Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Roberto Annoscia

Roberto Annoscia

Ancora un keniano sanzionato per doping dall’AIU, l’Atletics Integrity Unit - Agenzia Mondiale antidoping: James Kibet è stato squalificato per quattro anni per positività al nandrolone (uno steroide anabolizzante) riscontrata nelle urine dell’atleta al termine della Corsa dei Santi, Roma 1° novembre 2019 (Kibet concluse in terza posizione in 29:56).

James Kibet, nato in Kenya il 10/11/1988, ad ottobre del 2019 vincitore della mezza di Torino in 1h03:56 (primato personale), con un record sui 5000 di 13:11.88 a Berlino nel 2017, gareggia spesso in Italia cogliendo successi in serie, tra cui anche quello al Meeting XXV aprile di Milano in 28:23.21 (sui 10mila, sempre nel 2019).  

Kibet ha ammesso la sua positività, ma durante il processo ha affermato che la sostanza potrebbe essere entrata nel suo corpo attraverso uno sciroppo di grasso di maiale, producendo anche un video dove un allevatore di suini confessava di nutrire gli animali con “integratori” chimici.
Ma l’AIU non ha accettato la giustificazione, ribadendo che è “dovere personale dell’atleta fare in modo di evitare che nessuna sostanza proibita” entri nel corpo.

Kibet allunga quindi l’elenco di atleti keniani dopati e squalificati, fra i quali ricordiamo il campione olimpico dei 1.500 metri del 2008 Asbel Kiprop, l’ex vincitrice della maratona di Boston e Chicago Rita Jeptoo, e la campionessa olimpica di maratona 2016 Jemima Sumgong.

 
What do you want to do ?
New mail
Mercoledì, 03 Febbraio 2021 18:34

La RAK Half Marathon rinviata al 2022

3 Febbraio - La notizia del giorno è il rinvio al 2022 della 15^ edizione della Ras Al Khaimah Half Marathon (Emirati Arabi Uniti), originariamente in programma per il 19 febbraio 2021  e che avrebbe visto al via numerosi top runners.  

Come recita il comunicato ufficiale, il rinvio si è reso “necessario per garantire il benessere dei nostri partecipanti, spettatori e personale alla luce della situazione in continua evoluzione. Tutti gli iscritti riceveranno il rimborso, come previsto dal regolamento, e, come gesto di gratitudine e ringraziamento,  riceveranno il pacco gara e la medaglia di gara.
La sicurezza di tutti i visitatori di Ras Al Khaimah rimane la nostra massima priorità, e siamo molto grati per la comprensione e il supporto dei partecipanti all'evento in questo momento”. 

 

 
What do you want to do ?
New mail

3 febbraio - Anche il Cross Internazionale della Vallagarina alza bandiera bianca: l’edizione numero 44 non si terrà quest’anno causa covid; ma gli organizzatori già rilanciano per il 2022 richiamandosi alla prestigiosa tradizione di questa gara. Di seguito il comunicato ufficiale:

Il “Cross Internazionale della Vallagarina” si arrende al Covid. La sofferta decisione è stata presa in videoconferenza dal consiglio direttivo dell’U.S. Quercia Trentingrana dopo aver esaminato a fondo tutti i problemi legati all’organizzazione dell’evento.

L’edizione 2021 (la numero 44) collocata nel calendario internazionale alla data di domenica 8 febbraio era stata spostata a domenica 28 febbraio, nella speranza di un miglioramento della situazione della pandemia.

Non è stata ritenuta praticabile l’ipotesi di seguire la strada ipotizzata dai due più importanti cross italiani, Campaccio e Cinque Mulini, che probabilmente saranno disputati solo per quanto riguarda le gare internazionali, cancellando dal programma le gare giovanili e quelle degli amatori-master.

Verrebbe meno la caratteristica di un evento che deve essere una festa della corsa per tutti, per di più senza la presenza del pubblico e con tutti gli oneri e le responsabilità connesse ai controlli anti Covid, in particolare per gli atleti stranieri.

Sulla decisione di cancellare l’edizione 2021 del “Cross della Vallagarina” ha pesato anche l’incertezza relativa al finanziamento da parte di enti pubblici e privati. Negli ultimi anni il budget della manifestazione si è progressivamente ridotto di molto a fronte del pesante calo degli sponsor privati ed anche degli enti e quindi è diventato sempre più difficile poter far fronte agli impegni richiesti dall’EA (Federazione Europea di Atletica), nel cui circuito il Cross della Vallagarina è inserito ormai da 25 anni. 

Spiace molto dover rinunciare ad una manifestazione che nella sua storia ha portato sul circuito di Villa Lagarina grandi campioni dell’atletica italiana e mondiale e che per ben due volte è stata onorata anche dall’assegnazione dei Campionati Italiani. Fra l’altro era prevista anche quest’anno la trasmissione televisiva sulle reti Rai.

Altro elemento di valutazione è stato il fatto che alla Quercia è stata assegnata l’organizzazione dei Campionati Italiani Assoluti su pista a fine giugno, un impegno pesante che si aggiunge a quello del Palio della Quercia del 31 agosto. Quindi una somma di impegni molto onerosi per l’organizzazione della Quercia, impostata sul volontariato.

Comunque il “Cross della Vallagarina” non morirà: tornerà il prossimo anno, contando anche sul sostegno della nuova amministrazione comunale, assicurato dalla sindaca Julka Giordani e dall’assessore allo sport Luca Laffi.

 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

31 Gennaio - E’ stata la 23enne giapponese Mao Ichiyama a vincere la 40^ edizione della Osaka Women’s Marathon, gara esclusivamente femminile e solo élite, primo evento World Athletics Label road race del 2021.

Ichiyama si è imposta in 2h21:11, stabilendo il nuovo record della gara, finora in possesso di Mizuki Noguchi, che nel 2003 aveva chiuso in 2h21:18. 

A causa delle restrizioni anti covid-19, la gara si è svolta su un percorso pianeggiante ad anello di 2,8 km nel Nagai Park intorno allo stadio Nagai (sede dei Campionati mondiali di atletica leggera 2007), con arrivo all’interno dello stesso stadio.

L’obiettivo della vincitrice era di battere il record nazionale nipponico di 2h19:12, detenuto sempre dalla Noguchi, che lo stabilì nel 2005 alla Maratona di Berlino: dopo i passaggi in gruppo al 5° km in 16:32, al 10° in 33:00 (16:28 il parziale sui 5000) e al 15° km in 49:27 (16:27), Ichyama, tirata da tre pacer uomini, tra cui Yuki Kawauchi, ha staccato la compagna di fuga Honami Maeda e ha preso il comando da sola al 16° km, passando al 20° km in 1h05:58 (16:31 sui 5000), alla mezza in 1h09:35 e al 25° in 1h22:38 (16:40). Ha però cominciato a rallentare con il 30° km raggiunto in 1h39:40 (17:02 per questi 5000), il 35° in 1h56:48 (17:08), il 40° in 2h13:47 (16:59), nonostante la compagnia di due pacer (che l’hanno lasciata soltanto all’ingresso dello stadio) per chiudere – come già detto - in 2h21:11 (7:24 sugli ultimi 2195 metri), seconda prestazione più veloce della sua carriera, dopo il 2h20:29 che le valse la vittoria nel 2020 a Nagoya, ma distante due minuti dall'obiettivo del record giapponese.  

Honami Maeda (accompagnata dal terzo pacer uomo fino all’ingresso nello stadio) ha ottenuto il secondo posto con il primato personale in 2h23:30, seguita da Yukari Abe, terza in 2h24:41, e da Mao Uesugi, quarta in 2h24:52, entrambe al personale con gran miglioramento (precedente 2h28:02 per entrambe). Quinta la debuttante Ayumi Hagiwara in 2h26:15. 

“Prima di tutto devo infinitamente ringraziare gli organizzatori per aver reso possibile lo svolgimento di questa gara. Speravo di riuscire a battere il record nazionale, ma non ero così in forma da realizzare questo tempo. Sono delusa, ma ora so cosa serve per ottenere il record”, le parole di Ichiyama dopo la gara. 

Da segnalare, infine, che la 62enne Mariko Yugeta ha migliorato in 2h52:13 il già suo record mondiale F60 (ottenendo il 48° posto in graduatoria sulle 61 classificate).

Classifica:

  1. Mao Ichiyama (Wacoal) - 2:21:11 - MR, WL
  2. Honami Maeda (Tenmaya) - 2:23:30 - PB
  3. Yukari Abe (Shimamura) - 2:24:41 - PB
  4. Mao Uesugi (inizio) - 2:24:52 - PB
  5. Ayumi Hagiwara (Toyota Jidoshokki) - 2:26:15 - debutto
  6. Mirai Waku (Universal Entertainment) - 2:26:42 - PB
  7. Ayano Ikemitsu (Kagoshima Ginko) - 2:28:26
  8. Anna Matsuda (Kyocera) - 2:29:52 - PB
  9. Mizuki Tanimoto (Tenmaya) - 2:31:07
  10. Shiho Kaneshige (GRlab Kanto) - 2:31:56
  11. Madoka Nakano (Iwatani Sangyo) - 2:32:56
  12. Shiho Takechi (Yamada Denki) - 2:35:54
  13. Kaoru Nagao (Sunfield AC) - 2:38:37
  14. Haruka Yamaguchi (AC Kita) - 2:39:26
  15. Tomomi Sawahata (Saitama T&F Assoc.) - 2:40:19
  16. Yuko Kawauchi (Nissei) - 2:40:22
  17. Maki Nishioka (Wakayama Triathlon Assoc.) - 2:40:53 - PB
  18. Tomoko Horioka (indipendente) - 2:41:00 - PB
  19. Natsuki Ogawa (Kobe Gakuin Univ.) - 2:41:10 - PB
  20. Chizuru Oi (Nara-X AC) - 2:41:26 - debutto
  21. Mai Fujisawa (Sapporo Excel AC) - 2:41:39
  22. Yumi Miyanaga (Osaka Geijutsu Univ.) - 2:42:29 - debutto
  23. Hiroko Miyauchi (Hokuren) - 2:44:09
  24. Rui Miike (Osaka Univ.) - 2:44:29 - PB
  25. Mikiko Ota (Kyoto Sumiyama AC) - 2:44:53 - PB

-----

  1. Mariko Yugeta (Saitama OIG) - 2:52:13 - 60+ WR
 
What do you want to do ?
New mail

E’ morto a soli 53 anni il maratoneta spagnolo Alejandro Gómez Cabral a causa di un tumore al cervello scoperto a giugno 2020, ma giudicato inoperabile e con il quale ha combattuto negli ultimi mesi.

Le condizioni del fondista di Vigo, che viveva nella sua casa di Zamáns, negli ultimi giorni erano peggiorate, fino a morire assistito dalla sua compagna, Paula Hernández, sposata dopo aver appreso la gravità del male, e dei suoi 25 cani, la sua grande passione.

Gomez è stato tre volte olimpico a Seoul 1988, Barcellona 1992 e Atlanta 1996. Fu nono sui  10 km nei Mondiali 1991 a Tokyo. Nella maratona, è stato quinto e sesto negli Europei, rispettivamente a Budapest nel 1998 e nel 2002 a Monaco. Nel 1997 fu secondo nella Maratona di Rotterdam, chiusa in 2h07:54 (record spagnolo per un anno), Nella corsa campestre ha vinto due titoli nazionali nel 1989 e 1995 (e un argento europeo nel 1995), che si aggiungono ai due sulla mezza (1992 e 2003) e ai cinque sui 10.000 (nel 1989, 1991, 1993, 1995 e 1996).

 

 
What do you want to do ?
New mail

30 Gennaio - Sono aperte da due giorni le iscrizioni all'Acea Run Rome The Marathon, la maratona di Roma in calendario domenica 19 settembre, dopo l’annullamento del 2020  causa covid.

Organizzata da Infront, Corriere dello Sport-Stadio, Italia Marathon Club e Arielle,  la Maratona di Roma vedrà la novità della partenza all'alba, l’ “Alba Edition Special Race”.

E’ quindi possibile iscriversi sul sito www.runromethemarathon.it, con costo di acquisto del pettorale che varia secondo più step: il prossimo 24 marzo, poi il 31 maggio, il 2 agosto e il 10 settembre, quando chiuderanno le iscrizioni.

  • € 65,00 sino al 24/03/2021
  • € 75,00 dal 25/03/2021 al 31/05/2021
  • € 85,00 dal 01/06/2020 al 02/08/2021
  • € 95,00 dal 03/08/2021 al 10/09/2021 

Per gli iscritti all'edizione 2020 ci sarà l'opportunità di riscattare gratuitamente il pettorale già acquistato entro il 31 maggio. Oltre quella data, sarà necessario versare un contributo di 12 euro per spese di segreteria. Infine, entro il 15 febbraio, potranno chiedere la conversione dell'iscrizione alla maratona 2022, già fissata al 27 marzo.

Da considerare anche le offerte speciali, come per la "combinata" settembre 2021-marzo 2022 (€ 110,00 dal 28/01/2021 al 31/05/2021; € 130,00 dal 01/06/2021 al 10/09/2021), oppure ottenere gratuitamente il pettorale nel caso si siano corse tutte e venticinque le maratone precedenti i cosiddetti senatori).

Prevista, inoltre, una tariffa speciale per gli Over 75, oltre alle facilitazioni per società sportive, associazioni, gruppi e tour operator.

I più attenti avevano notato la data sul calendario nazionale FIDAL, ma ora è giunta la conferma degli organizzatori: la Milano Marathon si correrà il 16 maggio 2021. 

Ecco il comunicato riportato sul sito ufficiale della manifestazione: 

“Cari runner,
confermiamo, come pubblicato anche sul calendario ufficiale FIDAL delle manifestazioni Gold e Silver, che la nuova data della Generali Milano Marathon è fissata per il prossimo 16 maggio 2021.
Stiamo lavorando ad una “Special Edition” che possa garantire il massimo della sicurezza di tutti i partecipanti;  un format ricco di novità che vi presenteremo sui nostri profili nelle prossime settimane. STAY TUNED!”

 
What do you want to do ?
New mail

Lunedì 1° febbraio saranno aperte ufficialmente le iscrizioni al Tor des Géants 2021, in calendario dal 10 al 19 settembre.  Le stesse chiuderanno domenica 14 febbraio: gli iscritti all’edizione 2020 godranno della priorità (con la possibilità di scegliere di partecipare nel 2022 o nel 2023) e quota agevolata, mentre tutti i nuovi iscritti parteciperanno al tradizionale sorteggio (i risultati saranno comunicati entro il 28 febbraio).

1100 i partecipanti previsti per la gara classica (partenza e arrivo a Courmayeur, 356 km con dislivello positivo di 27.390 m, attraversando ben 34 comuni della Val d’Aosta, da concludere entro 150 ore); per le altre tre distanze (con iscrizioni aperte dal 1° marzo per i nuovi iscritti per i posti rimanenti), saranno 200 gli ammessi al Tor des Glaciers (453,20 km con dislivello positivo di 31.040 m, lungo i sentieri ufficiali della Valle d’Aosta, con partenza e arrivo a Courmayeur, verso creste in gran parte sconosciute, rasentando gli antichi ghiacciai), 500 per il Tor Dret (142 km con dislivello positivo di 11.030 m su sentieri ufficiali della Valle d’Aosta, con partenza a Gressoney S.J. e arrivo a Courmayeur) e altri 500 per il Tor30 - Passage au Malatrà (29,8 km con dislivello positivo di 2.330 m partenza da Saint-Rhémy-en-Bosses e arrivo a Courmayeur), per complessivi 2300 partecipanti.    

Il TOR X prenderà il via da Courmayeur con il Tor des Glaciers venerdì 10 settembre, mentre domenica 12 toccherà al Tor des Géants, seguito poi dal Tot Dret martedì 14 ed infine al Passage au Malatrà sabato 18 settembre.

Aumentati i costi di iscrizione di circa il 10%: per il Tor des Glaciers si è passati dai 1000 euro del 2020 ai 1100 di quest’anno, per il Tor des Géants da 750 a 850, per il Tot Dret da 200 a 220 euro e per il Passage au Malatrà da 40 a 45 euro. Gli iscritti al 2020, invece, pagheranno 800 euro per il TOR450, 600 euro per il Tor des Géants,160 euro per il Tor Dret e 32 euro per il Tor30.

Il nuovo regolamento prevede l’introduzione della polizza assicurativa Refund Protect compresa nell’iscrizione se l’atleta non dovesse partecipare per motivi personali, ma introduce un rimborso per gradi se il Tor des Géants dovesse venire annullato: nel caso la manifestazione saltasse prima del 1° giugno, verrà rimborsato il 60% della quota di iscrizione, che passa al 50% in caso di annullamento tra il 1° ed il 30 giugno ed al 30% dal 1° al 31 luglio. Nessun rimborso se la gara venisse annullata dopo il 31 luglio.

Alessandra Nicoletti, presidente di Vda Trailers, organizzatore dell’evento, ha dichiarato: “Quest’anno il Tor si farà e in sicurezza, al momento le quattro distanze sono confermate nel loro format classico, stessi percorsi, stesso tipo di gara. Ovviamente vista la situazione attuale, in continua evoluzione, nelle prossime settimane, insieme a una task force di specialisti, andremo a stabilire tutte le procedure necessarie in base ai decreti e alle normative per fare in modo che il TOR si possa svolgere in totale sicurezza dal punto di vista sanitario e organizzativo. Ogni comunicazione e modifica verrà resa nota agli iscritti. La nostra certezza è che le gare a settembre si faranno, in che modalità è ancora, per alcuni aspetti, da valutare e definire”.

Le novità riguarderanno l’introduzione di due app: la app InniTOR, applicazione che attraverso il cellulare traccia i propri allenamenti e delle proprie uscite che, accumulando chilometri e dislivello, permetterà di visualizzare la partecipazione virtuale a una delle quattro distanze di TORX; la app TOR Academy, che permette di sfruttare piani di allenamento personalizzati in preparazione di TORX, preparati da coach specializzati: Lisa Borzani (nazionale di ultratrail e vincitrice di due edizioni del Tor des Géants), Paolo Pajaro (ultratrailer con cinque partecipazioni al Tor des Géants) e Pietro Trabucchi (mental coach e psicologo della nazionale di sci di fondo, triathlon e ultratrail e finisher di 4 edizioni del Tor des Géants).

 

 

29 Gennaio - Vincenzo Trentadue, direttore tecnico della Dynamyk Fitness di Palo del Colle, società organizzatrice dell’evento, ci ha appena informato che la FIDAL ha accettato la proposta di spostare i Campionati Italiani master di cross al 31 ottobre 2020.

La manifestazione, in calendario per il 21 febbraio nella Masseria Vero di Palo del Colle, in provincia di Bari, sarebbe stata limitata dai vigenti decreti in materia di covid per bloccare la diffusione del virus, mai placatasi.  

Quindi, appuntamento all’ultimo giorno di ottobre, nella speranza che la situazione sia realmente migliorata e si possa vivere una domenica di vero sport con partecipazione diffusa; e che vinca… il migliore!

 
What do you want to do ?
New mail

27 Gennaio - Si sposta in autunno la Boston Marathon, con la data fissata a lunedì 11 ottobre, abbandonando la tradizionale collocazione del terzo lunedì di aprile. 

Singolare che il giorno prima, domenica 10 ottobre, sia in programma la Chicago Marathon: entrambe annullate nel 2020, ma che nel 2019 erano state le maratone più partecipate degli USA (Chicago con 45.962 finisher, Boston con 30.349), chiaramente dietro l’imbattibile New York City Marathon (53.627, primato mondiale).

"Annunciamo la data della maratona di Boston del 2021 con un cauto ottimismo, comprendendo perfettamente che continueremo a seguire le indicazioni degli scienziati, in continua collaborazione con i funzionari locali, cittadini, statali e della sanità pubblica", ha affermato Tom Grilk, Presidente e CEO della Associazione Atletica di Boston. "Per essere in grado di organizzare una gara ad ottobre, sarà fondamentale la sicurezza dei partecipanti, dei volontari, degli spettatori e dei membri della comunità".

"Sebbene fosse ovviamente la cosa giusta da fare, annullare la maratona di Boston 2020 per la prima volta nei suoi 124 anni di storia è stato uno degli annunci più difficili da fare", ha affermato il sindaco Martin J. Walsh. "Oggi sono pieno di speranza, visto che abbiamo puntato gli occhi su ottobre per la 125^ maratona. Abbiamo ancora molta strada da fare prima di essere fuori pericolo, ma con giudizio e con i suggerimento degli esperti sanitari, spero che questo autunno ci godremo il ritorno di una delle tradizioni più leggendarie di Boston".

Anche per il 2021 sarà prevista una gara virtuale, come peraltro già avvenuto per il 2020. Tutte le ulteriori comunicazioni inerenti la manifestazione saranno pubblicate prossimamente sul sito della manifestazione.

Al momento, sperando che la situazione vaccinale migliori e non ci siano nuove ondate, è questo il calendario delle Abbott World Marathon Majors:

– 26 settembre: BMW Berlin Marathon
– 3 ottobre: Virgin Money London Marathon
– 10 ottobre: Bank of America Chicago Marathon
– 11 ottobre: Boston Marathon
– 17 ottobre: Tokyo Marathon
– 7 novembre: TCS New York City Marathon

 
What do you want to do ?
New mail

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina