Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Fabio Marri

Fabio Marri

Probabilmente uno dei podisti più anziani d'Italia, avendo partecipato alle prime corse su strada nel 1972 (a ventun anni). Dal 1990 ha scoperto le maratone, ultimandone circa 280; dal 1999 le ultramaratone e i trail; dal 2006 gli Ultratrail. Pur col massimo rispetto per (quasi) tutte le maratone e ultra del Bel Paese, e pur tenendo conto dell'inclinazione italica per New York (dove è stato cinque volte), continua a pensare che il meglio delle maratone al mondo stia tra Svizzera (Davos e Interlaken; Biel/Bienne quanto alle 100 km) e Germania (Berlino, Amburgo). Nella vita pubblica insegna italiano all'università, nella vita privata ha moglie, due figli e tre nipoti (cifra che potrebbe ancora crescere). Ha scritto una decina di libri (generalmente noiosi) e qualche centinaio di saggi scientifici; tesserato per l'Ordine giornalisti dal 1980. Nel 1999 fondò Podisti.net con due amici podisti (presto divenuti tre); dopo un decennio da 'migrante' è tornato a vedere come i suoi tre amici, rimasti imperterriti sulla tolda, hanno saputo ingrandire una creatura che è più loro, quanto a meriti, che sua. 

Domenica, 17 Luglio 2022 19:00

A Savigno, una sana sudata per pochi patiti

Savigno (BO), 17 luglio – E' stata la 26^ edizione della “Corri per un Amico”; negli anni d’oro, era la gara di bassa collina che nel bolognese si aggiungeva o contrapponeva a quella di pieno Appennino. Oggi pare invece che fosse l’unica, e nemmeno troppo frequentata: all’orario di partenza, fissato alle 8,45 senza deroghe (strano e coraggioso, in un podismo padano non competitivo dove ormai gli orari sono “da… a”) eravamo esattamente in 30. Iscrivendomi un quarto d’ora prima della partenza, mi è toccato il pettorale 225; sommando le 8 società più numerose delle preiscrizioni, si arriva ai 300 (ma è diffuso il vezzo di iscrivere un numero tot di podisti, poi chi viene viene e per gli altri si restituiscono i pettorali). A memoria, sono gli stessi numeri degli anni in cui Savigno era la camminata numero 2, la meno frequentata in provincia.
D’altronde, i competitivi vanno altrove, e i non competitivi non sono stati ancora recuperati dal dopo-o-durante-Covid (curiosità: qui a Savigno, circa 25 km da Bologna, risiede l’assessore regionale alla salute, che appunto decide il bastone e la carota per infettati o infettabili).

Non saprei chi sia l’Amico cui la gara è dedicata, ma personalmente ne ho almeno due da ricordare come legati a questa tranquilla piazzetta, con un ristorante intestato ad Amerigo 1934  (come lo zio di Guccini cui è dedicata una toccante canzone-poesia), un teatrino quale una volta l’avevano tutti i paesi, e un benemerito cesso pubblico come purtroppo non se ne vedono quasi più in giro, pulito, con acqua corrente e uno spiritoso cartello sullo sciacquone.

Dunque, i due Amici sono Angelo Pareschi, a lungo presidente del Coordinamento bolognese, e organizzatore della Bologna-Zocca che qui a Savigno aveva il suo traguardo intermedio dei 32 km (arrivavamo in discesa dalla Badia di Colombara e Mongiorgio, prendevamo un po’ fiato prima dei mitici 7 km di tornanti tra Savigno e Montombraro); e Antonio Mazzeo, un grande campione ultrarunner, che oggi farebbe 70 anni ma è morto esattamente quattro anni fa, il 21 luglio 2018. E mi fece l’onore (lui, primatista mondiale su varie ultradistanze) di accompagnarmi, appunto sui tornanti di Montombraro, sopportando le mie chiacchiere fino ad involarsi verso il vicino traguardo di Zocca.

http://podisti.net/index.php/commenti/item/2048-la-scomparsa-di-antonio-mazzeo-un-grande-dello-sport-e-della-vita.html

http://podisti.net/index.php/cronache/item/3889-curno-bg-1-5-tutti-in-prima-con-antonio.html

Questo, sia detto con tutto il rispetto per l’Amico cui è dedicata ufficialmente la corsa. Che quest’anno cambia percorso, rispetto al solito giro calancoso sul versante ovest (quello appunto di Montombraro), e affronta invece le colline a est, verso Bologna, a destra del torrente Samoggia completamente secco (e se dico secco, non è un’iperbole come quella dei telegiornali che mostrano il Po che defluisce e dicono che è in secca: no, qui intendo che non c’è un goccio, un filo, un rigagnolo d’acqua, e potrei portarci il mio nipotino duenne a caricare i “tatti” sul suo “trak” sicuro che non si bagnerebbe nemmeno i sandalini, e se invece volesse riempire d’acqua il suo fàirtrak dovrebbe ricorrere alla fontanella del parcheggio auto).

Due percorsi, di 10 e 15 km “c.a.” (corrente anno, spiega il siglario dello Zingarelli), con partenza e arrivo ai 260 metri dell’ex capoluogo (adesso si è fuso con altri comuni limitrofi e la denominazione comune è Valsamoggia): come nella tradizione, è mantenuta una buona dose di trail, specialmente tra il km 3,5 (dove avviene la separazione dei due percorsi) e il 6,4, i 700 metri slm del monte Nonascoso, con una ascesa di 380 metri dei 490 complessivi che i Gps indicheranno, condotta su una ex strada della quale restano solo i sassi della massicciata e le buche profonde scavate dai trattori o jeep o fuoristrada.

Per fortuna, la temperatura non è infame (stiamo sui 28), e una parte della salita si svolge all’ombra; i più scelgono i 10, compreso Lucio Casali, tra i pochi modenesi presenti, uno che si è fatto il Cammino di Santiago e due giorni fa la Casaglia-San Luca appena sopra l’ora, dunque può anche rifiatare; a proposito, sorpassiamo un altro reduce, Giuseppe Cuoghi, che da terzo di categoria ha vinto una bottiglia di vino (pagandola, in sostanza, 15 euro più la trasferta), ma soprattutto “ho battuto Ivano”, il che gli basta.

Lo rivedremo venerdì prossimo a Bosco Albergati (vicino a casa sua e di Raffaella Carrà), in una delle poche camminate residue tra quelle che il Partitone bolognese organizzava in gran numero negli anni gloriosi di Prodi, e che come premio riservava una bottiglia di bianco frizzante (chiamarlo vino è un po’ esagerato), e una rosa rossa per le donne. Scopriremo venerdì se ci saranno ancora le rose rosse, o invece i crisantemi per la fine della gloriosa e “responsabile” avventura governativa in (tras)corso.

Ma torniamo all’oggi, alla quota 700 del monte Nonascoso, dove noi pochi salitori vediamo una vettura e due addetti: speriamo vanamente che ci sia un ristoro, che invece troveremo solo verso il km 8 (dunque dopo un’oretta di cammino), suppongo all’intersezione col percorso "corto" (già, qui non c'erano i ridicoli percorsini da 2/3 km che valgono soprattutto come pretesto per arrivare il prima possibile a rimpinzarsi al ristoro finale), quando il tracciato del “lungo” devia su un nuovo sterrato che lo porterà a raggiungere la dominante chiesa dell’Assunta di Merlano, con belle viste collinari, per scendere poi per tornanti asfaltati con pendenza del 18%, fino a un’ultima salita sterrata e discesa erbosa con vista finale su Savigno, il tutto a cumulare km 13,600 secondo il Gps.

Si arriva molto alla spicciolata (in genere, a gruppi di 3 o 4 camminatori, soprattutto camminatrici, insieme); il traguardo non è segnato ma bisogna entrare in un cortiletto per il ristoro finale e il rituale mezzo kg di pasta come pacco-gara, consegnando i pettorali mogli di sudore e spesso sbriciolati (per 2,50 di iscrizione: a Bologna stanno sempre 50 cent sopra Modena, fin dai tempi delle 1000 lire che qui erano 1500).
Benedetti siano la fontanella al parcheggio e i lavandini dei bagni pubblici: benedetti anche i savignesi (2800 in tutto nell’ex-comune, secondo l’ultimo censimento) per averci dato quello che potevano darci.

Il circo del podismo mediopadano riserva il prossimo appuntamento a un luogo che, se non ci fosse la corsa, il grande pubblico avrebbe diritto di ignorare: Cacciola, poco a nord di Arceto (RE), 300 abitanti con chiesa e sagra parrocchiale, dove ci si vedrà mercoledì 20 alle 19,45. Chissà se a quell’ora sarà de-finito il tormentone politico che agita i talkshow di questi giorni: crisi o non crisi? Il 2 ottobre voteremo (o il 4, martedì, come piace scrivere al Corriere della sera di oggi, p. 6, ad opera dell’autorevole Virginia Piccolillo), o potremo scegliere tra le maratone del Mugello, Montepulciano, Sacile o Rieti?
Personalmente penso che possiamo iscriverci tranquillamente alle gare, confortati in ciò da quanto si legge più autorevolmente sullo stesso Corriere a p. 5:

“La politica è sangue, merda e poltrona. Molti grillini vogliono restarci aggrappati. Vogliono portarsela dietro insieme al conto corrente… Dovete immaginare cosa possono provare molti di loro, diventati parlamentari per uno sfizio del destino, talvolta eletti solo coi voti di un condominio… La prospettiva di dover rinunciare non solo allo stipendio, ma ai velluti rossi e ai commessi che si alzano in piedi al loro passaggio, gli fa orrore”.

Baggiovara (MO), 15 luglio – La Padània è proclamata zona rossoarancio per il caldo (oggi le temperature hanno toccato i 37, alle 19,30 in cui si partiva stavamo sui 33), in attesa di tornare zona rossa per il Covid vero o presunto; eppure, il calendario della sagra di Baggiovara (paesone poco a sud di Modena, il cui nome risale ai Bajuvari o Bavari che lo occuparono ai tempi delle invasioni barbariche; podisticamente parlando, km 10 della ex maratona d’Italia) non ammette deroghe, e dopo la pausa virale riprende con la sua data (settimana più, settimana meno).

Il volantino recita “16° Memorial Bondi”, ma sono ben più di 16 anni che ci si ritrova qui; i meno giovani (come Paolo Giaroli) ricordano anche i tempi, 30 e più anni fa, che si svolgeva in marzo una combattutissima gara a staffetta, grosso modo su questo tracciato ma con passaggio da Casinalbo. I più aggiornati sanno che qui c’è il distributore di benzina più economico della provincia (oggi la verde sta a 1,86) e dopo la gara passano a fare il pieno. Stare però attenti al proditorio autovelox piazzato dal limitrofo comune di Formigine sulla tangenziale, che passa lontanissima dal centro urbano, infossata in un canale, ma è giuridicamente utile per fare cassa (notare che nello stradone, a due carreggiate separate, è stato prima abbassato il limite da 110 agli striminziti 90, e poi installato l’apparecchietto).

Economico invece il prezzo del gnocco fritto venduto alla sagra: 0,50 al pezzo, la metà di quello che fanno pagare a Modena con la scusa dell’autofinanziamento sociale (tutti, ma proprio tutti, hanno bisogno di soldi). Con la conseguenza che nel dopo-gara alla cassa parrocchiale di Baggiovara c’è una fila di 50 persone, e qualcuno desiste.

Nel mezzo, si corre: perché? Campionesse come Sonia De Carlo (la bocca sempre atteggiata a un sorriso tra il garbato e il triste) o Simona Bedeschi si ristorano dalle gare impegnative appena organizzate e corse, e anziché aduggiarsi di ripetute solitarie fanno il loro allenamento in compagnia; Paolino e Maurito Malavasi vengono qui per abitudine e come ultima rifinitura prima del trail marathon in terra friulana; Angelo Giaroli ha lasciato che il suo sodale Cuoghi si cimentasse per l’ennesima volta alla Bologna-Casaglia-San Luca (scartata da altri per esosità), ed è venuto qua, in buona compagnia non necessariamente podistica. Solitario è come sempre Leandro Gualandri, però in compagnia della inseparabile Fp2 portata fino alla partenza. La scultorea Alessandra, con la sua amica, aveva pensato di fare qui l’ultima sgambata prima del trail della Nuda previsto sul nostro appennino domenica prossima, per cui avevano già pagato: ma oggi arriva la notizia che la gara è stata de-Nudata avendo raggiunto… non più di 11 Nudisti preiscritti.

Società come la Guglia o la Madonnina hanno innalzato le loro tende nel solito campo fresco (non Largo…) alle spalle della chiesa; ma incredibilmente, a vincere per numero di partecipanti non sarà il Cittanova, ma a pari merito lo Sportinsieme e la Rocca di Formigine, che ne iscrivono ben 30 ciascuna, superando i 26 della Madonnina.

Naturalmente c’è chi parte anche mezz’ora prima (Verzoni ricostruisce la storia del suo intervento chirurgico studiato col dottor Guaitoli in modo da battere Marri; non pervenuti i Montesanpietrini dopo l'astinenza fotografica di Marzaglia), ma all’ora canonica siamo – a occhio – un centinaio buono, che disciplinatamente attendiamo l’arrivo dell’ambulanza e l’OK dei vigili per partire, superando un cavalcavia quasi all’inizio e un altro quasi alla fine (ricorda il giro a tappe di Carpi, commenta Gelo). Come sempre, poco dopo il 4° km, in uno dei rari tratti ombreggiati, c’è Debbia col suo ristoro di tè fresco e di acqua tiepidina. Un altro po’ di sterrato, poi il secondo cavalcavia, la rituale deviazione nel campo di grano mietuto e infine l’arco gonfiabile dopo 6,700 km. Per i 2 euro di iscrizione, mezzo chilo di spaghetti, altro ristoro di tè e acqua, e doccia all’aperto ricavata dalla traversa di una porta da calcetto. Fotografi locali con un almeno paio di scatti ciascuno per ogni concorrente (più le foto on demand): chissà se è ancora vivo quel fotografo del podismo antico modenese, che aspettava a cento metri dal traguardo, e se un podista gli faceva segno con pollice e indice della mano, scattava, e la settimana dopo portava la stampa per 1000 lire. Ma forse è sepolto a Baggiovara, uno dei pochissimi cimiteri modenesi con posti ancora disponibili.

Cadono i governi ma si studia il modo di non far cadere né onorario né pensione ai poveri onorevoli scadenti in procinto di tornare a vendere bibite allo stadio; l’inflazione galoppa, il dollaro ha pareggiato l’euro così chi si iscriverà a New York o Chicago pagherà il pettorale 50 euro in più; va su pure l’indice erretì, la quarta dose è partita in tutta Italia (Mandelli è già tetradosato), non ancora nella progreditissima Emilia-Romagna. Ma chissene… come cantava Gianni Morandi quando non si tingeva i capelli e gli bastavano capolavori del genere per andare in testa alla hitparade di Luttazzi, e chissene importava se nelle hitparade del resto del mondo c’erano canzonucce come Pretty woman, The house of rising sun, A hard days night, ignote alle mamme cui bastava Canzonissima.
E bando alle nostalgie: oggi si correva a Bazvèra, e ci vuol altro per fermare noi irriducibili.

Livigno (SO), 10 luglio – La maratona è arrivata anche qui, per iniziativa del presidente Supermarathon Italia Paolo Gino, che meritava fortuna migliore in rapporto al dispendio di mezzi per ‘contagiare’ del virus delle 42 km anche questa località dotata finora solo di una maratonina (oltre che essere sede di allenamenti in altura come sta facendo in questi giorni la Nazionale di marcia).

Le tre maratone consecutive ("Tri" alla lombarda secondo la denominazione originale, poi anglicizzata in "Three"), disputate tra sabato 8 e domenica 10, sono state ben lontane dall’obiettivo minimo di “una cinquantina” di partecipanti in cui il Presidente sperava ancora alla vigilia, e per esempio dagli 81 di Orta-4 o i 68 di Pont Saint Martin: gli arrivati (come testimonia il collaudatissimo e tempestivo cronometraggio Icron) sono stati rispettivamente 18, 24 e ancora 24, nemmeno di primissima fascia con l’eccezione della dominatrice che in realtà (se le tifose dello shwa non si opponessero) dovremmo chiamare “dominatore” in quanto, sebbene donna, ha sbaragliato il lotto dei maschi giungendo prima assoluta in tutte e tre le prove.

Mi riferisco a Petra Pastorova, quarantacinquenne di Ostrava, tre volte mamma, 2.36 in maratona (Praga 2013; e 2.39 a Siviglia nel 2020), 8.27 sui 100 km ai mondiali del 2011, e  poche settimane fa vittoriosa nella 50 km di Romagna, che sull’impegnativo tracciato livignasco (questa volta, perfettamente misurato) dal dislivello complessivo di oltre 360 metri ha fatto segnare un crescendo da 3.29:16 a 3.22:46 fino addirittura a un 3.05:11 che le è valso il successo non solo assoluto ma anche sulle prime due donne dell’ultima Pistoia-Abetone, Federica Moroni e Ilaria Bergaglio: che a Livigno potevano contare sulla freschezza essendo presenti unicamente all’ultima tappa, ma sono riuscite solo a stimolare nella loro avversaria una prestazione tale da metterle in riga.

Decisamente lontani gli uomini, il più performante dei quali è stato Fabrizio Lavezzato (Novese), con 3.13 il terzo giorno, seguito da Daniele Tufo della Naviglio Running, 3.29:30 alla seconda tappa; e il più continuo il sessantenne Carmine Sansone (Team Marathon: 3.58, 4.01, 3.56 nelle tre tappe), cui accosterei per stakanovismo il vecchio amico nervianese M 55 Paolo “Scoubidou” Fastigari (4.36, 5.04, 4.50).

Ma i contenuti agonistici sono passati in secondo piano di fronte all’ennesimo raduno festoso tra vecchi amici, che ha anche consentito di festeggiare tre soci che hanno raggiunto la cifra tonda: Lorenzo Gemma “il trombettiere” forlivese, che a quota mille ha agguantato il primatista italiano Piero Ancora e la coppia barlettana Rizzitelli-Gargano; Massimo Faleo, un importante ruolo organizzativo in questi tipi di raduni e arrivato a quota 600 nella terza gara; e il bolognese Leonardo Manferdini che ha fatto 300.

La giornata conclusiva di domenica 10, appunto, ha visto l’arrivo di gruppo, a quota 6h46, di ben dieci maratoneti, i tre festeggiati appunto, in compagnia fra gli altri di Gargano-Rizzitelli, di Luciano Ferrari che aveva ‘pensato’ questa gara, e di Enzo Caporaso il cui contributo di esperienze è sempre prezioso in questi ritrovi.

Ha chiuso le feste, come nelle altre tappe, “ol sindic” Marco Simonazzi, avvocato prossimo alla seconda laurea, curriculum lavorativo internazionale di tutto rispetto, e grande donatore di sangue, che nei tre giorni è stato sulle gambe più o meno 22 ore, impiegandone poi quasi altrettante nel rientro a casa sui disastrati mezzi pubblici italiani che rendono Livigno raggiungibile più facilmente dalla Svizzera che dalla madrepatria (la quale si 'scusa' facendo pagare la benzina mezzo euro al litro di meno).

Correre in altura, come è noto, fa crescere i globuli rossi (è il modo ‘lecito’ di stimolare l’Epo) e dunque la capacità del sangue di trasportare ossigeno, con effetti positivi a lungo termine; ma la rarefazione dell’aria, se agevola le gare brevi e le prestazioni anaerobiche, è invece una tara per i fondisti: a Livigno la partenza-arrivo era collocata a 1805 metri, e il punto più alto (corrispondente ai giri di boa dei km 10,5 e 31,5, lungo la maestosa pista ciclabile che porta verso sud alla Forcola di Livigno) stava a 1957.

Ciò serva a valutare più correttamente i valori tecnici indicati dalle classifiche; ma il tempo cronometrico è forse l’ultima cosa che importa ai supermaratoneti, che sistemati quasi tutti in un grande hotel dotato - a prezzi più che abbordabili - di ogni confort (tranne la comodità rispetto al centro maratona), indulgevano volentieri a lunghi soggiorni in piscina e a “terzi tempi” serali sotto le musiche mixate da Paolo Fastigari; e si danno già ora appuntamento per i prossimi cimenti, al lago d’Orta in agosto e a Forlì in settembre per ricordare il fondatore del Club, Sergio Tampieri scomparso nel 2010.

Per commenti, classifiche, video e foto si può andare all’indirizzo https://www.clubsupermarathon.it/2022/07/three-livigno-day-3-10-7-22-tre-giubilei-x-three-livigno/

6 luglio – Questa gara, giunta alla sesta edizione secondo i miei taccuini (sebbene, tradizionalmente, ogni nuovo organizzatore ci tenga ad assegnare il n. 1 al proprio allestimento), ogni volta supera i record precedenti. Io c’ero, alla prima del 6 gennaio 2017, ed eravamo una trentina; nell’ultima, 16 luglio 2021, furono classificati in 93, regolati dal “mostro” reggiano Bergianti in 27:39, col secondo a 4 minuti.
In questa serata vanamente pronosticata di nubifragio dai meteo-virologi, i classificati sono 116, e la classifica mostra una sola eccezione alla monotonia del cappotto maschile: Isabella Morlini, la statistica reggiana cinquantenne (ma ne dimostra 38) ha continuato la sua serie di vittorie dell’ultimo mese (19 giugno, Trail golfo dei Poeti SP; 25 giugno, Panoramica di Monchio MO; 26 giugno, Monte Caio a Schia PR; 2 luglio, Forte Ratti GE) ed ha sbaragliato le colleghe del gentil sesso vincendo in 33:39 sui 6,950 del percorso con 375 metri di dislivello. A 1 minuto è giunta la sua delfina, ossia erede proclamata, Ioana Lucaci; a 1’40” Dinahlee Calzolari. Alle altre sono rimaste le briciole dei premi di categoria.

Alquanto mono-tono l’ordine d’arrivo maschile, con tutto il cosiddetto podio occupato dalla realtà più competitiva del podismo modenese, i Modena Runners: Luca De Francesco, del 1982, con 28:32 ha inflitto 43” a Saimir Xhemalaj, classe ’94 (che qui si era iscritto col tesseramento Uisp di Mud&Snow, altra brillante realtà locale), e 1’08” all’altro compagno di squadra Giuseppe Castiello (1981). Gli unici tre a stare sotto la mezz’ora. Dietro loro, l’abisso: a 2’49” è giunto Fabio Poggi di San Vito, tradizionale avversario nelle competitive modenesi, incalzato da un altro Modena Runner, Fabrizio Gentile.

Modena Runners ha vinto anche la classifica per società, con 11 arrivati, davanti a Mud& Snow e Podistica Formiginese con 7; erano presenti anche squadre bolognesi, reggiane, toscane.

Mentre si evolve la classifica delle “Five Road Race” dopo la seconda tappa: restano la staffetta di Borzano la prossima settimana, e in autunno i 5000 al vecchio ippodromo di Modena e la classica maratonina di Correggio.

Il tracciato è quello consacrato dagli allenamenti di Baldini (che ne detiene il record, con 25 minuti netti ufficiosi) e di molte società podistiche (personalmente mi ci ero cimentato l’ultima volta il 2 gennaio di quest’anno, con ben altro clima): tre km corribili quasi a tutta, due decisamente impegnativi, con angoli in salita fino a 9 gradi (che automobilisticamente significa 20% di pendenza), e gli ultimi due un po’ meno pendenti salvo lo strappo ancora a 9 gradi a 250 metri dall’arrivo.

Organizzazione perfetta, addirittura strada chiusa da un’ora prima dell’evento; un rinfresco a metà gara e uno più abbondante alla fine, punteggiato dal rosso degli spicchi di cocomera; premiazioni anche di categoria (seppure con l’accorpamento degli over 60 in unica categoria, che significa niente premi per il 77enne Lolo Tiozzo e il 75enne Cuoghi, ma neppure per Dino Ricci e Angelo Giaroli nonostante mi abbiano superato a -2 km dal traguardo).

Niente premi neppure per il dominatore degli M 70, Leandro Gualandri, che forse dall’imperterrito uso della Fp2 ricava vantaggi aerobici, ma finisce solo quarto malgrado un 41:21 da applausi che completerà scendendo a valle in bicicletta.

Mentre Soraia Pozzi e Cecilia Gandolfi, tra le poche a finirmi dietro, ottengono un 2° e un 3° posto di categoria: ecco l’utilità delle quota rosa, in attesa che la legge Zan imponga altre categorie.

A tutti gli altri paganti i 10 euro prescritti (sempre meno dei 15/20 pretesi dai bolognesi della Casaglia-San Luca), il pacco gara, tra i cui gadget sta una curiosa borsa portaoggetti in tessuto da asciugamano, ma che come asciugamano non serve, ed è scomoda pure come portaoggetti mancando della tracolla.

Premiazioni in un fresco parchetto a 300 metri dall’arrivo, e adiacente al ristorante Spino il cui stracotto di guanciale rientra tra i 20 migliori cibi mai gustati in questa e nell’altra vita: lo garantiscono anche i miei nipoti, che il master-speaker Brighenti attesta essere venuti dal Michigan per assistere alle prodezze dello sfiatato nonno.

Come per tanti di noi, lo sport dell’infanzia e adolescenza di Francesco Colombo era il calcio, con l’atletica scoperta solo dopo i 25 anni causa un serio trauma patito giocando tra amici. C’erano buoni presupposti, come l’essere stato l’unico capace, all’Isef, di correre i 3000 sotto i 12 minuti, finché la curiosità lo spinse a una 10 km serale di Cesano Maderno, nel 2013, con scarpe da ginnastica consumate, un 68° posto finale su 454, e le foto di Arturo Barbieri. La passione era scoppiata e non si sarebbe più fermata, salvo forze maggiori…

Nell'estate 2020, dopo il lockdown e con le gare ormai lontane – ci scrive l’autore - mi è sorta l'idea di mettere per iscritto i ricordi di quegli anni di corse. Inizialmente voleva essere solo per me stesso, poi ho voluto condividerlo con colleghi e parenti stretti, stampando qualche copia ma inizialmente senza pubblicarlo. Alla pubblicazione ho associato l'idea dell'adozione a distanza, che ovviamente farò ugualmente anche non dovessi raggiungere la cifra necessaria. In questo modo ho potuto raccontare della mia esperienza ai miei alunni della scuola media dove insegno Educazione Fisica, ai quali ho sempre provato a insegnare a non arrendersi mai e che la fatica è necessaria per raggiungere qualsiasi obiettivo”.

Siccome l’obiettivo di ogni stradista è arrivare a correre una maratona, già nel 2014 l’avvicinamento cominciò con la 21 della Montefortiana, una gran fatica intrisa da qualche “smorfia di dolore”; e *il gran balzo avvenne meno di due mesi dopo alle Terre verdiane: qualche inevitabile errore di inesperienza lo porta a una crisi di sete e alla necessità di camminare per qualche tratto, ma ne esce un 3.17 oltretutto immortalato da Stefano Morselli (qui a p. 20: è una delle tante foto da Podisti.net che arricchiscono l’opera). Curiosamente, c’ero anch’io, che andavo ancora discretamente tant’è vero che Francesco (senza saperlo) mi inflisse appena 40 minuti.

La moglie Federica è fedele accompagnatrice, prima da sola, più tardi con le figlie che arriveranno: una volta si cimenta addirittura in una cronoscalata a coppie da Erba: esito positivo, “pane salame e un buon bicchiere di vino rosso”, ma per il momento resterà un unicum. Mentre Francesco prosegue singolarmente (s’intende, con la moglie a bordo strada, e spesso con amici e colleghi a fianco) e, nell’unica maratona estera finora corsa, che fortunatamente non è New York ma Reykjavik, nell’agosto dello stesso 2014 scende sotto le tre ore. Tempo che sarà ampiamente battuto da un 2.43:07 a Santhià l’anno dopo, gara corsa “da soli in mezzo al nulla… non un essere vivente”, ma celebrata da un terzo posto assoluto.

Addirittura primo sarà Francesco nel giugno 2015, in un Urban Trail a Novedrate, vicino a casa, concluso con un intervento d’urgenza al pronto soccorso per suturare i guai di una caduta (che ancor oggi gli lascia “un mignolo di legno”); e malgrado tutto, a settembre verrà il successo nella prima e unica maratona del lago di Varese, con un 2.46 fotografato ancora da Arturo Barbieri (p. 42), e la premiazione con la figlia neonata Lisa tra le braccia.

Un altro evento memorabile, che non a caso Francesco ha corso 6 volte collegandolo alle vacanze estivea Castelrotto, è la mezza dell’Alpe di Siusi (ideata dal nostro amico Hartmann Stampfer), che in parte si dipana lungo un sentiero “talmente duro da far venire le lacrime”, comunque segnata nel 2016 da un terzo posto assoluto; mentre una nuova vittoria (della quale l’autore quasi si scusa) sarà nel novembre 2016 al “Barbarossa Doble Trail” di Montorfano nel comasco: in tanti sbagliano percorso, e Francesco (che ha sbagliato “meno”) si ritrova primo a sorpresa, un “insperato trionfo… pur non essendo il più forte”.

All’estremo opposto sta l’esperienza della “First Marathon”, che “non certo in un luogo suggestivo”, Calderara di Reno a fianco dell’aeroporto di Bologna, inaugurava l’anno, per “pochi coraggiosi (69 in totale)”, che si mettono in maggioranza a camminare o trotterellare chiacchierando allegramente, “stupiti della nostra andatura”. E così commenta il protagonista: “Mi domando se quelli strani siano loro … o siamo noi che ci danniamo l’anima per non perdere nemmeno un secondo… E’ solo una questione di punti di vista”. Complice un guaietto fisico analogo a quelli che (si dice) erano l’assillo costante di Zenucchi, da quella gara arriverà solo un secondo posto in 2.58. appena davanti alla prima donna.

È un’esperienza anche quella, come sul fronte opposto lo sono le scalate alla Torre Allianz di Milano del 2018 e ’19, o le corsette all’alba nelle città meta di gite scolastiche (prima che gli studenti si sveglino): finché arrivano il Covid e i lockdown, con l’autore che s’ingegna a correre sul tapis roulant o nel cortile o sulle rampe del garage di casa a Seregno, fino a completare una 42 autogestita.

I mesi che seguono, a parte le rare e avventurose vacanze strappate alle limitazioni, saranno dedicati alla raccolta delle proprie emozioni per questo libro, per dire a tutti noi che “la corsa riporta la calma, rimette in ordine i cocci e le priorità della vita”.

 

Incollo il link per un eventuale acquisto (€ 15,60)

https://www.amazon.it/Racconti-corse-Francesco-Colombo/dp/B0B1M8PHTN/ref=sr_1_7?qid=1657096967&refinements=p_27%3AFrancesco+Colombo&s=books&sr=1-7

3 luglio - Una poesia di Cesare Zavattini in dialetto ed Lusèra è l’ideale per descrivere questa gara, che si doveva fare a fine gennaio e per le note ragioni è stata rinviata in piena estate:

O vést an funeral acsé puvrét

c’an gh’éra gnanc’al mort

dentr’in dla casa.

La gent adré i sigava.

A sigava anca mé

senza savé al parché

in mes a la fümana.

 

La fumana e il ghiaccio accompagnavano appunto le 24 precedenti edizioni di questa corsa, al cui arrivo era infatti prevista l’erogazione generosa di vin brulé: forse, la giustificazione più valida per andare in questa località dal nome poco invitante e che, per le bizzarrie del calendario, trovava la sua corsa collocata consecutivamente ad altre gare nella stessa zona.

E venivano a migliaia, intasando le stradine in maniera che una ventina d’anni fa, chiedendomi proprio a proposito di questa competizione, chi avesse ragione in un ipotetico scontro tra un’auto che arrivava al parcheggio e un partente anticipato che scorrazzava come se fosse lui il padrone della strada, mi presi della “sveglia al collo” da colui che dominava allora il coordinamento podistico modenese. Che rimase a fare il bello e il brutto tempo, abbandonato via via dai fans, finché un giorno si fece portare via da due zingare l’intero incasso della sua corsa: la sua sveglia al collo non aveva suonato, forse perché era suonato il portatore (tuttora detentore dell’esclusiva di quella gara, col piccolo particolare che la gara non esiste più).

Torniamo allora, con un pendaglio al collo in meno, a Marzaglia, che il comune di Modena tenta di rivitalizzare con un cosiddetto autodromo e un cosiddetto aeroporto, ma è soprattutto sede del gattile, del Caravan Camping Club e della Protezione civile; dicono anche che l’acqua estratta da qui sia la più ‘leggera’ della zona, ma gli ecologisti ribattono che le escavazioni nel fiume Secchia la ‘sporcano’, e ciò forse giustificherà il tipo di acqua dato ai ristori e in fondo.

Dall’epoca Covid e dall’andazzo precedente rimane la partenza libera dalle 8 (quando la temperatura sta sui 26 gradi) alle 9 (quando il sole innalza verso i 30, che però non saranno superati di molto fino al rompete le righe). Non c’era da aspettarsi una grande partecipazione, data la stagione, la “comitansa” (come diceva un telecronista locale) con una corsetta analoga nella Bassa, alla Concordia dove a li galini li gh’à ligà li gambi cun li curdeli rossi; e, per i competitivi nonché vogliosi di panorami e aria fresca, a Castelnovo Monti nel reggiano.

Eppure a Marzaglia è approdata anche la squadretta del Monte San Pietro di Bologna, che per arrivare qui ha percorso ben 54 km, rinunciando alla camminata ufficiale bolognese, nella collinare Berzantina distante 55 km: un’ipotesi è che sperassero nelle fotografie che come d’abitudine includono anche le loro partenze antelucane, ma non avevano letto Zavattini e non sapevano che in questo funeral acsé puvrett angh fuss gnanch un strass ed fotograf.

A parte questo, devo dire che a Marzaglia hanno fatto le cose per bene: tre percorsi (da quasi 15, più di 8 e quasi 4), una partenza ufficiale strenuamente mantenuta alle ore 9 da Peppino Valentini, un pacco gara che valeva molto più dei due miseri euro di iscrizione, percorsi segnalati e presidiati da sbandieratori in mascherina (puvrett), taluni con ombrello parasole; traffico assente, disponibilità di docce seppure con la scritta, davanti allo spogliatoio, che l’accesso era consentito a un massimo di 11 persone.

In questo campo nel 1984 io giocavo con una squadra di amatori (la Nuova Giungas, non siamo esattamente andati in finale di Champions): siccome ero un panchinaro che entrava nel secondo tempo, per la doccia avrei dovuto aspettare che finissero gli 11 titolari (e giocavamo al venerdì in notturna, anche a gennaio, inizio ore 22). Trentotto anni dopo, alle 9,00 ci ritroviamo esattamente in 30 anime sul segnale del via dato da Valentini: il campione regionale Leandro Gualandri (unico reggiano a valicare il confine) con due mascherine al braccio, Maurito Malavasi che si prepara a un trail friulano (e saranno gli unici due a optare per il percorso più lungo); poi Lucio, che ha fatto migliaia di km nei vari pellegrinaggi santificati ma qui si accontenta di 8,2, come il sottoscritto e tutti gli altri, che man mano raggiungono i partenti dei minuti o mezzore prima.

Ecco dopo 3 km Vittorio, mio compagno nei record di maratonina del 1993, ma che confessa di andare ormai più di passo che di corsa, però non ha perso l’abitudine di corcamminare in compagnia di belle signore. Poi, dopo il tratto più delizioso del tracciato, al km 5 (un mezzo km totalmente ombreggiato) il momento peggiore sullo stradone, dove arrivano quelli dei 14 km e si trascina “Rambo” Benassi, imitatore di Mastrolia quale “indiano” ai tempi d’oro.

Finalmente arriva il traguardo, dove alcuni nostalgici (come il vigile Pavesi) reclamano il vin brulé ma ricevono solo un cartone di acqua minerale, che si dichiara incartonata in Sardegna ma ha solo etichette inglesi: good, pure, smart (un’acqua smart te la mandano a casa mentre fai lo smartworking?), green (che schifo, un’acqua verde?!), e perfino cool (come direbbe Zavattini, tool in dal cool). Ma che ci volete fare: se uno dei 22 sponsor elencati nel depliant ti omaggia di quest’acqua, te la tieni stretta e dici persino grazie. Anche perché il pacco-gara dà torto agli assenti, ricco com'è di pasta, pomodoro (col nome di un fotografo assente), cremine, l'immancabile gel sanificante, crackers e l'acqua from the Sardinia Island.

Il podismo della rinascita, alla faccia delle professoresse Viola e Capua (gli ozi operosi della Capua sabbatica…) che come le veline sono una mora e l’altra bionda (tinta), si è adattato come poteva.

 

 

Pozza di Fassa, 1° luglio - Per oggi i meteo-astrologi avevano previsto pioggia dalle 13 (i più pessimisti) o al massimo dalle 16 (gli ottimisti). Sono infatti le 16 e un sole ustionante splende sulla Val di Fassa, ancor più ultravioletto  per quelli che sono rimasti nei rifugi presso l’arrivo del Buffaure, e aspetteranno le ultime discese della funivia per tornare a Pozza dalle loro auto o alloggi. “Come avete sentito dai titoli” (altra frase inutile dei lettori di tg), e come leggerete meglio nel resoconto di Pegaso Media, la più esperta Monica Seraghiti, sulle pendenze proibitive della pista da sci del Buffaure (il mio Gps dal km 8 all’arrivo ha segnato angoli fino a 29 gradi, che in gergo automobilistico significa pendenza del 65%) si è ripresa il primato che aveva detenuto nelle prime tre tappe; mentre tra gli uomini, scontato il successo di Dalmasso, va notato l’exploit di don Torresani, che ha superato tutti gli altri (che, con rispetto parlando, potrebbero essere suoi figli) sfiorando un secondo posto finale che sarebbe stato, evangelicamente parlando, una moltiplicazione dei pani e dei pesci. E per restare sul sacro, don Franco prima della partenza ha benedetto noi tutti ricordando in particolare il cofondatore del Giro, Elio Pollam, scomparso in età ancor giovane sei mesi fa, e che ha affrontato lucidamente la malattia fatale, come l’apostolo Paolo, senza perdere la fede: don Franco ci ha esortato, al km 1 della nostra tappa, a volgere uno sguardo a sinistra, nella chiesa nuova di Pozza, dove Elio riposa per sempre. Ci aggiungo personalmente l'augurio più caldo per il campione ultrarunner Marco Menegardi, a pochi giorni da un serio intervento chirurgico.
Lascio la parola a Pegaso Media.

 

Si è chiusa all’insegna di Moreno Dalmasso e Monica Seraghiti la Val di Fassa Running 2022, tornata ad animare i sentieri della valle ladina trentina dopo due anni di stop causa pandemia. Per il cuneese di Costigliole Saluzzo e per la marchigiana di Urbino, vincitori di 4 atppe su 5, si tratta della prima volta nell’albo d’oro di questa corsa a tappe. Dalmasso si era piazzato terzo nella generale del 2019, mentre la Seraghiti non aveva mai partecipato.
Entrambi hanno sigillato il proprio alloro con una perentoria affermazione anche nel tappone dolomitico conclusivo di sola ascesa, che ha visto la partenza da San Giovani di Fassa e l’arrivo in quota nella piana del Buffaure dopo aver affrontato 11,8 km e 930 metri di dislivello. Moreno Dalmasso ha impiegato solamente 56’43” a portare a termine la sua prova, dimostrando di avere un bagaglio tecnico decisamente superiore agli avversari, anche rispetto al fassano di Campitello Simone Manfroi, che ha preso parte solo alla frazione conclusiva, e che è giunto dopo soli 48 secondi.
Nella tappa, che il Comitato Organizzatore ha voluto intitolare all’amico Elio Pollam, scomparso il 27 dicembre scorso, ha dato il tutto per tutto Don Franco Torresani, esperto runner specializzato nelle sfide in salita. Il prete che ha benedetto gli atleti prima dello start, è giunto sul traguardo con il tempo di 58’26”, a 1’42” dal vincitore, riuscendo a rosicchiare un po’ di secondi al rivale nella classifica Michael Zagato, senza però scavalcarlo nella generale. Ottimo prestazione poi per l’atleta di casa Damiano Nicolodi che ha terminato in quinta posizione, seguito da Simone Viola e Daniele Scapellini.
Il podio della classifica generale, al termine delle cinque tappe, vede dunque trionfare Moreno Dalmasso con 4h29’24”, davanti all’altro piemontese che difende i colori del Cus Pro Patria Michael Zagato con un distacco di oltre 12 minuti. Terzo Don Franco Torresani dell’Atletica Paratico che accusato un gap di 3’10” dall’argento assoluto. Quarta posizione per il bergamasco Simone Viola, davanti al fassano Damiano Nicolodi.
C’era invece grande attesa per la sfida femminile, visto che prima dell’ultima tappa la torinese Sarah L’Epee godeva di un vantaggio di 11 secondi su Monica Seraghiti. Dopo essersi studiate a vicenda nel primo chilometro, quando il percorso ha iniziato ad inclinarsi la marchigiana ha aumentato il ritmo guadagnando secondi su secondi e riconquistando la leadership che aveva gestito fino alla quarta tappa. Sul traguardo di Buffaure Monica Seraghiti è giunta con il tempo di 1h01’56” staccando di 2’16” Sara L’Epee, quindi terza come in tutte le altre tappe è giunta Ana Nanu. Nella classifica di tappa troviamo poi quarta Alice Colonetti, quinta Sara Baroni e sesta Lorena Brusamento.
Nella generale la Seraghiti può vantare un tempo di 5h02’09”, di 2 minuti e 5 secondi più basso rispetto a quello della L’Epee. Più staccata in terza posizione Ana Nanu, quindi quarta Sara Baroni della Quercia di Rovereto e Alice Colonetti del Speedy Runners.
Grande soddisfazione per i 250 partecipanti e per gli organizzatori dell'evento capitanati da Armando Mich, il quale ha ufficializzato già le date della prossima edizione, ovvero dal 25 al 30 giugno 2023. 

La generale di categoria

Nella classifica generale di categoria si sono aggiudicati la vittoria finale Alice Colonetti nella AF 18-34, Monica Seraghiti nella BF 35-39, Marina Ruffini nella CF 40-44, Ana Nanu nella DF 45-49, Sara Baroni nella EF 50-54, Daniela Marangone nella FF 55-59, Delfina Marenda nella GF 60-64, Rosina Sidoti nella HF 65-69, Maria Grazia Nardini nella IF 70-74.
In campo maschile Michale Zagato si è aggiudicato la AM 18-34, Davide Diotti nella BM 35-39, Federico Sama nella CM 40-44, Lorenzo Conterno nella DEAFM, Moreno Dalmasso nella DM 45-49, Achille Faranda nella EM 50-54, Daniele Baroni nella FM 55-59, Franco Torresani nella GM 60-64, Ademaro Bertolini nella HM 65-59, Luigi Luzi nella IM 70-74, Verardo Brodi nella LM75+, Antonio Serra nella ZM17.

