Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Lug 27, 2020 Claudio Romiti 542volte

Castiglione del Lago, Crono 5000: “grande ripartenza” o ci guadagna solo la Fidal?

Il vincitore taglia il traguardo Il vincitore taglia il traguardo Comitato Organizzatore

Comunicato ufficiale dell’organizzazione - Domenica 26 luglio storica per Castiglione del Lago perché è da qui che è ripartita l’intera atletica nazionale su strada. Prima gara del nuovo calendario e soprattutto prima gara organizzata secondo le normative sanitarie vigenti, la Cronometro del Trasimeno ha accolto 205 concorrenti, un numero superiore alle aspettative, e fra loro anche atleti di primissimo piano del panorama italiano.

La vittoria sui 5 km del tracciato disegnato sul lungolago è andata ad Ahmed Abdelwahed, 24enne delle Fiamme Gialle, già sul podio europeo U23 dei 3000 siepi, che ha sfruttato perfettamente l’evento umbro per tornare alle gare in questa stagione. 14’07” il suo tempo finale, con un vantaggio di 43” su un altro virgulto del mezzofondo nazionale, il bergamasco Ahmed Ouhda (Atl. Casone Noceto), mentre al terzo posto ha chiuso l’ascolano Stefano Massimi (Sef Stamura Ancona) a 47”. Quarto posto per il sardo Stefano Floris (Cagliari Atl.Leggera, 15’11”) e quinto per il primo dei concorrenti locali, Fabio Conti (Atl. Winner Foligno) in 15’13”. Il riscatto per l’atletica locale è arrivato dalle donne, con la vittoria che è andata a Silvia Tamburi (Atl. Avis Perugia), specialista delle più lunghe distanze, che in 18’08” ha prevalso per un solo secondo sull’altra umbra Chiara Belfico (Arcs Cus Perugia), a completare il podio Azzurra Ilari (Atl. Am. Osimo) in 18’22”.

Partenze scaglionate con 5 atleti rigorosamente divisi alla partenza e inseriti nelle griglie in base al tempo d’iscrizione, intervalli di un minuto tra una partenza e l’altra, servizi ridotti al minimo e organizzazione, curata da Atl. Avis Perugia e Gs. Filippide (le società storiche della Strasimeno) insieme all’Atl. Avis Magione, attentissima a osservare tutte le disposizioni dei protocolli stabiliti dalla Fidal e dal Governo. La prima edizione della Cronometro del Trasimeno ha riconciliato con l’atletica agonistica dimostrando che, anche in condizioni così particolari e certamente lontane dalla normalità, si può allestire un evento degno, con la dovuta attenzione e rispetto da parte di tutti, nella speranza che presto si possa tornare a sfidarsi come una volta, sprintando verso il traguardo.

 Il gioco a somma negativa imposto dalla Fidal

La prima gara ufficiale umbra post-Covid-19 rappresenta un esempio lampante della cosiddetta teoria dei giochi.  In questo caso giochi a somma negativa, in cui il vantaggio acquisito da un singolo attore – rappresentato in questo caso dalla Fidal - non è compensato dalla perdita complessiva che subisce l’intera platea di soggetti interessati. 

 Ciò si discosta molto dall’obiettivo che secondo il premio Nobel John Nash  (la cui figura è stata efficacemente tratteggiata in  A Beautiful Mind ,  interessante film del 2001  interpretato dal popolare Russell Crowe), secondo il quale esiste sempre un punto di equilibrio nei “giochi” in cui tutti gli attori in ballo raggiungono il massimo guadagno per sé e per l’intera collettività interessata.  Tutto questo è stato per l’appunto definito Equilibrio di Nash o Strategia del massimo.

Ora, e qui ovviamente casca l’asino, a Castiglione  del Lago, dove gli organizzatori avevano ottimisticamente stabilito un tetto massimo di 350 partecipanti alla corsa,  malgrado oltre due settimane di tempo per iscriversi online,  alla fine hanno tagliato il traguardo della cronometro 205 atleti.  Il che, considerando il lunghissimo stop imposto dalle autorità per una emergenza sanitaria che in Umbria non si è mai materializzata,  sembra un risultato assai deludente.  Soprattutto se ci aggiungiamo l’obbligo imposti agli incolpevoli organizzatori, i quali si sono prodigati in ogni modo per promuovere la corsa della ripartenza, di inserire la gara nel ‘lunare’ calendario nazionale della Fidal,  con un ulteriore aggravio di tasse da versare allo stesso ente, ma senza alcun ritorno evidente sul piano della partecipazione.  Partecipazione che poteva essere ben più alta se si fosse permesso di correre anche a quei figli di un Dio minore che svolgono la propria attività sotto l’egida di un qualunque ente di promozione sportiva.  Ma questo rappresenta l’evidente frutto avvelenato della “strategia del minimo” adottata da tempo dalla stessa Fidal, con la quale “convincere” con mezzi sbrigativi l’intero movimento podistico amatoriale a passare in blocco sotto la sua ala protettrice, in cui dominano le prescrizioni imperative, i divieti e gli oboli da versare per i motivi più fantasiosi.

  In quanto alla cronometro in oggetto, che ha visto la presenza dell’intero stato maggiore della Fidal umbra, con i giudici e i cronometristi costretti ad indossare le mascherine sotto il sole cocente di luglio, sembra che si sia svolto tutto con la massima regolarità.  Tuttavia due fatti hanno suscitato una certa ilarità.  Il primo ha coinvolto l’amico di vecchia data Patrizio Lucchetti, delegato Fidal umbro per le corse su strada il quale, mentre il resto dei suoi colleghi restavano impassibili a respirare la loro anidride carbonica sotto il sole cocente, da persona intelligente ha pensato bene di gestire le partenze scaglionate senza la asfissiante mascherina.  Cosa buona e giusta che è servita senz’altro a preservare la sua salute, oltre che segnalarlo tra le persone più ragionevoli all’interno dell’ente pubblico. 

  Ma il massimo della comicità involontaria è stato raggiunto con l’ultima batteria, quella dei 5 top runner presenti, fatti partire con un grande distacco rispetto a chi li precedeva.  Ebbene, per poterli fotografare al via nel modo ritenuto più conveniente ai fini dell’immagine pubblica, anziché  tenerli distanziati con le modalità imposte a tutti gli altri, sono stati richiamati e riallineati gomito a gomito secondo la vecchia metodologia in uso prima della pandemia.  Che dire, probabilmente il virus dei top runner sarà differente, così come recitava un famoso spot pubblicitario di qualche anno addietro.

  Tuttavia è certamente differente la visione di tanti appassionati che si battono per uno sport amatoriale liberalizzato e privo di zavorre burocratiche, così come esiste in gran parte del mondo civile, rispetto al regno dei protocolli e dei regolamenti farraginosi che sembrano riprodursi per autopoiesi, regno che in questo momento storico è decisamente rappresentato dalla Fidal.

 
What do you want to do ?
New mail

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Prossime gare in calendario

CLICCA QUI per consultare il calendario completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina