Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Rodolfo Lollini

Rodolfo Lollini

Mentre i nostri governanti continuano a limitare/impedire la corsa con disposizioni inutili per la protezione dal virus (come chiarito anche dal Presidente dell’Istituto Superiore della Sanità) e dannose per la salute (come recentemente ribadito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità), come rispondono i runner? Con tante donazioni.

Oggi vogliamo mettere in evidenza l’Ortica Team. Lasciamo la parola al Presidente Gianfranco Gallotti per descriverci brevemente chi sono e la loro iniziativa: “Buongiorno signor Lollini. Prima di tutto grazie per l’interessamento. La nostra associazione conta ad oggi circa 300 atleti. Siamo partiti nel 2006 ed eravamo solo in 8. In questi anni abbiamo condiviso molte esperienze podistiche tra tapasciate, e trasferte all'estero (ndr: anche con le iniziative di Podisti.net), cercando di mettere come obiettivo primario "il divertimento". In questo periodo così difficile per tutti, abbiamo voluto, con un piccolo gesto "fare la nostra parte". La Società ha proposto di donare dei fondi in aiuto all'Ospedale Sacco e tutti hanno prontamente risposto anche con donazioni individuali volontarie. Io, sono il Presidente e sono molto orgoglioso di tutti noi, oltre alle gambe per correre... abbiamo un cuore!”. Un assist da 4536 euro: complimenti!

Un invito a tutte le società o i gruppi podistici: non esitate a segnalarci analoghe iniziative e sarà per noi un piacere dare la giusta evidenza.

Lunghi periodi di forzata convivenza hanno anche molte controindicazioni. Il nervosismo sale e se con qualche coinquilino i rapporti sono già tesi per motivi pregressi, si può anche arrivare a degli eccessi che ovviamente non giustifichiamo. Siamo a Montesilvano (PE) e questa volta nella parte del colpevole c’è un runner, non sappiamo se si tratti di un podista esperto oppure di qualcuno che si è inventato corridore per restare fuori casa. Sembrerebbe che tutto parta dal rimprovero/epiteto che al giorno d’oggi chiunque si sente in diritto di rivolgere ai runner. Molto spesso a torto come in questo caso, perché il podista si trovava “in prossimità della propria abitazione” e quindi nel pieno diritto di svolgere attività motoria. Fatto sta che per vendetta l’uomo è andato a prendere un grosso martello ed ha provocato danni ingenti all’automobile del vicino sotto gli occhi dello stesso che ha filmato tutto dal balcone di casa. Ovviamente non la passerà liscia. E’ stato identificato dalle forze dell’ordine, denunciato e dovrà affrontare un processo per danni e vandalismo.

 

 

 
What do you want to do ?
New mail

Apprendiamo da www.giornaledibrescia.it che presso la chiesa del quartiere Casazza a Brescia, c’è un prete intenzionato a chiarire ai suoi fedeli, ma non solo a loro, il senso dei recenti provvedimenti governativi. In un messaggio audio su WhatsApp che poi è stato diffuso anche fuori dalla chat, Don Massimo diceva ai suoi amici catechisti: «È vero quel detto che dice uomo avvisato, mezzo salvato. Cosa intendo? Oggi starò tutto il giorno sul campanile con una carabina in mano e se vedo qualcuno girare per il quartiere inutilmente, lo azzoppo». A nulla sono valse le successive smentite. Fonti interne alla Diocesi buttano acqua sul fuoco e confermano che sia stato proprio il sacerdote ad averlo inviato, ma in tono scherzoso. Non ci è dato di sapere se fra i potenziali obiettivi del novello Don Camillo fossero inclusi anche i runner-untori, ma propendiamo per una risposta positiva al quesito.

Seppure in colpevole ritardo, in quanto l'appello è datato 16/3/2020, trasmettiamo volentieri il messaggio inviato a tutti i runner milanesi dalla più importante influencer nazionale. Ammesso che non facciate parte dei suoi oltre 19 milioni di follower, perché in questo caso ne siete già a conoscenza. Augurandoci d'interpretare bene il suo pensiero, riteniamo che Chiara Ferragni estenda volentieri questo messaggio a tutti i podisti italiani. In ogni caso per eventuali ulteriori dettagli consigliamo di consultare direttamente i suoi profili social, tra cui quello instagram da cui abbiamo raccolto questo collage.

