Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Feb 26, 2020 padre Pasquale Castrilli 976volte

Una Quaresima da runner

Un gesto di amore Un gesto di amore Web 2019

La Quaresima 2020 inizia per i runner con grandi preoccupazioni. Soprattutto al Nord del Paese sono numerose le gare saltate in programma domenica 1 marzo, e altre stanno attendendo notizie “dall’alto” per capire cosa fare. La tanto attesa maratona di Bologna e quella di Tokyo, entrambe in programma domenica, sono le prime vittime della situazione. Il mondo podistico nostrano è in fibrillazione. Si consultano più volte al giorno i siti Internet delle gare o i profili Facebook, per avere notizie fresche e regolarsi di conseguenza.

http://podisti.net/index.php/in-evidenza/item/5821-coronavirus-e-annullamento-eventi-sportivi-aggiornamenti.html

Chi corre non improvvisa niente, tutto deve essere opportunamente studiato e programmato: percorsi gara, altimetria, distanza da casa, abbigliamento, rifornimenti alimentari, ecc.

La precarietà podistica di questi giorni ha una sorta di attinenza con la Quaresima che i cattolici iniziano oggi mercoledì 26 febbraio. La Quaresima è tempo di penitenza, un periodo di sobrietà. Si ricerca l’essenziale della vita per non smarrirsi. E cosa è essenziale per noi che calpestiamo ogni settimana chilometri su e giù nelle strade, nei parchi, sui lungomare o lungofiume delle città dove viviamo? Direi anzitutto la bellezza della corsa che è un gesto naturale appreso spontaneamente da bambini. Correre ci riporta alla dimensione del gioco, così importante in tutte le epoche della vita. Continuiamo a giocare, a competere, per esorcizzare i malanni della vita, coronavirus incluso.

Forse è essenziale per noi anche stare bene, in salute, fisica e psicologica, in pace con noi stessi e con il mondo attorno a noi. Tanti sperimentano la corsa come un ‘farmaco’ utile per non rinchiudersi, per continuare a vivere in una dimensione di apertura così difficile da realizzare quando siamo oberati da problemi e malanni. Correre inoltre ci purifica dalle tossine che possono avere i nomi più vari: delusioni lavorative o affettive, contrasti relazionali, perdita di persone care, contrattempi, ma anche sovrappeso e cattive abitudini che condizionano e affossano l’esistenza.

Un’ultima attinenza con la Quaresima è forse la dimensione della solidarietà che, come podisti, abbiamo occasione di esercitare in numerose circostanze. Attendere un compagno nel corso di una gara, interessarci a chi ha avuto un infortunio ed è fermo da qualche settimana (o mese), sostenere progetti solidali spesso correlati alle gare alle quali siamo iscritti. Fece il giro del mondo lo scorso agosto il video che riprendeva un runner in maglia rossa che, in zona World Trade Center a New York, si ferma accanto ad un clochard e gli lascia le scarpe da corsa, per continuare scalzo il suo percorso verso casa (ndr: ecco l'articolo del nostro Rodolfo Lollini che lo scorso agosto raccontava il fatto). Fa bene, a noi e al prossimo, l’essere solidali anche con il Creato, che proviamo a rispettare prima, durante e dopo gare ed allenamenti, non lasciando rifiuti in giro e rispettando il luogo che ci ha visti correre in libertà per qualche ora.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Prossime gare in calendario

CLICCA QUI per consultare il calendario completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina