Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Set 12, 2022 Anna Cavallo 212volte

Impressioni di settembre, al Lago Santo in anteprima

Impressioni di settembre, al Lago Santo in anteprima T. Seghedoni- R. Mandelli

11 settembre – Questa domenica mattina, dopo una certa titubanza se andare o meno con un gruppetto del benemerito Mud and snow di Checco da Marano, ho optato per la possibilità di scoprire il percorso light del Trail del lago Santo, che si terrà l'8 ottobre prossimo. Zainetto alle spalle come una vera atleta esperta in Trail, mi addentro in questa favola: nello zainetto ho solo una borraccina di quelle morbide, ma chissà perché, questo accessorio fa tanto chic e mi sento toghissima.

Parcheggiata l'auto nei pressi del campo sportivo di Sant'Anna Pelago (1070m), subito ci incamminiamo verso via Borracce. Il giro, di circa 16km, è ad anello, senza particolari difficoltà e quasi interamente all'interno del bosco. È chiamato anche il giro delle cascate del Rio Valdarno. Lungo il percorso incontriamo infatti le deviazioni per visitare le cascate: purtroppo non è stato possibile ammirarle, in quanto non previsto nel giro della gara. Ci incamminiamo su una salitina ripida, inoltrandoci nel bosco e proseguendo fino a una più larga e pianeggiante strada sterrata della forestale.
Seguiamo il percorso, senza nessuna fatica, su un letto di foglie, da dove sbucano funghi non commestibili, ma belli da vedere. Con eccessivo stupore, Ivano ne trova due, che stando all’apparenza e al profumo farebbero parte della famiglia del porcino. Il pensiero, per qualche attimo, è rivolto alle succulente tagliatelle da cucinare in serata o eventualmente la sera dopo: ma bastano una foto e un messaggio a chi se ne intende, nella speranza di una conferma di commestibilità, e il sogno svanisce nel nulla. Lo realizzeremo solo dopo qualche oretta, al tavolo di un ristorante.

Proseguiamo fino ad arrivare al bivio per la prima cascata, detta del Rio, e la mia curiosità si fa spazio nella mente: ma oggi proprio non si può e Cristina, la guida, ci invita a  continuare. Risalendo senza eccessive pendenze la valletta boscosa, incontriamo la Fonte del Rio e poco dopo il bivio, con il sentiero che porta alla Cascata della Bandita. Cerchiamo di guadagnare km e quota, traversando il Fosso di Sassorso (1205m) dove subito dopo troviamo le indicazioni per la relativa Cascata Sassorso. L'unica cosa che mi viene concessa è l'abbraccio a un albero. Dicono che fa bene a corpo e mente, rende felici. Io ho provato e non so... ero già felice prima, quindi?
Riprendiamo a camminare fino all'ampio sentiero CAI 549, da dove si intravede la quarta cascata, quella del Terzino, e invece noi continuiamo a salire lungo la sponda del Fosso del Terzino fino alla Fonte Montalto (q. 1090 m) dove ci fermiamo un attimo per riempire le borracce d’acqua fresca, fare due foto… e si riparte.  Attraversiamo il Fosso di Capridosso e giungiamo alla confluenza del Fosso del  Fontanone con il Fosso del Terzino, fino a raggiungere la strada forestale di Montalto.

Giornata epica per me, ho attraversato un corso d'acqua con destrezza sui sassi senza cascarci dentro. In ogni caso non sarei annegata, avrei bagnato solo le scarpette! Una stretta mulattiera ci conduce al bivio per la Cascata Cascadora, di cui intravediamo però solo la freccia di deviazione. E con l'ultimo miraggio della cascata "Pozzo del Pisano", proseguiamo ancora fino alla località Nespolo, alla confluenza del Rio Valdarno con il Rio Fontanacce, che attraversiamo tramite  un piccolo ponticello, per immetterci in una salita sassosa che  ci porta in quota, sopra le case di Ponte Sant’Anna.

Quando sembra che sia finita, un saliscendi in mezzo al bosco e un grande prato verde... gli arrivi delle corse organizzate dal Mud and snow non sono mai light, la birra al traguardo bisogna sudarla. Il percorso short mi ha entusiasmato enormemente, non è una semplice camminata ma rimane adatta a tutti. Magari qualche passaggio del resoconto sarà impreciso, ma in gara sicuramente tutto sarà curato nei minimi particolari dagli organizzatori.

Quindi ci vediamo all'ATK BINDINGS LAGO SANTO SKYRACE 2022
SABATO 8 OTTOBRE, SANT’ANNAPELAGO - PIEVEPELAGO (MO)
GARA COMPETITIVA CON DUE PERCORSI: SKYRACE DI 28KM 2300M D+ E SHORT TRAIL DI 16KM 600M D+ ALL’INTERNO DEL PARCO DEL FRIGNANO.

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina