Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Lunedì, 01 Febbraio 2021 19:25

Ronda Ghibellina, sei bella e unica

1. Da buon suddito di San Geminiano, da più di quarant’anni consacro l’ultimo giorno di gennaio (che a Modena è festa comunque) alla “Corrida”. Ricordo di averne saltate due: una per andare alla maratona di Marrakesh e l’altra per la prima edizione della Ronda Ghibellina nel 2011 (ho fatto la Corrida persino l’anno scorso, 5 giorni dopo essere uscito dall’ospedale per un’operazione a un piede!). Ma quest’anno, come cantava Julio Iglesias, agli organizzatori “è mancatto il coradjo”; o forse sono tanti i bastoni tra le ruote messi dai benpensanti e dai ministri-bambini che non si fanno la barba, da indurre anche la gloriosa Fratellanza Modena a gettare la spugna con un cosiddetto “rinvio” che sa di annullamento, e la corsa virtuale utile solo per i selfie.
E allora si torna a Castiglion Fiorentino, dove gli organizzatori e gli amministratori sanno quello che fanno, adempiono tutti gli adempimenti, ci riempiono della modulistica necessaria a schivare o almeno attutire gli effetti dei controlli, e oltre tutto – vista la voglia di sport che legittimamente ci pervade – riescono a produrre il tutto esaurito negli alberghi della zona. Malgrado la durezza dei tracciati e la previsione di maltempo (che di questa stagione è quasi un must), sono almeno mille gli iscritti, e se ci aggiungiamo gli accompagnatori e familiari, due conti li potrebbero fare anche gli inventori dei ristori che non arrivano (al loro posto per ora danno… gli spugnaggi).
Doverosa la sosta ad Arezzo, una delle più belle città d’Italia (quella piazza Grande, dove si svolge la giostra del Saracino,  vale la piazza del Campo di Siena; aggiungi delle chiese favolose e tutte aperte; e dentro i tesori di Cimabue, di Piero della Francesca, i bassorilievi romanici, perfino il cadavere con spadone del vescovo morto nella battaglia di Campaldino dove combatté persino Dante). In più Arezzo è situata su una collina, come tantissime cittadine tosco-umbre (e compresa la stessa Castiglion Fiorentino che a sua volta è un gioiello), offrendo l’agio di visioni panoramiche; c’è la casa di Petrarca e la casa di Guido d’Arezzo inventore della musica moderna. Insomma, ce n’è per tutti i gusti, e c’è perfino il casello autostradale voluto dalla buonanima di Amintore Fanfani: che, certo, deviò l’autostrada in direzione della sua città piuttosto che farla passare da Siena o Perugia; ma almeno, quella autostrada, la costruì, segnando un passo decisivo verso la ricchezza degli italiani, eppure continuando a vivere una vita quasi monastica, in una comunità religiosa dove erano stati Dossetti, La Pira, Lazzati; mentre agli italiani costruì le “case Fanfani”, che stanno in pedi benissimo anche dopo 70 anni. Se penso ai politici d’oggi mi viene da piangere: specie se vedo la ressa incontrollata in piazza San Francesco di Arezzo (foto 10-11), dove centinaia di ragazzotti si accalcano a sbevazzare e baccagliare, spesso senza mascherine e cheek-to-cheek; ma i vigili e poliziotti saranno impegnati altrove a controllare che non si faccia podismo.


2. Ad Arezzo si mangia pure da Dio: i pici, la salsiccia e cipolla, i cantucci nel vin santo non saranno il cibo ideale del pre-maratona, sed primum vivere deinde philosophari. Anche la cena serale nel nostro albergo a 5 km dal ritrovo-gara (pieno di soli podisti) prevede un antipasto fisso di salumi vari, e poi penne al tartufo, patate fritte e per chi vuole, i dolciumi: proteine, carboidrati e gioia del palato, a parziale compenso del mancato tradizionale pasta-party offerto dall’organizzazione. Questa, sentendosi in colpa, ci ha ridotto le quote di iscrizione rispetto a quanto indicato in origine!
Maltempo con pioggia prevista al 75% per le ore di partenza (scaglionate a seconda delle distanze); la 15 km parte e si conclude il sabato sera, all’asciutto, con 130 partecipanti di cui 12 gareggeranno anche nella 25 di domenica, per la classifica combinata. Eppure alle 8, quando iniziano le partenze della gara clou dei 45 km (siamo più di 300, ci mandano via a gruppi di una decina, scaglionati ogni 20 secondi, e tutti con mascherina, dopo misurazione della temperatura), smette di piovere. Ci scambiamo esperienze e battute allegre tra vicini di griglia: mi trovo in mezzo a un gruppone di mantovani (Mantova, Moglia, Viadana, addirittura una Laila che ha quasi il mio cognome ed è nata a 12 km da dove sono nato io), che apprezzano Fabio Rossi e ringraziano Podisti.net per il servizio che sta rendendo in questi mesi.
La pioggia ricomincerà dopo un’ora, poi smetterà, addirittura con la comparsa di un pallido sole sotto il quale ci saranno i primi arrivi; poi tornerà più forte per noi scarsi che ci attardiamo oltre le 7 ore. È già un progresso rispetto a quell’esordio del 2011 quando corremmo sulla neve, e ci abbuonarono la salita alla vetta più alta (750 metri), in un percorso che i gps di allora stabilirono di 40 km. Quell’evento ormai lontano ci illude: io progetto di stare tra l’una e le due ore sopra le 6.58 di allora, ma dal km 4 in avanti la natura, sotto forma di pantano e di salite ripide non meno che scivolose, chiederà il conto a tutti.


3. Allora lo spauracchio diventa il cancello delle 7 ore al km 33: già dopo il secondo dei cinque ristori (al km 17) cominciamo a chiederci, Laila e io che ci troviamo spesso insieme, se non dovremmo recuperare qualcosa per stare nei tempi (però di fronte a certi monumenti nel bosco, come una badia in rovina sulla cima di una salita maledetta, è obbligatorio fare una foto).
Mi rassereno un po’ al terzo ristoro (km 23, foto 15) abbracciando l’artista Adele Rasicci da Copparo, i cui occhi da Liz Taylor avevano illuminato tanti giri del campionato di Andora: se una come lei, che in fondo arriva sempre, se la prende comoda, significa che ha garanzie. Lo scampato pericolo si materializza però solo al fatidico cancello di Petreto (bellissimo villaggio in una vallata) dove lo scanner, manovrato da un compuntissimo bambino, sentenzia che passo in 6.59:29, dunque ben 31… secondi prima dello scadere. (Non so ancora che i tempi-limite sono stati prorogati). Dunque mi fermo un po’ più del solito al ristoro subito dopo: fornito, come tutti i precedenti, di tè caldo, acqua, sali, cola, gel energetici, crostate e formaggio parmigiano, che proprio non posso rifiutare sebbene poi mi darà sete e voglia di birra.
Ancor più sereno mi sento poco fuori del paese, quando a un guado e successiva risalita della sponda raggiungo una signora dall’accento inconfondibile: è la siora Nadaìna in compagnia del suo “angelo custode”. Finalmente possiamo litigare in santa pace (come Natalina ha raccontato nel suo pezzo già online) http://podisti.net/index.php/in-evidenza/item/6880-ronda-45-km-primissime-impressioni.html, peccato che delle tante facezie intercorse possa raccontare solo questa, della prospettiva sua di sbarcare alla stazione di Padova solo dopo il coprifuoco, e dunque di essere multata: “ma io non pago, perché il DL che ha imposto le sanzioni non è stato convertito, dunque è scaduto, e i DPCM sono incostituzionali e valgono come la carta straccia”. (Questa la riporto in quanto la faccio mia; le altre sulle multe pendenti e gli alimenti da pagare e le ispezioni della Finanza ecc., purtroppo devo tenerle per me).

Natalina ha ragione anche quando dico: “bè, da qui al traguardo non ci saranno quasi più salite”. Mi guarda compassionevole… infatti il mio Gps, che ha appena smesso di funzionare, segna “solo” 1400 metri saliti, ce ne mancano altri 1100! E anche sui km percorsi, la mancanza di supporto tecnologico ci induce a calcoli arbitrari: dopo un giro un po’ vizioso causa bandelle nel greto dell’ennesimo torrente, due segnalatori mi dicono che mancheranno 5 km. “Noi ci allegrammo, e tosto tornò in pianto”, quando dopo un paio di km un vigile del fuoco, cui rivolgo la domanda rituale, risponderà: “calcola di essere adesso al km 40”. E infine, al quinto ristoro e controllo (dove, sebbene la ristoratrice stia dentro e noi fuori dell’edificio, siamo comunque obbligati a indossare la mascherina), l’addetto mi dice: “QUI siamo al 40, e hai ancora 200 m verticali di salita”, facendomi constatare che insomma, a tenore di chip, ho percorso gli ultimi 7 km in 1h58!

Questo almeno è un dato ufficiale, e mentre imbrunisce ci ributtiamo nella smalta e nel pacciugo (riconoscendoli solo dallo s-ciaf delle scarpe o dal brivido dell’acqua nei piedi), almeno con la sicurezza di quanto ci manchi. Nella sospirata discesa, quasi al buio, ci illuminano i passaggi degli eroi della 70 km (90 arrivati su 110 partiti), dotati obbligatoriamente di frontalino. Per fortuna, in un momento di solitudine (interrotta solo dai trilli del cellulare) vedo le bandelle che ci inoltrano per un prato a sinistra (sennò arrivavo … in centro di Castiglione): manca un paio di km, là in fondo ci sono le luci, e alla fine si arriva.

4. La grande concittadina Ermanna Boilini (foto 6), reduce da infiniti ultra-super-trail sulle Alpi, è arrivata da un’ora coi compagni di squadra Marco Centonze e Manuela Dallavalle, e per fortuna il suo Graziano ci lascia le foto ‘itineranti’ che ora abbelliscono il nostro magazine (https://foto.podisti.net/p739775417; Graziano è a cena nella foto 40); ancor prima è arrivato Maurito Malavasi, figlio d’arte (ma il padre Paolino non osa mettersi in gioco, adesso che potrebbe precedermi nella classifica di categoria). Ma da tre ore è in classifica Tommaso De Mottoni, patron della Bora di Trieste, insomma non un “armiamoci e partite”. Dopo la consegna del ristoro e di un artistico boccale a tema, riprendo la borsa e raggiungo le docce (novità rispetto al ‘trattamento’ dell’era-Covid), in un ampio tendone dove il distanziamento è assicurato; e anche le docce sono in tre settori diversi, dove non andiamo mai in più d’uno per volta (a dirla tutta, non c’è nemmeno una grande spinta a mettersi sotto un getto freddo: foto 23). Nel frattempo giungono le ultime compagne di questa faticosa ed emozionante avventura: Alessio “angelo custode” e Natalina sono già arrivati, ma il cronometro spietato li separa a seconda degli orari di partenza, mettendomi davanti Alessio, e Natalina dietro; è infine la volta di Adele a 9 minuti e di Laila a 13, mentre quelli del trail estremo continueranno fino alle 19, e qualcuno alla fine desisterà. La riconoscenza per questi ‘toscanacci’ del clan Ronda Ghibellina è tuttavia unanime.

https://www.podisti.net/index.php/in-evidenza/item/6874-castiglion-fiorentino-ar-ronda-ghibellina-ronda-assassina-plus.html


5. Non resta che rimettersi in viaggio, tenendo di scorta i papiri delle autorizzazioni e delle autocertificazioni. Internet fa circolare la notizia che il nuovo presidente Fidal è Stefano Mei, l’unico che nel suo programma aveva mostrato rispetto per i podisti: e dopo anni o decenni di generali o colonnelli, è ora che qualcosa cambi.
Ripassiamo da Arezzo e il pensiero torna al “fanfaniano” Ettore Bernabei, creatore di una tv che agli italiani ha insegnato a leggere e a ragionare, facendo cultura con Bongiorno e Tortora, col maestro Manzi e le commedie del venerdì, con gli sceneggiati televisivi di Sandro Bolchi e i Caroselli di Enrico Viarisio (“ullallà, è una cuccagna!”), Tognazzi e Vianello.
Arrivato a casa, accendo la tv: Fazio sta facendo la sua ennesima, diciamo così, promozione, stavolta in favore di Panariello: peccato che il lockdown impedisca la presenza dei cosiddetti “figuranti”, che ad ogni raschio in gola o risolino col singhiozzino di Fazio facevano partire l’applauso o la risata. Non c’è più niente da ridere. Da 21 anni giace al cimitero Flaminio nonno Amintore, autore dell’art. 1 della Costituzione, ispiratore di John Kennedy, attuatore della nazionalizzazione dell'energia elettrica e, tramite l’Eni del suo Enrico Mattei, di una relativa indipendenza energetica dell’Italia; padre dell'obbligo scolastico fino ai 14 anni, della scuola media unica (con i libri di testo gratuiti per chi non poteva permetterseli), colui che aumentò le pensioni del 30%, fece costruire trecentomila alloggi in un’Italia a pezzi per la guerra e, ripeto, eresse la Rai a “servizio pubblico”.
Pensate a chi c’è oggi, in Rai e in politica, e Arezzo vi sembrerà ancor più una grande madre rimpianta della nostra patria vilipesa.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Informazioni aggiuntive

Pubblicato in Cronache
Etichettato sotto
Lunedì, 01 Febbraio 2021 12:20

Ronda 45 km – Primissime impressioni

31 gennaio - Sono arrivata. Dieci ore tonde. Non so se verrò classificata perché il tempo massimo era di nove ore e trenta, ma non importa.

[NB: classificata 277^ in 10.02:58. Gli organizzatori hanno dimostrato il buon gusto e l’intelligenza di allargare il tempo massimo, sebbene siano stati costretti ad assistere al ritiro, o alla chiusura dei cancelli purtuttavia allargati, di oltre 30 partecipanti alla 45 km].

Ho atteso fino alla scorsa settimana per iscrivermi a questa gara. Partecipai nel 2012, e i nove anni trascorsi si sono fatti sentire.
Questi organizzatori sono stati veramente "eroici". Quattro distanze, dai 70 ai 15 km. Io mi sono iscritta ai 45 km e, a gara finita, sono contenta della decisione che ho preso. Stamattina, ore 8, sono partita. Dopo il primo “giro d'onore” di Castiglione (in cima  a una collina), è iniziata quella che sarebbe stata la prima di innumerevoli salite (almeno dieci principali, con un’altitudine massima di 750 metri esattamente a metà).
Fango, fango e ancora fango. Piove a tratti, quindi è un continuo mettere e togliere la giacca impermeabile. Proseguo arrancando e scivolando con i bastoncini, e dopo due ore arrivo al primo ristoro (km 9,1).
I ristori sono stati gestiti in modo perfekt. C'era di tutto e di più. Ciò che più però mi è piaciuto, è stata la gentilezza e la dolce parlata dei volontari. Non voglio offendere i veneti (io sono padovana), ma quando parlano i toscani mi sembra di ascoltare musica.
E dopo il primo ristoro ho conosciuto un angelo custode. Non sto scherzando, ho conosciuto Alessio, un romano che mi ha supportata e sopportata, fino alla fine. Tutto quel fango e quelle continue salite spaccagambe mi hanno provocato crampi paurosi. Alessio, alias angelo custode, mi ha aiutata, mi ha aspettata, mi ha letteralmente salvata. Ogni tanto spuntava il sole a riscaldare le mie povere e vecchie ossa.
Al 33mo km mi ha raggiunto l'Egregio prof. Marri e per alcuni chilometri ho potuto, finalmente, discutere animatamente. Le ore passavano ma non facevo strada. Abbandonata l'idea di finirla nel tempo che inizialmente credevo ‘regolare’, sono stata felicissima di averla finita in dieci ore. All'arrivo, cestino con ristoro e il bellissimo boccale “Ghibellino”.

Non voglio apparire stucchevole, ma soltanto ringraziare questa stupenda organizzazione per il coraggio dimostrato. Grazie davvero.

 

NdR. È la prima relazione dalla Ronda, che la ben nota signora Natalina ci ha mandato dal treno per Padova, già alle 21,30 senza conoscere le classifiche. Peccato che non mi abbia dato il permesso di raccontare le cose che ci siamo dette durante l’oretta passata insieme, da quel guado dove l’ho ‘tamponata’ riconoscendone subito la voce che mi ha ammonito preventivamente (“se ti metti a imitare la mia parlata ti do un calcio nelle **”) fino a quella discesa ripida nel bosco dove mi sono fermato con la voglia di una birra (lei ha proseguito, perché “astemia”) e la necessità di caricare il cellulare ormai spento. Peccato, perché forse il suo “angelo custode” sarebbe servito anche a me, un km sotto, quando mi sono ingarbugliato tra bandelle che mi hanno spedito dentro il greto di un torrente, trovando solo dopo qualche giravolta e 400 metri di stradina non segnata due addetti, che con parlantina toscana stavolta non molto cortese mi hanno detto di dire queste cose agli organizzatori, non a loro che si stavano rompendo le stesse ** citate da Natalina, in mancanza delle frecce che sarebbero servite (ma è stata l’unica falla di una segnalazione altrimenti perfetta). [F.M.]

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Informazioni aggiuntive

Pubblicato in Cronache
Domenica, 31 Gennaio 2021 14:32

Castiglion Fiorentino (AR) - Ronda Ghibellina

31.01.2021 - Tutti gli occhi del movimento podistico nazionale sono oggi puntati sull'unica gara in programma, la Ronda Ghibellina, onore agli organizzatori di Castiglion Fiorentino (AR) per questa esclusiva. La gara è stata autorizzata dalla Prefettura solo nell'ultima settimana.
“Una Ronda Primitiva”, come l’ha definita il patron Renato Menci, una Ronda depurata da tutti i momenti conviviali proprio per evitare assembramenti e quindi limitare il più possibile il contatto tra i partecipanti.
Dopo che ieri si è corsa la "Ronda Sky Night" a cui abbiamo dedicato un pezzo ad hoc QUI, si sono corse oggi le gare clou della manifestazione.
Alle 06:00 è partita la "Ronda Ghibellina PLUS" sulla distanza dei 70 km, D+ 3800m dove, alle 19.00 sul traguardo erano giunti, dopo 13 ore di gara, 82 atleti sui circa 110 partiti. Alla fine gli arrivati sono 90.
A vincere è stato lo svedese Carl Johan Sorman in 6:42:55, alle sue spalle l'italiano Riccardo Montani (SPORT PROJECT VCO) in 6:51:59, terza piazza per Nicola Poggi (Sisport SSD) in 7:47:26. 
In campo femminile vittoria per Caterina Corti (TRM Team) in 9:50:21, al secondo posto è giunta Lisa Borzani (Bergamo Stars) in 10:16:03, terza Letizia Ambrosini (CSI) in 10:38:51.



Alle 08:00 (nella foto di Fabio Marri) è partita la classica "Ronda Ghibellina" sulla distanza dei 45 km, D+ 2500m,  i classificati finali sono 279, con parecchie decine di non classificati perché ritirati o fermati al cancello del km 33.
A vincere tra gli uomini è stato Matteo Andriola (Unione Sportiva Aldo Moro) in 4:32:20, seconda piazza per Roberto Gheduzzi (CSI Sasso Marconi BO) in 4:32:39 quindi battuto per soli 19 secondi, terza piazza per Luca Carrara (Altitude Race) in 4:36:08.
Tra le donne vittoria per la veronese Camilla Spagnol (ASD Verona Trail) in 5:16:19, seconda Giulia Torresi (100% Anima Trail) in 5:46:33, terza Monica Francesca D'Urso (TRM Team) in 5:56:38.

Alle 09:00 è partita la manifestazione più partecipata, si tratta della "Ronda Assassina" sulla distanza dei 25 km, D+ 1200m: alle 15.28 ha tagliato il traguardo l'ultimo dei 356 atleti classificati.
A vincere tra gli uomini è stato Mario Maresca (CSI) in 2:11:53 che la lasciato a quasi 4 minuti Manuel Moriconi (RUNCARD) in 2:15:13, terzo Michele Faizanè Meridio (Runners Team) in 2:15:51.
Tra le donne, vittoria per Pina Deiana (A.s.p.a. BASTIA) in 2:50:08, al secondo posto è giunta Jessica Perna (ASD Marciatori) in 3:04:56, terza Martina Gioco (CSI) in 3:06:01.

Martina Gioco ha anche vinto la combinata "Ronda Sky Night" e "Ronda Assassina" battendo anche gli uomini: la sua somma di tempi è stata di 5:03:58, dietro di lei Giacomo Leonelli (Asd Piombino Avis) in 5:06:09 e Stefano Marcello Burlon (Alpago Tornado Run) in 5:08:09.

In gara nella Ronda Ghibellina di 45 chilometri anche il Direttore di Podisti.Net Fabio Marri che ha chiuso la propria fatica in 9:58. 

https://www.podisti.net/index.php/in-evidenza/item/6882-ronda-ghibellina-sei-bella-e-unica.html

 

 





Ordini d'arrivo primi classificati

Ronda Ghibellina PLUS (70 Km D+ 3800m) - Ordine d'arrivo maschile
1 4 SÖRMAN CARL JOHAN CSI SWE 6:42:55
2 1 MONTANI RICCARDO SPORT PROJECT VCO ITA 6:51:59 +9:04
3 5 POGGI NICOLA SISPORT SSD A R.L. ITA 7:47:26 +1:04:31
4 3 GIOSI DOMENICO CSI ITA 7:49:01 +1:06:06
5 13 TUCCI ALEX ASD MOUNTAIN LAB ITA 8:03:37 +1:20:42
6 12 GASPARI PATRIC CITTADELLA 1592 PARMA ITA 8:06:41 +1:23:46
7 11 NOVARO MATTIA U.S. MAURINA OLIO CARLI ITA 8:19:37 +1:36:42
8 19 PEDRETTI SERGIO ATLETICA MARATHON ITA 8:41:51 +1:58:56
9 14 COLOMBO ALBERTO SPORT PROJECT VCO ITA 8:42:45 +1:59:50
10 107 KABETAJ VLADIMIR BANDA DEI MALANDRINI A.S. ITA 8:55:19 +2:12:24
11 22 FRISONI EMANUELE A.S.D. VERONA TRAIL ITA 8:58:12 +2:15:17
12 108 BIANCHINI FRANCESCO RONDA GHIBELLINA TEAM ITA 8:59:33 +2:16:38
13 17 MAGGI MARCO TEAM MUD & SNOW ASD ITA 9:08:05 +2:25:10
14 23 CARRELLI THOMAS CSI ITA 9:13:13 +2:30:18
15 65 DERIU PIETRO MARGIANI TEAM ITA 9:13:24 +2:30:29
16 101 NEGRO MATTIA RUN CARD ITA 9:13:43 +2:30:48
17 75 DOMENICONI ANDREA RUN CARD ITA 9:24:24 +2:41:29

Ronda Ghibellina PLUS (70 km D+ 3800m) - Ordine d'arrivo femminile
1 110 CORTI CATERINA TRM TEAM ITA 9:50:21
2 10 BORZANI LISA BERGAMO STARS ATLETICA ITA 10:16:03 +25:43
3 15 AMBROSINI LETIZIA CSI ITA 10:38:51 +48:30
4 92 DE ROSA SILVIA TRAIL RUNNING PROJECT ASD ITA 10:52:26 +1:02:05
5 79 NICHETTI GIORGIA CSI ITA 11:01:20 +1:10:59

Ronda Ghibellina (45 km D+ 2500m) - Ordine d'arrivo maschile
1 213 ANDRIOLA MATTEO UNIONE SPORTIVA ALDO ITA 4:32:20
2 201 GHEDUZZI ROBERTO CSI SASSO MARCONI ITA 4:32:39 +19
3 208 CARRARA LUCA ALTITUDE RACE ITA 4:36:08 +3:48
4 202 ANSELMI MATTEO ATLETICA ISOLA D'ELBA ITA 4:38:52 +6:32
5 203 FORCONI GIACOMO TRAIL RUNNING PROJECT ASD ITA 4:39:35 +7:16
6 500 D'ANDREA MAURIZIO ASD MOUNTAIN LAB ITA 4:44:26 +12:07
7 431 NERUCCI DAVIDE ASD SURVIVAL TRAIL ITA 4:45:39 +13:19
8 224 FIACCHI PAOLO ASD ZENA RUNNERS ITA 4:49:11 +16:51
9 410 BARTOLINI PATRIZIO TRAIL RUNNING PROJECT ASD ITA 4:54:56 +22:36
10 217 BREDA GIUSEPPE MATTEO ATL. GAVIRATE ITA 4:54:59 +22:39
11 219 CARLONI FILIPPO PROSPORT ATL. FIRENZE ITA 4:56:39 +24:19
12 476 DI PIETRO GIACOMO MONTECALVI TRIAL ITA 4:59:18 +26:58
13 223 NARDELLO EMANUELE SKYRUNNERS LE VIGNE ITA 5:00:22 +28:03
14 215 GRONDONA SIMONE TEAM CASA DELLA SALUTE ITA 5:02:09 +29:50
15 390 VERNOCCHI ALESSANDRO S.P. SEVEN ITA 5:06:01 +33:42
16 207 GENTILE GIUSEPPE CSI ITA 5:08:45 +36:25
17 209 NALDI LORENZO TRAIL RUNNING PROJECT ASD ITA 5:12:46 +40:26
18 403 GIULIOLI GIULIO ASD SPACE RUNNING ITA 5:13:41 +41:22
19 465 FRAPPI NICOLA PODISTICA IL CAMPINO ITA 5:13:59 +41:39
20 514 BARONI FRANCESCO CSI ITA 5:14:18 +41:58

Ronda Ghibellina (45 km D+ 2500m) - Ordine d'arrivo femminile
1 205 SPAGNOL CAMILLA A.S.D. VERONA TRAIL ITA 5:16:48
2 204 TORRESI GIULIA 100 % ANIMA TRAIL ASD ITA 5:46:33 +29:46
3 212 D'URSO MONICA FRANCESCA 3 TRM TEAM ITA 5:56:38 +39:51
4 443 DOKO MARTA G.S. LAMONE ITA 6:09:26 +52:39
5 216 DELLA ZONCA GIULIA UNIONE SPORTIVA ALDO ITA 6:11:55 +55:08
6 218 LO CANE SIMONA 100 % ANIMA TRAIL ASD ITA 6:13:37 +56:50
7 330 PIASTRA LORENA TX FITNESS S.S.D. ARL ITA 6:23:08 +1:06:20
8 221 PETRENI GIULIA IL PONTE SCANDICCI ASD ITA 6:30:49 +1:14:02
9 228 DAL RIO FRANCESCA LEOPODISTICA ITA 6:33:04 +1:16:17
10 226 POPA OANA ALINA RIMINI MARATHON ITA 6:50:08 +1:33:21
11 335 POGGESI FARIDA FIRENZE SOCIAL RUNNER A.S. ITA 7:05:18 +1:48:31
12 477 FITTI ANNALISA ASD PODISTICA SAN SALVO ITA 7:15:57 +1:59:10
13 251 TERZONI LAURA CSI ITA 7:19:15 +2:02:28
14 278 ROMA GERALDINE LILLY UTLO EVENTS ITA 7:20:06 +2:03:18
15 489 FABBRI GAIA ASD GS AVIS PRATOVECCHIO ITA 7:35:39 +2:18:52


Ronda Assassina (25 km D+ 1200m) - Ordine d'arrivo maschile
1 794 MARESCA MARIO CSI ITA 2:11:53
2 754 MORICONI MANUEL RUN CARD ITA 2:15:13 +3:20
3 602 MERIDIO MICHELE FAIZANE' RUNNERS TEAM ITA 2:15:51 +3:58
4 997 NULLI GIULIO CSI ITA 2:27:13 +15:20
5 998 GEMMA FEDERICO ATLETICA WINNER FOLIGNO ITA 2:32:16 +20:23
6 706 PELIZZA MATTEO CSI ITA 2:34:05 +22:12
7 642 FOGGIATO FRANCESCO CSI ITA 2:34:12 +22:19
8 604 QUERCIOLI EMANUELE POL. R. MURRI ELLERA ITA 2:35:50 +23:57
9 945 TESEI MORENO MOLON LABE ASD ITA 2:36:21 +24:28
10 683 TORRINI FRANCESCO POL. R. MURRI ELLERA ITA 2:36:45 +24:52
11 733 LEONI SIMONE CORRI FORREST ITA 2:39:49 +27:56
12 651 PISCITELLI MICHELE CSI ITA 2:40:48 +28:55
13 975 CAPPELLO ALBERTO G.P. PARCO ALPI APUANE ITA 2:42:56 +31:03
14 612 MANTOVANI DANIELE RUN CARD ITA 2:43:27 +31:34
15 974 SANTARELLI MATTIA RUN CARD ITA 2:43:36 +31:43
16 996 BIANCHI SIMONE CSI ITA 2:43:57 +32:04
17 993 MARESCA ANDREA ASD SORRENTO RUNNERS ITA 2:44:06 +32:13
18 610 ESPOSITO MIRKO CSI ITA 2:44:23 +32:30
19 608 COLLURA WILLIAM CORRI FORREST ITA 2:44:38 +32:45
20 867 BIANCHI LEONARDO UISP COMITATO TERR.LE ITA 2:48:09 +36:16

Ronda Assassina (25 km D+ 1200m) - Ordine d'arrivo femminile
1 601 DEIANA PINA A.S.P.A. BASTIA ITA 2:50:08
2 876 PERNA JESSICA A.S.D. MARCIATORI ITA 3:04:56 +14:49
3 605 GIOCO MARTINA CSI ITA 3:06:01 +15:53
4 826 TEACA GALINA ATL. VIADANA ITA 3:06:50 +16:42
5 886 GIANNINI PATRIZIA ASD ATH LAB AMELIA ITA 3:07:47 +17:39
6 961 SALVATORE CLAUDIA ASD RUNNER TRAINER ITA 3:17:43 +27:36
7 910 CALDANI FRANCESCA LBM SPORT TEAM ITA 3:22:23 +32:15
8 614 GAFFI SILVIA ASD RUNNER TRAINER ITA 3:28:59 +38:51
9 719 PALENGA CHIARA S.S. LAZIO ATLETICA LEGGERA ITA 3:32:50 +42:43
10 753 GELONESE GIADA RUN CARD ITA 3:33:15 +43:07
11 662 TOGNINI SARA ASD LA GALLA PONTEDERA ITA 3:35:39 +45:31
12 946 BRUNELLI BARBARA RONDA GHIBELLINA TEAM ITA 3:39:14 +49:07
13 607 SPARVIERO CHIARA TRM TEAM ITA 3:42:24 +52:16
14 879 ABATE CHIARA CSI ITA 3:44:45 +54:38
15 890 HRISTACHE MELANIA ASD CANAPINO ROM 3:48:58 +58:50
16 682 ZALLU ELISA POL. RINASCITA ITA 3:51:21 +1:01:14
17 936 GIULIATTINI BURBUI MARGHERITA 17 RUN CARD ITA 3:53:02 +1:02:55
18 746 GRIMAUDO ALICE CSI ITA 3:54:32 +1:04:25
19 787 TARTARI ANNA NUOVA PODISTICA LORETO ITA 3:55:27 +1:05:20
20 892 CRISTIANINI FLAVIA ASD LUCCA MARATHON ITA 3:55:56 +1:05:49

Classifiche generali parziali (PDF)

Ronda Ghibellina Plus 7 - QUI

Ronda Ghibellina 45 - QUI
Ronda Assassina 25 - QUI
Ronda Sky Night 15 - QUI 


 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Informazioni aggiuntive

  • Fonte Classifica Endu
Pubblicato in Cronache
Etichettato sotto
Domenica, 31 Gennaio 2021 09:19

Castiglion Fiorentino (AR) - Ronda Sky Night

30.01.2021 - Ordini d'arrivo della prima manifestazione svoltasi nel programma gare della Ronda Ghibellina.  
La gara è partita alle 18 con gli atleti impegnati sul percorso di 15 km con un dislivello D+ 1050m., alla fine i classificati sono stati 130.
A vincere in campo maschile e stato Matteo Rossi (Atl. Gran Sasso) in 1:35:52, alle sue spalle è giunto Marco Mengozzi (Corri Forrest) in 1:39:29, terzo Rigers Kadija (CSI) in 1:40:42.
In campo femminile vittoria per Martina Gioco (CSI) in 1:57:58, seconda Maria Elisabetta Lastri (ASD Siena Runners) 2:03:02, terza Rigerta Kadija (CSI) in 2:11:02.

PROGRAMMA di domenica 31/01/2021

  • Dalle ore 05:00 ritrovo atleti della RONDA GHIBELLINA PLUS
  • Alle ore 06:00 - START - atleti partecipanti alla RONDA GHIBELLINA PLUS 70 chilometri
  • Dalle ore 06:00 alle ore 07:00 consegna pettorali
  • Dalle ore 07:15 - inizio punzonatura atleti.
  • Alle ore 08:00 - START - atleti partecipanti alla RONDA GHIBELLINA 45 chilometri
  • Alle ore 09:00 - START - atleti partecipanti alla RONDA ASSASSINA 25 chilometri
  • Attorno alle ore 11:30 - inizio arrivo primi atleti
  • Dalle ore 12:00 - inizio cerimonia di premiazione della gara breve
  • Dalle ore 14:30 - inizio cerimonia di premiazione delle gare lunghe
  • Alle ore 19:30 - fine tempo massimo e conclusione gara


CLASSIFICHE

Ronda Ghibellina Night - Ordine d'arrivo maschile

1 1100 ROSSI MATTEO ASD ATLETICA GRAN SASSO ITA 1:35:52
2 1003 MENGOZZI MARCO CORRI FORREST ITA 1:39:29 +3:37
3 1158 KADIJA RIGERS CSI ITA 1:40:42 +4:50
4 1072 RONDONI EMANUELE PIETRALUNGA RUNNERS A.S. ITA 1:43:26 +7:34
5 1002 ROSI LUCA A.S.D. LA CHIANINA ITA 1:45:44 +9:52
6 1124 FEDI GIUSEPPE ASD SPORT EVENTS CORTONA ITA 1:47:31 +11:39
7 1090 BRONCHINETTI LORENZO MOLON LABE ASD ITA 1:48:41 +12:49
8 1143 TREVE MATTIA GS LE PANCHE ITA 1:48:45 +12:53
9 1150 DONNINI EDIMARO PODISTICA IL CAMPINO ITA 1:50:30 +14:38
10 1062 ORLANDI MARCO GUBBIO RUNNERS ITA 1:51:54 +16:02
11 1098 BALDONCINI SERGIO GRIFO RUNNERS PERUGIA ITA 1:52:19 +16:27
12 1024 ILLARI LUIGI CORRI FORREST ITA 1:52:29 +16:37
13 1119 CATELLANI MIRCO ATL. VIADANA ITA 1:52:41 +16:49
14 1041 SENSINI FABIO CSI ITA 1:53:16 +17:24
15 1032 VALBONESI SANDRO CORRI FORREST ITA 1:56:02 +20:10
16 1085 ANSANO FABIO ''LA CHIANINA'' ITA 1:56:42 +20:50
17 1006 GIOCO MARTINA CSI ITA 1:57:58 +22:06
18 1058 ALLORI JACOPO CSI ITA 1:59:19 +23:27
19 1096 SANDRONI DANIELE G.P. PARCO ALPI APUANE ITA 1:59:54 +24:02
20 1007 PETRIZZO FABIO RUN CARD ITA 2:00:30 +24:39

Ronda Ghibellina Night - Ordine d'arrivo femminile
1 1006 GIOCO MARTINA CSI ITA 1:57:58
2 1134 LASTRI MARIA ELISABETTA ASD SIENARUNNERS ITA 2:03:02 +5:05
3 1061 KADIJA RIGERTA CSI ITA 2:11:02 +13:04
4 1156 POZZATO CRISTINA RONDA GHIBELLINA TEAM ITA 2:11:32 +13:34
5 1028 NICHETTI GIORGIA CSI ITA 2:14:04 +16:06
6 1099 CORBANI FEDERICA A.S.D. TEAM KM SPORT ITA 2:27:28 +29:31
7 1029 POGGIANTI MIRIA TRAIL RUNNING PROJECT ASD ITA 2:29:05 +31:07
8 1097 CASADIO MONICA G.P.A. LUGHESINA ITA 2:36:10 +38:12
9 1079 MONTANARI VALERIA 9,92 RUNNING ASD ITA 2:39:49 +41:52
10 1043 CAMERA TEODOLINDA CSI ITA 2:40:57 +43:00
11 1023 GIARDI MARIA TERESA G.P.A. SAN MARINO SMR 2:41:51 +43:53
12 1095 BARBIERI SILVIA PASSO CAPPONI ASD ITA 2:45:31 +47:33
13 1113 BELLOMI LAURA RUN CARD ITA 2:46:29 +48:31
14 1120 MORELLI VALENTINA CSI ITA 2:46:29 +48:31
15 1057 MAGNI CECILIA CSI ITA 2:51:08 +53:10
16 1103 RAZZOLINI ILARIA PFIZER ITALIA RUNNING TEAM ITA 2:53:42 +55:45
17 1128 PARDI RAFFAELLA MOLON LABE ASD ITA 2:56:28 +58:31
18 1131 VANNI MONICA 101 RUNNING ASD ITA 2:59:13 +1:01:16
19 1135 BERTOLDO MARIANNA TORNADO ITA 3:01:59 +1:04:02
20 1140 MARINI LAURA CSI ITA 3:05:07 +1:07:09



 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Informazioni aggiuntive

Pubblicato in Cronache
Etichettato sotto

Prossime gare in calendario

CLICCA QUI per consultare il calendario completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina