Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mag 03, 2019 Ufficio Ricerca e Sviluppo Dryarn 919volte

Dryarn : storia di un filato, quando un filato fa storia, anche nel running

Marco Olmo in azione Marco Olmo in azione

La storia di Dryarn® nasce nel 1997, quando sul mercato non esisteva ancora un prodotto veramente performante. Poliestere e nylon erano le uniche alternative al cotone ed alla lana, ma nessuna di queste fibre, naturali o sintetiche, coniugava in sé le caratteristiche di termoregolazione, praticità e benessere che negli anni si sarebbero rivelate indispensabili nella realizzazione di capi sportswear.

Nacque così l’idea di provare a creare un filato che esaltasse le performance di uno sportivo, attraverso il confort. Partendo dal polipropilene utilizzato dalla divisione filo per pavimentazioni tessili di Aquafil il laboratorio di R&S si mise al lavoro per creare una microfibra che racchiudesse in sé tutti i plus del polipropilene, ma fosse al tempo stesso soffice, morbida ed impalpabile, così da diventare una seconda pelle piacevole all’indosso, fruibile nelle più diverse applicazioni dell’abbigliamento, dall’intimo allo sportivo al fashion…..

Nel 1999 Aquafil lanciò Dryarn®, la microfibra più leggera al mondo, una fibra in grado di offrire tecnologia e comfort, leggerezza, praticità, stabilità, termoregolazione, batterio staticità.

Si trattò di una grande innovazione nel mondo del filato, per certi aspetti ancora fermo alle conquiste degli anni ’60, al poliestere e al Nylon. L’arrivo di Dryarn® era destinato a rappresentare un grande punto di svolta in questo mercato e, sin da subito, i grandi brand iniziarono ad utilizzare questa microfibra per creare collezioni dove qualità e tecnologia, modernità e comfort, rappresentano i plus fondamentali.

I primi ad accorgersi delle possibilità offerte da Dryarn® furono proprio i produttori delle linee sportswear. Running, moto, ciclismo, vela, sport alpini, golf, equitazione; oggi, dopo oltre 10 anni dal suo lancio, non c’è settore sportivo che, nel creare capi tecnici e tecnologici, non utilizzi Dryarn® per realizzare capi underwear e secondo strato.

In questi anni molti atleti hanno testato Dryarn® nei loro allenamenti ed in gara, riscontrando in questa fibra caratteristiche uniche. I loro successi hanno costellato questi anni di importanti risultati e hanno permesso di raccontare la microfibra attraverso la voce di autorevoli protagonisti.

Ma non c’è solo sport nella storia di Dryarn® che vanta applicazioni dall’intimo all’outfit, nel medicale e persino nel food.

Il certificato di dermatologicamente testato (Università di Modena e Reggio Emilia – Dipartimento di Dermatologia), ottenuto nel 2007, fa di Dryarn® una fibra perfetta per un utilizzo sulla pelle anche in presenza di problemi allergici e di dermatiti da contatto. Ideale nell’underwear, Dryarn® è stato scelto anche per realizzare alcune linee di body per bambini, applicazione interessante proprio perché la pelle dei bambini è delicata e richiede capi che a contatto con la pelle non provochino rossori o allergie.

In anni in cui la parola Eco è quasi abusata Dryarn® rappresenta un importante esempio di fibra sintetica amica dell’ambiente che può essere a buon diritto considerata la fibra del futuro, da utilizzare per un guardaroba eco sostenibile. Dryarn® nasce come filato già tinto e quindi non è necessario tingere il tessuto (procedimento quest’ultimo che richiede lo smaltimento delle sostanze inquinanti). Gli scarti di produzione vengono riciclati e reimmessi in nuovi cicli di produzione per la realizzazione di altri prodotti di uso quotidiano. Prodotta con un basso impatto ambientale in quanto utilizza minor impiego di energia elettrica, Dryarn® è una fibra ecologica anche nell’uso quotidiano. Risparmia energia in quanto non si stira e si lava a basse temperature e torna velocemente pulito anche con lavaggi brevi (risparmio di acqua) e quantità minime di saponi delicati (lo sporco non riesce a penetrare nelle fibre), si asciuga velocemente perché non trattiene l’umido quindi il capo lavato non richiede asciugatura. Grazie alle caratteristiche di solidità dei colori e di resistenza della fibra i capi in Dryarn® mantengono un aspetto “come nuovo” che dura nel tempo, anche dopo molti lavaggi.

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina