Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mar 28, 2022 Redazione Podisti.Net 1106volte

adidas Ultraboost 22, una scarpa creata dalle donne per il piede femminile

adidas Ultraboost 22 adidas Ultraboost 22 Foto adidas

Ultraboost 22 manifesta il continuo impegno di adidas nei confronti della sua community di donne runner 

Un angolo Q più ampio, una massa corporea inferiore e una forma diversa del piede sono solo alcune delle differenze fisiologiche che fanno sì che la scarpa da corsa ideale per una donna debba avere caratteristiche specifiche. 

Angolo Q, l’angolo del quadricipite

Dal momento che le donne in genere hanno i fianchi più larghi rispetto agli uomini, hanno anche il cosiddetto angolo Q più ampio, ovvero l’angolo che si forma tra la linea di forza del quadricipite e la linea del tendine rotuleo.

Rispetto agli uomini, le donne soffrirebbero due volte di più della sindrome del ginocchio del corridore, per via del maggiore stress causato dall’iper pronazione, quella condizione nella quale il piede ruota eccessivamente verso l’interno e non riesce a distribuire l’impatto in modo uniforme. Per ovviare a questo problema può essere molto utile utilizzare scarpe running con una suola o un’intersuola in grado di offrire un sostegno supplementare. 


Minore massa corporea

In media, le donne hanno in media circa il 15% di massa corporea in meno rispetto agli uomini. Per questo, le scarpe da donna tenderanno ad essere più leggere e morbide rispetto alla versione da uomo.  Anche le scanalature tenderanno ad essere leggermente più profonde, rendendo più semplice la flessione dell’intersuola sulla punta. 

Forma del piede

Il piede femminile ha caratteristiche diverse per quanto riguarda la forma, in particolare a livello dell’arco, della punta e dell’avampiede.

Scegliere attentamente le proprie scarpe da corsa può essere determinante per non incorrere in patologie come la sindrome da stress tibiale o la fascite plantare.

Attingendo a dati specifici sulle donne e utilizzando un database di anatomia online contenente 1,2 milioni di scansioni di piedi, il team adidas ha identificato le differenze chiave tra l'altezza del collo del piede, l'anatomia del tallone e le caratteristiche dell’andatura per poi ridisegnare e perfezionare l'ultima delle Ultraboost.

La nuova Ultraboost 22, che si basa sulla caratteristica forma a S della UB21, è stata messa a punto per creare una tasca del tallone più stretta, un profilo dell'avampiede meno profondo e un'area del collo più bassa, mentre la nuova suola ottimizzata è progettata per contrastare l'iper pronazione. 


ULTRABOOST 22, l'ultima arrivata dell'iconica linea Ultraboost 

Una linea che è stata l'avanguardia del running ad alte prestazioni fin dal primo modello del 2015 ora, con l'Ultraboost 22, offre una tecnologia di ritorno di energia eccellente, combinata con un design raffinato per il massimo comfort. 

Il lancio rappresenta una pietra miliare nel costante e duraturo impegno di adidas a offrire a tutte le donne il prodotto migliore grazie a perfezionamenti e vantaggi che rispondono alle esigenze della sua variegata community di donne runner. La nuova Ultraboost 22 è stata progettata a partire da dati specifici sulle donne per fornire una scarpa pensata appositamente per il comfort dei loro piedi. 


adidas Ultraboost 22 presenta le seguenti caratteristiche: 

  • Ritorno di energia - la nuova tomaia e il sistema di torsione LEP si combinano con l'iconica intersuola BOOST per offrire un ritorno di energia eccellente, il 4% in più rispetto alle Ultraboost 21 da donna.
  • LEP - l'adidas Linear Energy Push è un'evoluzione del sistema di torsione che coopera alla perfezione con l'intersuola boost e con la suola di nuova concezione per una migliore risposta durante la corsa.
  • PRIMEKNIT+ - le zone PRIMEKNIT+, perfezionate, sono realizzate con filato contenente il 50% di Parley Ocean Plastic, che permette di adattare la calzata all'indossatore.
  • Miglioramento della calzata a 360° basato sull'anatomia femminile - la calzata si basa su una nuova forma concepita a partire da dati sull'anatomia femminile, proponendo quindi un tallone più stretto, un collo più basso, ma mantenendo al contempo l'esclusiva curva a S del tallone che coopera perfettamente con il controtallone permettendo al tendine di Achille di muoversi liberamente. 

Per saperne di più visita la pagina scarpe running donna su adidas.it

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina