Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mar 14, 2020 Sebastiano Scuderi 240volte

Elezioni Fidal: e se arrivasse una ventata di “Aria pura”?

Il direttivo attuale della Fidal: al centro Parrinello, candidato in pectore Il direttivo attuale della Fidal: al centro Parrinello, candidato in pectore Fidal

E’ vero, in questo momento ci sono altre emergenze, ma il 29 novembre a Ostia ci sarà l’assemblea ordinaria FIDAL per l’elezione del nuovo Presidente e del Consiglio Nazionale, che dovranno guidare la nostra atletica lontano dal virus che ormai l’ha posta in quarantena da trent’anni, un tempo forse eccessivo.

Al momento ci sono tre candidature, ma deludenti: Roberto Fabbricini, 75 anni, nel CONI dal 1972,  sempre nelle zone alte del potere sportivo; un uomo per tutte le stagioni, da Federcalcio a Sport e Salute, nessuna o quasi esperienza nell’atletica, non ha ancora presentato un programma, solo la disponibilità a riunire l’Atletica sotto una sola bandiera.

Stefano Mei, 57 anni, buon passato da atleta, consigliere nazionale nel 2001 e 2009, già candidato alle scorse elezioni, è l’unico che ha presentato un programma in cui si parla solo di atletica top e in pista; oltre a tutto denota una scarsa conoscenza della Federazione mettendo al bando la Runcard, senza ricordare che il contratto (,rinnovabile) con Infront scade nel 2024, e uno dei pilastri è proprio la Runcard; ma forse è una concessione alle  società che la osteggiano.

A giorni dovrebbe uscire il programma dei “Volonterosi”, capeggiati dal Generale Vincenzo Parrinello 62 anni, da otto vice di Alfio Giomi, un altro Comandante delle Fiamme Gialle come Gianni Gola, che salì al potere proprio trent’anni fa: non è certo una garanzia di discontinuità e rinnovamento.

E’ stato pubblicato in questi giorni il prospetto con i voti a disposizione delle società, e quindi si possono cominciare a fare delle considerazioni.

Stranamente ci sono meno voti a disposizione, 68.630 contro i 106.667 del 2016, difficile capire il perché vista la complessità dei calcoli che tengono conto di 24 voci: di cui solo quattro dedicate ai Master, con 777,5 voti, quattro ai Cadetti (11.055) e due alla Montagna (55).

Ci sono poi 10 punti a testa per le 2.780 società, pari a 27.800, e 395 per gli organizzatori di manifestazioni in pista. Il resto (28.911) viene assegnato in base all’attività assoluta su pista. Il totale fa 68.994,5 voti, ma 364,5 vengono persi per arrotondamenti.

Si conferma, insomma, l’errore di concetto esistente: praticamente i voti vengono attribuiti solo per l’attività su pista. In 30 anni non si sono rivisti i criteri della loro attribuzione, la strada è completamente ignorata, pur essendo almeno il 60% dell’attività federale; i Master e la montagna ricevono un quantitativo ridicolo se non offensivo.

Ho esaminato i dati delle ultime elezioni FIDAL: Giomi fu eletto con 47.469  voti pari al 61,56 %, Mei ne prese 29.408, 38,14% ; bianche 237 , 0,30%

Ciò vuol dire che non furono assegnati 29.553 voti, cioè più del risultato di Mei.

Ancor più significativo il fatto che le società votanti furono 740, ma 407 con deleghe, di fronte alle 2.462 aventi diritto: praticamente il 23,5% decise la governance della FIDAL per il quadriennio 2017 – 2020. Gridare allo scandalo non sarebbe eccessivo.

Dai conti fatti, questa volta le società che possono contare da 10 a 50 voti sono 2.514, con 34.980 voti pari al 51 %; le altre sono 266 col 49%. Se consideriamo che le liste in campo saranno forse tre, ma quasi sicuramente uno dei contendenti si ritirerà, troviamo che se le società “podistiche”, anziché dare la delega alle società che contano, formassero una lista “aria pura”, cosa potrebbe succedere?

Il problema è  trovare chi  possa portare al successo un Movimento  “Aria Pura”: ho in mente alcuni nomi, ma preferisco che sia il “popolo” ad esprimersi. Mi limito a tracciare un personale identikit: deve essere giovane (40 – 50 anni), avere un passato di discreto atleta, deve conoscere e amare sia la pista che la strada, essere un valido organizzatore e, soprattutto, aver voglia e tempo di impegnarsi.
Naturalmente a lui si deve poter affiancare un valido gruppo di collaboratori che non vadano in Consiglio solo per fare gli interessi della propria società, insomma una squadra di persone serie che diano una ventata di freschezza. Insomma, sarebbe ora di smettere con la rassegnazione e il fatalismo.

“Sembra sempre impossibile, finché non viene realizzato” (Nelson Mandela).

                                                       
                                                       

% SOCIETA'

   

60

30,4

4,9

3,1

0,9

0,7

100

                                   

% VOTI

   

24,2

26,8

14,2

16,7

8,7

9,4

100

                                   
                                                       

regione

voti

%

regione

società

   

MILITARI

   

%

LOMBARDIA

13.205

19,2

LOMBARDIA

557

20

 

FF.GG

163 + 305

468

0,7

VENETO

7.473

10,9

PUGLIA

252

9,1

 

E.I.

107 + 117

224

0,3

LAZIO

5.819

8,5

LAZIO

237

8,5

 

FF.OO

360

360

0,5

EMILIA R

5.493

8

VENETO

230

8,3

 

A.M.

101

101

0,2

PIEMONTE

5.301

7,7

PIEMONTE

208

7,5

 

FF.AA.

93

93

0,1

TOSCANA

4.667

6,8

EMILIA R

186

6,7

 

CC BO

156

156

0,2

PUGLIA

4.074

5,9

SICILIA

170

6,1

     

1402

2

SICILIA

3.007

4,4

TOSCANA

145

5,2

         

FRIULI VG

2.790

4,1

CAMPANIA

118

4,2

         

CAMPANIA

2.578

3,8

SARDEGNA

113

4,1

 

CUSI

     

MARCHE

2.321

3,4

FRIULI VG

98

3,5

 

PR

380

   

SARDEGNA

2.185

3,2

MARCHE

87

3,1

 

TO

364

   

LIGURIA

1.895

2,8

ABRUZZO

68

2,5

 

MI

351

   

TRENTO

1.547

2,2

LIGURIA

63

2,3

 

GE

218

   

ABRUZZO

1.524

2,2

UMBRIA

52

1,9

 

PA

185

   

BOLZANO

1.307

1,9

CALABRIA

48

1,7

 

PG

150

   

UMBRIA

1.221

1,8

TRENTO

44

1,6

 

CT

125

   

CALABRIA

738

1,1

BOLZANO

47

1,6

 

TS

122

   

BASILICATA

621

0,9

BASILICATA

32

1,2

 

CA

111

   

VDA

498

0,7

MOLISE

16

0,6

 

PI

109

   

MOLISE

366

0,5

VDA

9

0,3

 

PD

93

   
 

68.630

100

 

2780

100

 

VA

88

   
             

PV

84

   
             

SS

76

   
             

BO

72

   
             

FE

53

   
             

CASSINO

40

   
             

BA

36

   
             

NA

29

   
             

URBINO

26

   
             

VR

23

   
             

CAMERINO

13

   
             

FG

10

   
             

SA

10

   
             

UD

10

   
             

VE

10

   
             

LE

10

   
               

 

 

 
                                                     

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina