Stampa questa pagina
Feb 15, 2020 1512volte

Causa Coronavirus corre 66 km chiuso in casa

Il "lungo" rettilineo del circuito indoor ;-) Il "lungo" rettilineo del circuito indoor ;-) Foto: Twitter CGTN China 24

Talvolta ospitiamo su queste colonne originali imprese podistiche che però spesso sono solo il frutto della voglia di cimentarsi in qualcosa di strano ed apparire alla ribalta. Maratone in scenari particolari, anche in casa, magari attorno ad un tavolo da ping-pong. Questa volta non c’è nessuna premeditazione, ma semplicemente la voglia, irrefrenabile di uscire e fare girare le gambe. Compiendo quel gesto che noi podisti amiamo: correre. E quando ciò non è possibile, come attualmente in Cina, dove tutti sono chiusi in casa per paura del contagio, la voglia sale, sale sale. Fino a quando, per la disperazione ci si mette a correre in casa. E’ quello che ha fatto un runner di Hangzhou, cittadina non lontana da Shanghai. Solo che quando parti, poi non ti fermeresti più. Specialmente se sei un ultrarunner, un corridore bulimico da troppo tempo al palo.

Pan Shancu, questo il suo nome, ha coperto ben 66 chilometri. Neppure troppo lentamente tenuto presente che non dispone di una villa con giardino, ma ha dovuto arrangiarsi in un piccolo appartamento. Ci ha impiegato 6 ore e 41 minuti. Quasi a 10 km orari, 6’05” la media esatta al chilometro. "All'inizio mi sono sentito un po' stordito, ma ci si abitua dopo aver fatto il giro molte volte", ha dichiarato Pan Shancu che appena finirà l’emergenza ha già in programma una 100 chilometri. Cliccate qui per vedere il video della corsa che ha già fatto il giro del mondo.