Hanno detto 

Moreno Dalmasso (primo classificato): «Sono soddisfatto di questa vittoria, dopo il terzo posto finale del 2019. Sono state cinque tappe impegnative, soprattutto la terza e l’ultima, dove non è mai facile gestire le energie. Tutti davano per scontata la mia vittoria finale, ma finché non ho tagliato il traguardo non mi davo certezze. Il tappone finale l’ho gestito bene fino a metà gara, poi negli ultimi chilometri ripidi ho stretto i denti. Sono arrivato stanco ma felicissimo».
Don Franco Torresani (terzo classificato): «Salire sul podio dopo cinque tappe con avversari bravi e più giovani mi da tanta soddisfazione. Sono contento per il terzo posto. Nel tappone conoscendo le mie caratteristiche ho deciso di provare il tutto per tutto nel tratto verticale. Ho recuperato un po’ di secondi sugli avversari, ma il secondo posto era troppo lontano. Mi ha fatto enorme piacere prendere parte a questa gara ideata dall’amico Elio Pollam, al quale ho voluto dedicare una preghiera e un ricordo».
Monica Seraghiti (prima classificata): «Grandissima soddisfazione personale questa vittoria alla Val di Fassa Running. Mio padre aveva partecipato a due edizioni e mi aveva sempre parlato bene. Così dopo la maternità ho deciso di presentarmi al via. Non è stato facile vincere, anche perché Sarah è stata un’avversaria di grandissima qualità. Partivo con un ritardo di 11 secondi, conscia che in salita vado forte, ma non sapevo quando andava forte Sarah. Ho dato il tutto per tutto ed è arrivata la vittoria finale. Tornerò sicuramente».
Sarah L’Epee (seconda classificata): «Sono contenta per aver centrato il podio, soprattutto per l’ottima prova di giovedì dove mi sono giocata le mie carte con grande soddisfazione. Sapevo che nel tappone Monica per le sue caratteristiche aveva qualcosa in più di me. Onore a lei per vittoria di tappa e del circuito. Io vengo sempre volentieri alla Val di Fassa Running, anche se non è il tipo di competizione che di solito pratico, ma il contorno di questo evento è super».
Armando Mich (presidente Comitato Organizzatore): «Sono felicissimo di come è andata la Val di Fassa Running numero 22. Abbiamo deciso solo a febbraio di riproporre l’evento dopo due anni di stop, con un riscontro positivo in quanto a partecipazione. Siamo motivatissimi e assieme ad Ornella Tater, responsabile dei percorsi, abbiamo già deciso la data del prossimo, ovvero l’ultima settimana di giugno con il tappone sul Col Rodella. Tappone che sarà sempre intitolato ad Elio Pollam».

 

[F.M.] Il nome di Campitello mi dà personalmente un piccolo nodo alla gola, per il ricordo di quando, bambinello che aveva appena terminato l’asilo, fui portato lì in vacanza, a prendere la prima seggiovia della mia vita, quella al col Rodella; e sceso dal seggiolino mi misi a correre sul prato per raggiungere le Cinque Dita, che mi sembrava di toccare. Se sarò ancora al mondo, spero tra un anno di tornare portandoci i miei nipotini, grosso modo attorno a quell’età che aveva il nonno ignaro della vita e delle sue croci come lo sono ora Davide, Paolo, Anna e Alex l’Americano.

Ma godiamoci il primo giorno di luglio, cominciando dallo sconto praticatoci rispetto agli 11,8 km + 930 m D indicati nel comunicato: si trattava in realtà di 9,8 con poco più di 800 metri da salire (e 115 da scendere a intervalli), in una salita abbastanza godibile fin oltre il settimo km, che peraltro abbiamo scontato negli ultimi 3, in alcuni tratti dei quali noi camminatori (oso dire almeno l’80% dei partecipanti) rischiavamo di cadere all’indietro. Dalle classifiche ufficiali si nota che i nostri tempi finali sono presso che gli stessi nelle ultime tre tappe, salvo che le altre erano di quasi 12 e quasi 14 km.

Molto regolare ad esempio il lecchese Giovanni Civillini, che mi ha rifilato i soliti 20/25 minuti quotidiani mantenendo saldo il secondo posto della nostra categoria. Idem il mio compagno d'albergo Maurizio Mometti, coequipier della vincitrice, lui pure davanti 11 minuti oggi e... il tempo di una mezza maratona nella classifica finale. Nei pressi pure l'assai più giovane Gianluca Spina, figlio d’arte di Italo e Cecilia i sassolesi, che anzi oggi ha fatto per 3 minuti meglio di ieri; mentre il “senator” Giuseppe Cuoghi, ripresentatosi dopo la debacle febbrile di martedì e la ripresa di giovedì, si è accontentato di chiudere il gruppone dei 191, riservandosi di spiegare poi a Giangi la sua ‘particolare’ posizione di classifica.

Anche Giuseppe ha un caro ricordo di Elio e delle tante occasioni in cui si è rapportato con lui; ma venendo a ieri, ci ha descritto il divertente episodio di un podista quasi-novantenne che, arrivando ieri circa due ore dopo il vincitore, a 30 metri dall’arco ha intravisto due concorrenti non competitive che stavano concludendo mano nella mano: allora è partito, ha separato la coppia femminile infilandocisi in mezzo, non per uno struscio erotico ma per sprintare, incurante delle risate di compatimento del poco pubblico rimasto. A volte si riesce a rivalutare Govi e Togni.

Venendo ai nostri sfidini (che mia moglie chiama guerre tra poveri, e invece sono il sale di queste corse, una volta deposto il pensiero dei prosciuttini-premio) dirò che finalmente la mancanza di una discesa finale ha evitato il rituale sorpasso che mi capitava di subire, date le scarse dote discesistiche personali. Senza nemmeno doparmi col Froben, ho lasciato Maurizio Pivetti (che a sua volta giura di non aver insufflato Vicks) a 4 minuti esatti, giungendo in solitudine al traguardo e all’abbraccio di una ritrovata amica e collega quale Daniela Malusa da Chievo (che ha corso le ultime due tappe), abbraccio benedetto da don Torresani (cui ho poi presentato Pivetti, il quale molto diplomaticamente gli ha confessato di essere tifoso di Papa Francesco, ricevendosi la confessione-reply che don Franco ha vinto una corsa dell'Unità senza dirlo al vescovo).

Persino la bravissima Kordula di Bellinzona, sempre davanti nei primi 4 giorni e ancora oggi fino a metà gara, ha preso 3:20 (però ne conserva 9 nel conteggio finale, che le vale il secondo posto di categoria); e addirittura la coppia del Pontelungo Bologna, Alessandra Demaria e Giacomo Pantaleo, quasi costantemente visti finora dal lato B, oggi sono arrivati dopo … 50 secondi! E quanto a vicini di casa, noto l’exploit di Lorena Brusamento della Gabbi, oggi sesta donna appena alle spalle dei cinque mostri sacri dominatori delle tappe precedenti.

Usciamo tutti spiritualmente arricchiti da questa settimana dolomitica, che chi vorrà potrà stamparsi ancor meglio vedendo le foto d’arte di Teida Seghedoni. Mysterium fidei, qui pro vobis et pro multis effundetur.

http://podisti.net/index.php/component/k2/item/8897-26-06-2022-val-di-fassa-tn-22-fassa-running.html

 

Soraga 30 giugno – I meteorologi avevano previsto, per ieri, tempo disastroso (si era distinto per toni apocalittici Giuliacci, una specie di prof. Locatelli sul versante epidemiologico): infatti … su Moena/Pozza è stata una giornata splendida, con sole velato ma ugualmente abbronzante fin oltre le 15, quando è piovuto un’oretta, per dare infine spazio a un tramonto favoloso e a una notte stellata. Se rinasco faccio il meteorologo, devo solo imparare le mossettine e la vocetta impostata, poi la mia attendibilità sarà agli stessi livelli. 
Comunque, il giorno di riposo è stato dedicato dai più (quelli cioè che non si sono chiusi in camera aspettando il cataclisma) a escursioni lungo gli stupendi altipiani fassani. Per quanto mi riguarda ho scelto la conca Gardeccia/Vajolet/Principe, forse la più “dolomitica” di tutte, e sicuramente tra i quindici/venti posti più belli mai visti in vita mia. 13,5 km con 1600 metri D, a dirla in termini podistici. Inevitabile un certo appannamento in questa quarta tappa, ma che importa? Lascio piuttosto lo spazio al comunicato di Pegaso Media, che giustamente rimarca il fatto del giorno, cioè il rovesciamento delle prime due posizioni femminili grazie al minuto e mezzo con cui Sarah l’Epée ha sopravanzato l’ex leader Monica Seraghiti: ma sono solo 11 secondi a dividere le due. Mentre non c’è bisogno di Giuliacci per predire che Dalmasso, che oggi (unico sotto l’ora) ha incrementato il vantaggio di altri due minuti su Zagato, ha già vinto in carrozza e domani potrà controllare gli altri, tra cui il terzo posto di don Torresani è insidiato a un solo minuto da Simone Viola che ha dimezzato il distacco di partenza.

Pegaso Media. C’è un colpo di scena nella quarta tappa della Val di Fassa Running per quanto riguarda la sfida femminile, mentre al maschile continua il dominio del piemontese Moreno Dalmasso. La torinese Sarah L’Epee, seconda nella graduatoria generale prima dello start, approfitta di un tracciato corribile di 13,7 km e 585 metri di dislivello sul versante basso di Punta Vallacia per sferrare l’attacco alla leader marchigiana Monica Seraghiti, guadagnando la vittoria di frazione sul traguardo di Soraga e scavalcando la rivale nella graduatoria assoluta.

Una prova superlativa per la L’Epee, con papà svizzero e madre italiana, che ha deciso di tentare il tutto per tutto in una frazione che conosceva bene, avendola già fatta in una delle precedenti edizioni visto che è un’affezionata alla Val di Fassa Running (seppure proprio in questa tappa in passato si era dovuta ritirare per infortunio). Spalleggiata dal suo compagno che le dava il ritmo gara ha concluso la prova con il tempo di 1h06’10”, riuscendo a staccare di 1’34” Monica Seraghiti e di diventare la nuova regina della competizione fassana. Tutto si deciderà nel tappone di sola ascesa di venerdì, nel quale le due avversarie si marcheranno strette, visto che fra le due c’è un divario di soli 11 secondi. Sempre nella sfida femminile si è confermata terza di tappa e sul traguardo la romagnola con passaporto rumeno Ana Nanu, mentre quarto è giunta la trentina Sara Baroni della Quercia di Rovereto e quinta Alice Colonetti.

Al maschile terza affermazione su quattro gare per il cuneese Moreno Dalmasso, che ha concluso la sua prova con il tempo di 59’03, l’unico a scendere sotto l’ora sul traguardo di Soraga. In seconda posizione è giunto il bergamasco Simone Viola, che ha sfruttato al meglio le sue doti di discesista, recuperando quattro posizioni nel tratto conclusivo della frazione e prendendosi la soddisfazione di salire sul podio di giornata. Terzo il piemontese della Pro Patria Milano Michael Zagato, che mantiene così il secondo posto nella generale, seguito dal trentino Damiano Fedel dell’Atletica Val di Cembra (atleta giornaliero) e da Franco Torresani.

Nella generale maschile i giochi sono praticamente fatti con Moreno Dalmasso sempre più leader, con oltre 10 minuti di vantaggio su Michael Zagato, mentre a 3’56” dall’argento troviamo Don Franco Torresani, specialista delle gare in salita e intenzionato a dare il tutto per tutto nel tappone finale. Seguono nella graduatoria Simone Viola, quindi quinto l’atleta di casa Damiano Nicolodi.

Nella generale di categoria, quando manca l’ultimo atto, troviamo Alice Colonetti prima nella AF 18-34, Sarah L’Epee nella BF 35-39, Marina Ruffini nella CF 40-44, Ana Nanu nella DF 45-49, Sara Baroni nella EF 50-54, Daniela Marangoni nella FF 55-59, Delfina Marenda nella GF 60-64, Rosina Sidoti nella HF 65-69.

In campo maschile Michael Zagato è primo nella AM 18-34, Davide Diotti nella BM 35-39, Federico Sama nella CM 40-44, Lorenzo Conterno nella Deafm, Moreno Dalmasso nella DM 45-49, Francesco Valentini nella DM 45-49, Achille Faranda nella EM 50-54, Daniele Baroni nella FM 55-59, Ademaro Bertolini nella HM 65-69, Luigi Luzi nella IM 70-74, Verardo Brodi nella LM75+ e Antonio Serra nella ZM17.

Domani mattina, con start alle 9,30 davanti alla cabinovia Buffaure si decideranno i vincitori della Val di Fassa Running numero 22, nel tappone di sola ascesa di 11.8 km e e 930 metri dislivello, già proposto nel 2017. Partenza da Pozza di Fassa, quindi un tratto pianeggiante fino alle Terme e l’inizio della salita nel bosco, con attraversamento della valle e ascesa in cima a località Buffaure, il cui traguardo per il pubblico sarà raggiungibile anche utilizzando l’omonima cabinovia.

Hanno detto

Sarah L’Epee: “Conoscevo molto bene la tappa di Soraga perché l’avevo già fatta in passato, seppure con il triste ricordo del ritiro per una distorsione. Avevo una voglia di riscatto ed ho attaccato, sfruttando le mie caratteristiche. Sono molto contenta della vittoria e del tempo. Ci giocheremo tutto con Monica nell’ultima tappa”.

Monica Seraghiti: “Queste sono le corse e devo dire brava a Sarah. Oggi è stata davvero forte. Ci separano solo 11 secondi, praticamente un nulla in una gara come questa. Io ce la metterò tutta come sempre”.

Moreno Dalmasso: “Oggi era importante restare davanti, sebbene non sia stata una tappa facile. Ho un bel vantaggio sugli inseguitori e cercherò di gestire la prova conclusiva senza esagerare, anche se quando si è in gara si dà sempre il tutto per tutto”.

 

[F. M.] Questa volta, anche il mitico Lupo telecronista di running avrebbe detto che il “percorso è secoramente ben mesorato”: sconto irrilevante, stando ai nostri Gps, rispetto ai 13,7 km dichiarati e i 585 metri di dislivello; dunque, quanto a lunghezza è risultato il “tappone”, circa 1,5 km più lungo della prima frazione. Il dislivello è stato tollerabile, e la prima metà del gruppone avrà potuto correre ininterrottamente sulla deliziosa carrareccia nel bosco che in 5 km portava di 1220 della partenza a quota 1650, per poi spianare decisamente in un delizioso falsopiano attorno a quota 1730, fino alla discesa altrettanto gradevole che a un km dal traguardo ci riportava a quota 1230 e sul tratto iniziale dopo il via.

Tempo favoloso, alla faccia dei menagramo, e tuffo nell’Avisio per i più ardimentosi, mentre noi peones proseguiamo a sfilare sotto l’obiettivo della carinissima fotografa ufficiale. Solita superprestazione del lecchese Giovanni Civillini, un M 70 che dà la polvere a tanti più giovani di lui e fa 1:25, quasi un minuto meno del pur ottimo Solerte Righini; mentre Maurizio Pivetti in prodigioso crescendo di forma si invola in discesa dandomi alla fine 3 minuti abbondanti: sarà che lui era dopato a inalazioni di Vicks mentre io lo sono a gargarismi di Froben? Chiedo l’intervento delle spie sotto la torre degli Asinelli, al servizio d’o paese d’o sole: denunciate, denunciate, qualche cosa resterà, e se squalificano pure voi fate nubbello webinarre dandovi ragione da soli.

Intanto Frau Kordula da Bellinzona ci sorpassa, stavolta in salita, e chi la vedrà più? Ma la Delfina di Gussago, unica a precederla nella sua categoria, non è raggiungibile.
E’ tornato con 2.31:50, dopo due giorni di cattiva salute (gli proporremo il nostro doping curativo?) Giuseppe Cuoghi, che avendole fatte tutte o quasi, cortesemente mi segnala che le antiche Traslaval furono 13 e lui fu scelto, insieme alla Lucia “Voltan”, come persona-immagine appunto della tredicesima. Per fortuna non ha avuto la cattiva idea di Berrettini, di auto-farsi un tampone-Covid che nessuno gli aveva chiesto; a meno che – come dice mia figlia, regolarmente plurivaccinata – non ci facciamo tutti ‘tamponare’ quotidianamente alla ricerca dei virus dell’influenza, del raffreddore, dell’abbassamento di voce, del non mi sento tanto bene e del non ho voglia di uscire, e tamponate Pivetti così non mi batte… Helenio Herrera faceva giocare quelli con la febbre dicendo che rendevano di più, adesso invece sembra che il nostro agonizzante governo voglia reintrodurre la misurazione della febbre… O’ soldato ‘nnamorato si sfregava le ascelle col tabacco, in modo da evitare le marce: potrebbe essere un’idea per ottenere lo smart-working autunnale.

Prima, però, finiamo questa inebriante Fassa Running riempiendoci gli occhi dei panorami benedetti dall’Unesco (che mi ostino a non definire "mozzafiato" come fanno gli scribi di serie B/C, ad esempio tal Paola Di Caro, "7" del Corriere della sera, 10 giugno pag. 32: "vista sui tetti mozzafiato di una Roma già afosa") ed elettrizzandoci a polmoni pieni con le sfide reciproche, da riprendere e amplificare poi coi piedi sotto le tavolate dei prossimi pasta-party.

Moena 28 giugno – Comunicato Pegaso Media - Tutto secondo copione nella terza tappa della Val di Fassa Running, con partenza e arrivo nella zona sportiva di Moena. A trionfare sono stati sempre il piemontese della Podistica Buschese Moreno Dalmasso e la marchigiana del Club Rimini Nord-Brescia Sud Monica Seraghiti. Per entrambi vittoria di tappa a consolidamento della classifica generale, ipotecando più che mai la vittoria finale. (per le prime due tappe: .:Podisti.Net:. - Fontanazzo / Vigo di Fassa (TN) – Prime due tappe della Val di Fassa Running )
Dalmasso ha chiuso l’impegnativa frazione di 13,7 km, ma con ben 628 metri di dislivello e con la salita "spaccagambe" fino a Malga Peniola, fermando il cronometro sulla prestazione di 56’17”, davanti 2’03” a don Franco Torresani, che si è pienamente riscattato dopo la giornata negativa di lunedì. Dopo aver gestito le energie nel gruppo, il prete della val di Non nella salita verso Malga Peniola, da specialista delle sfide verticali, ha incrementato il ritmo, guadagnando la seconda piazza, che ha poi difeso fino al traguardo, riagguantando anche il terzo posto nella generale. In terza posizione di tappa, con un ritardo di 3’10”, è giunto Michael Zagato del Cus Pro Patria Milano, quindi Simone Viola del Speedy Runners, Daniele Scarpellini del Runcard, il fassano di Canazei Damiano Nicolodi della Dolomitica e il clesiano Diego Zanoni dell’Atletica Valli di Non e Sole. In chiave trentina Marcello Avi ha concluso decimo.
Nella gara femminile Monica Seraghiti ha confermato di tenere un passo superiore alle avversarie. Sul traguardo di Moena ha concluso la sua prova dopo 1h03’04”, riuscendo a precedere di 38 secondi la torinese Sarah L’Epee, quindi l’intramontabile Ana Nanu ha chiuso dopo 2’36”. Ancora fuori dal podio Sara Baroni dell’Atletica Quercia, seguita da Valeria Poltronieri ed Elisa Viora.
Dopo il giro di boa, con la disputa di tre delle cinque tappe in programma, la generale della Val di Fassa Running ha già emesso significativi responsi per la leadership, mentre per le altre posizioni del podio maschile si annuncia bagarre nelle due ultime frazioni. Moreno Dalmasso conduce con il tempo complessivo di 2h33’38” e con un vantaggio di 8 minuti e 12 secondi sul piemontese di Cugeglio Michael Zagato, che deve ben guardarsi da Franco Torresani, staccato di 2’48”, ma che è uno specialista delle salite. Quarto nella generale è Simone Viola, seguito da Damiano Nicolodi e da Daniele Scarpellini.
In campo femminile Monica Seraghiti vanta un tempo complessivo di 1h52’29” e può gestire un vantaggio non incolmabile di 1’23” sulla torinese Sara L’Epee, che tenterà in tutti i modi di recuperare il gap nelle ultime due frazioni. Terza incontrastata la veterana Ana Nanu e quarta la trentina Sara Baroni. Subito dietro Alice Colonetti e Valeria Poltronieri.
Nella classifica generale di categoria i leader dopo le prime tappe sono Alice Colonetti nella AF 18-34, Monica Seraghiti nella BF 35-39, Marina Ruffini nella CF 40-44, Ana Nanu nella DF 45-49, Sara Baroni nella EF 50-54, Daniela Marangoni nella FF 55-59, Carla Bolis nella GF 60-64, Rosina Sidoti nella HF 65-69 e Maria Grazia Nardini nella IF 70-74. In campo maschile nella AM 18-34 comanda Michael Zagato, nella BM 35-39 Davide Diotti, nella CM 40-44 Federico Sama, nella DeAFM Lorenzo Conterno, nella DM 45-49 Moreno Dalmasso, nella EM 50-54 Diego Zanoni, nella FM 55-59 Daniele Baroni, nella GM 60-64 Franco Torresani, nella HM 65-69 Ademaro Bertolini, nella IM 70-74 Luigi Luzi, nella LM 75+ Sergio Dattrino, nella ZM 17 Antonio Serra.
Domani giornata di riposo alla Val di Fassa Running. I concorrenti torneranno a gareggiare giovedì mattina con la tappa di Soraga di 13,7 km e 585 metri di dislivello, con la salita sul versante basso di Punta Vallacia, il tratto centrale in quota e a seguire la discesa che riporta a Soraga.

Hanno detto

Moreno Dalmasso: «Oggi ho faticato tantissimo in salita. Si è fatta sentire la stanchezza delle precedenti due prove, ma la verticalità fino alla malga era di grande intensità. Fortunatamente ho un buon margine sugli avversari ed ho gestito abbassando il ritmo. Adesso il meritato riposo».
Franco Torresani: «Ci tenevo tanto a riscattarmi, dopo le fatiche della seconda tappa. Nei primi chilometri sono rimasto un po' dietro per capire le reazioni del mio corpo, poi ho sentito che potevo aumentare il ritmo in salita dove so di avere qualcosa in più degli avversari ed ho agguantato la seconda posizione. Contento anche di come ho gestito sul falsopiano. Ora proverò a recuperare ancora nelle prossime frazioni, anche se non sarà facile».

 

[F. M.] Anche oggi i Gps ci addolciscono la fatica, accorciando di parecchio la lunghezza di quella che doveva essere la tappa più lunga del Giro e invece risulta preceduta di qualche centinaio di metri dalla prima tappa: abbiamo corso per km 11,750, con un dislivello di 545 metri cioè un centinaio in meno dell’annunciato. Ma nessuno si lamenta, specialmente data l’ascesa dei primi 3,5 km che ci ha portato dai 1145 metri della partenza (nell’impianto sportivo che vede anche il via della Marcialonga sciistica) ai 1605 del belvedere sopra Penìola, quasi tutti su sentiero monotraccia (oltretutto ufficialmente “inagibile”) dove noi del gruppone ci siamo trovati intruppati in fila indiana con scarse possibilità di sorpasso, sotto un sole afoso tra le sterpaglie (dicono che sia un’anticipazione dell’ultima tappa…).

Poi è cominciato un tratto godibile, con una deliziosa discesina fino ai 1360 metri della leggendaria Malga Panna a metà gara (leggendaria per chi scrive, che ci salì nel 1955 per sentieri su cui passeggiavano il baritono lirico Gino Bechi e un giovanotto appena entrato in politica ma destinato a un po’ di carriera, tale Giulio Andreotti). Ultima lieve ascesa quasi-corribile (parlo per noi peones che non pensiamo ai trofei) fino ai 1430 metri del km 7,5, e poi giù per deliziose carraie, con un tratto di bosco al km 9, e poi lambendo il centro di Moena e a monte l’abitato di Sorte, di nuovo verso la zona arrivo, dove era allestito il solito ristoro di lusso (anzi, gli yogurt alla frutta li ho visti oggi per la prima volta), e dove - come sempre – Urbano Fontana, dopo aver corso brillantemente, e aver atteso l’arrivo della sua Lucia “Voltan” Tagliapietra, imbracciata una fotocamera ci riprendeva tutti prestandosi anche a una “istantanea” (come le chiamavano una volta) in compagnia dell’inossidabile e velocissima coppia Righini-Nanu.

Giro a mezzaluna, stavolta era impossibile sbagliare, e udite udite! c’era perfino una freccia, sia pur “montata” sul petto di una addetta. Da notare che mentre il sottoscritto e l’abituale compagno di corsa Maurizio Pivetti (veterano di quasi tutte le marcelonghe sia a piedi sia sugli sci) stavamo sopra Penìola, sulla verticale del traguardo, abbiamo potuto seguire visio-auditivamente l’arrivo del vincitore, che insomma ci ha inflitto tre quarti d’ora buoni!

E al km conclusivo, l’ultimo segnalatore umano era nientemeno che Stefano Benatti, patron della manifestazione ai tempi della "Traslaval", nonché eccellente maratoneta (la mezza in 1.19, la 42 intera in 2.50 a Reggio nel 2007, sempre sotto le 3 ore fino al 2015, e 3.38 a Rimini due mesi fa, da M 60), che ricordava perfino le mie sottolineature del maltempo quotidiano e le obiezioni linguistiche ladine del 2005 (che volete farci, sono scolaro del grande glottologo Luigi Heilmann cui è intitolata la passeggiata lungo Avisio di Moena, e quanto ai climi di montagna, ero abituato ‘male’ dalla Val d’Aosta dove in estate non pioveva mai!).

Anche oggi, Teida a fotografare, il masterchef dei poliziotti modenesi Eugenio Di Prinzio a chiudere il gruppo (mentre il veterano Giuseppe Cuoghi ha abbandonato), dopo aver lanciato i due meravigliosi undicenni Emanuele Amoresano e Raffaele Romano che – ovviamente in forma non competitiva – hanno terminato la loro fatica intorno alle 2h50 e si trovano, dopo aver percorso tutte le tappe, con un tempo complessivo sotto le 7h30.

Domani riposo, poi una tappa non proibitiva a Soraga (frazione di Moena) per rimettersi in carreggiata nell’ultima frazione di venerdì. Nel frattempo l’afa si è risolta in pioggia leggera pomeridiana (come nelle usanze classiche delle Dolomiti), stasera potremo scaldarci senza rimorsi con una cena ladina e qualche sgnapa in più.

 

27 giugno - La Val di Fassa Running è ripartita dopo due anni di stop; 13, dal 1999 al 2011, erano state le edizioni targate “Traslaval”; 8 quelle con l’etichetta attuale. Nell’ultima del 2019 erano arrivati in 284 (con 83 donne) al termine delle 5 tappe; quest’anno, dopo due tappe sono in 168 nella classifica dei competitivi (cui si aggiungono alcune decine di atleti che hanno preso parte solo a una tappa, e altri che gareggiano come non competitivi e sono inclusi in una classifica a parte, secondo ordine alfabetico come vogliono i bizantini regolamenti imposti dalla politica).

Riportiamo gran parte più significative dei primi due comunicati di Pegaso Media.

1. Due volti nuovi al termine della prima impegnativa tappa con partenza e arrivo a Fontanazzo. Si tratta di Moreno Dalmasso, cuneese di Costigliole Saluzzo e della marchigiana di Urbino, con passaporto bresciano, Monica Seraghiti.
Gare simili per i due trionfatori e subito leader della generale, capaci di allungare già al primo dei 12,9 chilometri [NdR: il Gps personale supera di poco i 12 km] e di mantenere la testa senza troppi patemi, chiarendo subito che i favoriti per la vittoria finale sono loro.
Sul traguardo di Fontanazzo, nel pratone che costeggia il torrente Avisio, l’alfiere della Podistica Buschese è giunto con il tempo di 55’04”, dimostrando un buon passo e capacità di gestire anche un tracciato nervoso, che ha previsto due impegnative salite per un dislivello complessivo di 607 metri [550 secondo il solito Gps]. Alla terza partecipazione a questo evento Moreno Dalmasso si è preso subito una grande soddisfazione ed ora punta senza mezzi termini alla vittoria assoluta, dopo il terzo posto nella generale ottenuto del 2019.
Alle spalle del piemontese tanta bagarre per la seconda piazza. Nella prima impegnativa salita erano ben in nove in pochi secondi, con l’atleta di casa Damiano Nicolodi che si è messo a tirare il gruppo guadagnando qualche secondo sui rivali. Poi nella seconda salita il colpo di scena, con l’atleta di Canazei che sbaglia percorso, e così recupera posizioni su posizioni il prete trentino Franco Torresani (Atletica Paratico), che agguanto così la seconda piazza, mantenendola anche in discesa e sul tratto pianeggiante. Sul traguardo Don Torresani giunge con un ritardo di 2’42” dal vincitore; terzo è il lombardo Michael Zagato del Cus Pro Patria Milano, a 3’23”. Appena fuori dal podio, con un gap dal leader di 5’16”, giunge con tanta delusione Damiano Nicolodi dell’Us Dolomitica. Dietro di lui ecco Giacomo Marchesi, Federico Sama, Simone Viola, Daniele Scarpellini, il fassano Massimo Leonardi e il noneso Diego Zanoni.
Straordinaria la prestazione cronometrica della vincitrice della gara femminile Monica Seraghiti, capace di stabilire la decima prestazione assoluta con il tempo di 1h02’29”. La forte podista, che difende i colori dell’Atletica Brescia Marathon e che vanta un passato su pista di buon livello, ha gestito le energie ed è riuscita a precedere sul traguardo di 28 secondi la grintosa torinese Sarah L’Epee, fedelissima della Val di Fassa Running, dove è salita più volte sul podio. Sul terzo gradino troviamo la runner che più ha vinto nella corsa a tappe fassane, ovvero la rumena con passaporto romagnolo Ana Nanu dell’Atletica Rimini Nord Santarcangelo, a 3’08”. Seguono in classifica la roveretana dell’Us Quercia Sara Baroni, quindi Alice Colonetti e Valeria Poltronieri..

Classifiche di categoria

Nella AF18-34 prima è Alice Colonetti, nella BF35-39 Monica Seraghiti, nella CF40-44 Marina Ruffini, nella DF45-49 Ana Nanu, nella EF50-54 Sara Baroni, nella FF55-59 Daniela Marangoni, nella GF60-64 Carla Bolis, nella HF65-69 Rosina Sidoti e nella IF70-74 Maria Grazia Nardini. 
In campo maschile leader della AM18-34 è Michael Zagato, nella BM35-39 Alberto Meneghello, nella CM40-44 Federico Sama, nella AFM Lorenzo Conterno, nella DM45-49 Moreno Dalmasso, nella EM50-54 Diego Zanoni, nella FM55-59 Daniele Baroni, nella GM60-64 Franco Torresani, nella HM65-69 Ademaro Bertolini, nella IM70-74 Luigi Luzi, nella LM 75+ Sergio Dattrino, nella ZM17 Antonio Serra.

Hanno detto

Moreno Dalmasso (vincitore): «È la mia terza partecipazione alla Val di Fassa Running, una gara straordinaria con un contesto paesaggistico emozionante. Ho deciso di fare subito la mia gara, riuscendo a staccare gli avversari. La prima salita l’ho affrontata bene, sulla seconda ho sofferto e faticato anche perché non ho molti chilometri nelle gambe in salita. Invece in discesa ho gestito bene trovando un buon ritmo. Obiettivo è quello di vincere la generale venerdì».
Don Franco Torresani (secondo classificato): «Solitamente prendevo parte solo al tappone finale, ma quest’anno ho provato a mettermi in gioco e parteciperò a tutte cinque le prove. Oggi ho gestito le energie nella prima salita, dove avevo un gruppetto di atleti davanti, e da buon scalatore nella seconda ascesa ho aumentato il ritmo, recuperando fino al secondo posto, che ho mantenuto fino al traguardo. Sono molto contento».
Monica Seraghiti (prima classificata): «È la mia prima partecipazione alla Val di Fassa Running e il prologo è stato bellissimo. Sono qui perché mio padre mi ha sempre parlato bene di quest’evento, che ha vissuto da atleta per due edizioni. Dopo uno stop per un problema fisico e la nascita di un bambino ho deciso di rimettermi in gioco Non sono abituata ai saliscendi, ma il percorso è bellissimo».

2. Parla trentino la seconda tappa della Val di Fassa Running con partenza e arrivo a Vigo. A tagliare per primo il traguardo, dopo aver affrontato 10,7 km di sviluppo per un dislivello di 438 metri, è stato Matteo Vecchietti dell’Atletica Val di Cembra, dopo soli 41 minuti e 32 secondi di fatiche.
Il polivalente atleta di Sopramonte, che non aveva corso il primo giorno, ha infatti deciso di presentarsi al via della frazione del lunedì con il doppio scopo di ossigenarsi e di affrontare un allenamento intensivo in vista dei prossimi appuntamenti. E lo ha fatto in grande stile, aggiudicandosi la frazione dopo essere stato fianco a fianco del leader della classifica Moreno Dalmasso, che da parte sua doveva badare anche a gestire le energie in vista dei prossimi appuntamenti. Nei tratti di sola salita il piemontese sembrava avere qualcosa in più nelle gambe, ma nel complesso Vecchietti è stato più completo ed ha tagliato il traguardo a braccia alzate. Non sarà però presente alle prossime tappe.
Il capo classifica Dalmasso ha accusato un ritardo (del tutto ininfluente) di 44 secondi, incrementando il vantaggio sugli inseguitori. Terzo, a 2 minuti e 23 secondi dal vincitore, è giunto il lombardo Michael Zagato della Cus Pro Patria Milano, che si issa in seconda posizione nella generale, mentre è andato fuori giri l’esperto Don Franco Torresani, incappato in una giornata negativa. Il dovere liturgico l’ha costretto a dormire poche ore, ma soprattutto nella prima salita verso Vallunga gli si è riacutizzato un dolore muscolare alla coscia che lo ha costretto a limitare lo sforzo e le energie fino al traguardo, dove è giunto addirittura quindicesimo ad oltre 6 minuti dal vincitore.
Appena fuori dal podio di giornata troviamo poi Simone Viola del Speedy Runners, dopo 3’16”, seguito dall’atleta di casa Damiano Nicolodi dell’Us Dolomitica a 3’39”, quindi Giacomo Marchesi (Runcard) a 5’, Federico Sama del Cesena Triathlon a 5’27” e il trentino Diego Zanoni dell’Atletica Val di Non e Sole a 5’28”.
In campo femminile identico podio della prima tappa, con Monica Seraghiti prima e addirittura ottava assoluta, ma con soli 16 secondi di vantaggio sulla torinese Sarah L’Epee; ancora terza l’esperta Ana Nanu a 3’05”. La Seraghiti ha gettato al vento alcuni secondi per un errore di direzione ad un bivio, ma ha confermato di avere qualcosina in più rispetto alla L’Epee, che però attende con serenità le prossime tappe che più si addicono alle sue caratteristiche. Quarto posto per la roveretana Sara Baroni, seguita da Alice Colonetti, Valeria Poltronieri e Sofia Scanziani.
Nella generale femminile Monica Seraghiti vanta un tempo di 1h49’25”, di 45 secondi migliore rispetto a quello di Sara L’Epee, con Ana Nanu terza ad oltre 6 minuti.
Per quanto riguarda la classifica di categoria dopo le prime due tappe nella AF 18-34 è in testa Alice Colonetti, nella BF 35-39 Monica Seraghiti, nella CF 40-44 Marina Ruffini, nella DF 45-49 Ana Nanu, nella EF 50-54 Sara Baroni, nella FF 55-59 Daniela Marangoni, nela GF 60-64 Carla Bolis, nella HF 65-69 Rosina Sidoti, nella IF 70-74 Maria Grazia Nardini.
In campo maschile Michael Zagato comanda la AM 18-34, Davide Diotti la BM 35-39, Federico Sama la CM 40-44, Lorenzo Conterno la DeaFM, Moreno Dalmasso la DM 45-49, Diego Zanoni la EM 50-54, Daniele Baroni la FM 55-59, Franco Torresani la GM 60-64, Luigi Luzi la IM 70-74, Sergio Dattrino la LM + 75 e Antonio Serra la ZM 17.
Domani terza tappa a Moena, dove i concorrenti affronteranno 13,7 km e 628 metri di dislivello con una salita impegnativa già al terzo chilometro, giungendo poi alle località di Penia, Sorte e discesa verso la Perla delle Dolomiti. 

Hanno detto:

Matteo Vecchietti: «Il lavoro mi ha concesso una finestra mattutina e ne ho approfittato per mettermi subito in gioco. E’ stata una gara molto bella, condotta con Dalmasso dal primo all’ultimo chilometro, poi lui doveva pensare a gestire le energie in vista delle prossime tappe e io ho allungato e sono andato a vincere. Davvero forte Moreno, ha già la Val di Fassa Running in tasca. Parteciperò solo a questa tappa, perché poi lavoro, ma un pensiero per le prossime edizioni lo farò sicuramente».
Moreno Dalmasso: «Nella seconda salita devo ammettere che ho faticato un po’ troppo ed ho deciso di non forzare. Davvero forte Vecchietti. Sono in buona forma e mi sto divertendo».
Monica Seraghiti: «Ad un certo punto del percorso mi sono sentita urlare dietro dai tifosi e mi sono accorta di aver sbagliato tragitto. Ho fatto dietro front ed ho perso qualche secondo. Ogni giorno corriamo in un paesaggio straordinario. La gara è fantastica».

 

[F. M.] Il giro è ancora lungo e in chiusura, come da tradizione, a preoccupare molti ci sta la tappa di sola salita con 900 metri di dislivello da scalare in meno di 10 km. Ma intanto, se i due primi sembrano in grado di aumentare progressivamente il loro vantaggio, e in campo femminile le posizioni restano pressoché invariate addirittura fin verso la decima piazza (ma il margine tra le prime due è esiguo), le posizioni maschili di rincalzo al capolista hanno subito già un rimescolamento notevole, con Nicolodi, lo sfortunato o distratto protagonista di un errore di percorso il primo giorno, quando era secondo, che oggi ha guadagnato il terzo posto sia nella tappa (prescindendo dalla occasionale presenza di Vecchietti) sia nella classifica generale, approfittando della crisi di don Franco Torresani, debilitato da problemi fisici ma che si è presentato alla partenza dopo aver celebrato tre messe in mattinata, e in attesa di condurre un funerale nel pomeriggio: il benemerito “prete sempre di corsa” si trova ora al quinto posto, in una graduatoria che (si badi bene) vede lui, over 60, dietro a Dalmasso M 45 e a ben tre under 35.

Ma lascio le considerazioni tecniche per dare qualche prima impressione, di una gara che avevo corso addirittura nel 2005 (arrivando 151° su 298, col gruppo capeggiato da due africani e con lo stakanovista maratoneta Emanuele Zenucchi terzo assoluto). Superfluo parlare della bellezza dei panorami, anche se non mi varrò dell’abusato e improprio aggettivo “mozzafiato” caro ai giornalisti dilettanti. Certo, sbucando oggi dal villaggio di Tamion, punto più alto del percorso coi suoi 1544 metri (secondo Gps, che rileva una partenza da quota 1405), la val di Fassa si presentava longitudinalmente fino ai massicci di Sella e Pordoi, e anche i corridori più competitivi non potevano fare a meno di guardare a 180 gradi. E i lettori di Podisti.net sono fortunati a trovarsi da oggi le foto di Teida Seghedoni https://podistinet.zenfolio.com/p450269219 .

Mi permetto però due osservazioni critiche: sulla prima, nessuno protesterà perché riguarda le lunghezze e i dislivelli dichiarati, che risultano sempre più alti di quando indicano i nostri Gps: anche confrontando con altri colleghi, trovo che la prima tappa offriva forse 800 metri lineari e 100 verticali in meno rispetto al dichiarato; nella seconda, a prescindere da quello che dirò sotto, la distanza sembra fosse più corta di 1300 metri e più ‘bassa’ di un’ottantina.

La seconda: gli stessi comunicati ufficiali riferiscono di sbagli di percorso, ieri del secondo in classifica, oggi della prima donna; e ovviamente non sanno degli sbagli all’interno o in coda al plotone. Purtroppo mancano del tutto le frecce segnaletiche, sia orizzontali (sul terreno) sia verticali; al loro posto, bandelle bianche dunque poco visibili, e non molto frequenti; qualche bandella biancorossa a delimitare bivii, e per il resto segnalatori umani, che non sono dappertutto.

Oggi il gruppetto di cui facevo parte, intorno al km 8, arrivato in vista di Vigo al passaggio della statale di Costalunga (occupata da un km o poco meno di auto ferme), ha visto una vigilessa in mezzo alla strada, che aveva fermato le auto, ma non fatto aprire un varco visibile per noi, che istintivamente ci siamo diretti a destra, in discesa, senza che nessuno ci avvertisse. Arrivati a una rotonda, non c’era nessun segnale, abbiamo cominciato a chiedere in giro, ricavandone l’informazione che dovevamo girare attorno alla chiesa di Vigo e poi puntare in su per ritrovare i colleghi ‘giusti’. I gps dei quali, una volta intercettati, segnavano dai 200 ai 400 metri in meno (senza contare le nostre soste ‘informative’). Qualche collega danneggiato è sceso, dopo l’arrivo, a dirne 4 alla vigilessa, che mi sono invece permesso di scolpare perché il suo compito è quello di bloccare le auto (e lo stava facendo), non di indicare la direzione ai podisti. Questo spetta all’organizzazione.

Non credo che alla tappa di domani vedremo le frecce; speriamo dopo la sosta, per le due tappe decisive. Non sto a piangere sulle eventuali posizioni perdute (sono qua per godermi la Fassa, non per collezionare prosciuttini); ma se vedo che un concorrente cui ieri avevo rifilato 16 minuti e oggi mi è arrivato 50 secondi davanti, dovrò concludere che la benedizione di don Torresani mi ha portato male?

 

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina