Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Nov 17, 2018 3408volte

Fidal e giustizia federale, ogni tanto qualcosa succede

Capita frequentemente di venire a conoscenza di irregolarità, magari anche di viverle in prima persona. Dai tagliatori ai podisti con pettorale fotocopiato o dell’anno precedente, fino a gare palesemente irregolari per i più svariati motivi.

Spesso viene da chiedersi se poi succede qualcosa, oppure se i furbi, siano essi podisti oppure organizzatori, riescano sempre a farla franca. Beh, qualche volta la giustizia arriva.

Siamo andati a leggere le ultime sentenze ed appurare che talvolta qualcosa davvero succede, magari non sempre e con tempi che appaiono biblici. Ecco un elenco di soggetti di vario genere che sono stati sanzionati, con diverse modalità; abbiamo preso un paio di casi per tipo di “reato”, a titolo esemplificativo. Non ce ne vogliamo quelli che sono stati menzionati, e…nemmeno quelli che non lo sono, sia pure appartenendo alla medesima categoria.

La gara “XI Lago Maggiore Half Marathon” del 15 aprile 2018, sanzionato il responsabile con 20 giorni di inibizione e 366 euro di multa alla ASD perché, contrariamente a quanto previsto dal regolamento che vieta la contemporaneità di gare competitive e non competitive sulla medesima distanza, ha accolto entrambe le tipologie di podisti partecipanti, quindi sia i tesserati, sia quelli che magari una visita medica non sanno neanche cosa sia. In merito a questa tipologia di irregolarità verrebbe subito da fare l’obiezione che trattasi di cosa piuttosto comune. E poi ancora: è facile soddisfare (aggirare?) la regola, basta un tappeto di rilevamento al km 21 per i non competitivi, non chiamarla maratonina ed…è fatta, vedi Milano 21. Ma non è l’unica.

Tra l’altro, la stessa ASD del Lago Maggiore, ha recentemente organizzato una manifestazione dove tutte, ma proprie tutte, le distanze erano “doppiate “, perfino una maratona non competitiva.

Ecco la sentenza.

http://www.fidal.it/upload/files/Decisionen47TF_Ottone%2B1_procn32PF.pdf

Ecomarathon Eco Trail, Muggia (anno 2017), viene punito il responsabile con 45 giorni di inibizione e la ASD con 1.000 euro di multa per aver consentito la partecipazione di atleti non tesserati; circostanza aggravante il fatto che tali atleti siano stati anche premiati, di fatto togliendo il premio ad atleti regolarmente tesserati.

http://www.fidal.it/upload/Decisionen43_TF_FERLORA%2B1_Procn34_PFn45TF.pdf

Qui sotto la problematica è la medesima di cui sopra, con numeri decisamente consistenti.

Alla XVIII Agropoli Half Marathon (anno 2017), sono stati ben 205 atleti su un totale di 609, a non risultare in regola col tesseramento. Idem alla Napoli City Half Marathon, 373 erano gli atleti sprovvisti di tesseramento Fidal (o Runcard), invece regolarmente inseriti in classifica.

Attenzione, la sanzione relativa a Napoli City Half Marathon è stata revocata:

http://www.podisti.net/index.php/in-evidenza/item/2881-sentenza-napoli-city-half-marathon-la-giustizia-federale-cambia-decisione.html

Questi sono due casi per rendere l’idea, ma in realtà è lungo l’elenco delle manifestazioni che hanno consentito la partecipazione irregolare di diversi atleti. Ovviamente, in questo e in tutti gli altri casi citati, ci si riferisce sempre al regolamento Fidal. Del resto pare ovvio che, se la gara è Fidal, si deve (dovrebbe) corrispondere ai regolamenti della federazione.

http://www.fidal.it/upload/40%20decisione02663820181002082843.pdf

http://www.fidal.it/upload/30%20decisione%20capalbo02315120180926081350.pdf

Insulti a giudici, una “malpractice” più diffusa di quanto non si creda, certo non siamo a livello di quanto accade nel calcio, però in questi casi non si è certo scherzato: aggressioni verbali e anche fisiche a vari componenti della giuria in occasione di una gara di marcia (C.D.S.)

http://www.fidal.it/upload/files/Decisionen46TF_Marroccella%2B2_ASDEnterprise%2B2_proc.n31PF.pdf

http://www.fidal.it/upload/files/decisionen29_2018TF_Cerutti%2B1.pdf

Naturalmente non poteva mancare Facebook, piattaforma che spesso scatena gli istinti peggiori, a prescindere dai torti che si subiscono e dalle ragioni che si posseggono.

http://www.fidal.it/upload/files/Decisionen20_2018TFDellAquila%2B1.pdf

http://www.fidal.it/upload/41%20decisione02663720181002082813.pdf

http://www.fidal.it/upload/files/decisionen21_2018TF_procn06_2018PF.pdf

Scambi di pettorale e tagliatori, una pratica sempre (troppo) diffusa

http://www.fidal.it/upload/files/Decisionen30TF_2018Procn20_2018PF_SALVALAIOeCHINELLATO%2B2.pdf

http://www.fidal.it/upload/files/decisionen2_2018TFMarchiori%2B1.pdf

http://www.fidal.it/upload/decisionen18_2018TF%20De%20Pasquale%20Vocale.pdf

Questo è uno spaccato, sia pure molto ridotto, del nostro mondo. E’ comunque confortante sapere che le regole non rispettate ogni tanto trovano riscontro da parte della giustizia federale; certo che a ben guardare, mediamente, si tratta di rischiare qualche centinaio di euro e qualche settimana di inibizione. Insomma, può valere la pena sgarrare.

Tutto bene, forse, però…..

Uscendo per un momento dall’ambito “punitivo”, piacerebbe anche sapere cosa pensa la federazione di molte gare che l’hanno salutata (spesso anche con buone ragioni), ma continuano ad organizzare gare agonistiche a tutti gli effetti, sotto l’egida degli EPS, enti di promozione sportiva che, per statuto, dovrebbero soprattutto promuovere lo sport.  E oltretutto si tratta di enti che ricevono sostanziosi contributi dal Coni. Alla fine sono soldi che non entrano nelle casse federali, non so fino a che punto compensati dall’imbarcata di RunCard, spesso low cost per indurre all'iscrizione gli ex liberi o i tanti social runners, sempre più numerosi.

D’altra parte molti organizzatori, in particolare di gare medio-piccole, sono stati costretti a fare la scelta degli EPS; ad esempio, c’erano una volta le mezze maratone regionali, che raccoglievano 4-5-600 partecipanti ed avevano una tassa gara di 400 euro. Ora la stessa manifestazione si chiama bronze, è obbligatoriamente di tipologia nazionale e costa 1200 euro. Fate un po’ voi i conti.

Il risultato delle scelte della Fidal è che ad oggi il 70% delle mezze maratone sinora corse nel 2018 ha perso partecipanti; alcune hanno alzato bandiera bianca, altre (direi più saggiamente) hanno cambiato tipologia e distanza. Altre ancora stringono i denti, provando ad andare avanti, ma è difficile, molto difficile. Che ci fosse la necessità di mettere ordine nel calendario gare non vi è alcun dubbio, sulle modalità ci sarebbe da discutere; certamente ci vorrebbe anche maggiore attenzione da parte dei comitati regionali, che approvano sistematicamente ogni richiesta di inserimento di gare, anche nuove, in un contesto già super affollato

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina