelli in prima linea nella lotta a Covid-19)
  • Partenza di gruppo sulla distanza (minima) di 1 metro (possiamo chiedere al signor Guinness se siamo la corsa più corta del mondo?)
  • Si può correre o camminare in tenuta da runner, in pigiama, in pantofole, a piedi nudi, in salotto, sul balcone, sul tapis roulant, in giardino
  • Possono partecipare tutti i conviventi bipedi, quadrupedi e plantigradi
  • Ci si ferma quando si è stanchi ma entro le 9,30 prorogata poi alle 10,30 per i “ma io non sapevo dell’ora legale”
  • Ristoro finale nella propria cucina guardando la gigantografia delle pizze di Orlando-Giuliano
  • Foto rigorosamente con maglia del Club da inviare via mail al Road con copia del bonifico di versamento della donazione effettuata

Risultato: stamattina “al ritrovo” eravamo in 120 e le donazioni all’Ospedale Sacco hanno superato quota 2.800 euro! Successo clamoroso ed inaspettato. E’ stata una bellissima occasione per rivederci in foto e riabbracciarci virtualmente ognuno da casa sua. Ed è un piacere constatare come tanti soci si sentano legati al Club e dimostrino in concreto la propria generosità.

Io ho partecipato con il mio compagno di quarantena ComparOrso, così ho battezzato l’Orso Ettore (giuro, è scritto così sull’etichetta!) che ho vinto alla riffa della festa Road di Natale. ComparOrso è un po' “ingombrante” ed ha passato l’inverno in letargo occupando per intero il mio divano; quando si è svegliato e gli ho detto che siamo in quarantena si è un po' incazzato e per calmarlo ho dovuto dargli un mastello di miele. Lo porto ogni giorno sul balcone a prendere aria e per tenere lucido il pelo; una volta ci ha visto il contadino che stava arando il campo dietro casa; mi ha detto che se lo porto a concimare il suo campo mi regala una bottiglia di birra …

 
What do you want to do ?
New mail