Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Lug 07, 2019 padre Pasquale Castrilli 377volte

Simone, pettorale 26 e la corsa come terapia

La corsa ci fa tutti uguali La corsa ci fa tutti uguali Roberto Mandelli

Corre e sorride, Simone. A dispetto di tutto. Della sua malattia, della crudeltà della vita, dei sorrisini di alcuni compaesani. Ha 26 anni, è nato con un ritardo mentale, ha cominciato a camminare a quattro anni, da piccolo non parlava ma si esprimeva con suoni e gesti delle mani.
Tutto era iniziato al terzo mese di gestazione. Amniocentesi. Danni irreversibili al cervello. Iniziano i tentativi per capire e provvedere da parte dei genitori super impegnati: Giovanni, suo padre, docente di storia dell’arte, va in pensione con grande anticipo per investire tutto sulla salute e la felicità di questo figlio.
Le cure in Italia, poi a Philadelphia negli Stati Uniti per capire i margini di intervento e di miglioramento. La corsa come terapia. Simone esce ogni giorno, “a volte anche due volte al giorno”, mi dice il papà e “ombra” di Simone. Fino a qualche anno fa correva al suo fianco, da un po’ di tempo a questa parte lo segue in bicicletta. Non è raro vederli sbucare all’improvviso da un angolo del paese. Simone avanti, con la sua tipica andatura un po’ ciondolante, Giovanni dietro a pedalare e inseguire il sogno di una normalità.
Gli anni passano, i genitori invecchiano, Simone è ormai un adulto. Come sarà il futuro? Domande impegnative, ma obbligate.
Intanto Simone fa vita da atleta, mangia senza sale, sta attento al sovrappeso, corre una cinquantina di chilometri a settimana, ha interpretato la stracittadina delle sue parti, gara pianeggiante di 7 chilometri, a 4’50’’/km. Corre, sorride, saluta esibendo  il pettorale 26 come i suoi anni. Evviva Simone, evviva la corsa!

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina