Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Roberto Annoscia

Roberto Annoscia

Pubblichiamo integralmente (eliminando solo i refusi) il contenuto della dichiarazione (con allegati) che Paolo Fabbiani, il compagno nella vita e nella tragica gara di Ligonchio della sfortunata Marisa Moretti, ha inviato al sito Redacon.it indi agli altri organi di stampa, in risposta a quanto dichiarato dal Sindaco e dall’Assessore del comune di Ventasso. Aldilà delle colpe e delle ragioni, delle affermazioni e delle smentite, delle inevitabili perizie e controperizie, il racconto dell'evento è drammatico, a tratti agghiacciante; e anche se questo non ridarà la vita a Marisa, resta la notizia finale della donazione degli organi: una vita si spegne, altre potranno salvarsi.

Volevo chiudermi nel mio dolore, non prendo giornali né frequento social, ma viste le dichiarazioni rese dal sindaco Manari a mezzo stampa, nelle quali sostiene che abbiamo abbandonato il percorso del trail, e dall’assessore Nuccini sui giornali di oggi, il quale dichiara che nel regolamento c’è indicato che l’organizzazione si riserva di modificare il percorso in qualsiasi momento, rispondo con solo due parole: “Sì, certamente lo potete fare, ma al briefing me lo dite e mi fate vedere una cartografia aggiornata”.
Se per voi la mappa è solo indicativa vuole dire che siete degli incompetenti: io 35 anni giro le montagne, sono socio Cai e la prima cosa che ti insegnano ai corsi è quella di avere sempre con sé la cartografia della zona in cui ci si trova e una bussola; oggi abbiamo anche i gps, bastava che fosse possibile scaricare la traccia gps da sito, e nessuno dei percorsi corto medio e lungo si sarebbe perso, come è successo negli altri percorsi.
Per tutto ciò ritengo doveroso esporre la realtà dei fatti pubblicamente. Le dichiarazioni rilasciate sono strumentali per scaricare le responsabilità dell'organizzazione e delle istituzioni, e questo si capisce anche dal fatto che nessuno degli organizzatori mi ha fatto una telefonata di conforto (neanche ai fratelli di Mari) per capire almeno cosa era accaduto; vi dico: continuate a non farlo e non presentatevi davanti a me, perché il vento del perdono per le vostre incompetenze non è in me, forse non mi conoscete: con quello che ho passato nella vita, i miei genitori mi hanno insegnato di non avere paura di niente e di nessuno se si è nel giusto.
Di seguito espongo quanto ciò è accaduto realmente.

Gli allegati di Fabbiani

Venerdì, insieme a Mari e agli amici Sonia, Evelyn e Jimmy, ci siamo iscritti al trail della Centrale di Ligonchio nel percorso breve non competitivo. Precedentemente a casa, dal sito Facebook dell'evento avevo scaricato la cartografia dei percorsi corto, medio e lungo (vedi la prima foto). 

Al briefing gli organizzatori hanno dichiarato che lungo tutto il percorso ogni 100 - 150 mt erano presenti nastri bianchi e rossi con i catarifrangenti e bandierine Hoka con scritta in blu, e se le perdevamo dovevamo tornare indietro.
Siamo partiti insieme agli altri partecipanti di corsa, ma poco dopo, visti i notevoli dislivelli, siamo andati di passo: eravamo gli ultimi, l'obbiettivo era andare a vedere il tramonto sui monti, cosa che io e Mari facevamo spesso sul Ventasso, intorno e sopra la Pietra di Bismantova. Poco dopo aver imboccato il sentiero CAI 641, quando attraversa la strada carrabile che va a Presa Alta, io Mari e Sonia eravamo avanti di qualche centinaio di metri rispetto ad Evelyn e Jimmy. Già all'inizio la segnaletica lasciava alquanto a desiderare, c’erano anche delle indicazioni in giallo con scritto CAMMINATA che indicavano di scendere anziché salire…
Io la zona la conosco molto bene perché tutti gli anni la percorro a cavallo o in bici per andare in Bargetana. La vallata di rio Re invece non la conosco bene perché non è meta dei nostri soliti itinerari.
Conoscendo bene il sentiero 641 abbiamo proseguito fino al rifugio il Piano dove abbiamo fatto le foto, e aspettato Evelyn e Jimmy che ci avevano chiamato perché, essendoci molti incroci e non molte bandierine (una ogni 500/600 mt), si trovavano in difficoltà. Gli ho dato le indicazioni di seguire il sentiero CAI sempre in salita, ci hanno raggiunti e siamo ripartiti di passo dal rifugio il Piano, sempre come prima: io Mari e Sonia davanti, e leggermente indietro Evelyn e Jimmy. Lungo il tragitto ci siamo fermati a mangiare mirtilli e lamponi e poi, al punto di ristoro arrivati alla deviazione dei percorsi corto medio lungo, era presente il personale del soccorso Alpino. 
Eravamo in cima e non eravamo stanchi e così abbiamo chiesto se potevamo proseguire per il percorso medio, ma ci hanno risposto che avrebbero dovuto chiedere l'autorizzazione all'organizzazione perché se succedeva qualcosa ci sarebbero venuti a cercare sul percorso corto, così abbiamo preso il sentiero CAI 641A come indicato sulla cartina del trail corto. 
Le bandierine bianche e rosse le avevamo viste solo all'inizio. Mentre stavamo scendendo verso rio Re all'incrocio con il sentiero 637 era presente solo una bandierina bianca e rossa: quando il 637 arriva sulla strada trattorabile, non era presente nessuna indicazione e dalla cartina l'indicazione era di scendere a valle. Siamo infatti scesi verso valle e poco dopo siamo arrivati al rifugio dove ci siamo ristorati e fatto delle chiacchiere con il gestore.
Abbiamo provato a chiamare Evelyn e Jimmy ma non c'era ricezione sui nostri telefoni, così siamo scesi a valle lungo la strada forestale su cui è anche presente il sentiero 637. A qualche km a valle del rifugio il sentiero 637 lascia la strada forestale e prosegue in un sentiero stretto a destra, a bordo strada era presente il segnale CAI con indicazione Ponte Rimale.
La cartina del trail indicava di seguire il sentiero 637 fino al ponte Rimale, non vi erano le bandierine, ma non c'erano neanche prima, ho controllato il tracciato del mio gps e mi indicava che avevamo percorso 11 km, infatti si vedevano le luci delle prime case di Ligonchio. Così mi sono detto: siamo arrivati! Mari ha ritelefonato ad Evelyn che ha risposto che erano sotto il rifugio Rio Re e così le ha dato le indicazioni che quando trovavano il segnale Cai dovevano abbandonare la strada forestale e prendere il sentiero 637 che andava a valle. Poco dopo aver preso il sentiero abbiamo visto un picchetto a terra bianco e rosso che ci conferma che eravamo sul sentiero 637. Il sentiero era stretto e in discesa ma a valle erano presenti degli alberi. Mentre scendo vedo che su un albero a bordo sentiero una persona aveva fatto la pipi; a Sonia e Mari dico: sono passati anche gli altri.

Ad un certo un certo punto siamo arrivati in un tratto dove a valle non era presente nessuna vegetazione fino in fondo al fiume. Io ero davanti, poi c'era Sonia, e Mari ultima. Stavamo andando piano. Ad un certo punto sento un rumore dietro, come sassi che rotolano, mi giro e vedo la mia compagna che rotola a valle ed in un attimo sparisce, e poco dopo il rumore del tonfo sul letto del fiume. Mi sono precipitato giù lungo la scarpata e a Sonia ho urlato di chiamare i soccorsi. Il terreno aveva una fortissima pendenza e per scendere mi sono aggrappato ai ciuffi d’erba. Sono arrivato su precipizio e ho visto Mari sul greto del fiume. Era notte, ma con la frontale ho cercato un passaggio per scendere anche se era esposto e pericoloso, ma non avevo la percezione del pericolo…
Aggrappandomi a tutto quello che c'era sono arrivato sul greto del fiume e ho raggiunto Mari che era priva di sensi e perdeva sangue dietro la testa. Il battito c’era, ma respirava male perché aveva la testa riversa a penzoloni tra due sassi. Così mi sono tolto lo zaino e con delicatezza gliel'ho messo sotto la testa, facendole da ponte e per evitare il soffocamento in caso di vomito.

Prendo il telefono, c'è segnale: chiamo il 118 alle 21.29, chiedo intervento urgente in codice rosso con elisoccorso per ragazza priva di conoscenza dentro un fosso in montano sotto Rio Re, fornisco le coordinate geografiche WGS 84 che ricavo dal mio GPS; non avevo più contatto con Sonia perché ero troppo in basso, chiamo il 118 varie volte ma mi dicono che non è così semplice trovare un elicottero abilitato per il volo notturno e il recupero in montagna.
Il primo soccorritore arriva dopo 1 h 45 e ci mettono 20 minuti per scendere in sicurezza con le corde,; non possono intervenire su Mari, preparano la lettiga per il trasbordo in elicottero, preparano l'area e tengono i contatti per l'elisoccorso. Da quando avevo raggiunto Mari riempivo la borraccia morbida nel fiume e gliela mettevo nella testa dove c'era l'ematoma e la chiamavo per vedere se reagiva, avevo perso la percezione del tempo, mi sembrava un'eternità; arriva un primo medico ma era troppo anziano anche solo per scendere dal sentiero, sentivo le radio dei soccorritori tutti impegnati per l'emergenza in atto. Arriva l'elicottero, ma si ferma al campo sportivo: non è abilitato a operazioni in quella zona, ne chiamano un'altro dell'Aeronautica Militare ma ci vorrà del tempo, nel frattempo con le corde fisse calano la dott.ssa Paola Magnani (una persona SPLENDIDA), arrivano anche le sue infermiere, e anche a loro devo un particolare ringraziamento, iniziano subito le operazioni per stabilizzarla; per quello che ho potuto ho dato una mano, poi iniziano delle manovre più invasive e incomincio a stare male.
Comincio a 'sfarfallare', la dottoressa lo capisce e mi fa allontanare con la scusa che di lì a poco sarebbe arrivato l'elisoccorso; chiedo di poter salire a bordo ma non è possibile e una persona del soccorso alpino mi accompagna al sentiero risalendo dalle corde fisse. Arrivati all'auto forestale ci sono i miei compagni che mi stavano aspettando, appena salito una persona del soccorso mi dice che avevo sbagliato strada; ed io gli ho risposto "sono proprio un imbecille". Non stavo bene, avevo bisogno di imminenti cure, sono diabetico ed ero in iperglicemia oltre i 500, il mio sensore non riusciva più a rilevare il valore del glucosio. Mi accompagnano alla macchina e mi inietto l’insulina: quando faccio sport non ho mai avuto bisogno dell’insulina, ma degli zuccheri, però in questa situazione tutto è cambiato, arrivano da Castelnovo i miei amici Stefano Galeazzi e Roberto Giovanelli, che unitamente a Sonia Evelyn e Gimmy non mi hanno mai lasciato solo, andiamo al campo sportivo dove è presente l'elicottero del 118. Chiedo dove l'avrebbero portata e, di nuovo, se potevo salire; mi rispondono che la decisione della destinazione era di competenza del medico e comunque io non potevo salire. 

Credo fossero le 2.30, ero distrutto al campo sportivo, era presente Rosanna Bacci che mi ha invitato ad andare a casa sua e di Paola a recuperare un po' le forze; i miei amici mi convincono e così andiamo, l'elicottero dell'Aeronautica non si vedeva arrivare. Decido di andare a Castelnovo e Roberto mi accompagna, gli altri amici rimangono al capo sportivo per tenermi aggiornato quando l'elicottero fosse partito e dove avrebbero portata Mari; intano gli amici Gianni Zannoni e Nicolo Provettini, che avevano corso il percorso medio dei 19 km (anche su questo percorso medio si sono persi, perché il percorso non era segnalato bene) si sono adoperati fino allo stremo delle loro forze per portare le bombole dell'ossigeno e mantenere in vita Mari.

Mentre scendevamo verso Castelnovo abbiamo incrociato l'elicottero militare, con mille difficoltà Mari è stata recuperata e trasportata al Maggiore di Parma: Io, arrivato a Castelnovo, sono andato a casa di Renzo dove era presente anche Giuseppe (i fratelli di Mari), gli ho riferito che avevo sbagliato il sentiero e raccontato la dinamica dell’incidente; sono stati di grande conforto perché mi hanno subito detto di non sentirmi in colpa, ma io me la sentivo tutta, io e i fratelli di Marisa, Renzo e Giuseppe, ci siamo diretti a Parma, arrivati in rianimazione ci hanno detto già da subito che il trauma che aveva non dava speranze di recupero: era solo una questione di tempo. Alla mattina rientriamo a Castelnovo, verso le 13 ci richiamano a Parma e ci dicono che Mari ha smesso di respirare autonomamente e l'elettroencefalogramma è piatto, per cui alle 13.23 è stata dichiarato il decesso. Ci chiedono se siamo disponibili a donare gli organi, accettiamo, almeno che per tutti noi che stiamo soffrendo e per tutti coloro che si sono adoperati per salvarla, rischiando anche a loro volta la vita, tutta questa tragedia abbia almeno un lato positivo che salverà altre persone.

Domenica mattina i miei amici mi dicono che il sindaco Manari emette già la sua condanna informando gli organi di stampa che era colpa nostra perché avevamo imboccato un sentiero sbagliato. Ristampo la cartografia ufficiale del trail, ricontrollo ma sono convinto di aver seguito il tracciato indicato in cartografia, alle 9.30 circa ricevo la telefonata del maresciallo dei Carabinieri di Ligonchio che insieme a Sonia ci convoca in caserma.
Nell'interrogatorio mi chiede perché abbiamo imboccato un sentiero chiuso non più utilizzato: gli rispondo che il sentiero è aperto e segnalato, e la cartografia del trail indicava di seguire il sentiero 637 fino al ponte Rio Rimale; il maresciallo mi dice che dovevamo continuare la strada forestale e prendere una variante, gli faccio notare che nella mappa non è presente tale indicazione e che all'incrocio non c’era nessuna indicazione di proseguire per la strada forestale, né c’era nessuna inibizione a prendere il sentiero 637. L’interrogatorio dura parecchie ore. 
Alla luce di tutto ciò, nel pomeriggio sono tornato del luogo dell’incidente e sono andato rilevare il tracciato che il maresciallo mi aveva indicato, l’ho rilevato con il gps, allego la cartografia, ma posso asserire con certezza che io ho seguito fedelmente il percorso indicato nella mappa del trail.
La Magistratura farà il suo corso e accerterà la verità.

Castelnovo ne’ Monti, 13/08/2019

Paolo Fabbiani

Martedì, 13 Agosto 2019 16:20

Triggianello (BA) - 4^ Birratona

10 Agosto - Metti un pomeriggio inoltrato d’estate in Puglia, a Triggianello; metti oltre trecento podisti vestiti a maschera con tanta voglia di divertirsi; metti un organizzatore a coordinare il tutto, con la collaborazione della presentatrice/co-organizzatrice (e dell’Associazione culturale Tribirra); metti tanta musica e un bravo dj; metti tanta birra da bere ad ogni giro; metti la voglia di stare insieme, di socializzare, di ridere, scherzare, vivere…. ecco la Birratona!

Triggianello è una piccola frazione tra i comuni di Conversano e Polignano a Mare, vicinissima anche a Monopoli e Castellana Grotte, tradizionalmente celebre per le caratteristiche bracerie, per lo stabilimento di birra artigianale (Birranova) e per la Festa della Birra, che si svolge a fine luglio-inizio agosto.

Due esperti podisti, marito e moglie, Francesco Fanelli e Margherita Sisto, hanno qualche anno fa l’intuizione geniale: perché non organizzare una manifestazione non competitiva dove gli atleti per un’ora percorrono un giro di circa un chilometro e al ristoro trovano della buona birra, con l’obbligo di berne un bicchiere ad ogni giro?
La Birratona è creata, si aggiunge l’idea di far vestire i partecipanti, suddivisi in gruppi, in costumi carnevaleschi secondo un tema: quest’anno era il Cinema, e gli iscritti hanno dato sfogo alla fantasia.
Chiaramente non si partecipa per vincere, non esistono primati, ma solo tanta voglia di divertirsi, di muoversi, scherzare, ridere, nel finale ballare e la festa, e che festa, è fatta!

Dieci euro il costo dell’iscrizione, con ritiro della simpatica t-shirt celebrativa e del bracciale che permette l’accesso libero in ogni luogo della manifestazione, oltre chiaramente al poter bere la birra ad ogni passaggio.

Trecento era il numero massimo di partecipanti, ma l’iscrizione possibile fino alle 18.00 (con soprattassa di 5 euro) porta a superare la quota, con gli organizzatori impossibilitati a dir di no.
A disposizione dei corridori anche alcuni bagni chimici; a presentare la brava (e già citata) Margherita Sitato, vestita come la Tiffany della famosa colazione.
Il momento più bello è quando i partecipanti, oramai vestiti a maschera, si presentano in piazza: alcuni travestimenti sono davvero perfetti, anche il pubblico – inizialmente freddino – comincia a ridere e ad essere pian piano coinvolto, la festa è cominciata.

I partecipanti sono divisi fra: I Gladiatori, La DOF e i pirati della Birra, Quelli dei gradini, Gay Watch, AC Avanti Chri, Laura & friends, Chigago, Minions, Finetron, Gli Adams, Il medico della Mutua, IT, Arancini Meccanici, Fenice, Vagabondi Polignano, Ciac si gira e si beve, Il polpo è bello, Amici della Corsa, Grease, Pirati dei Caraibi, Arancia Meccanica, Gli agguandati, Beer Watch, Coppa Cobram, Ghost Runners, Stato Confusionale, Gli Autentici.

Per la prima volta assisto a una partenza rallentata, Margherita comanda il via, ma nessuno si muove, pian piano ecco avanzare per primi i Minions, a seguire tutti gli altri gruppi. Il giro prevede anche un tratto di sterrato, un punto foto, ma soprattutto il punto doccia dove un simpatico addetto provvede con tubo di gomma a bagnare il malcapitato di turno, mentre dall’alto scendono bolle di sapone e tanta musica si diffonde, tra le risate generali. Il giro si conclude in piazza al ristoro dove tanta birra (c’è anche acqua , ma è quasi nascosta) disseta e allevia i pensieri…
Man mano che si va avanti, il tasso alcolico cresce, cresce anche la voglia di svagarsi, aumentano le risate, gli scherzi, i selfie, le foto, gli sfotto… Sono scene impossibili da descrivere, sono momenti di vita intensa, è un’esplosione di gioia, di voglia di vivere, di stare insieme. E gira che ti rigira, l’ora di percorrenza è quasi trascorsa e Margherita annuncia trattarsi dell’ultimo giro: qualcuno desiste, qualcuno va a prendersi un panino, un panzerotto, qualche altro continua imperterrito per guadagnarsi un altro bicchiere di birra.

Stop, manifestazione terminata, si passa alla fase due quando la piazza diventa un’enorme discoteca a cielo aperto, i corridori si lanciano in balli frenetici: spaventose le due famiglie Adams, attenti alle spade dei Gladiatori, ai fucili dei Ghost Runners, è una danza frenetica, è una tribù che balla.
Oltre mezzora di balli e di trenini, ma bisogna passare al momento della consegna dei riconoscimenti ai gruppi meglio vestiti e truccati, che più si sono messi in mostra: si comincia con I Gladiatori, i DOF e pirati della birra, i Gay Watch, i Chigago, i Minions, i Finestron, Gli Adams, Il medico della mutua, i Ghost Runners e, infine, i più belli e perfetti, Gli Autentici di Laura Tassielli, uno spettacolo nella spettacolo, spaventosamente Adams.
Una targa alzata come la Champions League, ciascun gruppo festeggia soddisfattissimo, piccola delusione per gli altri, ma la pronta decisione di rifarsi tra un anno.
Ma in realtà c’è tanta soddisfazione, tanto piacere, il giusto modo per una sera di muoversi senza l’isteria di cronometri, tempi e classifiche, con la possibilità di conoscere tanta nuova gente.

Francesco e Margherita hanno fatto centro anche quest’anno, la Birratona è stata un successo, tra 12 mesi (tranne nuove edizioni natalizie) gli iscritti saranno ancor di più, vogliosi di partecipare a questa straordinaria festa.

 

 

 

10 Agosto - Doppio successo azzurro nella 10^ Maratonina di Scorzè (Venezia), con le vittorie di Eyob Faniel e Giovanna Epis, entrambi in preparazione per la maratona dei Mondiali di Doha.

Con partenza alle ore 20.30, gli atleti hanno sofferto le temperature comunque elevate, oltre 30 gradi al via: per i nostri azzurri un ottimo test in condizioni ambientali e di orario simili alla maratona mondiale (alla mezzanotte locale del 27 settembre per le donne e del 5 ottobre per gli uomini).

Il 26enne Eyob Faniel (Fiamme Oro) si è imposto in 1h09:04, al termine del previsto “lungo”, senza forzare, distanziando nel finale i keniani Dennis Bosire Kiyaka (Atl. Dolomiti Belluno), secondo in 1h09:53, e Julius Kariba Njeri, terzo in 1h11:13. Per Faniel è il secondo successo della carriera in questa manifestazione, dopo quello del 2016; il vicentino torna ora in raduno in quota, fino al 6 settembre, a Saint Moritz, in Svizzera.

“Lungo” anche per la 30enne Giovanna Epis (Carabinieri) che si è imposta in 1h16:55, cambiando ritmo solo negli ultimi 4 chilometri, e staccando la ruandese Clementine Mukandanga (Runner Team 99), seconda in 1h17:45, e la keniana Purity Gitonga, terza in 1h19:34, ma all’inizio solitaria in testa. Quarta la barese Teresa Montrone (Alteratletica Locorotondo) in 1h22:03. La Epis torna ora in raduno a Livigno, dove rimarrà per due settimane.  

317 gli arrivati al traguardo.  

10 Agosto - Nella seconda giornata dei Campionati Europei a squadre, in corso di svolgimento a Bydgoszcz (Polonia), grande vittoria di Yeman Crippa sui 5000 metri in 13:43.30 , protagonista di una grande rimonta dopo un inizio lento.  Infatti, il trentino, favoritissimo della vigilia, ha cambiato letteralmente passo a 600 metri dal’arrivo, andando a recuperare prima il tedesco Amanal Petros (terzo in 13:50.45, ma poi squalificato), e poi, a 300 metri dall’arrivo, lo svizzero Julien Wanders (secondo in 13:45.31), riuscendo anche a richiedere negli ultimi metri gli applausi del pubblico, concludendo quasi al passo. Terzo è diventato poi il francese Hogo Hay in 13:58.20.

“Non è finita qua – dichiara Crippa al sito della Fidal - questo era soltanto il primo obiettivo, domani ci riprovo anche nei 3000. Me la sono giocata bene, ho gestito la gara, con la sola eccezione del terzo giro, quando sono scappati via il tedesco e lo svizzero. Sono arrivato fresco ai 600 metri, e come avevamo deciso con il mio allenatore, sono partito proprio in quel momento. I 10.000 a Doha? Mi auguro di esserci, purtroppo il tempo della Coppa Europa di Londra non basta e quindi devo aspettare il ranking, altrimenti c’è l’ipotesi di una gara il 31 agosto ma ho paura di sballare un po’ il percorso di avvicinamento. Quella di oggi è una vittoria che mi dice che stiamo lavorando bene, soprattutto sull’ultimo giro, e sul cercare di mollare il meno possibile. Siamo a buon punto”.

Secondo posto, invece, per Marta Zenoni sui 3000 donne, che sfiora il successo e dimostra di essere oramai recuperata. La quasi 20enne, all'esordio in azzurro, dopo una gara perfetta di attesa, all’ultimo giro  lancia l'attacco in testa, seguita solo dalla svedese Yolanda Ngarambe e dalla spagnola Solange Andreia Pereira. Ma nel finale, la svedese passa la Zenoni e va a vincere in 9:07.67, con l’azzurra felice seconda in 9:08.34 sulla Pereira, terza in 9:09.76.

 

10 Agosto - E’ triste l’aggiornamento di poche ore fa: la 48enne Marisa Moretti, caduta ieri sera durante il trail Centrale Night Trail, è purtroppo deceduta.

Di seguito le prime notizie che erano giunte sulla disgrazia.  

Terribile incidente durante il Centrale Night Trail che si è disputato ieri sera a Ligonchio, in provincia di Reggio Emilia: verso le 22.30, una donna di 48 anni, residente a Castelnuovo ne’ Monti, che partecipava alla 13km, è caduta in un dirupo procurandosi un trauma cranico e un forte trauma del massiccio facciale. La donna è scivolata in un impluvio dove sono presenti numerose rocce sporgenti, finendo nei pressi del torrente Rio Re.

Gli organizzatori hanno immediatamente chiamato il 118 con il pronto intervento di una squadra del soccorso alpino della stazione Monte Cusna, di una ambulanza della Croce Verde di Busana e dell’automedica di Castelnovo Monti, oltre all’elisoccorso di Bologna che è atterrato al campo sportivo di Ligonchio.

Raggiunta la signora, valutata la criticità della situazione e le difficoltà di recupero della ferita, i soccorritori hanno deciso di chiedere l’intervento di un elicottero della Marina Militare decollato da Luni (Sarzana, La Spezia): la sfortunata atleta è stata caricata con l’utilizzo di un verricello e portata al campo sportivo di Ligonchio, dove è stata trasferita sull’elisoccorso di Bologna che l’ha trasferita all’ospedale Maggiore di Parma dove è ricoverata in Rianimazione.

Il trail si svolgeva in notturna nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano su tre percorsi di 27, 19 e 13 km  tra i sentieri da sempre utilizzati dai pastori; era organizzato dalla Pro Loco di Ligonchio per festeggiare il centenario dell’inizio della costruzione della locale centrale idroelettrica.   

Mercoledì, 07 Agosto 2019 14:09

Doping: sospeso il campano Vincenzo Del Prete

Vincenzo Del Prete, atleta SM40 tesserato per la Podistica Frattese, a seguito dell’istanza della Procura Nazionale Antidoping, è stato sospeso per essere risultato positivo alle sostanze efedrina - oxilofrina – betametasone al termine della gara disputata il 6 luglio a Marcianise, in provincia di Caserta, dove era giunto 4° assoluto, secondo di categoria, in 35:15.55, su 464 finisher.

Ecco il comunicato Nado:

La Prima Sezione del TNA, in accoglimento dell’istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare il sig. Vincenzo Del Prete (tesserato FIDAL) riscontrato positivo alle sostanze Efedrina – Oxilofrina - Betametasone a seguito di un controllo disposto dal Ministero della Salute (SVD) ex lege 376/2000 al termine della gara podistica "Memorial Andrea Ferone” svoltasi a Marcianise il 6 luglio 2019.

 

 

 

Martedì, 06 Agosto 2019 18:39

Castellana Grotte (BA) - 9° Trofeo Grotte

4 Agosto - L’attività podistica pugliese non si ferma neanche d’agosto e, come da tradizione, la prima domenica si corre il Trofeo Grotte a Castellana Grotte, giunto alla nona edizione ed organizzato dalla locale Associazione Atletica Freedogs, società sempre attiva e in movimento.

Il raduno è fissato in Piazzale Anelli, nel mezzo della zona che accoglie i visitatori ed apre alle Grotte, oramai una città nella città. Poco lontano, ampi parcheggi gratuiti permettono di “liberarsi” con comodità della propria vettura; bagni chimici, bar, pineta con panchine, massaggi, garantiscono ogni genere di confort ai podisti ed accompagnatori.

Rapido il ritiro di pettorali e chip; la quota d’iscrizione, pari a 6 euro, garantisce il premio di partecipazione, consistente in una sacca in tessuto contenente numerosi prodotti alimentari. 

Valevole come 6^ prova del Circuito Provinciale Terra di Bari, registra l’iscrizione di 533 atleti Fidal, ai quali si aggiungono circa 250 liberi. Giornata soleggiata, calda, ma mitigata dal vento di maestrale che permette di respirare ed eviterà gli svenimenti di un anno fa per l’afa.

Il tracciato, di 10000 metri esatti, risulta tecnico e difficile, sicuramente mai banale con partenza sul Viale che porta alle Grotte, svolta a destra per proseguire su via Foggia di Maggio (km 1), in discesa, verso contrada La Cupa (km 2). Seguono salita e discesa verso e da contrada Genna con il passaggio alla Chiesa di San Nicola (km 4), per poi avviarsi su strade vicinali fino all’ingresso nella città, passando acconto alla Chiesa della Madonna della Grotta (km 7), per attraversare la Villa Comunale Tacconi (per anni quartiere logistico della manifestazione) e Viale Aldo Moro. Di qui lo spettacolare e caratteristico passaggio nel centro storico (km 9) e nella centralissima piazza Garibaldi, per poi svoltare a sinistra e prendere la salita conclusiva, lunga più di 1000 metri, che riporta sul viale di arrivo e al traguardo concludendo la distanza.

Tracciato blindato ad ogni tipo di mezzo a motore, con i giusti rifornimenti con bottigliette d’acqua, davvero “croccante” come l’ha definito lo speaker della manifestazione. Già, lo speaker, Paolo Liuzzi, la voce più amata dai podisti pugliesi con il suo saper sempre aggiungere qualcosa alla manifestazione che presenta, rendendola interessante per tutti gli spettatori presenti, persino i meno interessati. 

Segreteria organizzativa e rilevamento tempi sono affidati alla Icron, che collabora con il Gruppo Giudici di Molfetta nella compilazione delle classifiche. Partenza fissata per le ore 18.00 e i podisti spariscono brevemente per riapparire tutti colorati indossando le  divise sociali; cominciano le tradizionali operazioni di riscaldamento, ma con giusto anticipo gli atleti sono tutti dietro la linea di via, pronti per partire.

Ottenuto l’assenso dai vigili, il giudice capo Luigi De Lillo può sparare il colpo di pistola che libera gli atleti che invadono le strade: deciso il passo dei primi, notevolmente lento nelle retrovie, dove – tra i liberi - ci sono intere famiglie e mamme con passeggini.

Frattanto, in testa, è già lotta a tre, come da previsioni: il neo papà Rodolfo Guastamacchia, il siepista Angelo Didonna e il rientrante Francesco Quarato. Al femminile, è duello tra Casaluce e Rella, con la prima ad avvantaggiarsi in piano e in discesa e la seconda a recuperare in salita…

Purtroppo, il tracciato con giro unico non permette di rivederli, ma la segnalazione di radio corsa parla oramai di un uomo solo al comando. E, in effetti, ecco apparire la canotta celeste, in un attimo Francesco Quarato (Team Pianeta Sport Massafra) va a prendersi ogni rivincita contro il mondo intero, contro quel medico che non gli aveva dato l’idoneità medico-sportiva e l’aveva portato quasi ad abbandonare: grida Francesco, grida, la vittoria è tua!
Francesco vince in 35:29 sotto lo sguardo amorevole della sua Alessia, colei che l’ha sorretto in questi momenti difficili, insieme ai dirigenti della sua società.

E’ secondo in 35:48, Guastamacchia (Atleticamente Modugno): Rodolfo sorride, il pensiero in questo momento è più al piccolo, di gare ne ha vinte tante! Angelo Didonna (Amatori Atletica Acquaviva), sempre brillante, deve accontentarsi del terzo posto in 36:09, la sua è stata sinora una stagione stressante, densa di appuntamenti. Per il quarto posto si assiste allo sprint tra il padrone di casa, Sebastiano Di Masi, e Nuccio Biusto (DOF Amatori Turi): a dieci metri dall’arrivo, l’elegante passo indietro di Nuccio, e Seba va a tagliare il traguardo in 36:23, tra il boato della gente, un secondo primo dello sportivissimo Busto. L’abbraccio e la stretta di mano post traguardo tra i due sono poi da icona Fair-play! 
Sempre combattivo Michele Di Carolo (Atl. Amatori Cisternino) è sesto in 36:47, a precedere il “lucano di Puglia” Antonio Francolino (Fiamma Olimpia Palo), settimo in 37:36 e il “pelado” Giuseppe Tatulli (Bitonto Runners), che con i capelli corti vola e chiude ottavo in 38:01. Il leggerissimo Marco Patruno (Amatori Putignano) è valido nono in 38:02, con Francesco Minischetti (Running People Noicattaro), a continuare la sua stagione d’oro, decimo in 38:06.

In campo femminile, al termine di uno splendido duello, Milena Casaluce (Nuova Atletica Bitonto) riesce a resistere al fantastico recupero nell’ultima lunga salita di Rella e va ad imporsi in 43:45 precedendo Rosita (N.E.S.T. Lecce) di soli sei secondi: complimenti alle due ottime guerriere! E a proposito di guerriere, ecco Maddalena Carella (La Fenice Casamassima) giungere terza in 44:20, per un podio tutta grinta.

La bravissima Stella Giampaolo (Atletica Monopoli) è quarta in 45:48, incalzata dalla capace Rosa Cafagna (Futurathletic Team Apulia), quinta in 46:52, e dalla reattiva Lavinia Orlando (DOF Amatori Turi), sesta in 46:56. Tutto l’impegno di Rosa Di Tacchio (Maratoneti Andriesi), settima in 47:25 per precedere la determinata Filomena D’Adamo (Bitonto Runners) ottava in 47:34, e la capace Stefania Antonaci (Bio Ambra New Age Caoyursi), nona in 48:02; Adriana Dammicco (Atletica Bitritto), ancora in rodaggio dopo la vacanza, chiude la top ten femminile in 48:08.

513 i finisher, con l’86enne Vincenzo Mirizzi (Atletica Bitritto) a chiudere in 1h23:43 e a liberarsi dell’ultimo posto a danno di Tiziana Catella (Taras Taranto), che chiude gli arrivi in 1h25:14, scortata dall’ottimo Walter Vivian, oggi in versione ciclista “fine corsa”.

Un ristoro finale con frutta ed acqua apre al pasta party seguente che prevede un piatto di ottime orecchiette con sugo di funghi cucinate dagli abili cuochi-docenti dell’Istituto Alberghiero Consoli Pinto, fiumi di birra e frutta. Nel post premiazioni, la possibilità di bissare la degustazione è oramai libera e in tanti ne approfittano… E, quando si mangia e si beve, è sempre più facile fraternizzare e dar vita a nuove amicizie reali!

Frattanto è cominciata la cerimonia di premiazione: sono presenti il sindaco di Castellana, Francesco De Ruvo, con gli assessori Lucia Simone, Giovanni Sansonetti e Maurizio Pace, il presidente del CDA della società di gestione delle Grotte di Castellana, Victor Casulli, con il vice Francesco Manghisi e la consigliera Maria Lacasella. Graditi i loro interventi, come quello dello stanco Pasquale Luisi, il presidente dell’Atletica Castellana, visibilmente distrutto ma soddisfatto.
E, con la presentazione quanto mai effervescente di big Paolo, ecco attribuire i giusti onori ed applausi ai due vincitori assoluti, Quarato e Casaluce, premiati con trofeo e confezione di prodotti enogastronomici a km 0, per passare ai primi cinque di tutte le categorie per fascia di età, con i primi tre premiati con la suddetta confezione e i rimanenti due con una coppia di bottiglie di vino.

A seguire, ecco la consegna del riconoscimento per le prime cinque società per numero complessivo di atleti giunti al traguardo, con consegna di simpatiche medaglie (vince la DOF Amatori Turi con 36 finisher, su, nell’ordine, Avis in Corsa Conversano -33, Atletica Monopoli -28, Amatori Putignano -26, La Fenice Casamassima – 25).

L’estrazione del viaggio, albergo, pettorale per La Maratona di Firenze offerta dall’agenzia amica dei podisti, Vivi e Sorridi di Bari, premia al primo colpo Antonio Fiore della Runners del Levante di Bari.

I saluti di Paolo e di tutte le autorità presenti concludono definitivamente la manifestazione, con la mente già rivolta alla prossima edizione, quella del decennale. Per gli ospiti la possibilità di continuare la serata assitendo al concertone dei Terraross in programma poco minuti dopo, sull’ampio palco centrale nell’ambito del programma di “Grotte d’Estate 2019”.  

In conclusione, manifestazione ben gestita e ben riuscita, andrà solo migliorata la zona arrivi, con la presenza di un addetto che tenga dietro il pubblico che ha sempre più invaso la sede stradale durante gli arrivi degli atleti. Per il resto la solita bella ed accogliente manifestazione, con il tradizionale e difficile percorso, che a me piace tanto e che mi fa rimpiangere di non gareggiare più!

 

4 Agosto - A meno di 24 ore di distanza dal successo a Massa, Sara Dossena (Laguna Running) ha vinto la 22^ edizione della Corrida di San Lorenzo, a Zogno, in provincia di Bergamo, organizzata dall’Atletica Valle Brembana.

Con partenza alle 20.35, sul circuito di 1 chilometro da ripetere 4 volte, la 34enne nazionale italiana si è subito messo al comando staccando le rivali già dal secondo giro, per andarsi ad imporre in 13’09”5, nuovo record del tracciato che migliora di 12 secondi il precedente primato stabilito da Margherita Magnani due anni fa. Seconda è giunta Federica Zanne (Esercito) in 13’30’7, con Laura Dalla Montà (Assindustria Sport Padova), terza in 13’33”9. Quarta è la SF55 Marta Esteban (Serrano Club), classe 1961, in 13’35”3 su Silvia Oggioni (Pro Sesto Atletica), quinta in 13’41”2 e Sara Brogiato (CS Aeronautica), sesta in 13’52”6. Segue la prima atleta di casa, Gaia Colli (Atl. Valle Brembana), settima in 13’54”6, che precede Gloria Barale (CUS Torino), ottava in 14’03”1, Deborah Oberle (GS Bernatese), nona in 14’12”7, e Giulia Vettor (CUS Parma), decima in 14:32.5.

Una distanza inusuale per la maratoneta di Clusone, già proiettata verso la maratona mondiale del 27 settembre a Doha, che si è detta soddisfatta dell’ottima condizione attuale che spera di mantenere appunto sino ai Mondiali, rimanendo concentrata sull’obiettivo più importante senza esagerare. Anche perché, secondo la portacolori azzurra, si tratterà di una gara non semplice, da correre in condizioni particolari (si partirà alla mezzanotte locale, per combattere il caldo - ndr), dove probabilmente non vincerà la più forte.

Nella gara maschile, partita alle 21.45, con il circuito da ripetere 8 volte, vittoria del 26enne Eyob Ghebrehiwet Faniel (Fiamme Oro Padova) in 23’43” sul compagno di squadra Pietro Riva, secondo in 23’47”, e su Ahmed El Mazoury (Atletica Casone Noceto), terzo in 23’50”. Quarto un altro esponente della Casone Noceto, Ahmed Ouhda in 24’09” su Michele Palamini (GA Vertovese), quinto in 24’11”. Sesto il valdostano René Cuneaz (CUS Pro Patria Milano) in 24’19”, seguito dal primo atleta di casa, Pietro Sonzogni (Atl. Valle Brembana), settimo in 24’33”; ottava posizione per Vasyl Matviychuk (GS Gabbi) in 24’35”, che precede l’altro atleta di casa, Nadir Cavagna (Atl. Valle Brembana), nono in 24’41”, e Marco Giudici (Sport Project VCO), decimo in 24’49”.

Infine, nella spettacolare 10^ edizione della Highlander Run, gara ad eliminazione su un circuito cittadino di 480m, vittoria di Yassine Bouih (Fiamme Gialle) sugli ottocentisti Stefano Migliorati (C.S. San Rocchino) – campione uscente - e Giovanni Filippi (U.S. Rogno). Quarto è l’emiliano Riccardo Tamassia (Trevisatletica) che precede Enrico Riccobon (Atl. Brugnera Friulintagli), Edoardo Melloni (CUS Pro Patria Milano), Francois Marzetta (DK Runners Milano), Luca Leone (CUS Pro Patria Milano), Stefano Ghenda (Trevisatletica), Samuel Medolago (Atl. Valle Brembana), Nabil Rossi (Atl. Valle Brembana) e Matteo Vecchia (DK Runners Milano).

Domenica, 04 Agosto 2019 15:05

Terlizzi (BA) - 2^ Corri col Carro

2 Agosto - Una sana festa di sport la seconda edizione della “Corri col Carro” a Terlizzi. Ma allo sport, alla corsa a piedi, al running (come si dice ora), si sono unite componenti sociali e religiose a farne un evento che ha coinvolto l’intera città.

Oltre 1000 iscritti, suddivisi tra la 5 e la 10 chilometri, entrambe non competitive, a farmi considerare che la “Corri col Carro” sia quasi la Dee-Jay-Ten di Puglia, una corsa-passeggiata in libertà, senza vincoli, aspettative, cronometri, ma tanta voglia di correre, divertirsi, socializzare, stare insieme. 
Partita dodici mesi fa come una scommessa, è divenuta quest’anno una richiesta della città, da inserire nel calendario degli avvenimenti della Festa Maggiore, con il tradizionale e caratteristico Carro che trasporta l’immagine della Madonna di Sovereto dall’alto dei suoi 22 metri.
E proprio davanti al Carro, fermo su Viale Roma, davanti alla Scuola Primaria “Don Pietro Pappagallo”, è fissato il raduno dei partecipanti, con l’intera zona ben transennata e chiusa a mezzi ed ad ogni intromissione non consentita.

Dieci euro la quota di iscrizione, con ritiro di una sacca in nylon contenente maglia tecnica celebrativa (con possibilità di scegliere la taglia), integratori, pasta, tarallini, buoni sconto e bracciale della manifestazione. Il punto iscrizioni è preso d’assalto anche a qualche minuto dalla partenza, ci sono rappresentanti di tutte le province pugliesi, nessuno vuole mancare all’evento. 
Ma l’evento è già, in realtà, cominciato dal pomeriggio: sull’ampio palco ci sono state esibizioni di ballerini, scuole danza: ogni genere di “movimento” viene qui esaltato.
D’altronde ad organizzare è la locale palestra Planet Gym, con la direzione dell’evento a cura dal gruppo terlizzese della Free Runners Molfetta: Antonio Vitagliano, Antonella Colasanto, Antonello Tamborra, Gianni Lorusso e…
Sono proprio quest’ultimi gli ideatori e i realizzatori di questa manifestazione, coloro che anche il sindaco di Terlizzi, Ninni Gemmato, l’anno scorso in corsa e oggi comunque presente, ha ringraziato pubblicamente per aver dato vita ad “una festa dello sport, ma anche un mega spot pubblicitario per far conoscere fuori paese la Festa Maggiore. Anche così si costruisce l'immagine vincente di una città, anche così si dà un po' di ossigeno all'economia di Terlizzi”, le sapienti parole del primo cittadino. In gara, in compenso, la consigliera comunale con delega allo sport, Marilisa Tricarico.

A presentare la manifestazione la voce degli eventi di atletica su strada, big Paolo Liuzzi, affiancato dalla bravissima Rosangela Mercuri, con quest’ultima a seguire più il costume, il sociale.  Alle ore 20.00 la partenza con tutti i partecipanti ordinatamente schierati dietro la linea di via, con gli iscritti alla 10km, pettorale rosso, avanti; più dietro quelli della 5 km, pettorale blu, tanti ragazzini e interi nuclei familiari.

Questa seconda edizione è un tutt’uno con la “Corsa degli Angeli”, il tradizionale evento organizzato dalla Fidas, dedicato alle giovani vite spezzate sulla strada; parte l’inno di Mameli, la gente spontaneamente lo canta, splendido il richiamo patriottico. 
Intanto apre la “fiaccola della speranza”, parte il tedoforo della maratona delle Cattedrali, è sempre uno spettacolo, un messaggio di fede e speranza. 

Tutto pronto, è comandato il via, si accendono fiamme pirotecniche laterali, si levano i coriandoli, l’effetto scenico è unico, da finale di “Champions league”, gli atleti invadono il viale, ciascuno secondo la propria andatura. 
Nuovo percorso, è studiato meglio rispetto allo scorso anno: il primo giro dopo circa 2500 metri riporta i protagonisti sul punto di partenza, la città è centralmente meno bloccata, fermata solo per un breve tratto.
Intanto ripassano i primi della 10km, ampio il distacco; mentre quelli della 5 vanno a concludere, gli altri proseguono in direzione Sovereto, sino al passaggio a livello, dove il giro di boa riconduce verso Viale Roma, per finire. 

Auto con musica a palla sul tracciato, luminarie a dar rilievo alla festa, è piacevole correre a Terlizzi, nonostante il clima afoso. Giro veloce e pianeggiante, blindato al traffico veicolare, diversi cittadini non comprendono ancora che in questi casi la sede stradale va lasciata libera ai partecipanti e attraversano incuranti, tra i richiami degli addetti. 

Tutto comunque si svolge ottimamente, Paolo e Rosangela citano tutti, proseguono gli arrivi della 5km, ma è già tempo di arrivo dei migliori della 10 km: Michele La Vista e Pasquale De Chirico concludono stringendosi  la mano, Pietro Tamborra segue a qualche secondo. Anche tra le donne la prima è della Free Runners, la mitica Silvana Iania che gioca in casa. 

Un applauso per tutti, Paolo chiede un sorriso a tutti gli arrivati, il troppo buio non favorisce le foto, ma la medaglia – bellissima, in legno, raffigurante il carro e un atleta - è per tutti, a ricordare questa splendida corsa. 
E poi il ristoro finale, acqua, gelato banana e il gustosissimo pizzarello: peccato che la troppa generosità porti gli ultimi a non trovare acqua: dalle prossime edizioni andrà gestito meglio, con più parsimonia iniziale. 
Acqua con consegna di bottigliette plastic free, costituite per il 30% da materiale vegetale, riciclabile al 100%: anche la difesa dell’ambiente è importante alla Corri col Carro. 

Applausi per tutti, viva soddisfazione, si respira un clima di piacevole rilassatezza post evento, tutti sono felicemente insieme. Ed è ora di estrazioni, il premio riguarda solo i due vincitori, divenuti tre per l’arrivo in abbinata maschile. Un bracciale a De Chirico, un viaggio-maratona per Firenze (offerto dall’amico dei podisti, Vito Viterbo, dell’agenzia barese Vivi e Sorridi), un monile anche per Silvana Iania e tanti premi per i fortunati estratti, dalla bici agli artistici porta medaglie, ai completini da corsa. 

E’ il momento dei saluti, la manifestazione si chiude, cala il sipario sulla Corri col Carro, tutto è filato via ottimamente. Ci fossero luci potenti a Terlizzi che permettessero di scattare foto su foto sarei davvero soddisfatto; per il resto c’è da elogiare questo gruppo che ha dato vita a una manifestazione che sembra davvero in crescita: il positivo passaparola che vige in questo mondo porterà senz’altro nuovi corridori ad essere presenti nelle edizioni a venire e a vivere questa fantastica festa.

 

3 Agosto - Nel primo dei suoi due impegni agonistici del week-end, Sara Dossena (Laguna Running) vince a Massa la "Attraverso le Mura" imponendosi in solitaria sugli 8,2 chilometri del tracciato in 26:40.
Secondo posto per la ruandese Clementine Mukandanga (Runner Team 99) in 27:30, terzo per la spagnola Marta Esteban (27:33), con l’altra azzurra Fatna Maraoui (Esercito) quarta in 27:38.

Tra gli uomini, sul percorso di 10.2 km, si è imposto il 24enne livornese Lorenzo Dini (Fiamme Gialle) in 29:26, precedendo il keniano James Kibet, secondo in 30:03, e il ruandese  Jean Marie Vianney Niyomukiza, terzo in 30:06.

 

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina