Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Nov 15, 2019 424volte

AIMS: Desisa e Chepngetich eletti maratoneti dell’anno

I due maratoneti dell'anno I due maratoneti dell'anno Foto IAAF

L’AIMS, Association of Marathons and Distance Races, ha designato maratoneti dell’anno 2019 Lelisa Desisa e Ruth Chepngetich.

I due maratoneti, entrambi campioni del mondo a Doha, sono stati premiati ad Atene in una speciale cerimonia, alla vigilia della maratona della capitale ellenica.

L’etiope, nato il 14 gennaio del 1990, vincitore della maratona di New York nel 2018 in 2h05:59, si è classificato secondo a Boston ad aprile in 2h07:59 (a due secondi dal vincitore, il keniano Lawrence Cherono), per poi vincere il titolo mondiale a Doha in 2h10:40.
“La Maratona olimpica di Tokyo 2020 è il mio sogno. Voglio seguire l’esempio del mio connazionale Abebe Bikila e vincere l’oro ispirando una nuova generazione di giovani atleti”, ha dichiarato l’iridato dopo la premiazione.  

La keniana Ruth Chepngetich, nata l’8 agosto del 1994, dopo aver vinto un anno fa la maratona di Istanbul in 2h18:35, si è poi imposta a Dubai in 2h17:08 (allora terza miglior prestazione di sempre), per poi vincere il titolo mondiale a Doha in 2h32:43.
“E’ un grande onore ricevere questo premio ad Atene, dove è nata la maratona. E’ un grande traguardo nella mia carriera. Credo che sia possibile battere il record del mondo in maratona di Brigid Kosgei”, le parole della campionessa keniana.

Nell’ambito della stessa cerimonia sono stati anche premiati Stefano Baldini, campione olimpico di Atene 2004, e Ron Hill, campione europeo di Atene 1969, che hanno ricevuto uno speciale riconoscimento alla carriera.

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina