Stampa questa pagina
Mag 12, 2020 577volte

Situazione impianti sportivi in Lombardia: domande e risposte

Centro Sportivo Comunale di Brugherio Centro Sportivo Comunale di Brugherio Foto R.Mandelli

Un tema molto dibattuto, e non solo in Lombardia. Le norme emanate dal governo nazionale hanno autorizzato la riapertura, dettando tutta una serie di precauzioni da prendere ed è proprio questa la prima difficoltà. Sono regole tanto doverose quanto difficili da applicare, non si tratta solo di chiudere gli spogliatoi, bensì di esercitare il controllo degli ingressi contingentando il numero di persone; sanificare gli attrezzi, avere dei teli da sostituire per il salto in alto, disporre di mascherine e guanti e di garantire lo smaltimento, disporre di strumenti per misurare la temperatura corporea……

Quali sono i centri sportivi, riferendomi in particolare alle piste di atletica, che possono/vogliono garantire tutto questo? Al momento non è previsto alcun contributo a sostegno, pertanto si tratterebbe solo di iniziative private, eventualmente autorizzate dai singoli comuni. Scrivo “eventualmente” perché sappiamo come spesso diversi comuni si siano mossi autonomamente.

Oppure, caso Lombardia (ma sono certo ci siano altre simili realtà in Italia), appassionati di atletica, tecnici, dirigenti, gli stessi atleti, che si mettono a disposizione per mandare avanti la baracca dell’atletica. Proprio grazie a queste persone sono stati aperti diversi centri sportivi, eccone alcuni:

XXV aprile (MI); Sesto SG (MI); Legnano (MI); Lodi; Canegrate (MI); Saronno (VA); Cairate (VA); Vigevano (PV); Mariano Comense (CO); Rovellasca (CO); Brembate (BG); Alzano (BG); Rodengo Saiano (BS); Concesio (BS); Nave (BS); Rezzato (BS). Altri apriranno a breve, come Bergamo (Via delle Valli); Chiari (BS).

Ma si tratta di un elenco che si aggiorna costantemente, è buona cosa rivolgersi al comitato lombardo per informazioni:   Il presidente del Comitato Regionale FIDAL Lombardia Gianni Mauri (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.); i vicepresidenti Roberto Goffi (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) e Luca Barzaghi (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.); il segretario generale Rolando Perri (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), ma anche ai comitati provinciali di pertinenza. Sono a disposizione delle società per tutte le problematiche inerenti e per agevolare l'opera di ripresa, in maniera sicura e controllata, delle attività. 

Qui sotto riporto un comunicato di Fidal Lombardia, che cerca di spiegare come stanno le cose. Il titolo è quantomai opportuno “Facciamo chiarezza”, perché dall’esterno non è facile comprendere le dinamiche che ci sono dietro queste scelte.

In relazione alle ordinanze emanate da Regione Lombardia e dai Comuni in merito alla ripresa dell’attività negli impianti sportivi, si ravvisa che spesso tali ordinanze sono in contraddizione tra loro e che in alcuni casi permettano la pratica all’aperto, in altri casi consiglino la pratica all’aperto, in altri casi ancora permettano oppure neghino l’uso degli impianti sportivi.

La Federazione Italiana di Atletica Leggera, nel pieno rispetto delle norme emanate dal Governo nazionale, ha consentito, al momento, esclusivamente l’allenamento in forma individuale degli atleti di interesse nazionale come da elenchi inviati alle società.  È evidente che FIDAL Lombardia non può predisporre piani di riapertura dell’attività sportiva sulla base di decine di ordinanze comunali di differente contenuto. Pertanto, la Federazione continuerà ad attenersi alle disposizioni del Governo nazionale che per loro natura stabiliscono regole e parametri uguali per tutto il territorio nazionale.

Si sottolinea infine che, laddove le ordinanze locali lo consentano, la riapertura dell’attività esula dalle autorizzazioni federali per la ripresa dell’attività e per l’eventuale riapertura degli impianti. La responsabilità di tali aperture ed il rispetto di tutti i protocolli igienico-sanitari sono di esclusiva competenza e responsabilità di chi ha la responsabilità della gestione (Comuni, Fondazioni, Privati, Società Sportive ecc) e nel pieno rispetto di tutte le tutele previste dai protocolli di sicurezza sanitaria che devono essere rispettati verificando inoltre la validità delle coperture assicurative per lo svolgimento dell’attività all’interno degli impianti sportivi.