Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Giu 17, 2019 672volte

Castelbolognese (RA) – 5^ Sei ore della birra: aggiornata la classifica

Prima e raggiante Prima e raggiante Comitato Organizzatore

15 giugno -  Nell’età – suppongo - estrema della pratica podistica, tendo a non ripetere gare già fatte, rivolgendomi piuttosto a competizioni nuove in posti per me sconosciuti. Ero già stato l’anno scorso a Castelbolognese, quasi come recupero la settimana dopo un ultratrail piuttosto duro; dunque, basta. Tanto più che in questo 2019 sono iscritto a una maratona fra una settimana. E invece… comincia la happy family Allesimo a dire che ci sarà e pregusta già il divertimento; poi, la famiglia Paolino, ma, chissà, andiamo alla Pistoia- Abetone però… perché no? Si preannuncia anche il rendez vous Liccardi-Di Vittorio sul tema “dopato o no?”, e la presenza di Eleonora Corradini… (avevo scritto l’anno scorso: quanto a belle donne, questa trasferta di Castelbolognese non lascia delusi. Chi scrive, quando va a correre, va a correre e basta (a differenza di molti colleghi delusi dalla vita, che sperano in un ribaltone solo per aver porto il bicchiere del tè alla fighetta affiancata); ma certo, arrivare in zona ritrovo e trovarsi di fronte all’opulenza di Luisa Betti o a quella vivente statua di Canova che è Eleonora Corradini (e non solo lei), sa renderti gradevole persino una corsa all’inferno).

Peccato, perché il paragone con la  statua di Canova mi era venuto adesso, e sembrava originale; invece… già sfruttato. Ma insomma, un sacco di ragioni per ripetere l’azzardo, e in extremis, due scarsi giorni prima, mi iscrivo.

La pensano come me quasi tutti i partecipanti del 2018, e molti altri: se l’anno scorso ci furono 83 classificati, quest’anno ce ne sono113: 89 dei quali raggiungono nelle 6 ore la canonica distanza della maratona corrispondente a 16 giri da 2640 metri (tutti sterrati).

L’estate finalmente è esplosa, al via delle ore 14 stiamo sui 32 gradi, sebbene ogni tanto un centinaio di metri all’ombra mitighino l’arsura. Ma rimane provvidenziale, e quasi forzato, il ricorso ad ogni passaggio presso il traguardo (che duro però quello scalino erboso per risalire sull’argine del Senio, dopo!) al bicchiere di birra freschissima alla spina, che ti vale anche come testimone del giro compiuto.

Per chi si collegasse solo oggi, rispiego la questione: alla gara ufficiale, dove vince chi dopo 6 ore ha fatto più giri, si aggiunge quella ‘goliardica’: ogni birra bevuta al passaggio dà un bonus di 1 km; sono invece abolite, rispetto al 2018, le penalità per gli astemi, che semplicemente depositano un bicchiere rosso vuoto al posto di quello bianco dei ‘bevitori’.

In zona è esposta la classifica delle precedenti 4 edizioni, sulla base delle sole birre bevute (prescindendo dai km): la capeggia Claudio Romani con 86 birre (record di 30 nel 2016), con vantaggio abissale su Domenico Pino (solo 73 birre); ma al terzo posto sta Elena Di Vittorio la quale, seppure con sole 3 partecipazioni, si è dissetata in questo modo 71 volte, per giunta vincendo pure quanto a percorrenza!

Guardando poi le classifiche ‘speciali’ del 2019, vedo che il primato è andato a Stefano Farina, tesserato 100 km del Passatore, che in ognuno dei 25 giri percorsi (66 km) si è dissetato con una bionda; come lui ha fatto il compagno di squadra Simone Assirelli, terzo l’anno scorso, ora con 24 giri (63,3 km) e 24 birre. Ma li ha battuti tutti, quanto a chilometri (71,2) Luigi Pecora, sebbene i suoi 27 giri siano stati costellati da “sole” 22 birre.

Dunque, la classifica che andrà nelle statistiche ‘serie’ dice: 1° Pecora (assente nel 2018), con 71,2 km; 2° Farina (come l’anno scorso, ma con un giro in meno), a due giri (66 km); 3° Alessandro Coianiz (altro ‘nuovo), a tre giri, stesso chilometraggio 63,3 di Assirelli ma con un tempo minore. Nella classifica ‘con birra’ Coianiz, che ha bevuto ‘solo’ 17 volte, scivola al 5° posto, vedendosi superato da Andrea Pagani, con un giro in meno di lui (dunque 60,7 km), ma svariate birre in più.

Tra le donne, la vincitrice dell’anno scorso, Elena Di Vittorio (60,7 km nel 2018) corre con prudenza per un infortunio da cui sta uscendo, e si accontenta di 44,850 km che le valgono l’ottavo posto femminile (41° assoluto). La classifica ‘astemia’ vede vittoriosa quella “impossible target” di Eleonora Rachele Corradini (seconda alla 9 Colli del 2018), ora sesta assoluta con 60,7 km, cioè 24 giri (8 più dell’anno scorso) e ‘soltanto’ 16 birre (tuttavia, 10 più che nel 2018), che però non le fanno perdere il primato nemmeno nella graduatoria ‘alcoolica’; 2^ Sabrina Gargani, a 2 giri (55,4 km; resta seconda anche nell’altra classifica, perché le sue 21 birre le fanno guadagnare 5 km su Eleonora che conserva 376 metri di vantaggio!); 3^ Marta isabella Doko, stessi giri della seconda ma un tempo peggiore (e poi, essendo totalmente astemia, nella classifica generale scivola al 50° posto assoluto: quasi un titolo di merito).

Già, gli astemi: in questa pazza corsa, vale la pena citare quelli i cui zero bicchieri bianchi depositati li hanno penalizzati nella seconda classifica: la Doko è la più veloce, dietro lei vedo principalmente donne: Azzurra Agosti, che comunque percorre 47,5 km, Angela Maruccia, Tea Lombardi e qualche altra. L’astinenza maschile è celebrata da Luca Aiudi, dal supermaratoneta modenese Mauro Gambaiani, da Filippo Nordio e da Maurito Malavasi (figlio di Paolino), tutti e quattro con 17 giri (44,850) e zero birre. Quanto ad altri supermaratoneti, segnalo l’arrivo quasi in gruppo compatto (poco dietro alla Di Vittorio) del trio Bigi-Bacchi-Mascia, 17 giri e 5 birre ciascuno, sportivamente davanti a me di 2,640 km, ma puniti dalla poca birra che li lascia alle soglie dei 50 km virtuali (virtuali, o viziosi?) mentre il sottoscritto si issa a quota 58.

Naturalmente restavano a disposizione anche i beveraggi normali, le bevande e frutta solite, fresche e secche, più qualche verdura un po’ meno usuale (pomodori, carote, cetrioli), sotto la supervisione di altre gloriose ultramaratonete romagnole, come le sorelle Costetti e Anna Zacchi habituées del Passatore.

Il sole tramonta e sorge una luna pienissima, la temperatura si abbassa intorno ai 22/23 gradi. Dopo un sommario lavaggio con l’acqua fresca che sgorga da una gomma, ci attardiamo a parlare di diete e malanni e medicine con Elena Di Vittorio, senza accorgerci che nel frattempo la grigliata garantita ai partecipanti sta finendo (sembra che la cucina abbia dovuto interrompere le operazioni, dopo aver beneficiato delle sue grazie un po’ tutti i presenti non podisti); e quando mi presento al bancone, resta qualche stuzzichino, acqua minerale, la solita birra e un bicchiere di spumante per non so qual compleanno (ma l’anno scorso il vino rosso era ai tavoli).

A proposito: Elena replica ‘scientificamente’ alla mia battuta, se cospargersi di idrocortisone come antizanzare fosse doping: “Ogni molecola di farmaco definita cortisonico in realtà ha una farmacocinetica (assorbimento, metabolismo, escrezione, legame alle proteine plasmatiche) diversa, per cui alcuni sono vietati solo per uso sistemico (a seconda della via di somministrazione orale, intramuscolo, endovena, rettale), altri per tutte le vie (anche topica).

Se uno si spalma Locoidon per una puntura di zanzara non è dopato, però se se lo iniettasse o lo ingerisse lo sarebbe. Idem con altri cortisonici”.

La compilazione delle classifiche è come al solito laboriosa e soggetta a correzioni (ultima revisione, limitata alla “senza birra”, il 18 giugno, e la correzione principale fa scendere il 6° della classifica originaria all’attuale 17° posto, con 3 giri in meno di quelli inizialmente conteggiati). Dei 113 in graduatoria (un aumento del 36% rispetto al 2018), due si sono accontentati di quattro giri (10,5 km), con o senza aggiunta di birre; chi ne ha fatti addirittura 19 più 9 birre (eppure l’ho doppiato almeno quattro volte… infatti nella classifica rivista perde 3 giri e 66 posizioni); chi, arrivato quasi allo scoccare delle 6 ore in zona traguardo, ha ottenuto di proseguire per l’ultimo giro utile a fargli scattare il fatidico “punto” dei 42,208 cioè della maratona valida per le classifiche nazionali e mondiali (sono 33 in tutto i maratoneti ‘nudi e crudi’, 54 gli ‘ultramaratoneti’).

Così non fa Gregorio Zucchinali, presidente IUTA, che finisce con me (facciamo insieme quasi tutto l'ultimo giro, parlando di politica, di doping, di ricordi, di vecchi amici che non ci sono più); lui è un giro dietro, dunque a quota 39,6, ma si dichiara contento del risultato, visti gli acciacchi da cui sta quasi uscendo, ed esce dall'agone bevendo la quindicesima birra.

Insomma, qualche buon motivo per essere a Castelbolognese anche quest’anno l’abbiamo trovato tutti: se... camperemo cent'anni, torneremo.

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: D. Gianaroli

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina