Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Sabato, 31 Luglio 2021 16:37

Ancora annullamenti: niente Corripavia 2021

Chissà se ci vuole più coraggio a fare le gare piuttosto che rinunciare, non credo esista una risposta unica, e precisa. In questi mesi ho visto tante situazioni diverse tra loro, tra organizzatori che volevano (quasi) a tutti costi andare avanti con le manifestazioni e autorità locali più o meno coraggiose. Certo dispiace tanto che una bella gara come la Corripavia anche quest'anno debba alzare bandiera bianca.

Ecco il comunicato degli organizzatori

Pavia 27 luglio. L’incertezza dell’evoluzione dell’emergenza sanitaria legata al COVID-19 non ci consente di programmare con la necessaria serenità l’allestimento di una CORRIPAVIA all’altezza della sua ventennale storia.
È pertanto, con grande rammarico, che informiamo tutti gli appassionati, che numerosi cihanno contattato per avere notizie sull’evento, dell’annullamento dell’edizione 2021 prevista per il 26 settembre. Provvederemo ad effettuare le opportune comunicazioni alla Fidal, al Comune di Pavia, alla
Regione ed a tutti gli enti coinvolti nella CORRIPAVIA.
Ci auguriamo che nel 2022 la situazione sanitaria si evolva positivamente per effetto del piano vaccinale e dei provvedimenti governativi e che si possa riprendere l’attività normale con il sostegno di tutti quelli che nel passato hanno fatto grande la nostra iniziativa che così tanti consensi aveva ottenuto a Pavia e in Lombardia.

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

23 giugno - Pubblichiamo di seguito l'amaro comunicato ricevuto questo pomeriggio dall'ufficio stampa della gara, con cui Matteo Mazzoleni comunica l'annullamento della gara che era in programma il 17 e 18 luglio 2021 a Sala al Barro (LC).

Carissimi atleti, sponsor, volontari, componenti del comitato promotore, volontari enti e associazioni.
Sono a scrivere in quanto ZENITHAL TEAM ASD nella figura del suo Presidente, attraverso una comunicazione per via raccomandata con ricevuta di ritorno datata 17.06.2021, mi DIFFIDA e mi INTIMA l’immediata cessazione di operare per conto della stessa Asd.
Premetto che come ideatore e creatore insieme ad un gruppo di amici  della BARRO SKY NIGHT alle origini, poi divenuta BARROSKYTHENITE, mi sono sempre appoggiato a diverse associazioni per le edizioni precedenti e mi sono sempre fatto carico in prima persona dei rapporti e contatti con sponsor, atleti, associazioni, enti ed altre Società Sportive, con i quali ho ottimi rapporti ormai da anni di collaborazione ma soprattutto di AMICIZIA, e che tutto veniva fatto secondo le regole e gli accordi concordati tra le parti.
A poco meno di un mese dall’edizione 2021, prevista per il 17-18 luglio, nel corso della quale abbiamo aggiunto una gara per rendere l’evento ancora più importante, sono stato personalmente contattato dalla Federazione per ospitare la nazionale  italiana di skyrunning FISKY per un ritiro pre-mondiale; ma solo oggi mi sono ritrovato senza poter agire, per quanto concerne l’organizzazione dell’evento in toto, come ho sempre fatto per il bene della manifestazione, la crescita della Asd e per la promozione del nostro Paese in cui credo ancora.
Con le lacrime agli occhi e con forte rammarico sono costretto a comunicare che l’edizione della manifestazione “BARROSKYTHENITE” che comprende le 4 gare ZENSKY , ZENVERTIK, ZENDOUBLE, ZENFUN in programma il week end del 17-18 luglio 2021, viene ANNULLATA in quanto non mi è possibile garantire il regolare svolgimento delle stessa per via della comunicazione di recentissima data, firmata dal presidente della Asd, della quale al momento sono ancora segretario.
Purtroppo anche il ritiro della nazionale in programma dal 16 al 18 luglio a fronte dell’allegata diffida, .
Chi ben mi conosce, conosce anche la mia moralità e la mia integrità, e la passione che ho sempre messo nell’organizzazione di questo evento che per me e per tutti i volontari e collaboratori è sempre stata linfa vitale, in quanto tutti accomunati dalla passione per la montagna, per lo sport e per l’amicizia.

Chiedo agli sponsor, che hanno già ricevuto regolare fattura per la sponsorizzazione dell’evento, e agli atleti che hanno già effettuato l’iscrizione di contattare il presidente della Asd Zenithal Team (mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) per le pratiche legate all’annullamento dei documenti e la restituzione delle somme, in quanto non sono più la persona designata ad operare in tal senso.

Vi ringrazio per il sostegno e l’affetto che mi avete dimostrato fino ad oggi, confidando in una nuova rinascita o ritorno alle origini insieme a tutti voi.

Matteo Mazzoleni

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

Monza, 9 aprile - Cari amici runners, sponsor, partner, sostenitori, volontari e affezionati spettatori della Monza Resegone, abbiamo atteso invano dei miglioramenti circa l’emergenza sanitaria in corso, ma la possibilità di tornare a una vita più o meno normale è ancora lontana. Dopo aver valutato i pro e i contro, per il bene delle squadre in gara e dei nostri preziosi volontari, abbiamo deciso, a malincuore, di sospendere anche per quest’anno l’edizione n. 60 della corsa in programma il prossimo mese di giugno.

Coltiviamo sempre il forte desiderio di rivedere centinaia di persone correre di notte sulle strade della Brianza e del lecchese, indi su per il sentiero del Resegone verso l’agognato traguardo della Capanna Alpinisti Monzesi. Il senso di responsabilità ha prevalso, anche dopo attento vaglio di quanto è consentito fare in osservanza alle precise norme della Fidal in materia di sicurezza delle gare podistiche su strada. Ci siamo resi conto che non avremmo potuto garantire l’assoluta sicurezza sanitaria per tutte le persone coinvolte, tenuto conto delle particolari ed uniche caratteristiche della nostra corsa notturna.

Organizzare in modo alternativo, con percorsi diversi e senza la presenza della gente, una manifestazione come la nostra avrebbe voluto dire snaturarla completamente. Non è nostra intenzione vedere una Monza Resegone igienizzata, sanificata, con la misura delle distanze, a porte chiuse e con la mascherina. Contiamo fermamente che siate d’accordo sulla rinuncia a un tentativo di un’edizione incolore, senza pubblico, con partenza ed arrivo in luoghi inconsueti da quelli pensati e consolidati in quasi 100 anni di storia della Monza-Resegone.

Vogliamo rimanere con il ricordo di una lunga notte di festa, di pubblico accogliente, di tante storie da raccontare all’indomani, e rimandare il tutto di un altro anno.

Ringraziamo Il Comune di Monza, il Sindaco, l’Assessore allo Sport e tutti i funzionari preposti che con la consueta generosità ci avevano assicurato il loro sempre apprezzato sostegno, nonché tutti i collaboratori che già avevano manifestato la volontà e l’impegno di affiancarci nel tentativo di tornare a correre in squadre dall’Arengario al Resegone.

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

Sembrava tutto a posto, e invece il diavolo ci ha infilzato in extremis il suo forcone. Non si tratta, questa volta, di organizzatori pavidi o di pubblici amministratori allarmati per quieto vivere. Dal giorno di Pasqua in poi, nel quadro di un peggioramento complessivo della situazione epidemica in provincia di Latina (circa 200 nuovi casi di positività al giorno, 36 ricoveri in ospedale a Pasqua, 10 il lunedì), il virus ha picchiato più forte a Sabaudia, con un focolaio che ha prodotto 27 positivi tra i braccianti (di nazionalità indiana) che operano nella zona.

Questo il comunicato emesso giovedì sera dagli organizzatori della Maratona Maga Circe (che sarebbe partita da San Felice Circeo alle 8,45 di domenica):

Con estremo dispiacere e amarezza comunichiamo di avere ricevuto via Pec in data odierna alle ore 17:17 la comunicazione che la Prefettura di Latina ha deciso di annullare a 72 ore dal via, la Maratona Maga Circe, evento di Interesse Nazionale regolarmente inserito nel programma federale di atletica leggera.

L’asd “In Corsa Libera” fa presente che l’annullamento a così poche ore dalla svolgimento non è dipeso dalla nostra volontà. Non abbiamo ricevuto prima d’ora alcuna comunicazione circa situazioni di criticità legate al Covid che rendessero impraticabile l’evento, ma solo ieri telefonate informali da parte dei rappresentanti dei Comuni. La nostra società non è infatti mai stata invitata a prendere parte ad alcun tavolo di confronto.

Avendo pertanto un sentore negativo, ci siamo resi disponibili mediante una Pec inviata a tutti gli organi competenti datata 7 aprile ore 21.17 ad annullare la Fast Run 10 km per poter almeno tutelare gli iscritti alla 42,195km, ma nulla è servito.

Nonostante poi, avessimo solo riscontri telefonici e mai ufficiali, ci siamo comunque messi in moto ed abbiamo ottenuto la promessa di garantire, seppur a termine scaduto, la cancellazione gratuita per coloro che hanno prenotato gli Hotel in convenzione con la Maratona Maga Circe.

Oggi, 8 aprile, dopo lunghe ore di attesa e a seguito di solleciti, abbiamo ricevuto la comunicazione dell’annullamento dell’evento. Annullamento motivato dal rilevamento dell’Asl di Latina di un indice di contagio pari a 2,6 ed una presenza di “variante inglese” ad alta trasmissibilità sul Comune di Sabaudia.

Vista dunque la criticità sottolineata, nell’interesse delle comunità locali e dei partecipanti, con senso di responsabilità, ci troviamo costretti a rimandare l’appuntamento con la Maratona Maga Circe al prossimo 6 febbraio 2022.

 L’Asd In Corsa Libera rimborserà tutte le quote di partecipazione a tutti coloro che ne faranno richiesta, inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con la copia del bonifico e specificando L’IBAN sul quale emettere il rimborso. Per chi vorrà invece, potrà ottenere il congelamento per il prossimo anno.

 Un danno non solo economico, ma morale, seppur motivato, che investe l’Italia intera, che frena la ripartenza, che ci demoralizza, perché eravamo pronti a dimostrare che lo sport è un veicolo di buone azioni, di controllo, di rispetto delle regole. Quelle regole che minuziosamente siamo stati chiamati a rispettare in ogni cavillo, dalla misurazione della temperatura, al distanziamento, alla partenza a blocchi, all’obbligo di mascherina, alle autocertificazioni, alle navette riempite al 50% della capienza, alla sanificazione.

 Ringraziamo comunque le Amministrazioni Comunali di Sabaudia e di San Felice Circeo che ci sono state vicine in queste ore per noi così difficili.

Ed un grazie va a tutti gli iscritti che avevano creduto in noi e che ora si sentono giustamente delusi perché privati per l’ennesima volta del sacrosanto diritto di poter correre, non solo per sport, ma per passione.

Grazie comunque, a chi come noi continua a crederci.

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

Arriva un’altra mazzata per Davide Daccò, organizzatore della corsa podistica “Stramagenta”, gara nazionale Fidal (lo preciso per evidenziare la legittimità della gara, in ogni colore). Giova ricordare che tale manifestazione era già stata annullata a pochi giorni dalla data originariamente prevista, il 7 febbraio, eppure due giorni dopo la zona era tornata arancione. Forse si poteva riflettere un po’ di più in quella occasione, prima di decidere. Una mazzata per chi organizza, provate ad immaginare cosa significhi, per ben due volte, vedersi annullare la gara pochi giorni prima. Non è bello nemmeno per lo sport, si cerca faticosamente di ripartire e questi accadimenti non aiutano.

Per la cronaca, alla Stramagenta ci sono mille iscritti.

Come mai non si correrà la Stramagenta? La motivazione, su un piano strettamente formale, è che la delibera di approvazione, datata 9 febbraio, non prevede la manifestazione in caso di zona rossa. Però … le delibere si fanno, ma poi si possono anche cambiare, laddove esistano determinate condizioni.

E le cose, da allora, sono ben cambiate.

La situazione generale dell’Italia è migliore rispetto a quel tempo, ad esempio l’indice nazionale Rt, che definisce la trasmissibilità del virus, è inferiore a 1, un limite che indica il livello di rischio. Pare inoltre che Magenta nei giorni scorsi fosse posizionata ancora più sotto. Le gare sono ripartite, in conformità con le esistenti normative, che le autorizzano anche in zona rossa, abbiamo avuto molto esempi. Sarà una questione di enti locali più coraggiosi? Oppure? Ma forse, soprattutto, ci vuole la volontà di fare le cose, volontà che non è mancata alle autorità locali di Morbegno, Brescia, Biella, Brugnera…. ; poi cade ancor più l’attenzione su San Giorgio su Legnano, San Vittore Olona, Trecate… sono comuni che distano pochi chilometri da Magenta, qui si è gareggiato regolarmente.

Da aggiungere che la definizione delle zone avviene spesso improvvisamente: magari un giorno dopo, o pochi giorni dopo la Stramagenta, la Lombardia tornerà arancione: la beffa sarebbe ancora maggiore. E’ legittimo e opportuno un annullamento, a prescindere da valutazioni un po' più approfondite?

Ed ora che accadrà? Difficile pensare ad un ulteriore rinvio, probabilmente inaccettabile per chi organizza. Chissà se si tornerà mai a correre a Magenta.

Comunque vada è una brutta sconfitta, per lo sport. 

Questo il comunicato emesso dal comune di Magenta:

Gent.mi, 

richiamata la deliberazione GC n. 17 del 09/02/2021, in cui si stabiliva che l'ottava edizione della manifestazione sportiva  "Stramagenta" avrebbe potuto svolgersi solo ed esclusivamente se lo scenario di rischio previsto per domenica 11 Aprile 2021 per la Regione Lombardia e il territorio di Magenta sarebbe stato quello di cui alla c.d. Zona Gialla – Zona Arancione; vista l'Ordinanza del Ministro della Salute del 02 aprile 2021 che ha stabilito per la Lombardia l'applicazione delle misure della c.d. "Zona Rossa" per  un periodo di ulteriori quindici giorni e fatta salva una nuova classificazione;  considerato anche l'andamento della situazione pandemica locale; nel rispetto di  quanto precedentemente stabilito e concordato, spiace dover comunicare che la manifestazione sportiva "Stramagenta" , prevista per domenica 11 aprile p.v., non potrà svolgersi.  

Si resta a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

Cordiali saluti  

Luca Alberto Aloi

Questo invece il pensiero dell'assessore allo sport, Luca Alberto Aloi, che volentieri pubblichiamo.

La scelta è una di quelle per cui il fegato ti rode in maniera esponenziale con il passare delle ore, ma la situazione purtroppo è questa, gli impegni scritti nella delibera di giunta non sono modificabili alla luce della situazione che stiamo affrontando.

A Febbraio non era pensabile essere ancora conciati così ad Aprile e le feste pasquali non hanno portato con se notizie di conforto, compresa l'ordinanza del Ministero della Salute che prevede ancora 15 giorni di zona rossa.

Le scuse mie personali sono dovute, crederci fino alla fine quando in molti avrebbero già tirato i remi in barca per "quieto vivere" ti espone anche a questo.

Ovviamente chi ci ha creduto e organizzato di queste scuse se ne farà poco, come me del resto. Non posso che continuare a ringraziare tutti coloro che hanno interloquito e si sono resi disponibili anche come volontari per tentare di dare un segnale positivo allo sport.

Con grande rammarico

Assessore allo sport

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

30 Marzo - L' Asd "100 km del Passatore" comunica che l’edizione tradizionale della 100 km del Passatore è temporaneamente sospesa causa il protrarsi dell’emergenza sanitaria ed è rinviata a maggio 2022.

Nel 2021 verrà disputata un’edizione speciale del Passatore quale campionato italiano 100 km su strada, onorando al meglio delle possibilità lo spirito che da sempre anima la Firenze-Faenza. Maggiori dettagli saranno forniti non appena giungeranno le definitive conferme FIDAL.                   

Il presidente della 100 km del Passatore, Giordano Zinzani, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "L'associazione ha profuso grande impegno affinché la manifestazione non fosse annullata, organizzando una 'special edition' del campionato italiano 100 km su strada in attesa di poter tornare a disputare l'edizione tradizionale della Firenze-Faenza. Un sentito ringraziamento a tutti i membri dell'Asd ed ai volontari che mantengono sempre accesa la fiamma della Cento".

“Dispiace che anche per quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria -spiega il sindaco di Faenza, Massimo Isola-, la 100 Km del Passatore non verrà svolta nella sua formula tradizionale coinvolgendo, come sua consuetudine, la città che le è sempre molto affezionata. Sono però contento che l’organizzazione abbia deciso per una edizione speciale in attesa che il ‘Passatore’ possa far tornare ad emozionare le migliaia di tifosi che aspettano di vedere il passaggio dei podisti della Firenza-Faenza”.

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

22 Marzo - Vista l'emergenza Covid-19 in atto, di comune accordo con l'Amministrazione Comunale di Crevalcore e considerando la tempistica necessaria per l'organizzazione in sicurezza di questo tipo di manifestazione, si è deciso di ANNULLARE l'edizione 2021 della Maratona e della Mezza Maratona in calendario domenica 9 maggio.

Ringraziamo l'Amministrazione Comunale, quanti ci sono stati a fianco in questo tentativo di tornare a correre sulle strade di Crevalcore e la UISP per la fiducia data accordandoci il Campionato Nazionale.

Nei prossimi giorni invieremo una mail a tutti gli Atleti già iscritti, compresi quelli ai quali avevamo garantito lo spostamento dall’edizione 2020 a quella 2021, che potranno scegliere se richiedere il rimborso dell'intera quota pagata o la conferma della stessa per l'edizione 2022 senza alcun onere.

Non ci sposteremo più avanti nella stagione ma torneremo alla nostra data classica del 6 gennaio.

Per ogni informazione e/o comunicazione Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

Il piano di sicurezza redatto da azienda specializzata definito dagli esperti di livello “Gold”, la classificazione del C.O.N.I. di “gara di interesse nazionale”, l’applicazione del protocollo sanitario richiesto da ITRA (International Trail Running Association), si infrangono contro il colore dei territori che ospitano il passaggio dei concorrenti.
L’Emilia-Romagna con “Rt” salito a 1,34 è zona “rossa”, la Toscana con 1,20 è ”arancione”. Dati negativi e con previsioni di crescita esponenziale che di fatto impediscono lo svolgimento di qualsiasi gara ivi compresa la 4a edizione del’ Ultra-Trail® Via degli Dei, corsa a piedi competitiva in ambiente naturale di 125 chilometri da Bologna a Fiesole, terza edizione della Flaminia Militare Trail di 55 chilometri da Monte di Fò e seconda edizione da Monte Senario Trail di 32 chilometri in programma dal 16 al 18 aprile prossimo, spostata al 2022.
“L’aggravarsi dell’emergenza pandemica – afferma Riccardo Cavara presidente Associazione Sportiva Dilettantistica Ultra Trail Via degli Dei di Monterenzio (BO) organizzatrice della gara – e nella impossibilità di conoscere oggi la situazione dopo il 6 aprile, ci costringe a posticipare nuovamente la gara all’anno prossimo. Decisione assunta quali convinti sostenitori del principio etico che mette al primo posto la salute degli atleti e dei volontari. In secondo ordine alcuni ostacoli impedirebbero il regolare svolgimento del trail. Fra questi   – precisa - l’assegnazione dei diversi colori che potrebbe avvenire dopo il 6 aprile. Caso già avvenuto nel ciclismo all’ultima edizione del Giro d’Italia dove le autorità francesi hanno vietato alla carovana rosa il transito sul loro territorio. Per questi motivi abbiamo deciso di spostare l’evento che a oggi aveva raggiunto il record di iscritti con quasi 700 concorrenti. Per rispetto agli atleti che avevano già dato la loro adesione e rendere meno amara la nostra decisione nei loro confronti – dichiara - abbiamo riservato la possibilità di recuperare la quota di iscrizione nella misura del’’80 per cento anziché il 50% come previsto dal regolamento in caso di gara annullata per cause indipendenti dalla nostra volontà. Inoltre – conclude - per coloro che decideranno di confermare l’iscrizione per il 2022 manterremo inalterata la quota senza eventuali aumenti e assegneremo un voucher sconto per partecipare in ottobre al “Celtic Trail” di Monterenzio in attesa di riportarli a correre lungo la Via degli Dei l’anno prossimo”.

INFO : www.ultratrailviadeglidei.com 

 
 
 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Lunedì, 15 Marzo 2021 22:31

Annullato il Trail del Monte Soglio 2021

Cari amici trailrunners, sostenitori e affezionati del Trail del Monte Soglio,
sono ormai mesi che attendiamo invano dei miglioramenti circa l’emergenza sanitaria in corso, ma la possibilità di tornare a una vita più o meno normale è ancora lontana.
Dopo aver valutato i pro e i (troppi) contro, per il bene dei corridori e dei nostri preziosi volontari, abbiamo tristemente preso questa sofferta decisione: non riteniamo opportuno disputare la dodicesima edizione del TRAIL DEL MONTE SOGLIO in programma il prossimo 29 maggio.
La decisione è stata molto combattuta poiché, seppur sottostando a diverse restrizioni e protocolli di sicurezza “anticovid”, avremmo potuto organizzare un evento con l’obiettivo di far disputare una o più gare. Di base, abbiamo sempre il forte desiderio di rivedere centinaia di persone correre felici sui nostri sentieri. Ma poi il senso di responsabilità ha prevalso. Ci siamo resi conto che non avremmo potuto garantire totalmente la sicurezza sanitaria per tutte le persone coinvolte.
Oltretutto il TMS è una gara ruspante (ricordo il sottotitolo Free Range Trailrunning Race), nata con il cuore, dalla passione, senza interessi economici, non solo per far correre le persone ma anche e forse soprattutto, per creare divertimento, aggregazione, musica, festa e movimento nei territori dell’Alto Canavese. Organizzare in questo periodo una manifestazione come la nostra avrebbe voluto dire snaturarla completamente. Sarebbe stata un’edizione incolore, senza pubblico, troppo triste. Senza parlare di tutti quei servizi ai quali i corridori avrebbero dovuto rinunciare: gli spogliatoi, le docce, la palestra per il pernottamento, ecc. indispensabili per chi fa il Gir Lung.
Preferiamo quindi rimanere con il ricordo di una giornata di festa, abbracci, brindisi e sudore e rimandare il tutto di un altro anno.
La nostra macchina organizzativa, comunque, non si ferma! Abbiamo un bel po’ di idee in testa!
Sicuramente continueremo a dedicarci alla manutenzione dei sentieri ed a mantenere intatta la tracciatura dei tre percorsi in modo da renderli fruibili tutto l’anno con segnaletica permanente.
Non ci vedremo il 29 maggio, ma, ogni giorno, i sentieri del Soglio sono qui pronti ad aspettarvi e ad ospitarvi.

 

 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Flash
Etichettato sotto

Se il calendario delle gare per questo weekend è decisamente ridotto, per il prossimo fine-settimana, in relazione all’inasprimento delle misure di contenimento dell’epidemia (leggi: zona rossa quasi ovunque), gli organizzatori annunciano il differimento delle gare previste.

Sabato 20 a Vicenza era programmato l’Ultrabericus: rinviato al 29 maggio come da comunicato odierno:

Il direttivo di Ultrabericus Team A.S.D., a seguito delll’ordinanza ministeriale che dispone il passaggio della regione Veneto in zona rossa, con conseguente sospensione degli eventi e delle competizioni di preminente interesse nazionale organizzati dagli Enti di Promozione Sportiva ai sensi dell’art. 41 del D.P.C.M. 2 marzo 2021, comunica che Ultrabericus Trail 2021 NON si svolgerà nella prevista data del 20 marzo 2021 ed è rinviato, condizioni normative ed organizzative permettendo, alla data del 29 maggio. Nelle prossime settimane saranno prese decisioni in merito alle eventuali opzioni di rinuncia e di nuova iscrizione in lista d’attesa.

Lo stesso sabato era previsto, a Radda (SI) il Chianti Ultratrail, su varie distanze: rinviato al 15 maggio (data di riserva già prevista)

Comunicato del 6 marzo 2021
A seguito dell’annullamento della data del 20 marzo , come da regolamento COVID , si conferma la data del 15 maggio già autorizzata dall’ente UISP in fase di richiesta nulla osta per la data del 20 marzo.
L’organizzazione sta espletando nuovamente gli iter autorizzativi per la successiva data, già comunicata in prima istanza alle autorità competenti. Per tutti gli iscritti viene garantita l’iscrizione automatica alla nuova data, vista la fortuita concomitanza con altri eventi è stata concessa la possibilità di spostare l’iscrizione all’edizione 2022 senza nessun costo da sostenere da parte dell’atleta previa richiesta mezzo mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il giorno 20 marzo. Le iscrizioni verranno riattivate tramite la lista di attesa con l’invio di codice di attivazione mezzo mail, l’invio dei codici viene effettuato in ordine cronologico di iscrizione a decorrere dal giorno 21 Marzo.

 

Infine, la 5^ Supermarathon Fano, prevista per il 21 marzo, è rinviata al 2 giugno, “causa emergenza sanitaria”, come da scarno comunicato sul sito del Club Supermarathon Italia.

Nei giorni scorsi abbiamo già informato dell’annullamento della maratonina di Caldaro e del Cave Run free a Milano. Al momento sembrano sopravvivere la Balma-Piedicavallo e la Mezza di Saluzzo.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Commenti e Opinioni
Etichettato sotto
Mercoledì, 10 Marzo 2021 21:47

La Fontalba Marathon Messina rinviata al 2022

La Fontalba Marathon Messina dà l’appuntamento alla primavera del 2022. Vista la perdurante emergenza sanitaria legata al Covid-19 e tenendo conto delle necessità organizzative di una gara podistica nazionale FIDAL e, soprattutto, della tutela delle componenti coinvolte, la Polisportiva Odysseus ha annullato la “Fontalba Marathon Messina 2021”, in calendario domenica 21 marzo, che prevedeva lo svolgimento, oltre che della competizione sulla distanza di 42,195 km, anche della dodicesima edizione della Mezza Maratona “Eufemio da Messina” di 21,097 km, della decima “Shakespeare Run” e del Fitwalking. 

“Per noi questa decisione è motivo di grande rammarico - queste le prime parole del patron Antonello Aliberti - ma non possiamo fare altro che adeguarci alle leggi e ai vari Dpcm vigenti e a tutto quanto concerne le scelte politiche e sanitarie italiane. La speranza è che la situazione si normalizzi, presto per proiettarci al futuro. Attualmente si naviga, purtroppo, a vista. Ci tengo a ringraziare per la costante vicinanza il Comune di Messina, il sindaco Cateno De Luca, l’assessore allo Sport Francesco Gallo, l’intera Giunta, le varie istituzioni interessate, la Fontalba, nella figura dell’amministratore dott. Alessandro Faranda, Title Sponsor della Maratona di Messina, e gli altri partner”.

Per Alessandro Faranda: “Prosegue il sostegno e l’impegno a favore della manifestazione, un esempio virtuoso e di aggregazione per tutto il territorio messinese e non solo. La mia passione per lo sport, il grande amore che nutro per Messina ed il legame di stima con la Maratona di Messina e Antonello Aliberti, mi hanno spinto a continuare e credere nell’evento. E’ trascorso un anno esatto dall’inizio del primo lockdown e ricominciare a parlare di ripartenza e pianificazione del futuro, programmando attività di aggregazione per il territorio, rappresenta un segnale importante e di grande ottimismo”. 

Nelle scorse ore si è tenuta a Palazzo Zanca una riunione dell’assessore con delega alle Politiche Sportive Francesco Gallo insieme al presidente del Comitato Organizzatore della Maratona Antonello Aliberti e ai rappresentanti dell’Odysseus Silvio Costanzo, Giovanni Barbera e Giovanni Barbiglia. A conclusione dell’incontro, Gallo ha dichiarato di avere apprezzato la sensibilità dimostrata dai promotori della Maratona di Messina nel concordare il rinvio al 2022. “Abbiamo convenuto che fino a quando non sarà concretamente cessato il pericolo pandemico, sia più opportuno evitare ogni rischio di assembramento. A ciò si aggiunge che l’importanza di certe manifestazioni è legata pure alla loro capacità di promuovere un’attività sportiva e di attrarre flussi turistici; finalità queste che verrebbero compromesse dall’assenza di pubblico”.

 

 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Martedì, 09 Marzo 2021 15:12

La Maratona del Lamone rinviata al 2022

9 Marzo - Rimandata inizialmente dal 5 aprile al 2 maggio, la Maratona del Lamone – causa Covid - decide di spostarsi definitivamente nel 2022 (probabilmente nella prima domenica di aprile, secondo tradizione), saltando l'appuntamento per il secondo anno consecutivo.

Questo il comunicato degli organizzatori:

“La notizia iniziata a circolare nelle ultime ore ha purtroppo una ragione di verità: anche l’edizione 2021 della Maratona del Lamone deve cedere le armi di fronte alla pandemia, proprio com’era avvenuto lo scorso anno. Si era pensato di spostare la gara dalla sua abituale collocazione di inizio aprile al 2 maggio, e vista l’evoluzione della situazione sanitaria, la maratona ravennate sarebbe stata il primo grande evento della stagione sui 42,195 km, ma la sempre più difficile situazione sanitaria non solo sul territorio nazionale, ma soprattutto in Emilia Romagna, con il forte rischio di andare avanti nell’organizzazione per veder poi vanificato tutto magari in prossimità dell’evento con la necessaria cancellazione dei necessari permessi, ha consigliato di annullare tutto.
La delusione è tanta, impossibile negarlo, ma già ci si sta proiettando verso il prossimo anno confidando di poter tornare a correre tutti insieme in totale sicurezza. L’obiettivo degli organizzatori del Gs Lamone è proporre la gara per la data del 3 aprile, sperando non ci siano concomitanze, in modo da avere al via concorrenti provenienti da tutta Italia. E’ vero che a quel punto saranno passati 3 anni dall’ultima edizione, ma in questo frattempo la voglia di riprovarci per la 44esima volta non ha fatto altro che aumentare a dismisura. Serve solo un po’ di pazienza, la storia della Maratona del Lamone attende nuovi avvincenti capitoli.”

NdD. La notizia circolava già dal giorno prima, ma abbiamo preferito attendere l'ufficialità, come la attendiamo per altre gare previste a inizio maggio: così per la Placentia Half Marathon, che per evitare la concomitanza con Russi si era spostata dal 2 al 9 maggio, andando però a collidere con la maratona di Crevalcore che si era a sua volta spostata dal 6 gennaio al 9 maggio. I cosiddetti rumors sussurranno che almeno Piacenza salterà. Per il resto, speriamo che aprile veda una fioritura non delle folcloristiche primule plasticate, promesse dagli imbonitori di qualche settimana fa, ma dei vaccini veri ed efficaci, di qualunque provenienza essi siano, capaci di produrre quella herd immunity e quel passaporto vaccinale (da oggi instaurato in Cina) che soli potranno garantire una serena ripresa delle attività che amiamo.

 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

Ora in molti diranno “si sapeva”, io dico che al massimo si poteva immaginare. La verità è che ci si prova, compatibilmente con le normative, che descrivono come siano fattibili determinate manifestazioni. Incoscienza degli organizzatori? Coraggio di provarci? Voto la seconda opzione, senza riserve, tenendo presente quanto lavoro si debba fare per “provarci”, per poi vedersi annullare le gare a pochi giorni, dopo aver avuto tutte le autorizzazioni del caso, anche molto vicino alla data della gara. Già, perché non deve sfuggire il grande lavoro che implica organizzare una gara, particolarmente di questi tempi. Confido che i podisti sappiano correttamente interpretare queste situazioni, accettando questi disagi, tutto è pensato e fatto perché si torni a correre, quanto prima. E in sicurezza.
Pare che gli organizzatori daranno la possibilità di trasferire l’iscrizione alle successive tappe, così come quella del rimborso della quota.
In ogni caso, a breve forniremo aggiornamenti del calendario delle tappe del circuito "Run Free".


Questo il comunicato del Comitato Organizzatore:

Buongiorno,
alla luce della situazione Sanitaria, purtroppo in rapido peggioramento, le Istituzioni ci hanno chiesto di rivedere, a prescindere dalla possibilità tecnico normativa vigente, l’Organizzazione delle prime Tappe di Milano Monza Run Free Tour 2021.
A questo punto, vista l’impossibilità di effettuare una attività sportiva, seppur riconosciuta, dobbiamo fare un passo indietro e annullare le prime due tappe del Tour.
Parco Sempione del 14 Marzo e Parco delle Cave del 28 Marzo, sono quindi annullate e saranno riprogrammate in un nuovo calendario che sarà stilato a breve, anche in previsione di un miglioramento della situazione.
La nostra volontà di ricominciare non viene intaccata da questa decisione, seppur sofferta, e il nostro obiettivo resta quello di condividere presto con voi momenti di sport, gioia e libertà.
Ci scusiamo per la decisione presa e vi chiediamo di pazientare insieme a noi ancora un poco, torneremo a correre insieme.

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

3 Marzo - Ancora un annullamento, con spostamento nel 2022: anche la 50 km di Romagna, in programma a Castel Bolognese il 25 aprile 2021, rimanda al 25 aprile 2022. 

Questo il comunicato degli organizzatori:

"È con grandissimo dispiacere che dobbiamo annunciare, ancora una volta, l'annullamento della 39^ edizione della 50 Km di Romagna.

Ci abbiamo creduto, ci abbiamo provato fino all'ultimo, abbiamo sperato di poter organizzare regolarmente la gara in questa primavera 2021. 

Purtroppo la situazione pandemica in atto, e le conseguenti normative a contrasto della diffusione del Coronavirus, non permetterebbero alla gara un regolare svolgimento in condizione di totale sicurezza per gli iscritti, i volontari e i tanti sostenitori che ogni anno seguono la corsa lungo il percorso. 

Arrivederci, con ancora più entusiasmo, nel 2022!"

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Mercoledì, 03 Marzo 2021 21:06

Annullata la Placentia Half Marathon

3 Marzo - Annullata anche la Placentia Half Marathon: l’evento, giunto alla 25^ edizione, in programma per domenica 9 maggio, si sposta di un anno, riproponendosi per l’8 maggio 2022.
Ecco il comunicato degli organizzatori, la Asd Placentia. 

Domenica 9 maggio 2021 si sarebbe dovuta svolgere la 25^ Placentia Half Marathon, già annullata lo scorso 3 maggio 2020. A causa del perdurare dello stato di emergenza Coronavirus, di comune accordo con le Istituzioni provinciali, si è deciso per un ulteriore annullamento.
La speranza era quella di una risoluzione quasi definitiva dei contagi grazie all’annunciato avvio della campagna vaccinale.
Purtroppo, oltre ad un imprevisto rallentamento di quest’ultima e alla comparsa e diffusione di varianti del virus ancora più virulente, è stata presa la decisione finale di un ulteriore annullamento anche per il 2021 e lo spostamento a domenica 8 maggio 2022.
L’A.S.D. Placentia, con la presente, chiede alla Federazione Italiana di Atletica Leggera di accogliere l’istanza di annullamento per le ragioni descritte e di darne massima diffusione attraverso i propri canali di comunicazione.
L’ASD Placentia, inoltrerà richiesta per il calendario nazionale del 2022 alla data di domenica 8 maggio".

 
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

27 febbraio - In extremis (nella serata del 26) è giunta notizia della revoca, da parte del comune di San Benedetto del Tronto, del permesso di disputare la diciassettesima edizione della Maratonina dei Magi, Memorial Sabatino D’Angelo, già rinviata dal 6 gennaio a questa domenica 28 febbraio. Organi di stampa riferiscono che poche ore prima era invece giunta una comunicazione dal Comune della chiusura del lungomare per domenica mattina a causa, appunto, dello svolgimento della gara. Non l'ha presa bene (aggiunge rivieraoggi.itil presidente della società organizzatrice Porto 85 Roberto Silvestri, che lamenta di ”non aver ricevuto alcuna comunicazione ufficiale e che dopo quattro giorni di intenso lavoro sul campo e settimane di quello organizzativo, si vede costretto a mandare all’aria una gara alla quale teneva particolarmente, visto che sarebbe stata l’occasione per ricordare il nostro collega Sabatino D’Angelo", giornalista Rai scomparso da tempo. Sembra che Silvestri si riservi di sporgere denunce in merito, per una gara che già da alcuni giorni aveva chiuso le iscrizioni per il raggiungimento dei limiti prefissati. Dal canto suo il sindaco il sindaco Pasqualino Piunti sostiene di aver già da tempo invitato gli organizzatori a spostare più in avanti la gara. Oltre tutto, da lunedì 1 marzo anche le Marche si coloreranno di arancione. Da novembre era già stato annunciato l'annullamento dell'altra 21 sambenedettese, la Maratonina dei Fiori, fissata per l'11 aprile prossimo; e ora giunge anche notizia dell'annullamento definitivo della Maratona sulla sabbia programmata (dopo un rinvio) al 14 marzo.

Spostandoci verso ovest, anche la Half Marathon Firenze, in calendario per lo stesso 11 aprile, è rinviata al 31 ottobre: a comunicarlo gli organizzatori dell’evento, come spiega Marco Ceccantini, presidente UISP Firenze:

“Non ci sono le condizioni per poter svolgere la manifestazione senza potenziali rischi per gli iscritti e i volontari. Abbiamo atteso, sperando di poter svolgere la competizione che era già stata oggetto di rinvio dell’edizione 2020, ma a poco meno di due mesi dall’evento, riteniamo che la linea della tutela della salute sia l’unica strada percorribile.
Già consapevoli delle possibili difficoltà, non avevamo riaperto le iscrizioni, riservando la partecipazione a coloro che ci avevano scelto l’anno scorso. Ci siamo confrontati anche con gli uffici comunali per avere un quadro chiaro delle possibilità e riteniamo che un evento di dimensioni internazionali, come è ormai l’Half Marathon Firenze, debba sempre e comunque tutelare partecipanti, spettatori e cittadini. La Mezza di Firenze non è solo un importante momento sportivo, ma soprattutto una grande festa e, anche se con comprensibile rammarico, preferiamo essere prudenti, rinviando l’appuntamento in autunno. Ci auguriamo che nel frattempo la situazione sotto il profilo sanitario migliori e il piano delle vaccinazioni proceda spedito per poterci ritrovare tutti insieme per le strade della città”.

Rinvio anche per il Chia Sport Week, previsto per il 25 aprile, compresa l’Half marathon, giunta alla decima edizione. Ecco il comunicato degli organizzatori di FollowYour Passion:

Cari Atleti, quasi un anno è passato dall’inizio di questa grande sfida che ci siamo trovati ad affrontare tutti insieme. Purtroppo l’emergenza sanitaria non è terminata e il traguardo che si sperava di raggiungere si è spostato ancora.
FollowYourPassion è fermamente convinto che torneremo a vivere e condividere la nostra passione per lo sport come abbiamo sempre fatto. Al momento però la sicurezza e la salute di partecipanti e staff restano la priorità. Per questo motivo la Chia Sport Week 2021 e tutte le gare ad essa correlate: la Ganten Chia Sardinia Open Water Swim, la Ganten Chia Sardinia Granfondo, la Ganten Chia Sardinia Triathlon e la Ganten Chia21 Half Marathon, sono rimandate.
La speranza da parte dell’organizzazione è di poter ricollocare i diversi eventi più avanti all’interno dei rispettivi calendari. Vi terremo aggiornati e daremo nuove notizie appena sarà possibile.
Fiduciosi di potervi ritrovare pieni di energia ed entusiasmo sulla linea di partenza, ci auguriamo di vivere ancora una volta insieme la magia di Chia e del Sud Sardegna”.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Lunedì, 15 Febbraio 2021 13:59

Treviso Marathon dà appuntamento al 27 marzo 2022

15 febbraio - Ancora troppa incertezza sulla reale possibilità di poterla disputare: la Treviso Marathon dà così appuntamento al 2022, nell’ultima domenica di marzo, il 27. La scelta con spostamento al prossimo anno e non all’autunno di quest’anno, è stata voluta al fine di evitare difficili concomitanze con altri eventi solitamente collocati tra settembre e novembre, ai quali si sono già aggiunte altre manifestazioni che hanno scelto di slittare di qualche mese. E così, dopo il rinvio dello scorso anno, il 2020 (inevitabile nei mesi della piena emergenza sanitaria per il Covid-19), gli organizzatori hanno scelto di “passare” anche per il 2021.

“Purtroppo al momento non ci sono garanzie sul fatto che l’evento si possa svolgere regolarmente – commenta Aldo Zanetti, amministratore unico di Maratona di Treviso – abbiamo quindi deciso di slittare al 2022, anche per evitare il rischio di dover annullare la maratona all’ultimo con conseguente danno per tutti. La scelta di non spostarci solo di alcuni mesi e andare all’autunno – inverno di quest’anno è poi una decisione di “coscienza” per non andare a ingolfare un periodo già ricco, tra chi abitualmente aveva quella collocazione e tra chi si è spostato per la pandemia. Meglio evitare dunque difficili concomitanze che andrebbero a creare disagio anche a coloro che magari si sono già iscritti a più eventi. Non da meno la complicata gestione organizzativa, anche sul piano delle difficoltà ad interfacciarsi con gli enti locali impegnati ad affrontare con tutte le risorse disponibili la situazione sanitaria. Non ci perdiamo d’animo, come chiediamo di non farlo ai maratoneti. Questo è uno stop, che spesso accade anche in una gara che non va come si voleva. Guardiamo però con fiducia al 2022 per poter tornare ad organizzare una Treviso Marathon il più “serena” possibile”.

Per quanto riguarda la gestione delle iscrizioni, quelle già pervenute per il 2020 saranno automaticamente spostate al 2022, senza costi di gestione per gli atleti.

La maratona non si ferma. L’appuntamento è solo rinviato.

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

11 febbraio – Dal 2020 al 2021, e da quest’anno al prossimo. Sperando che finalmente, nel 2022, sia possibile correre.  Anche la Maratonina della Vittoria, seguendo il destino di molte altre corse su strada fermate dalla pandemia, deve alzare bandiera bianca: non si correrà, a Vittorio Veneto, il 21 marzo. Ancora troppa l’incertezza del periodo.

“Ad inizio anno ci credevamo – spiega Ivan Cao, presidente della Scuola di Maratona -. Abbiamo investito e lavorato per condurre a compimento l’edizione 2021. Ci sono stati indubbiamente dei miglioramenti nell’emergenza sanitaria in corso, ma purtroppo non sufficienti per organizzare un evento che consenta a tutti di partecipare e a noi di lavorare con serenità. Questo ci costringe, a malincuore, ad annullare la gara, come già accaduto lo scorso anno. Perché sul nostro entusiasmo e la passione prevalgono il senso civico e il rispetto per chi sta combattendo contro un nemico invisibile da ormai un anno. Non possiamo non ringraziare però chi fino all’ultimo ci ha creduto, confidando che le cose possano tornare, il prima possibile, alla normalità”. 

L’annullamento della Maratonina della Vittoria è già stato comunicato alla Federazione Italiana di Atletica Leggera. Tutte le iscrizioni saranno automaticamente prorogate al prossimo anno. 

L’emergenza sanitaria ha costretto la Scuola di Maratona a rivedere anche i contenuti dell’ormai classico Five Ridges Trail, la corsa fuoristrada sui sentieri delle cinque creste  (il colle di San Paolo, il monte Altare, il colle della Bigontina, il monte Piai e il monte Baldo) che circondano Vittorio Veneto. Sabato 13 e domenica 14 febbraio, il percorso del Five Ridges Trail assumerà la fisionomia di un trail autogestito e vissuto nel pieno rispetto delle norme anti-covid: partenza libera, niente assembramenti, niente festa, niente mitico “terzo tempo”. 

Chi ha voglia di sgranchirsi le gambe, coltivando la curiosità di andare alla scoperta degli itinerari che in parte confluiranno nel nascente “Cammino del Patrimonio dell’Umanità”, dedicato alle colline del Prosecco, potrà partire da Piazza Giovanni Paolo I a Ceneda e seguire la traccia Gpx rilasciata dagli organizzatori. 

Gli appassionati che percorreranno, in assoluta libertà, il percorso del Five Ridges Trail, potranno poi inviare alla Scuola di Maratona le foto della loro corsa: in tre saranno estratti a sorte e riceveranno in omaggio un pettorale per il Trail dei Cimbri 2021. 

 

 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

3 febbraio - Anche il Cross Internazionale della Vallagarina alza bandiera bianca: l’edizione numero 44 non si terrà quest’anno causa covid; ma gli organizzatori già rilanciano per il 2022 richiamandosi alla prestigiosa tradizione di questa gara. Di seguito il comunicato ufficiale:

Il “Cross Internazionale della Vallagarina” si arrende al Covid. La sofferta decisione è stata presa in videoconferenza dal consiglio direttivo dell’U.S. Quercia Trentingrana dopo aver esaminato a fondo tutti i problemi legati all’organizzazione dell’evento.

L’edizione 2021 (la numero 44) collocata nel calendario internazionale alla data di domenica 8 febbraio era stata spostata a domenica 28 febbraio, nella speranza di un miglioramento della situazione della pandemia.

Non è stata ritenuta praticabile l’ipotesi di seguire la strada ipotizzata dai due più importanti cross italiani, Campaccio e Cinque Mulini, che probabilmente saranno disputati solo per quanto riguarda le gare internazionali, cancellando dal programma le gare giovanili e quelle degli amatori-master.

Verrebbe meno la caratteristica di un evento che deve essere una festa della corsa per tutti, per di più senza la presenza del pubblico e con tutti gli oneri e le responsabilità connesse ai controlli anti Covid, in particolare per gli atleti stranieri.

Sulla decisione di cancellare l’edizione 2021 del “Cross della Vallagarina” ha pesato anche l’incertezza relativa al finanziamento da parte di enti pubblici e privati. Negli ultimi anni il budget della manifestazione si è progressivamente ridotto di molto a fronte del pesante calo degli sponsor privati ed anche degli enti e quindi è diventato sempre più difficile poter far fronte agli impegni richiesti dall’EA (Federazione Europea di Atletica), nel cui circuito il Cross della Vallagarina è inserito ormai da 25 anni. 

Spiace molto dover rinunciare ad una manifestazione che nella sua storia ha portato sul circuito di Villa Lagarina grandi campioni dell’atletica italiana e mondiale e che per ben due volte è stata onorata anche dall’assegnazione dei Campionati Italiani. Fra l’altro era prevista anche quest’anno la trasmissione televisiva sulle reti Rai.

Altro elemento di valutazione è stato il fatto che alla Quercia è stata assegnata l’organizzazione dei Campionati Italiani Assoluti su pista a fine giugno, un impegno pesante che si aggiunge a quello del Palio della Quercia del 31 agosto. Quindi una somma di impegni molto onerosi per l’organizzazione della Quercia, impostata sul volontariato.

Comunque il “Cross della Vallagarina” non morirà: tornerà il prossimo anno, contando anche sul sostegno della nuova amministrazione comunale, assicurato dalla sindaca Julka Giordani e dall’assessore allo sport Luca Laffi.

 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Venerdì, 29 Gennaio 2021 07:19

Annullata la ludico motoria di Campi Bisenzio

28 gennaio - L'avevamo annunciata come il primo, coraggioso, al limite del velleitario (per via della non conformità con quanto previsto dai DPCM), tentativo di organizzare una non competitiva nel 2021.
Giunge questa mattina in redazione la notizia che la prefettura di Firenze ha bloccato la manifestazione.
Ecco il comunicato con cui il comitato organizzatore annuncia il "rinvio a data da destinarsi" della manifestazione; di fatto un annullamento:



per gli eventi in programmazione: CALENDARIO DI PODISTI.NET

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Martedì, 19 Gennaio 2021 16:23

Rinviata la maratona di San Valentino 2021

L’XI Edizione della Maratona di San Valentino, che era stata fissata per il 7 febbraio 2021, è rinviata a data da destinarsi. Lo annuncia l’Amatori Podistica Terni, che da 11 anni organizza e promuove uno degli eventi più importanti del calendario podistico umbro.
“È stata una decisione sofferta ma inevitabile” dice Luca Moriconi, Presidente di APT. “Una decisione imposta dall’emergenza sanitaria che stiamo vivendo e che in questi mesi ha già costretto all’annullamento o al rinvio molti altri eventi sportivi in tutta Italia.”
“In questi 10 anni – continua Moriconi – è stato entusiasmante per noi vedere crescere la Maratona di San Valentino fino a diventare una gara dal richiamo internazionale. Alla X edizione, l’anno scorso, hanno partecipato 2000 atleti iscritti alla gara competitiva e 1200 iscritti alla Family Run, per un totale di 3.300 partecipanti provenienti da tutta Italia e da 16 paesi esteri. Tra loro anche “Re Giorgio” Calcaterra. Un grande successo, un bellissimo modo per festeggiare i 10 anni della Maratona.”
La buona notizia è che la Maratona di San Valentino non è annullata ma solo rinviata. L’Amatori Podistica Terni sta seguendo gli sviluppi della situazione sanitaria e le decisioni di Coni e Fidal per individuare una nuova data.
“La priorità assoluta, naturalmente, è la tutela della salute pubblica e degli atleti. Quando sarà fissata la nuova data per la Maratona, daremo massima attenzione agli aspetti organizzativi e logistici in modo che tutte le misure anti-Covid siano garantite e rispettate. Metteremo tutti il nostro impegno per rendere possibile la realizzazione di questa edizione, nell’anno in cui Terni è Città dello Sport 2021.”
La Maratona di San Valentino non è solo un’importante gara podistica di richiamo nazionale e internazionale, ma è anche uno degli eventi caratterizzanti del mese di San Valentino a Terni.
“La Maratona fa ormai parte della tradizione degli eventi che a febbraio animano Terni, è un elemento di identità e coesione che entusiasma e unisce tutta la città in una grande festa nel segno dello sport. Per quest’anno, cambierà la data ma non lo spirito che l’ha caratterizzata in tutti questi anni. Noi incrociamo le dita e ci mettiamo al lavoro con ancora più energia perché quest’undicesima edizione sia possibile.”
 
 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Martedì, 19 Gennaio 2021 15:28

Verdi Marathon rinuncia all'edizione 2021

E' di queste ore la notizia che la Verdi Marathon ha deciso di rinunciare all'edizione 2021 dando appuntamento al 2022: questo il comunicato apparso questa mattina sul sito web della manifestazione:

VERDI MARATHON è stato l’ultimo vero evento italiano di Maratona aperto a TUTTE le categoria di tesserati per il 2020.
E’ stato un momento nuovo e particolare vista l’immediata completa chiusura del Paese qualche giorno dopo. Non esistevano protocolli o conoscenze di quanto poi sarebbe accaduto. Tutto si è svolto regolarmente grazie al bellissimo lavoro di tutta la macchina organizzativa e di tutti i volontari coinvolti che hanno agito in modo responsabile e sicuro per loro stessi e per tutti gli atleti che hanno partecipato.
A loro il nostro immenso grazie.
Ora siamo ben più consci di questo maledetto virus, di come agire per tutelarci al meglio, di cosa si potrebbe fare per poter tornare almeno per un momento alla normalità che conosciamo.
In questi ultimi mesi abbiamo parlato con tutti gli Enti interessati, con il territorio, con i volontari e anche tra di noi. Il desiderio di ripartire, di dire quel “FORZA, INIZIAMO!” che in questo periodo ci contraddistingue è molto forte.
Le versioni di ogni attore interessato sono a volte contrastanti. Ognuno però ha una propria motivazione che ha il dovere di essere ascoltata e poi sintetizzata da noi, Comitato Organizzatore.

La data della prossima VERDI MARATHON è il 21 febbraio. In centinaia ci avete scritto per chiederci conferma o meno dell’evento.

Abbiamo lavorato affinché cosi fosse. C’è un ma…
Il Paese è ancora attanagliato da disposizioni di chiusura, da varie categorie che hanno difficoltà a reperire risorse, da ospedali più o meno completi, da nostri cari che ancora oggi ci lasciano da un momento all’altro.
Il nostro evento ci può si portare a distrarci, a riassaporare quei momenti che tutti noi conosciamo, a ridarci quella sensazione di libertà che con tutte le nostre forze stiamo cercando, a ripartire. Vero.
Ma come riuscire ad essere insensibili in questo periodo a ciò che ancora sta capitando, agli sforzi che ci vengono richiesti, alla solidarietà con chi oggi è meno fortunato di noi? 
Non riusciamo. I nostri valori sono altri, ci indicano la strada, ci permettono di riuscire a governare le nostre emozioni e i nostri impulsi. Senza questi, non avremmo alcun dubbio.
E’ il momento di ascoltarli e di seguirli. Ancora una volta.

Per questo motivo, con grande amarezza e con grande dispiacere per tutto il territorio coinvolto che perde cosi una grande vetrina, per tutti gli appassionati che vedono da anni in questo evento un primo vero ed importante momento di agonismo per testarsi per i mesi a venire, per tutti coloro che sono coinvolti e che vivono con grade emozione l’intera manifestazione, comunichiamo che VERDI MARATHON 2021 non si terrà. Verrà rinviata al 2022. Le necessarie comunicazioni verranno inviate nei prossimi mesi ai precedenti iscritti cosi come verrà comunicata la nuova data.

Come sempre l’Organizzazione intende essere vicina ai propri runner. Stiamo pertanto pensando ad una novità che verrà comunicata più avanti sempre se, e solo se, le condizioni del periodo lo permetteranno.

Con la VERDI MARATHON ci rivediamo a febbraio 2022.

 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Giovedì, 12 Novembre 2020 20:34

Gli Europei di Cross di Torino slittano al 2022

12 Novembre - Slitta di un anno l‘organizzazione dei Campionati europei di cross di Torino, nel parco naturale della Mandra: la rassegna continentale di corsa campestre prevista per il 2021 si terrà l’anno successivo, nel 2022, permettendo nel 2021 il recupero dell’edizione di quest’anno affidata a Dublino (Irlanda) ed annullata a causa dell’epidemia di covid.

Per l’Italia si tratta della quarta volta nella storia, dopo Ferrara 1998, San Giorgio su Legnano 2006 e Chia 2016.

“Sfortunatamente Dublino non ha potuto ospitare gli Eurocross di quest’anno, ma voglio ringraziare Torino per la collaborazione – ha commentato il  presidente ad interim della EA, Dobromir Karamarinov - L’Irlanda e l’Italia vantano una ricca tradizione nell’organizzazione di eventi del cross non soltanto continentali ma anche mondiali, e per questo siamo felicissimi di ricollocare le prossime due edizioni in due Paesi orgogliosi e appassionati”.

 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

Il comitato organizzatore delle Survivors Series (qui un articolo di presentazione del circuito), dopo l’uscita del DPCM di domenica 25 ottobre si vede costretta a rinviare la tappa di Busto Arsizio (VA) e cancellare quella di Rezzato (BS) in quanto collegata al B.Est Cross Country che è stato definitivamente annullato. Al momento la tappa di San Giorgio sul Legnano (MI), legata al Campaccio che è una gara a livello internazionale, resta pianificata in attesa di sviluppi.

Ringraziando i numerosi atleti che si erano iscritti, o avevano chiesto informazioni negli ultimi giorni, gli organizzatori invitano a seguire le loro pagine ufficiali Facebook ed Instagram, dove verranno comunicate le ulteriori novità, o più semplicemente aggiungo io, a leggere Podisti.net dove non mancheremo di riportarle.

Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.net

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

30 Ottobre - E’ il turno di Latina: anche la maratona del capoluogo pontino, in programma per il prossimo 6 dicembre, è stata annullata.

La 23^ edizione di questa importante maratona è quindi rinviata al 2021, quando ci auguriamo l’epidemia possa essere sotto controllo.

In data odierna sul sito della UISP Latina, organizzatrice dell’evento, è stato pubblicato il comunicato ufficiale dell’annullamento “per salvaguardare la salute dei corridori, anche a seguito della valutazione dell’andamento dei contagi da Covid-19 e dei dettami dell’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri”.

Ecco quanto ha affermato Domenico Lattanzi, presidente dell’UISP APS di Latina: “Abbiamo preferito decidere di rimandare la Maratona all’edizione del 2021. La macchina organizzativa era già in moto, ma è necessario considerare ogni sfaccettatura di un evento complesso come questo, prima di tutto la tutela e la sicurezza degli atleti, che è la nostra priorità. Abbiamo svolto riunioni per studiare come allestire la gara nel rispetto di tutti i protocolli vigenti, ma l’andamento della curva epidemiologica e l’aggravarsi della pandemia gettano una nube di incertezza sul prossimo futuro. Inizialmente avevamo pensato, anche per il grande affetto dimostrato dai podisti nei confronti della Maratona di Latina e per la voglia di tutti di riavvicinarsi alla normalità, di impegnarci fino all’ultimo per tentare di offrire una bella giornata di sport. Le ultime notizie e le recenti disposizioni governative ci hanno però convinto del rischio concreto di un annullamento in extremis, che danneggerebbe doppiamente gli iscritti: non solo per la mancata partecipazione ma anche per la possibilità di perdere le spese anticipate per viaggi e alloggi. Da qui la decisione di dare l’appuntamento sin d’ora al 2021.

La Maratona di Latina vuole essere l’emblema dello sport per tutti, e quindi rappresentare un momento di socializzazione, un evento all’insegna dei principi di inclusione e integrazione che l’UISP promuove da sempre, una manifestazione all’insegna della serenità e dello stare insieme. Se questi valori non riescono ad essere espressi, il significato stesso della Maratona di Latina viene meno, la ragione per cui ogni anno decine di volontari dedicano le loro energie e il loro tempo libero a quello che negli anni si è affermato come l’evento sportivo simbolo del capoluogo pontino.  L’importanza della manifestazione non è circoscritta alla gara della domenica, ma include le manifestazioni collaterali nate per consentire anche a coloro che non hanno i 42 chilometri nelle gambe di sentirsi parte dell’evento, e per avvicinare alla corsa su strada ogni persona secondo le proprie attitudini. Inoltre si estende ai giorni antecedenti in cui è in funzione il Villaggio Maratona, occasione di incontro e condivisione tra gli atleti provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo. Anche per questo il Comitato Territoriale UISP APS di Latina aveva deciso di svolgere il proprio Congresso quadriennale sabato 5 dicembre, proprio alla vigilia della Maratona, per arricchire di ulteriori significati entrambi gli appuntamenti. Il Congresso rappresenterà quindi l’occasione per gettare le basi per la Maratona di Latina 2021, e per immaginare il futuro sportivo nel prossimo quadriennio su tutto il territorio, con la speranza di lasciarci presto alle spalle la pandemia di Covid-19 con le sue gravi conseguenze sanitarie e sociali”.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Giovedì, 29 Ottobre 2020 20:40

Firenze: Green Half marathon morta prima di nascere

Dopo l’annullamento della Firenze Marathon, era nata l’idea di dar luogo nella stessa data alla prima edizione della "Conad Green Half Marathon", in accordo con il Comune di Firenze: si sarebbe corsa tutta all’interno del Parco delle Cascine garantendo i canoni di distanziamento sociale e a numero chiuso per non più di 2000 partecipanti.

Ma, per l’epidemia di covid 19 che si diffonde sempre più, e nel timore di nuovi divieti di spostamento, giunge ora la notizia dell’annullamento anche della mezza.

Ecco il comunicato di Giancarlo Romiti, presidente del Comitato organizzatore:

Cari Amici,

insieme a tutto il Consiglio Direttivo della Firenze Marathon  siamo preoccupati delle conseguenze molto gravi dell’attuale contagio, con le raccomandazioni delle Autorità a non spostarsi fuori comune e per questo, probabilmente, l’impossibilità per molti di Voi  di partecipare alla nostra Conad Green Half Marathon, annunciata nei giorni scorsi per fine novembre 2020.

Ci siamo adoperati per questa organizzazione, però adesso non possiamo continuare ad essere ottimisti, anche permanendo le attuali norme federali che permetterebbero l’effettuazione in sicurezza dell’evento. Tutti noi siamo allarmati, visti oltre 20.000 contagi al giorno, condividendo anche il sentire comune che vede ogni occasione di assembramento, per qualsiasi motivo, compreso  quello con pochi amici muniti di mascherine, come una minaccia alla propria salute e più in generale agli interessi di ogni tipo delle nostre comunità sociali ed economiche !!!!

Per quanto sopra abbiamo deciso, senza ulteriori indugi, di CANCELLARE la Conad Green Half Marathon, gara nazionale della Firenze Marathon, nel parco della Cascine, del prossimo 29 novembre 2020.

Il lavoro preparativo fatto nelle scorse settimane, anche grazie alla collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Firenze ed il supporto offertoci da alcuni nostri sponsor, che ringraziamo, tornerà utile a riproporre questo nostro evento non appena le condizioni della pandemia risulteranno favorevoli e con adeguato anticipo, necessario a prepararVi ad una gara di mezza maratona.

Nel frattempo ci preme ringraziare gli atleti che già si erano iscritti e con i quali prenderemo contatti diretti, per definire l’annullamento della propria iscrizione.

Ringraziamo altresì tutti i numerosi volontari che avevano già dato la loro disponibilità a supportare l’organizzazione dell’evento.

A tutti gli amici podisti, confermiamo la volontà di perseverare con la migliore qualità all’organizzazione dei nostri eventi e per questo diamo appuntamento a tutti alle prossime occasioni.

RingraziandoVi per la fiducia sempre dimostrataci, Vi salutiamo augurandoVi ogni bene !!

 

 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

L’annullamento di una corsa a circuito, più goliardica che competitiva, in altri tempi avrebbe meritato tutt’al più un “flash”. Questa volta invece va sbattuta in prima pagina, perché completa la storia di un weekend, quello imminente al cambio tra ottobre e novembre, dove già sono saltate le due maratone che c’erano (Lago Maggiore e Cesenatico), e viene meno anche questa possibilità, un’occasione di divertimento molto più che competizione.
La frase che chiude il titolo è ripresa dal sito dell’organizzatore, Enrico Vedilei di krakatoa sport (Bagnacavallo), personaggio notissimo sia per le sue prestazioni nell’ultrarunning, sia per l’instancabile attività di organizzatore nella sua Romagna, fra l’ultratrail del Lamone ai primi di gennaio e le 6 ore in varie località del Ravennate.

Destino parallelo, quello capitato alla “Birra” e al “Presidente”, annullate lo stesso giorno: programmate in estate, rinviate a tempi più tranquilli e con modalità più riposanti, spostate dalla loro sede originaria e collocate in parchi pubblici di massima sicurezza, fornite di tutti i crismi anticontagio, hanno dovuto cedere insieme  sotto i colpi di un ennesimo decreto improvvisato, raffazzonato, feroce e imbelle nello stesso tempo, perché incapace di aggredire le cause del contagio (la movida incontrollata, il rifiuto della mascherina, i bivacchi nei tavolini dei dehors, ridendo o fumando, senza nemmeno la finzione del bere un caffè), ridotto così a sparare nel mucchio, alla pesca a strascico: siccome non siamo capaci di controllare se ci sono palestre o bar che se ne infischiano delle regole, siccome non abbiamo la forza o la voglia di andare nelle piazze e strade del centro dove si addensa incontrollata la gioventù più indisciplinata e irregolare, siccome le nostre aperture scaglionate delle scuole (ogni dieci minuti: ma che scaglionamento è?) producono l’assembramento degli studenti seduti sui marciapiedi e sui gradini davanti alle scuole in attesa che venga il loro turno, allora chiudiamo tutte e per sempre le palestre, aboliamo la cena in ristorante, lasciamo a casa il 75% degli studenti (e quelli che già prima andavano a scuola una volta la settimana, rientrano nella percentuale o no?), infine tartassiamo e quasi proibiamo lo sport amatoriale. Con l’aggiunta moralistica: pensate ai 36mila morti e state in casa, equivalente a dire: pensate al Vajont e non accendete più la luce, pensate a Marcinelle e non usate più il carbone.

Dunque la notizia, nuda e cruda, è che la “6 ore della birra”, spostata da giugno a questo sabato 31 ottobre, dalla sede originaria della campagna e del Senio a sud di Castelbolognese al nuovo “Pistino ciclistico Vito Ortelli” (altro campione degli anni di Coppi Bartali e Martini) di Faenza, è stata annullata per decisione superiore presa nel tardo pomeriggio di oggi 28 ottobre (per chi non lo ricordasse e volesse stabilire qualche parallelo: anniversario della Marcia su Roma), a seguito – si è detto – di “avvertimenti” ricevuti, magari mascherati da precetti salutari: come dice il titolo di un libro recente, “per il tuo bene ti taglierò la testa”.

Pensare che, poche ore prima, Vedilei aveva diffuso un memoriale per gli iscritti e chi dovesse iscriversi (a differenza di tante corse annullate, che prima incassano e poi ti fanno l’edizione virtuale, per la “Birra” il pagamento era previsto solo all’ingresso nel recinto di gara, e anzi la quota era stata ribassata dai 30 euro originari a 25). Si anticipava che ”l'Ente di Promozione Sportiva ASI Italia, il Comune di Faenza e la Societa Ciclistica Faentina, dopo aver analizzato il nuovo Decreto, hanno dato l'ok per effettuare la gara”, ma che ci sarebbero state tutte le precauzioni necessarie: “Come organizzatore vi misurerò la febbre prima di entrare dentro l'area recintata che ospita il Pistino e vi daremo un braccialetto di riconoscimento da usare per tutta la permanenza dentro l'impianto”. “PER EVITARE ASSEMBRAMENTI vi faremo trovare una sedia per ogni atleta, distanti almeno 1mt fra di loro. Sopra troverete una cartella con l’Auto dichiarazione Anti Covid 19 da compilare, una penna, il pettorale e il chip. Oltre a ciò troverete il bicchiere da birra e apribottiglia a mo’ di medaglia, personalizzate con logo manifestazione. Dentro la cartella lascerete la quota iscrizione e una volta tolto il pettorale e il chip, la stessa dovrà essere riconsegnata all'organizzazione”.

Non potremo fare festa come gli altri anni, ma volevamo mantenere la manifestazione, quindi per evitare che l'alcool influenzi il comportamento di qualcuno, il bonus birra non sarà valido per le premiazioni” (nelle precedenti edizioni, accanto alla classifica normale ce n’era una goliardica, che assegnava un km in più di percorrenza per ogni bicchiere di birra bevuto ai ristori)

Ognuno di voi si porterà da casa il proprio kit di ristoro (da lasciare sempre sulla propria sedia personale). L'organizzazione mette a disposizione solo della birra in bottiglia, 2 da 0,66cl o 4 da 0,33cl, dipende da quello che riusciremo a trovare in commercio in questi ultimissimi giorni.

Come da Decreto Nazionale, tutti DOBBIAMO arrivare sul campo di gara e stare in zona partenza con la mascherina di protezione, questa deve essere usata anche in gara, almeno per il primo giro.             Durante la gara è VIETATO correre appaiati ad altri atleti e nel momento del sorpasso prendete bene le misure, allargatevi in modo da avere almeno 1,5mt di distanza”.

Basta? No, seguivano suggerimenti, ad abundantiam: “Visto anche il periodo non troppo caldo e quindi sopportabile, usare una bandana/buff in modo che se per caso e involontariamente si percorre qualche metro insieme ad un altro atleta, ci si potrebbe proteggere con questo accessorio. Durante l'anello, saranno presenti dei giudici che vi ricorderanno di rispettare queste regole, fate in modo che non prendano decisioni che potrebbero farvi arrabbiare”.

Evidentemente non è bastato. Abbiamo chiesto a Vedilei se voleva dichiararci qualcosa; il suo whatsapp di cinque parole rende l’idea: “Non so, sono senza forze”.

Da altre parti, i camerati da tastiera esultano; a commentare questi Eia eia alalà basta l'altro whatsapp ricevuto da un’amica maratoneta: “Se siamo ridotti così è perché persone del genere hanno un seguito. Che tristezza”.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Commenti e Opinioni
Etichettato sotto
Mercoledì, 28 Ottobre 2020 19:57

Annullati i Campionati Italiani Assoluti di Cross

28 Ottobre - Il Covid-19 continua a colpire il mondo dell’atletica: è di oggi la notizia dell’annullamento dei Campionati Assoluti di Corsa Campestre, in programma per il prossimo 22 novembre a Trieste.  

In realtà si tratta del secondo annullamento, perché i suddetti Campionati facevano inizialmente parte della Festa del Cross, che si sarebbe dovuta svolgere il 3 marzo a Campi Bisenzio, in provincia di Firenze, poi annullata per la prima fase della diffusione del virus.

Ora erano abbinati alla consolidata “Carsolina”: la decisione di annullarli definitivamente viene a seguito della nuova ondata che aveva già portato alla sospensione delle attività di preparazione delle squadre nazionali.  

 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Mercoledì, 28 Ottobre 2020 18:22

Cesenatico (FC), Maratona del Presidente: annullata

28 ottobre - Di seguito riporto il comunicato emesso dal Club Supermarathon, dove si annuncia l'annullamento della gara. Tutto sommato è normale che di questo periodo saltino le gare; i podisti, sempre più additati tra i principali colpevoli della diffusione del covid, si sono stufati e mollano la presa, prova ne è che le poche gare che ci sono state hanno generalmente registrato numeri molto bassi. Poi ci sono i danni per gli organizzatori, programmano, investono, predispongono e poi devono rinunciare. Tuttavia non mi sono sempre chiare le motivazioni degli annullamenti; l'ultimo DPCM dice quanto segue, in merito alle manifestazioni sportive fattibili:

...restano consentiti soltanto gli eventi e le competizioni sportive riconosciuti di interesse nazionale, nei settori professionistici e dilettantistici, dal CONI, dal Comitato Paralimpico e dalle rispettive federazioni nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva....

La parola chiave è "riconosciuti di interesse nazionale", pertanto sono da ritenersi escluse le gare a livello provinciale e regionale; prendiamo atto, però diverse manifestazioni di tali livelli sono tuttora a calendario (anche nella stessa Emilia Romagna), verranno successivamente annullate? Verranno "convertite" a nazionali per potersi svolgere' Già, perché sembra esistere questa possibilità, così come l'eventuale presenza di atleti di interesse nazionale pare una buona ragione (escamotage?) per autorizzare la manifestazione.

Nel mondo Fidal queste cose sono complicate, procedure e autorizzazioni hanno un iter piuttosto lungo, magari nell'ambito degli EPS (Enti di Promozione Sportiva) tali passaggi sono più snelli e veloci. Probabile che la maratona di Cesenatico (gara sotto l'egida della UISP) fosse effettivamente troppo sotto data per la "trasformazione" a gara nazionale, come spiegato nel comunicato. 

Non conosco bene il mondo degli EPS, forse mi sfugge qualcosa, ma è davvero così semplice aggirare gli ostacoli del DPCM?

Ecco il testo:

 

Cari soci, cari podisti,

Purtroppo devo comunicare che non abbiamo avuto le autorizzazioni necessarie per disputare la Maratona del Presidente in relazione alle nuove disposizioni del DPCM 25/10/2020, che quindi non potrà avere luogo.

Avevamo ottenuto tutti i permessi per organizzarla rispettando le regole anti-covid in vigore fino alla settimana passata Poi l’ultimo DPCM ha modificato le cose.

Abbiamo provato ad andare avanti ugualmente, in considerazione dei tanti soci che ci hanno chiesto di farlo.

Certamente, se avessimo dovuto programmarla in quel momento, non lo avremmo fatto ma dato che era tutto già organizzato abbiamo ritenuto di provarci, in particolare per due considerazioni:

> - che probabilmente sarebbe stata l’ultima gara prima di un lungo periodo.

> - che il Governo essendo giustamente preoccupato dell’incremento rapido del numero di ammalati, non potendo decretare un nuovo lockdown che farebbe saltare l’economia del paese, ha introdotto limitazioni circoscritte per cercare di ridurre il numero di persone che si spostano, in particolare su mezzi pubblici, e hanno occasioni di contatto. Ebbene avevamo ritenuto che non sarebbe stato il centinaio di persone che domenica si sarebbero spostate con propri mezzi ad innalzare o abbassare la curva del contagio.

Quindi il percorso tentato è stato quello presso  l’Ente di promozione sportiva a cui siamo affiliati, per avere il riconoscimento di "evento di interesse nazionale".

Purtroppo dopo varie interlocuzioni ieri ci è arrivata la risposta definitiva, che non ci sono i tempi tecnici per poterci fregiare di questo titolo; e quindi siamo costretti ad annullare la manifestazione.

 Mi spiace per tutti quelli che ci avevano creduto.

 Colgo l’occasione per segnalare ai soci che hanno ritenuto di impegnare il loro tempo a criticare questa scelta, che nessuno li avrebbe obbligati a partecipare.

In questa occasione mi sono tornate in mente le parole del grande genio che è stato Fabrizio De Andrè che con poche battute coglie il senso degli aspetti della nostra vita; ed in particolare mi è tornata in mente Bocca di rosa “Si sa che la gente dà buoni consigli se non può più dare cattivo esempio”.

 Per quanto riguarda invece gli odiatori seriali una raccomandazione quale ultima chiosa: se invece di impiegare il proprio tempo a picchiare sui tasti ci si mettesse le scarpette e si uscisse fuori a camminare o a correre se ne ricaverebbe un immenso beneficio psico-fisico.

Luciano Bigi

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Mercoledì, 23 Settembre 2020 22:47

Annullata anche Venice Marathon, resta solo la virtual

23 Settembre - Due in un giorno, fa davvero male: dopo Firenze, a distanza di qualche ora, anche la Venice Marathon dichiara l’annullamento dell’edizione 2020, che lascia spazio esclusivamente alla gara virtual.

Di seguito, il comunicato ufficiale apparso sul sito della manifestazione, che ci auguriamo possa riprendere il normale svolgimento nel 2021:

“Nonostante il nostro impegno quotidiano, in stretto e continuo contatto con le amministrazioni locali, le istituzioni sanitarie e la Fidal per cercare di organizzare anche quest’anno una manifestazione in linea con le tradizioni e i contenuti della Venicemarathon, la forte preoccupazione per una situazione epidemiologica ancora in corso, soprattutto all’estero, ci ha costretti a prendere atto, con grande rammarico ma con doveroso senso di responsabilità, dell’impossibilità di gestire in sicurezza sanitaria gli eventi che lo scorso anno hanno coinvolto circa 30.000 persone tra atleti, ragazzi delle scuole, volontari, forze dell’ordine e addetti ai lavori”. Queste le parole del presidente di Venicemarathon Piero Rosa Salva, che riassumono l’impegno profuso dalla macchina organizzativa in un periodo così difficile.
D’altronde, bisogna considerare anche il fatto che dei quasi 5.000 iscritti, circa 1.500 sarebbero arrivati dall’estero con tutte le difficoltà del momento e i restanti dalle diverse regioni d’Italia comunque con seri problemi logistici e di trasporto.
La Città di Venezia per volontà soprattutto dell’Amministrazione Comunale ha dimostrato al mondo la capacità di realizzare, in questo periodo difficile, gli eventi tradizionalmente più importanti come la Mostra Internazionale del Cinema, la Regata Storica e molti altri. Per questo, anche gli organizzatori di Venicemarathon vogliono lanciare un messaggio di continuità ed entusiasmo.
Nasce quindi una “Venicemarathon Special Edition” che dal 24 ottobre al 1 novembre 2020 vedrà lo svolgimento di una innovativa “Venicemarathon Virtual Race 42K e 10K”, della spettacolare “Venicemarathon One for All” e di un Convegno sulle problematiche della pratica sportiva in tempo di pandemia, grazie al supporto dell’Ulss 3 Serenissima e di un Expo Village interattivo che ospiterà un intenso programma interattivo.

Venicemarathon One for All
Saranno selezionati un solo atleta per la categoria maschile e una per quella femminile, che correranno in rappresentanza di tutti gli iscritti domenica 25 ottobre sul percorso originale da Villa Pisani (Stra) a Riva Sette Martiri in Venezia, scortati dalle Forze dell’Ordine lungo tutto il percorso garantendone lo svolgimento in totale sicurezza, e da una troupe video che documenterà l’evento live per i canali web e social di Venicemarathon, dei media partner (Corriere dello Sport, Tuttosport e Il Gazzettino) e dal network internazionale PMG Sport.

Venicemarathon Virtual Race 42K e10K
Tutti gli altri atleti iscritti, sia nella maratona che nella distanza più breve di 10K, potranno partecipare correndo individualmente lungo percorsi scelti da loro stessi. La distanza dovrà essere precisa (42.195 metri o 10 km) e ricoperta in un’unica volta (non a tappe). Gli iscritti avranno però a disposizione una settimana di tempo per realizzarla: dalle ore 9 di domenica 25 ottobre fino allo scadere della mezzanotte di domenica 1 novembre. Partecipare sarà molto semplice: basterà scaricare un’applicazione che verrà fornita a tutti gli iscritti dall’organizzazione, che raccoglierà e invierà direttamente la prestazione al sistema che automaticamente stilerà una classifica. Inoltre (solo domenica 25 ottobre) gli atleti che si prenoteranno avranno la possibilità correre la “Virtual 10K” al Parco San Giuliano di Mestre sul percorso già certificato di 10 km da percorrere individualmente e con partenza a piacere dalle 9 alle 18 e dove potranno attendere il passaggio al 30^ chilometro della “Venicemarathon One for All” nel rispetto delle normative Covid. Tutti gli iscritti, oltre alla t-shirt ufficiale dell’evento, riceveranno l’esclusiva medaglia celebrativa, opera dell’americano Milton Glaser, uno dei più importanti grafici ed illustratori contemporanei, recentemente scomparso. Celeberrimo in tutto il mondo è il suo logo “I LOVE NY”. Ma Milton era anche un grande amico di Venezia e tra i suoi ultimi lavori si annovera, appunto, l’immagine e la medaglia studiata per la 35^ Venicemarathon.

Iscrizioni e posticipi al 2021 e 2022
Gli organizzatori hanno stabilito il tetto limite di partecipazione alle “Virtual Race” che sarà di 5.000 nella maratona e di 2.000 nella 10K. Ad oggi, il numero delle persone già iscritte alla 35^ Venicemarathon è rispettivamente di 3.352 nella 42K e 1.198 nella 10K. Le iscrizioni sono già aperte e tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.venicemarathon.it. Tutti coloro che invece non vorranno partecipare a questa edizione speciale, avranno salvaguardata la propria iscrizione per l’edizione 2021 o addirittura quella del 2022. Maggiori dettagli verranno comunicati direttamente agli atleti e il posticipo potrà essere effettuato direttamente dall’atleta sempre tramite il sito ufficiale.

 

NdD. Vedremo se da questa morìa di maratone (annunciata il giorno dopo delle elezioni: sai mai che se lo dicevi il giorno prima scatenavi il voto di protesta dei podisti...?) si salveranno quella di San Marino (prevista domenica prossima 27: ma lì per fortuna non siamo in Italia), quella di Pescara (annunciata per il 18 ottobre), quella Eco di Alba (prevista per lo stesso 25 ottobre di Venezia). E non diciamo nulla delle maratone tuttora in calendario da novembre in poi (ma Firenze, come sappiamo, ha già mollato). E per favore, smettiamola con le Virtual: sono una buffonata, e a quanto pare anche una scusa per non restituire i soldi delle iscrizioni [Fabio Marri]

 
What do you want to do ?
New mail
Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina