Stampa questa pagina
Mag 12, 2020 423volte

Si torna alla “normalità”: runner romana sfugge a tentato stupro…

Si torna alla “normalità”: runner romana sfugge a tentato stupro… Foto: www.questure.poliziadistato.it

Con il ritorno alla normalità, il popolo dei podisti può finalmente tornare a correre. Sfortunatamente, oltre a queste buone abitudini, per i runner tornano anche i rischi correlati all’attività all’aperto, specialmente se svolta da donne che ironia della sorte, in ossequio alle norme vigenti, sono invitate a correre da sole. 

Ieri mattina 11 maggio a Roma, quartiere Esquilino, una sessantenne sudcoreana residente nella capitale, è stata aggredita ed ha rischiato lo stupro, sventato solo grazie al pronto intervento di due passanti. Grazie alla loro testimonianza ed a quella della vittima, il colpevole, un trentatreenne etiopico con precedenti penali, è stato arrestato dagli agenti dei Commissariati Castro Pretorio ed Esquilino. 

La donna, è stata trasportata all’ospedale San Giovanni in stato di choc, con contusioni alle gambe e al volto in quanto l’aggressore l’aveva già scaraventata a terra cercando di spogliarla. Per lei è stato adottato il “codice rosa” e successivamente il protocollo speciale in difesa delle vittime di violenza sessuale. Fortunatamente è stata dimessa già nel pomeriggio, con una prognosi di pochi giorni.