Apprendiamo da altarimini.it che si è svolta ieri a Novafeltria, la prima edizione della "Maratonina Famiglia Draghi" che ha visto trionfare Fabrizio Draghi, l’atleta di casa.
E diciamo che mai come in questa occasione, questo termine è certamente molto azzeccato, in quanto la gara stessa si è svolta sul terrazzo di casa Draghi. Il runner dell'Atletica Rimini Nord Santarcangelo ha concluso in 3h50’40”. Tempo nettamente superiore al suo personale che il sito FIDAL indica in 1h40'59", ma va considerato che la prova era prevista su ben 840 giri della terrazza che lo hanno costretto ad un numero doppio di curve ad U. Bicio, questo il soprannome del vincitore, non ha avuto rivali, nel senso che era l’unico partecipante. Questo non toglie nulla alla sua vittoria, in quanto gli assenti hanno sempre torto. Per completezza d’informazione, va sottolineato che la manifestazione non era organizzata dalla FIDAL o da altri enti di promozione sportiva e non ci risulta che il percorso sia stato regolarmente omologato. Segnaliamo inoltre che alcuni detrattori del cinquantenne agente immobiliare, fanno notare come la giuria fosse composta solo da suoi familiari, in evidente conflitto d’interessi ;-)

https://www.youtube.com/watch?v=4jXAC0eWv68&feature=youtu.be


 

“Ascolta un cretino” era la battuta preferita di Micio, uno dei tanti personaggi interpretati dal comico Claudio Bisio, in questo caso durante la trasmissione TV: “Mai dire gol”. Oggi, da novelli “Micio”, Vi suggeriamo di ascoltarci ed andare a fare un lungo. Pazienza se avevate in programma il giorno di riposo o una corsetta breve. Qui è probabile che chiudano tutto. Basta leggere i quotidiani online o ascoltare le dichiarazioni degli uomini di governo, per capire che la prossima stretta riguarderà la possibilità di fare sport all’aperto. Su cosa ne pensiamo di questo provvedimento non ne parliamo oggi, anche perchè temo che avremo molto tempo per scriverne noi e per avere la compiacenza di leggerci Voi. Tutti bloccati in casa.

Le uniche avvertenze che possiamo dare sono le seguenti: verificare se non abitate in una regione come l’Emila-Romagna, dove hanno già adottato questo provvedimento. Ritornare a casa prima di mezzanotte, visto che la clausura sportiva andrebbe in vigore dalle ore 0 di domani. Oltre a correre da soli, ovviamente. Tenendo le distanze da chiunque altro. Abbondanti, non il metro canonico, ma molto di più.

Martedì, 17 Marzo 2020 01:00

Dagli al runner untore!

Ne “I promessi sposi” si racconta come nella Milano del 1630, durante la terribile epidemia di peste, chi era sospettato di propagare il contagio, ungendo persone e cose, veniva definito “Untore”. Anche Renzo venne scambiato per uno di loro, ma riesci a cavarsela, evitando di essere linciato dalla gente inferocita. Anche perché senza più il protagonista principale, non ci sarebbe potuto essere il lieto fine con l’amata Lucia ;-).

Se al protagonista del romanzo di Manzoni è andata bene, non sappiamo cosa succederà ai poveri runner, moderni untori di Coronavirus. Eh si, perché sta salendo un movimento trasversale che a dispetto di quanto chiarito dal Governo e dall’Istituto Superiore di Sanità, ovvero che la corsa è permessa e non provoca pericolo, odia i presunti propagatori d’infezione in pantaloncini e GPS.

Movimento che parte dalla influencer per definizione. Quella più nota che però per dispetto, lo ammettiamo siamo invidiosi di tanto successo, non nominiamo. In ogni caso c’è d’aver paura, visto il seguito che ha e non stiamo scherzando. Movimento che tocca tante persone, tra cui un giudice che intervistato da una TV nazionale piazza una filippica contro i furbetti che s’infilano un paio di scarpe da ginnastica approfittando di questo trucco per stare in giro tutto il giorno… Ovviamente il titolista della testata sintetizza magistralmente così:” Ma si può andare a correre? Per il magistrato Valerio De Gioia può essere contagio colposo”.

A questo punto si potrebbe ironizzare sull’autorevolezza della testata stessa e su quello che è stato il suo direttore per 20 anni. Ci si potrebbe anche domandare perché invitare un magistrato che chiede leggi più dure. Noi eravamo restati alla divisione tra i poteri legislativo, esecutivo e giudiziario. Non che un giudice non possa dire la sua, ma forse sarebbe meglio che lo facesse presentato come un libero cittadino, altrimenti si finisce per aumentare i dubbi della gente, come se il parere di un magistrato sia legge. Mentre non essendo l’Italia un paese anglosassone, non fanno giurisprudenza neppure le sentenze passate in giudicato…

” Ma si può andare a correre? Per il magistrato Valerio De Gioia può essere contagio colposo”. Tradotto da chi legge solo i titoli con la facile formula: runner untori e fuorilegge. E si sa che al giorno d’oggi, tra formule brevi, facili da ricordare ma e sbagliate e risposte corrette, ma un po’ complicate non c’è corsa. Come in politica, vince sempre chi usa il primo sistema.

In questo periodo di Coronavirus, caratterizzato da una controinformazione che purtroppo viene veicolata anche da media a livello nazionale, ieri è arrivata un’importante dichiarazione a proposito della corsa in tempi di pandemia. A farla la fonte più autorevole in Italia, ovvero il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità - ISS. Nel momento più opportuno, la conferenza stampa alla sede Protezione Civile.

Durante la diretta televisiva che giornalmente c’informa sugli sviluppi di questa vicenda, Silvio Brusaferro, il presidente ISS, quel signore sempre a fianco di Angelo Borrelli, ha dichiarato: “…nella corsa, se uno deve fare jogging o running… il problema è il distanziamento sociale, cioè la distanza che uno deve mantenere dagli altri. Se una persona corre sola in mezzo ai campi, onestamente pare abbastanza difficile pensare come possa trasmettere delle goccioline”. Ecco il video, dal minuto 1’30” si entra in argomento

Insomma correre è lecito, come riconfermato anche dal governo sulla pagina che ospita le risposte alle domande più frequenti sul suo ultimo decreto (vedere alla voce spostamenti), salutare e non nocivo per la salute. Ok, tutto chiaro, ovviamente fino al prossimo intervento del tuttologo di turno in qualche talk show, ora fortunatamente sospesi (non tutti i mali vengono per nuocere) ed immediatamente rimbalzati da webeti (ebeti del web) su Facebook, WhatsApp e compagnia.

Martedì, 10 Marzo 2020 23:47

Ad oggi confermata l'Elba Marathon

Riceviamo questa comunicazione da parte di Damiano Di Cicco che parla a nome dell'organizzazione dell'Elba Marathon www.maratonadellisoladelba.it, di cui peraltro è il Presidente:

"Prima di darvi delle comunicazioni e degli aggiornamenti che riguardano la nostra manifestazione, tengo a dire (visto la situazione che tutti conosciamo) sperando che tutto passi nel miglior modo e nel più breve tempo possibile per la nostra salute prima di tutto e poi per tutto il resto. Per quando riguarda la Maratona dell'isola d'Elba, visto le problematiche che si stanno succedendo per questo benedetto Covid19, che ha portato l'annullamento di ogni manifestazione sportiva fino al 3 aprile, ci teniamo ad informarvi che ad oggi il nostro evento in programma il 10 maggio (quindi ben oltre il 3 aprile), risulta essere confermato".

L'organizzatore intende inoltre rassicurare maggiormente, aggiungendo che: "in caso di annullamento entro il 9 aprile per disposizioni governative o di altri organi competenti (quindi non per scelte personali o interne all'organizzazione), l'atleta che si è già iscritto o che si iscriverà nei prossimi giorni (e per relativi accompagnatori), gli verrà rimborsata l'intera somma riguardante la quota versata per l'iscrizione alla gara, per la nave e per l' alloggio. Comunque confidiamo e auspichiamo che il governo, nei primi di aprile possa darci la completa certezza o no della nostra manifestazione. Ma noi siamo positivi e vi diciamo ancora che vi aspettiamo il 10 maggio per vivere un sogno e svegliarci da questo brutto incubo. "

Di Cicco conclude così: " Ci tengo e a spendere una parola e un pensiero a chi è in condizioni di disagio o per chi ha contratto il virus augurandogli una pronta guarigione. Tanta ammirazione e forza per la nostra sanità o per chiunque sta lavorando incessantemente per poter arginare il problema. E a noi tutti cerchiamo di essere migliori e di fare qualcosa di giusto quotidianamente, osservando le regole imposte per salvaguardaci da questo male"

 

 

Cala la spavalderia ed aumenta la preoccupazione per il Coronavirus anche oltre oceano. E' di poche ore fa l'annuncio da parte della USATF ovvero la Federatletica a stelle e strisce (United States of America Track and Field il significato dell'acronimo). I Campionati Indoor Master 2020 che si sarebbero svolti dal 13 al 15 marzo p.v. a Baton Rouge in Louisiana, sono stati cancellati in base alla raccomandazione del comitato organizzatore locale.

"Le preoccupazioni per il virus COVID-19 e l'aggiunta di rischi a chi ha più di 60 anni hanno portato alla decisione di annullare i Campionati Indoor USATF Masters per motivi prudenziali", ha dichiarato Max Siegel, CEO di USATF. "Supportiamo la decisione del comitato organizzatore locale e continueremo a monitorare la situazione relativa a tutti gli altri eventi USATF".

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina