Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Dic 07, 2020 933volte

Recensioni: “Lo sport di domani” di Flavio Tranquillo

Dopo gli esordi come telecronista radiofonico delle partite dell’Olimpia Milano (N.d.R. l’attuale Armani AX), Flavio Tranquillo è diventato la voce del basket italiano ed NBA sui canali satellitari come Sky Sport. La sua evoluzione professionale lo ha portato ad abbandonare l’etichetta di cronista tifoso ed anche quella di giornalista esclusivamente sportivo, allargando i suoi interessi ad altri ambiti come testimoniato dal libro sulla mafia intitolato “I dieci passi, piccolo breviario sulla legalità”, scritto a quattro mani insieme al magistrato palermitano Mario Conte.

Con “Lo sport di domani” (add editore – 137 pag – 14 €), Tranquillo torna ad affrontare il tema sportivo, ma lo fa a tutto tondo. Partendo dalla necessità di creare una nuova cultura sportiva che dovrebbe essere uno degli indispensabili veicoli di formazione delle nuove generazioni. Illustrando le sue idee su come dovrebbe essere gestito il mondo dilettantistico e quello professionistico. Mettendo a nudo le incongruenze odierne e assegnando i ruoli che in questa partita dovrebbero giocare i vari attori: stato, scuola, federazioni, leghe professionistiche, associazioni dilettantistiche così come le società che fanno invece business con lo sport spettacolo. Una lettura illuminante e che ovviamente non può non interessare anche chi fa atletica a livello giovanile oppure le ADS podistiche formate da amatori.

Un bel regalo di Natale che chi vi scrive si è già fatto e non ha aspettato fino al prossimo 25 dicembre prima di leggerlo tutto d’un fiato.

Rodolfo Lollini – Redazione Podisti.net

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina