Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mag 13, 2020 10614volte

Corse su strada, proposta dei delegati running. Si mette male

da sinistra: Stefano Righini, Laura Duchi, Ferruccio Demadonna da sinistra: Stefano Righini, Laura Duchi, Ferruccio Demadonna

Recentemente avevamo pubblicato un articolo (LEGGI QUI) nel quale i delegati running, che rappresentano gli organizzatori delle corse su strada livello Gold e Silver, contestavano a Fabio Pagliara, segretario Fidal, di essere andato avanti un po’ per conto suo. Questa era stata la sua replica, che trovate comunque nei commenti, in fondo all’articolo:

Il segretario Fidal Fabio Pagliara, ancora in isolamento al covid hotel, ci ha fatto pervenire il suo pensiero:
" credo sia il momento di essere responsabili, uniti e concreti. Poi ovviamente ognuno fa le proprie scelte, assumendosene le responsabilità. Sono convinto si debba restare concentrati, per salvare il sistema, senza personalismi e con spirito di servizio"

A seguire, e come promesso, i delegati running hanno inviato la comunicazione che trovate più sotto. Per precisione, rispetto alla precedente lettera, rileviamo che tra i firmatari di questa proposta non è più presente la Venice Marathon, nella persona di Lorenzo Cortesi (segretario).

Scorrendo la comunicazione si evidenzia una sostanziale impossibilità ad organizzare manifestazioni su strada. Sono ragioni comprensibili, ma del resto credo che le limitazioni imposte siano difficilmente gestibili in altro modo, salvo che non cambino nettamente le situazioni relativamente allo sviluppo del contagio ed ai rischi annessi. Penso comunque che non siano le singole federazioni, Fidal nel caso specifico, a poter operare in modo diverso da quanto previsto a livello governativo.

Gentile Segretario,

precisiamo che il presente documento è stato redatto dai "Delegati Running”, designati il 31 maggio 2019 in occasione di Run Economy, aderendo all’invito della Federazione di creare un gruppo di lavoro che si rapportasse con la Federazione stessa in rappresentanza delle maratone e mezze Gold e Silver. 

Il presente documento considera tutti quegli spunti intervenuti da parte dei colleghi organizzatori, inclusi coloro che nel frattempo hanno richiesto di farne parte. In questi giorni c’è stato infatti un fitto scambio inerente all’applicabilità delle disposizioni contenute nella bozza linee guida. 

Il giudizio del gruppo è che seppur encomiando l’attuale sforzo della Federazione di predisporre delle regole che potessero consentire lo svolgimento di manifestazioni running di massa durante l’emergenza COVID, queste regole risultano nel loro complesso di difficile attuazione e a nostro parere impraticabili. 

Quello che manca più di tutto è l’anima: una manifestazione senz’anima è priva di attrattiva.

L’anima delle nostre manifestazioni è fatta di socialità, di gusto per la competizione e soprattutto del desiderio di far vivere ai partecipanti un momento di svago. Volendo analizzare i vari punti, elencheremo di seguito le proposte a nostro avviso impercorribili e quelle che invece potrebbero essere possibili.

PROPOSTE NON ATTUABILI

A - NUMERO DI PARTECIPANTI

La limitazione dei partecipanti a 1000 unità non consente di affrontare i costi di manifestazioni il cui budget si fonda in misura importante sulle iscrizioni. Senza partecipazione viene spesso meno anche la possibilità organizzativa, considerato che le amministrazioni spesso non sarebbero intenzionate a limitare la propria comunità (chiusura al traffico, impegno di personale etc) per un così basso ritorno. 

B - GESTIONE LOGISTICA

Numerose sono le problematiche che appaiono insuperabili, prima tra tutte la gestione della partenza, sia per spazi che per i tempi che si rendono necessari di occupazione della viabilità. E’ veramente problematico garantire la distanza di 2 metri, anche con pochi partecipanti, ma ancora più difficile appare riuscire a gestire il distanziamento tra i runners nell'area del traguardo.  Le istruzioni per la condotta di gara con distanziamenti e corse in scia non appaiono proponibili alle nostre manifestazioni perché impossibili da gestire, controllare ed eventualmente da sanzionare, data la vastità del percorso ed il numero dei partecipanti.

Molto difficile ci sembra anche il controllo temperature con i transennamenti degli accessi per partenze ad onde o l’accesso ai WC pre e post gara scaglionato e con l’igienizzazione ogni 20 accessi.

Impossibili di controllo sono gli starnuti e lo sputare, da riportare tra le condotte ragionevoli che tutti, anche nelle altre occasioni della vita quotidiana, sanno di dover rispettare. 

C - EXPO

L’eliminazione dell’Expo o del Marathon Village è di importanza strategica per le nostre manifestazioni ed è una limitazione che comporta una riduzione di attrattiva verso gli sponsor.

Il recapito a domicilio del pettorale rappresenterebbe inoltre una lievitazione dei costi.

D – RESPONSABILITA’

Molto importante è anche analizzare la questione della responsabilità. Ben più gravi sarebbero le responsabilità che si sommano a quelle odierne e che ricadrebbero sugli organizzatori riferibili ai collaboratori ed ai volontari ed è da escludere si possano assumere responsabilità in relazione ad altri siti e persone: parcheggi, cittadinanza presente a qualsiasi titolo, tifosi, passanti etc.

Non si può trascurare anche che le amministrazioni pubbliche non sono in grado di assumere impegni e responsabilità per il distanziamento del pubblico. 

Non siamo a dire però che non ci sia nulla di buono, alcune indicazioni infatti appaiono non solo di buon senso nella situazione data ma anche facilmente percorribili.  

PROPOSTE POSSIBILI

Siamo consapevoli che si dovranno in ogni caso rivedere alcuni punti delle nostre organizzazioni in base al livello di emergenza. 

La partenza dovrà essere ad ondate, compatibilmente con la normativa sanitaria nazionale vigente al momento, si dovrà consentire l’utilizzo della mascherina per i primi 500 m dalla partenza.

Sarà indispensabile inoltre la collocazione dei dispenser con disinfettante, la protezione del personale di servizio e dei partecipanti con adeguati DPI.

La soppressione del servizio doccia e dei pasta party.

La consegna del pacco gara con la medaglia potrà essere fatta in un sacchetto chiuso consegnato all’arrivo. 

Le soluzioni che si considerano applicabili, purtroppo, non consentono comunque nel loro insieme di garantire l’attuazione delle linee guida abbozzate.   

Al momento, pertanto, sentiamo di comunicare che è comune agli organizzatori che hanno partecipato al confronto il sentirsi nell’impossibilità di organizzare con queste regole. La fase 1 rimane inattuabile o comunque attuabile con estrema difficoltà. 

QUALE FUTURO?

Non è nostro intento limitarci a bocciare le linee guida, vogliamo comunque apportare, per quanto possibile, il nostro contributo e pertanto, in base anche ai suggerimenti ricevuti, provare a suddividere la situazione per fasi.

In questa fase confermiamo la nostra idea di impossibilità di organizzare eventi così come prospettato nella bozza. 

Augurandoci che entro qualche mese vivremo una fase di progressivo ritorno alla normalità (fase 3 o 4), con un miglioramento della situazione, la stessa potrebbe consentire la organizzazione degli expo, regolando i flussi di visitatori in entrata e in uscita in maniera contingentata, in quanto gli stessi sono paragonabili paragonati ai centri commerciali e alle fiere e quindi andrà applicare la normativa nazionale di riferimento.

Per quanto riguarda la responsabilità si può cominciare a discutere, in parallelo all’avanzamento parlamentare della mozione LUPI, la possibilità di partecipare alle gare anche agli iscritti EPS  e liberi cittadini con una modulistica simile a quella posta in essere ed esibita nei controlli delle forze dell’ordine con autocertificazione del proprio stato di salute. Una manleva per gli organizzatori rispetto alle condizioni fisiche, comunque quando le leggi sanitarie lo permetteranno.

Anche se questo rimane un aspetto dolente.

In qualunque fase non si concorda comunque con l’escludere dall’attività agonistica gli atleti in base alla età: il requisito essenziale dovrebbe essere solo lo stato di buona salute, debitamente certificato. 

LA NOSTRA PROPOSTA

Sempre in relazione alla ripresa è attualmente al vaglio una bozza di progetto dell'Avv. Ferriero, legata però all'ulteriore miglioramento della situazione e su base differenziata, il cui obiettivo è quello di utilizzare il mondo della corsa su strada per fare una costante attività di monitoraggio, anticipando l’eventuale pericolo del contagio, coadiuvando così il suo arginamento nonché debellazione definitiva, con possibilità di sovvenzione da parte degli enti preposti.  

Questo difficile momento, inoltre, potrebbe essere un’occasione una rilettura comune della normativa NO-stadia inerente il calendario e le norme regolamentari relative all’organizzazione dei nostri eventi, per cui chiediamo la disponibilità garantendo da subito quella degli organizzatori nostra nello spirito della più aperta collaborazione.

Delegati Running

Ferruccio Demadonna (Trento Half Marathon)

Laura Duchi (Roma-Ostia)

Stefano Righini (Maratona di Ravenna)

P.S.:

Queste osservazioni sono rivolte esclusivamente all’organizzazione di corse su strada, non si intende esprimere giudizi in relazione a corse in montagna, Vertical e Trail sulle quali si ritiene che le linee guida siano da discutere con chi quelle gare organizza e che peraltro dato il numero più limitato di concorrenti consente una più facile soluzione delle difficoltà

 

 
What do you want to do ?
New mail

4 commenti

  • Link al commento Maurizio Lorenzini Venerdì, 15 Maggio 2020 11:29 inviato da Maurizio Lorenzini

    Forse il "gruppo" non è compatto come vorrebbe e dovrebbe essere, forse qualche organizzatore si sente più importante di altri e tende a mantenere il filo diretto con la federazione...sono motivazioni plausibili

    Rapporto
  • Link al commento Venerdì, 15 Maggio 2020 10:44 inviato da Giovanni Schiavo

    La mancata firma della Venicemarathon come può essere interpretata?

    Rapporto
  • Link al commento Maurizio Lorenzini Giovedì, 14 Maggio 2020 21:03 inviato da Maurizio Lorenzini

    Buongiorno a te, Mark.
    Hai ragione, il contraddittorio è sempre buona cosa, qui però le posizioni sono davvero lontane. Inoltre, gli organizzatori chiedono a Fidal delle decisioni che, nel momento specifico, vanno oltre le loro competenze. Infine, vedo tante richieste da parte dei delegati,ma nessuna menzione delle loro possibili responsabilità penali. Ricordo che in Italia, a differenza della maggior parte degli altri paesi, la responsabilità delle gare agonistiche è in capo agli organizzatori, non al partecipante

    Rapporto
  • Link al commento Giovedì, 14 Maggio 2020 09:54 inviato da Mark

    Buongiorno Maurizio,
    io la vedo con una connotazione positiva che ci sia un contradditorio su quelle regole da film apocalittico in un futuro distopico ;-)
    Spero prevalga il buon senso, se no tanto vale e meglio correre da soli.

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Prossime gare in calendario

CLICCA QUI per consultare il calendario completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina