Stampa questa pagina
Ago 24, 2018 Francesco Federici - Sportime 8427volte

Recensione scarpe: Mizuno Wave Sky 2

La Mizuno Wave Sky 2 La Mizuno Wave Sky 2

La seconda edizione della gettonatissima Wave Sky si presenta al pubblico con una miglioria tecnologica non di poca rilevanza: aerohug!

Si tratta di una nuova tecnologia nella tomaia, una sorta di maglia che “abbraccia" il piede, composta da due strati (uno elastico e uno rigido) posizionata nella parte centrale. Questa conferisce una stabilità del piede più elevata rispetto alle altre calzature, senza compromettere il comfort. La tomaia inoltre ha un reticolato in mesh elasticizzato ad alta traspirabilità a maglie più fitte che stabilizza ancora di più la zona dell'avampiede, senza opprimere o essere scomoda.

 

 

Suola e intersuola, visto il successo della versione precedente, sono rimaste invariate: u4ic e u4ic x come intersuola, wave concavo spostato in avanti per offrire una transizione sempre fluida e soffice.

 

La Sky 2 l'abbiamo testata su distanze medio lunghe, il territorio ideale per questa scarpa: comoda, stabile e fluida. Permette di rimanere sulle gambe per ore senza problemi.

I risultati più interessanti li ha dati però su ritmi medi o addirittura veloci dove, rispetto alle cushioning della concorrenza, risulta brillante e reattiva.

Sia chiaro non al pari di una intermedia, ma consente di correre a ritmi alti senza risultare statica o avere la sensazione di "affondarci" dentro.

In sostanza una scarpa adatta a chi cerca protezione e stabilità, per pesi medio alti e distanze medio lunghe: ideale per preparare gare lunghe.

 

 

Mizuno Wave Sky 2

categoria: cushioning neutral (massima ammortizzazione neutra)

peso uomo: 335 gr.

peso donna 285 gr.

drop 10 mm.