Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mag 13, 2019 817volte

Sassuolo (MO), 6° Saxo Oleum Run – Coursa ed Sasol

La partenza La partenza Italo Spina

12 maggio - Quinta delle dieci prove del 7° campionato modenese di podismo, e seconda tra le cinque maratonine dello stesso Grand Prix, in una giornata piovosa che ha visto l’annullamento di due trail nel raggio di una quarantina di km, la Saxo Oleum Run ha portato al traguardo 213 agonisti (di cui 43 donne), più altri non competitivi che potevano scegliere anche i tracciati più corti di 4 e 11,5 km. È un buon risultato per il gruppo podistico della Guglia presieduto da Emilia Neviani (una reduce dalla 50 di Romagna), che lungo un tracciato tra i più belli della provincia, reso paludoso e pantanoso nei 4-5 km su sterrato, oltre che allagato nei primi e ultimi 2 km (vedere foto 234-235 di Domenico Petti), ha garantito le massime condizioni di sicurezza e – se si può dire così – di comfort per quanti si sono cimentati alla faccia del meteo.

Sui 21,1 km (sostanzialmente confermati dal Gps) ha vinto il quarantatreenne Marco Rocchi della MDS con 1.21:52, una quarantina di secondi davanti all’altro sassolese della Guglia, il quasi coetaneo Claudio Costi, il quale a sua volta ha preceduto di pochi metri il quarantottenne Massimo Sargenti del 3.30: tutti della categoria B, over-40, che ha radunato il maggior numero di partecipanti, 66. Quinto assoluto, e primo degli under-40, Fabio Vandelli della Formiginese; mentre il primo dei 58 over-50, e nono assoluto, è stato il “sindaco” di Spilamberto Luca Gozzoli (1.28:44), appena una trentina di secondi meglio dell’altro “gugliante” Rinaldo Venturelli. Un po’ più indietro si deve scendere per vedere il primo over-60, e non è sorprendente trovarci il 68enne Romano Pierli, 1.38:36, sette minuti davanti al suo più vicino rivale di categoria, oltretutto più ‘giovane’ di 7 anni.

Tra le donne, prima (e 21^ assoluta) la ‘montanara’ Manuela Marcolini, appena sopra l’1.32, tre abbondanti minuti meglio di Bethany Thompson, che ha regolato la terza, Elena Neri, di 2 minuti. La Neri ha prevalso tra le over-40 (la categoria femminile più numerosa, oltre la metà dell’intero lotto), mentre le over-50 sono state regolate da Roberta Mantovi, coetanea del “sindaco” sopra citato. La mancanza di maratone in questa giornata, e la soppressione dei trail, ha convogliato qui vari amici/rivali delle 42, da padre e figlio Malavasi alla Happy Family Bacchi/Mascia, fino a Cecilia Gandolfi che alla fine mi ha praticamente raggiunto, e ha consentito al marito Italo di spendere le ultime foto per noi alle soglie del tempo massimo, sotto la pioggia che aumentava e aveva già suggerito la partenza a Petti. Peccato non avergli chiesto di fotografare le mie scarpe Joma, sì e no 200 km all’attivo, mai una maratona, e che hanno letteralmente perso il rivestimento del tacco (Lupe Lupe, meas liras redde…, diceva Augusto imperatore che non era quello dei Nomadi).

Percorso davvero bello, e sorprendente per chi non fosse mai salito a monte di una città decisamente ‘sfortunata’ come Sassuolo (il nome dialettale “Sasòl”, che tuttavia rimane nell’intestazione della “Coursa”, è stato abolito dall’amministrazione comunale di oggi, che come suo primo atto dopo aver riconquistato il potere fece appunto togliere le targhe stradali bilingui). A un primo tratto di 7 km lungo la ciclopedonale destra del Secchia seguivano 6 km di salite verso la rupe del Pescale (e qui a quelli della mia caratura non era permesso altro che camminare ai 10 min/km, lungo una scalinata a fondo naturale); e poi, dopo il passaggio da una ceramica decorata da scritte sentenziose (tra cui quella celebre tra i podisti, che al mattino nel deserto, che tu sia leone o gazzella, devi comunque correre) un’altra salita verso il Monte Scisso e il piccolo abitato del km 13/14, prima di ridiscendere a San Michele dei Mucchietti e di nuovo alla ciclabile del Secchia per gli ultimi 4 km a ritroso verso il traguardo.

Grande spiegamento di forze organizzative (quando vedo uno come Aligi Vandelli ai lati con la bandierina, mi chiedo perché sono io a correre e lui no: ma non mancheranno occasioni per sorpassarmi, come sempre, al km 32); quattro ristori ben forniti, oltre a quello finale; moltissimi segnalatori e molti ‘consiglieri’ sulla via migliore da seguire per schivare i pericoli del tracciato; traffico ottimamente controllato negli attraversamenti delle strade; giro di pista finale e, per chi lo voleva, salutare tuffo nelle due docce disponibili, in due edifici poco distanti tra loro, con acqua letteralmente ustionante. Venga pur giù tutto il diluvio che vuole, ma la gente non pantofolaia non si lascia impressionare e si diverte ugualmente.

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: Domenico Petti
Fonte Classifica: Uisp Modena

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina