Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Giu 25, 2020 523volte

Dopo New York, annullata anche la Maratona di Berlino

Eliud Kipchoge record a Berlino 2018  Eliud Kipchoge record a Berlino 2018 Foto Organizzatori

Pochi minuti dopo l’annuncio dell’annullamento della maratona di New York (come scritto su queste pagine da Maurizio Lorenzini), ecco il comunicato di Berlino, che annuncia il rinvio della quarantaduemila195 metri tedesca al 2021.  
E così, in uno strettissimo arco temporale, la maratona più famosa e quella più veloce al mondo si arrendono una dopo l’altra, anch’esse vittime  della pandemia, come aveva già fatto Boston.In una città come New York ancora alle prese con la diffusione del virus, era quasi scontato l’annullamento della 50^ edizione, in programma il 1° novembre, evitando ogni forma di rischio per i grandi numeri di questa manifestazione, con arrivo di atleti (53.640 nel 2019) da ogni parte del mondo.  Dunque, per la seconda volta nella storia, salta la maratona della Grande Mela, come già nel 2012 a causa dell’uragano Sandy, quando fu annullata però solo alla vigilia.
Questa volta gli organizzatori hanno assicurato il rimborso totale della quota o eventualmente la possibilità di usufruire dell’iscrizione per una della tre future edizioni (2021, 2022, 2023). L’appuntamento è per il 7 novembre 2021.
Di qua dall'Oceano, salta a Berlino la possibilità di un nuovo record mondiale sul velocissimo percorso, che dal 2003 ha visto la realizzazione di undici primati mondiali, l’ultimo nel 2018 del keniano Eliud Kipchoge in 2h01:39. Per la maratona berlinese, in calendario il 27 settembre, pesa anche il decreto governativo che dispone che sino al 24 ottobre non possono essere organizzati eventi che radunino più di 5000 persone. 
Per Berlino, la prossima data è il 26 settembre 2021: per tutti gli atleti iscritti nel 2020 la possibilità di spostare l'iscrizione a questa data o il rimborso totale.  
Delle grandi maratone resistono al momento Londra (4 ottobre) e Chicago (11 ottobre), ma anche per esse il futuro appare segnato; mentre al momento è confermata Amburgo per il 13 settembre, ma con numeri decisamente inferiori rispetto alle Majors. Ancora incerto il destino di Parigi nella nuova data del 18 ottobre: l'organizzazione da un lato mantiene le notizie sull'evento, dall'altro offre voucher validi 18 mesi per quanti rinunciassero.

 

 
What do you want to do ?
New mail

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Prossime gare in calendario

CLICCA QUI per consultare il calendario completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina