Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Nov 04, 2018 1101volte

Maratona di Bologna: per ora, autogestita

Passaggio e sosta a San Luca Passaggio e sosta a San Luca Alessio Guidi

Avevamo informato dell’imminenza della maratona bolognese, fissata per il 1° novembre. Giusto riferire su come sono andate le cose, ignorate dai media ufficiali seppure soggette al consueto polverone sui social media (dove, ci segnalano, «è stato detto e scritto di tutto, ovviamente senza sapere niente»).

Le nostre informazioni sono solo parziali e dunque passibili di integrazioni, ma intanto ve le diamo così come le abbiamo acquisite, grazie soprattutto ad Alessio Guidi: che nega di avere un ruolo direttivo nell’evento, ma intanto c’era, con un centinaio di amici o conoscenze casuali , in un 1° novembre che non era scelto a caso ma rivendicava la data assegnata dalla Fidal due anni fa, quando la maratona di Bologna sembrava rinascere dopo parecchi anni di silenzio.

Poi è saltato tutto (non per colpa della Fidal, una volta tanto; e comunque i bolognesi hanno dimostrato di sapersene infischiare della Fidal, ad esempio con la Run Tune Up che è una delle mezze più frequentate d’Italia), ma chi si era segnato la data 1-11-18 ha rispettato l’impegno.

Mi attesta Guidi, minimizzando l’evento:

Quasi 100 persone incuranti del maltempo si sono trovate in Piazza Maggiore alle 8,30 per correre insieme, chi 10, chi 20, chi 30 e chi come me 42,195 km, divertendosi senza tante menate. C'è chi ama la corsa e corre, e c'è chi pensa solo a rompere i cosiddetti a chi si diverte.

Essendo autogestita ognuno si è arrangiato per i ristori, quindi chi con lo zainetto, chi con 10 euro in tasca per fermarsi al bar, o chi (come me) ha chiamato sua moglie al 20° km facendole portare qualcosa da bere e da mangiare. Poi 4 ragazzi in bicicletta spontaneamente ci hanno accompagnato con acqua al seguito facendo due piccoli ristori volanti al 10° e al 30° km.

Il percorso è stato fatto tutto in gruppo rispettando il codice della strada, attraversando sulle strisce pedonali, sfruttando marciapiedi e portici: il chilometraggio è stato raggiunto sommando i percorsi della Strabologna, della classica affascinante Casaglia - San Luca (infatti tra i fotografati appare anche il leggendario Vito Melito, che ne fu protagonista) e della Run Tune Up... esattamente come si fa in un qualsiasi allenamento di gruppo: tutti i week c'è gente che corre in centro a Bologna e nessuno gli dice niente... come mai tanto rumore questa volta?, insiste Guidi, il quale a domanda risponde: Chi ha organizzato? Nessuno. Anche perché una cosa AUTOGESTITA per definizione non ha organizzatori. Davvero non capisco il problema. Bè, gli perdoniamo la reticenza…

In foto sotto la fontana del Nettuno prima della partenza è apparso anche il famigerato Andrea Barbi. Alessio giura di non conoscerlo e di avere saputo della sua partecipazione solo al termine: e in ogni caso (questo lo diciamo noi), Barbi è squalificato dalle gare ufficiali e ben gli sta, ma non gli hanno messo la palla al piede e non gli è interdetta l’attività fisica. Nei tanti allenamenti di gruppo che si svolgono quasi in ogni città, per partecipare non è richiesta la tessera o la fedina penale, come non la chiedono nemmeno a New York (omissis).

Questa “maratona” non comparirà nelle maxiclassifiche né fornirà quelli che una volta chiamavamo punti-Marchei (ma oggi c’è di peggio quanto ad auto-omologazioni, “edizioni zero” che improvvisamente diventano ufficiali, strani Guinness per conseguire i quali ti crei una linea di partenza e uno striscione d’arrivo personali, con la benedizione della Fidal): a Bologna, cento persone si sono divertite e contemporaneamente hanno rivendicato la possibilità e il diritto, anche per la vecchia signora dai fianchi un po’ molli, di avere una sua maratona come ce l’hanno tanti e forse troppi.

3 commenti

  • Link al commento Mercoledì, 07 Novembre 2018 23:08 inviato da FMr

    Claudio Bernagozzi, principale promotore della tentata nuova maratona di Bologna, mi conferma quanto avevo scritto e che Mario Liccardi tenta invano di smentire: la data del 1° novembre 2018 era quella ufficialmente sancita dal calendario Fidal per la maratona di Bologna. Dunque nessuna invenzione o bufala o altro: se poi la corsa non si è fatta, non significa che il calendario era falso... Auguro a Mario di poterlo incontrare, prima di appendere le scarpe alla croce sulla tomba di Govi, in una maratona di Bologna come invano la desideriamo da quel 21 aprile 1996 che segnò la vittoria elettorale di Pirro Prodi e la sconfitta irreparabile (per ora) della 'nostra' maratona.

    Rapporto
  • Link al commento Martedì, 06 Novembre 2018 19:43 inviato da Fabio

    Senza fare polemica, ma quando ancora a Modena c'era il compianto Gianni, la vigilia di natale a Solignano Nuovo le 100 presenze si passavano e come, con servizio tenda, maxi ristoro all'arrivo, ed addirittura qualche "pacco gara" a 0€, per cui nulla di strano ma queste gare autogestite (allora allenamenti di gruppo), esistono da sempre e non da oggi e comunque ben vengano, del sano sport fa solo che bene, fidal o no.

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 05 Novembre 2018 12:19 inviato da Mario Liccardi

    Che devo di'? Bologna la dotta in questo caso dimostra esserlo molto poco. Ma fare tanta pubblicita' ad un raduno di amici e scriverci su, mi sembra un tantinello esagerato.
    Scrivi che la maratona di Bologna era stata pubblicizzata. Sono anni che sento solo parlare di progetti, mai diventati esecutivi. La data del primo novembre te la sei inventata di sana pianta. O forse e' solo una fake news o bufala chiamala come ti pare che hai letto su qualche sito on line e condivisa senza approfondire. Saluti

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina