Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mar 19, 2020 Massimo Muratori 807volte

Ieri un modello, oggi untori “di prossimità”?

Un podista multato Un podista multato R. Mandelli

In questi ultimi giorni stiamo assistendo a un fenomeno tutto italiano, che conferma il detto “dalle stelle alle stalle“. La nostra categoria è passata da essere additata come composta da gente virtuosa che, grazie ad una regolare attività fisica, si mantiene in buona salute con evidenti benefici anche per la società tutta (in quanto meno soggetta a malattie che inevitabilmente andrebbero a gravare sui costi di una sanità pubblica in perenne affanno di fondi, viste le politiche di contenimento della spesa messe in atto dai governi degli ultimi anni), è passata – dicevo - al ruolo di incoscienti moderni untori (ndr: come descritto anche da questo nostro articolo) che spargono a piene mani o meglio a pieni polmoni milioni di virus covid-19.

Circola sui social la ”parabola” dell’uomo “di merda“ (letterale nel testo) che andando a fare la corsetta al parco si sloga la caviglia a si vede costretto a chiamare l’ambulanza che lo porta al pronto soccorso dove viene trattato,  ingessato e infine sottoposto al test risultando positivo asintomatico. A questo punto tutta l’equipe medica del PS viene messa in quarantena, con la consacrazione della definizione dell’incidentato come UOMO DI M*.
Tralasciando il dubbio che il personale dei PS tratti un infortunato senza le dovute precauzioni anti contagio (altrimenti non ci sarebbe più un medico in attività), mi piace evidenziare quanto la vicenda narrata sia alquanto tirata per i capelli, mettendo in fila una serie di circostanze al limite del paradosso; ma tant’è, come dicevo ‘dalle stelle alle stalle’.

Né ci vengono in aiuto le indicazioni/prescrizioni via via date da chi ci governa, per terminare con l’ultima, relativa all’Emilia Romagna, secondo cui l’attività sportiva si può praticare vicino alla propria abitazione: quanto vicino? Per il sedentario, dopo 100 metri “sono già lontano”, per un runner maratoneta, a 10 km “sono sempre sotto casa”.

Volevamo fermare il contagio? Ok: non si corre né vicino né lontano da casa (parafrasando un certo Nunzio Filogamo nel suo celebre saluto ai “cari amici”).

C’è poi una sottocategoria di runner che ha la fortuna di abitare in campagna con la possibilità di uscire di casa e essere già su sentieri/carraie, dove l’incontro più probabile può esser con una lepre oppure con un capriolo ( o addirittura sei, come è capitato a chi scrive durante un’uscita in MTB 10 giorni fa: e si badi, nella bassa Modenese, non in collina).

Anche riflettendo a lungo, trovo difficile capire come un tale soggetto possa infettare o essere infettato, quando l’umano più vicino si trova a km di distanza.

Sicuramente l’emissione di queste ordinanze è frutto del comportamento di un numero minoritario di persone che,  forse credendosi autoimmuni o solo più furbi, hanno generato situazioni di rischio creando assembramenti sicuramente da evitare. Quindi è giusto a questo punto comportarci come ci viene chiesto di fare ma, conoscendo gli italiani, i divieti avrebbero dovuto essere non interpretabili ma assoluti, e le sanzioni per i trasgressori pesanti, almeno in termini economici.

Una sola cosa egoisticamente mi consola in parte: causa infortunio sono fermo da quasi tre mesi e temo lo sarò ancora per un po’, la gara sarà tra la mia guarigione e la scomparsa del coronavirus: spero che arrivi molto prima la seconda e si possa tornare tutti alla normalità.

 

1 commento

  • Link al commento Venerdì, 20 Marzo 2020 10:29 inviato da Mark

    Non ho parole per l'odio che è montato sui social nei confronti dei runner. Ho (a questo punto a quanto pare per pochissimo) la fortuna di poter correre in carrarecce nei campi a 300m da casa in un piccolo "circuito" sterrato di 2km praticamente da solo, o al massimo incrociando altri educatissimi runner che tengono con grande attenzione le distanze richieste.
    Potrei anche correre su asfalto, su strade sulle quali si affacciano case, ma a quanto pare un divertimento in voga è quello di andare sul balcone ad insultare chi sta correndo e viste le minacce che girano, non vorrei essere vittima di qualche esaltato operatore di fionda o quant'altro. Da loro incoraggiato, invece portare fuori il cane in 4, fumare e chiacchierare e diffondere musica (di cattivo gusto) a tutto volume. Interpretazione personale di tutte queste persone, è che correre non sia consestito dai vari decreti, decretoni e decretini, ma così non è (a parte alcune regioni/comuni). Se siete abituati a stare in casa con Netflix e Sky buon per voi, ma non vomitate odio (e invidia?) nei confronti di chi può fare un'attività ancora legittima e salutare (lo dicono anche i virologi). Ahinoi, Spadafora (che di sport mi pare ben poco ne sappia) ci priverà anche di questo, ma un giorno torneremo a correre, spero tutti insieme e voi #iorestoacasa tornerete a minacciare i volontari agli incroci mentre corriamo le nostre mezze, 10k o tapasciate. Buona vita

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina